BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

La matematica: quanti di voi l'hanno sempre odiata?

Tutti noi almeno una volta nella vita hanno avuto un'esperienza disastrosa con la matematica, io mi metto in prima fila per questo. Oltre l'esperienza negativa alcuni sviluppano un vero e proprio odio che si tramuta in rifiuto verso questa disciplina complessa, e sappiate che viene chiamata "matofobia".


Ma quanto nella vita reale vi siete resi conto che la matematica combattesse al vostro fianco? La matematica è ovunque, magari non nelle sue forme più complesse, ma in un certo senso è davvero ovunque.


Quanti di voi hanno odiato, odiano e odieranno la matematica?

 17/04/2014 07:36:48 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
17 commenti
Steno

Steno9823

Libero professionista

Ciao @BettyDraper, La matematica è una di quelle "cose" che ami o odi, il mio rapporto con la matematica è sempre stato un rapporto d'amore, di fascino, in qualunque cosa ho sempre visto i numeri, la logica, e non posso che confermare il fatto che la matematica esiste nel quotidiano di ogni uomo, devi averla nel sangue, nel DNA, (mio padre, io, mia figlia) è un dono di natura come l'arte, o ce l'hai o non l'avrai mai.


 17/04/2014 08:03:10
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

Come darti torto @Steno? Sicuramente avrai avuto qualcuno alle spalle capace di farti amare questa bellissima disciplina, che a mio avviso è una delle principali chiavi di lettura della realtà in cui siamo immersi. L'ho sempre vista un po' come una materia maschile, di solito a quelle umanistiche viene dato per scontato le donnine siano più interessate e viceversa per le scienze in generale, molto più schematiche e immediate, ma ultimamente mi sembra di capire il contrario data la diffusione con cui i maschi si dirigono nella scelta di facoltà umanistiche e le donne, invece, nella scelta di facoltà scientifiche. 

 17/04/2014 16:10:09
SilviaSD

SilviaSD25191

PERSONA

Pare che il numero degli avversi alla matematica sia destinato a diminuire! :-)...nelle scuole primarie, oggi, viene insegnato un nuovo modo di entrare nel mondo matematico, un approccio che tende a scansare la parte noiosa della materia, tipo calcolo con dita..., ma tende a potenziare il pensiero matematico e le singole abilità ...anche il linguaggio é stato modificato: non più "problemi" (un problema...connotazione negativa) ma un più avvincente e stimolante "indovinello"...chi ben comincia é già a metà dell'opera...o no? :-)

 17/04/2014 16:47:22
Steno

Steno9823

Libero professionista

BettyDraper, allora mi ritrovo con una figlia che è un maschiaccio ;-) Scherzi a parte come già detto rimango fermanente convinto che è DNA.

 17/04/2014 21:23:32
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

No @Steno assolutamente avrai una figlia molto molto razionale, che ad oggi per un genitore non è una cosa negativa ;)
 18/04/2014 08:38:03
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

@SilviaSD sembra essere interessante, parecchi hanno messo in evidenza il metodo odioso di apprendimento della matematica come causa principale del loro rifiuto verso questa materia, direi che edulcorare non è assolutamente una cattiva idea 
 18/04/2014 08:42:21
SilviaSD

SilviaSD25191

PERSONA

BettyDraper, il presupposto è che siamo tutti portati per la matematica (restiamo per ora nel panorama del livello scolastico classi della primaria). Ecco, in breve, il nuovo approccio... ;)
 18/04/2014 17:23:07
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

Grazie @SilviaSD darò uno sguardo a ciò che mi hai consigliato, grazie! ;)
 22/04/2014 06:13:56
lordmax

lordmax40406

T&P; DBA, Tech coach per scrittori, game designer

Non è mai l'odio per la matematica ma per chi la insegna.

L'incompetenza più totale dei docenti di matematica nell'insegnare la loro materia è quasi incredibile.


Pensare che persone preparate e probabilmente affascinate da un argomento così importante per la nostra vita quotidiana non siano minimamente in grado di spiegare cosa essa sia è terribile.


 17/04/2014 09:30:05
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

Hai ragione @lordmax penso proprio sia una questione oltre che di materia anche di insegnamento, e vale non solo per la matematica ma anche per altre materie. Io personalmente odiavo il mio professore di latino per il suo approccio troppo all'antica e vecchio stampo senza possibilità di arricchimenti esterni, il che per alcuni versi può essere anche positivo (perché si apprende tanto), ma per altri versi è molto sterile come metodo d'insegnamento. 
 17/04/2014 15:59:52
CarmenC

CarmenC21708

Laureanda

A me piacciono i numeri, un po' meno alcuni aspetti della matematica. Sin dalle scuole elementari ho avuto una maestra, e poi dei professori, che mi hanno fatto amare la matematica e me ne hanno fatto cogliere l'aspetto positivo e versatile. Grazie a loro durante i miei studi universitari mi sono appassionata alla statistica e alla fisica, applicando la matematica un po' ovunque, anche negli ambiti in cui può sembrare impossibile ragionare in questi termini. Penso sempre che la matematica sia odiata da chi non ama interpretare la realtà con dei numeri e degli schemi predefiniti, lasciando alla creatività e all'ispirazione spazio per interpretare qualsiasi cosa. Amando la matematica però non posso dire di non avere comunque quel lato caratteriale più libero, colorato e terribilmente creativo, la matematica mi ha anche insegnato che non sempre la realtà o gli eventi seguono degli schemi predefiniti, è utile poter considerare più aspetti, talvolta prevedibili e altri no. 
 18/04/2014 06:25:18
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

Bella definizione @CarmenC ;)
 18/04/2014 08:48:48
Andrea_

Andrea_17457

area manager

mai odiata, anzi e' sempre stata una delel mie materie preferite anche se all'univerisita' mi sono dovuto fare un mazzo per riuscire a capire in un anno tutto quanto non fatto al liceo.

Purtroppo al classico alla matematica si dedicavano  poche ore settimanali e si arrivava giusto alle equazioni di secondo grado

 18/04/2014 08:30:27
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

Mi rendo conto @Andrea_ a volte ci appassioniamo ad alcune discipline troppo tardi, o forse in tempo con il raggiungimento della maturità, così può capitare di aver scelto il classico con un'idea e di averlo dovuto rimpiangere al momento dello studio della matematica :)
 18/04/2014 08:48:34
Andrea_

Andrea_17457

area manager

il classico e' stato molto utile e pensavo che mi sarebbe stato molto piu' utile nella facolta' in cui sin da piccolo avrei voluto iscrivermi, medicina.

Il problema e' sorto quando mi sono reso conto che la medicina non faceva piu' per me e cambiai facolta' iscrivendomi in economia, in cui anche gli studi classici hanno dato un contributo ma con una lacuna che ho dovuto superare e forntunatamente ho superato entrambi gli esami di matematica, generale e finanziaria , a pieni voti

 18/04/2014 09:06:55
La matematica dovrebbe essere la più importante delle materie da studiare , è la base per la comprensione del mondo in cui viviamo. Purtroppo in italia , in particolare , non ha mai avuto questa importanza , viene insegnata poco e molto male , spesso da insegnanti non qualificati. Quando un insegnante è qualificato per insegnare matematica? quando riesce a trasmettere la grandezza della materia e ne ha conoscenza profonda ed entusiasmo contagioso , cioè deve almeno essere un matematico od un fisico , da noi la matematica viene insegnata da cani e porci , e diventa quindi un oggetto strano non conosciuto e da lasciar perdere. Se non ti entra nel sangue da piccolo sei tagliato fuori , è una costruzione è una forma mentis è una cosa di cui innamorarsi , è la più creativa fra tutte le discipline , perché la maltrattiamo così tanto?
 18/04/2014 09:28:40
BettyDraper

BettyDraper13939

Supplente

Appoggio ogni parola che hai detto @bacchiega, hai proprio ragione, talvolta la matematica viene maltrattata e non è colpa di chi non la comprende, ma è solo la conseguenza di un insegnamento inadeguato. Forse la soluzione a tutto questo potrebbe essere fare una formazione differente in base agli insegnamenti, cosa che attualmente non viene fatta. 
 22/04/2014 06:16:13

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader