pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

Non può essere, hanno la loro moneta.

Ma poiche' non la vuole nessuno, sono costretti a fare debiti in dollari, legandosi sempre piu' al carro dello sfascio. Ricordiamoci che in Italia ci sono persone che pensano che mettersi a fare debiti e stampare soldi incuranti  dell'inflazione, invece di attuare le riforme necessarie, sarebbe buona cosa.

 26/12/2019 12:44:45
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
41 commenti

Non è solo virtuale il default. 

Ho conoscenze, testimonianze fresche del luogo. 

Gente, popolino, considerato dai più benestante, ha fatto togliere la piscina od il maneggio che avevano nella loro proprietà per metterci orto : pomodori, fagioli, ecc...

I conti non tornano più, stanno tornando ad una economia da Italia del primo dopoguerra. 


E mi sa che il fatto che abbiano una loro moneta, indipendenza, libertà decisionale, c'entri gran poco con il aver ottenuto simili risultati. 


Concordo : l'ipotetico fatto "Coniamo una nostra moneta", non implica il "Poi ogni problema è risolto". 

 26/12/2019 14:32:54
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

Sanguanel, qui siamo al punto del "facciamo la moneta per indebitarsi di piu'", come quello che va alla finanziaria per il piano di consolidamento del debito e poi continua a spendere come prima.


Conosco anche io un po' di persone in Argentina e Uruguay, e mi dicono che la situazione non e' come nel 2001 per ora, ma che non capiscono come mai la gente ci ricada sempre con il peronismo. Al che ricordo che in Italia e' la stessa cosa.

 26/12/2019 14:42:30

Sanguanel, eppure mancherebbe così poco per rendere il quadro più chiaro ... 

non è possedere una moneta a rendere un paese ricco o meno ...ma la capacità dei suoi cittadini di creare prodotti di qualità ,che siano richiesti da altri stati ... 

la domanda di prodotti da stati esteri automaticamente fa apprezzare il valore della moneta ,e quindi con le giuste politiche interne si crea una ricchezza diffusa ,

la moneta non deve ne essere troppo debole ,perchè i cittadini possano vivere bene ,

ma neanche essere molto forte ,perché le aziende devono poter vendere i propri prodotti all'estero... e ovviamente i prodotti devono essere ricercati per creare la domanda .. .


l'argentina come prodotto base commercia il petrolio ,che ha un prezzo fisso ,

l'italia commercia una quantità infinita di prodotti di altissima qualità ,dal cibo ,alle macchine ,ai prodotti per la casa ,mobili ,quadri ,idee ... e inoltre il nostro stato è meta del turismo da tutto il mondo ...quindi avremmo tutte le carte in regola per gestirci una nostra moneta e far andare bene la società ...un pò come durante gli anni 60 ... quando avevamo la lira ,


 27/12/2019 11:59:07
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, e ridai: gli anni '60 erano 60 anni fa. E comunque il boom ci fu nei '50

 27/12/2019 16:39:43
in risposta a ↑

Tobias24, il quadro sarà chiaro, per te, beato te, ma ciò non rinnega la mia affermazione : l'ipotetico fatto "Coniamo una nostra moneta", non implica il "Poi ogni problema è risolto".

 27/12/2019 21:27:21
in risposta a ↑

Sanguanel, infatti la mia voleva completarla....se coni la moneta e poi produci e vendi ,tenendo la bilancia commerciale in positivo ,va bn...se importi troppo ed esporti poco...la tua moneta va a farsi benedire 

 27/12/2019 22:37:07
in risposta a ↑

pastrank, ...il bum degli anni 50 ...ha avuto strascichi di benessere fino agli anni 80....

 27/12/2019 22:37:57
in risposta a ↑

Tobias24, apprezzo il tono della tua replica. 

Tono tecnico, semplice, comprensibile ai più, divulgativo quel che basta. 

Ti invito a mantenerlo nel tempo, così magari di politica ci capiamo qualcosa anche noi, non espertissimi. 

 27/12/2019 22:42:32
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, certamente! Ritmi come allora non sarebbero adesso possibili (sono riservati ad alcuni stati africani o asiatici) ma puo' essere interessante capire come  e perche' si stia tornando indietro. La cosa principale e' che stiamo abbassando la nostra produttivita'. Quando non perseguiamo nuove tecnologie e non abbiamo prodotti in esclusiva non sostituibili, dovremo per forza cercare di aumentarla. 

Qui sopra (e' su Facebook, se qualcuno e' interessato e non e' iscritto posso passarlo) e' spiegato perche', svalutando o no, un prodotto viene sempre venduto meglio da chi fa aumentare la produttivita' rispetto agli altri. E noi siamo fermi da vent'anni.

Viene spiegato in modo chiaro e senza possibilita' di replica, sia il rapporto dell'Italia  con l'Europa, sia del nord Italia con il sud.

 28/12/2019 01:52:36
in risposta a ↑

pastrank, certo che leggere un artico di un tedesco è come chiedere ad un lupo di verificare come stanno gli agnelli in giardino...cmq leggiamo...

 28/12/2019 10:06:47
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, ma non è tedesco...

 28/12/2019 13:21:08
in risposta a ↑

pastrank, ex ministro tedesco...Theo waigel...riesci a leggere ???

 28/12/2019 16:10:14
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, hai preso un articolo scritto da Massimo Fontana (il nome specificato nella prima riga), dove Theo Waigel viene citato solo nelle prime righe per introdurre l'argomento, e mi chiedi se so leggere perche' secondo te sarebbe l'articolo di un tedesco?

Se io parlo di Al Bano quindi sono pugliese, se parlo dei Residents invece divento di San Francisco.

A parte il fatto che l'interessante era la parte sotto, che non hai letto.

 28/12/2019 16:53:01
in risposta a ↑

pastrank, 1 l'articolo l'hai postato tu... Quindi dovresti sapere chi citi... Poi l'intero articolo è la spiegazione in italiano di un intervista del tedesco ministro.....

e ti ho chiesto se sai leggere perché ti ho dovuto spiegare io addirittura che l'intervistato era il ministro...nn lo sapevi...

 28/12/2019 21:09:51
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, nell'articolo c'e' l'introduzione, che cita un intervista di Theo Waigel che parla dell'euro, sta tra le parole "In questo articolo" e "le cose non stanno così". Parla di cosa succederebbe se l'Italia o la Germania uscissero dall'euro.

Con le parole "La faccenda è ovviamente molto più complessa. " inizia l'articolo vero e proprio. In questo spiega come la produttivita' e' l'unica cosa che conta, facendo semplici esempi, e che le svalutazioni non sono buona cosa, e che la bilancia commerciale e' un sintomo e non altro. Questo e' quello che intendevo e che probabilmente avranno notato gli altri, visto che pochi giudicano un libro dalla prefazione.

Lo scrivente non intervista nessuno, cita un'intervista de Il giornale. Non c'e' scritto da nessuna parte che Waigel parlasse di produttivita', e del resto, non ce ne importava niente. Quello che ho invitato a leggere e che costituisce il 90% dell'articolo non c'entra niente con nessun tedesco e nessuna intervista.

So che sono concetti difficili per qualcuno, ma mi provo a spiegarli.



 28/12/2019 21:36:15 (modificato)
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

pastrank, e anche il CPI spiega cose simili.

 29/12/2019 13:17:23
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89611

Comunicatrice

Sanguanel, bravissimo!

 29/12/2019 18:34:41
ilmiozio

ilmiozio203856

Estremista di destra e di sinistra

Dovresti sapere che se l'economia europea non è saltata, lo deve unicamente al Quantitative easing ovvero all'immissione non convenzionale da parte della BCE di una quantità stratosferica di  moneta stampata per l'occasione.

Ma possibile che non conosciate queste cose? Qui siamo all'abc dell'economia, che diamine!

 26/12/2019 17:20:28
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

ilmiozio, con le scarse doti inflattive dell'euro si puo' far cosi', in altre condizioni no. Quindi senza euro niente quantitative easing. Non abbiamo il mercato e l'influenza americana o il debito fatto come quello del Giappone.

 26/12/2019 17:29:50
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

pastrank, in ogni caso, se l'euro e l'Europa fanno cosi' male, basta andare a vedere la crescita della ricchezza negli USA, nell'Europa senza l'Italia, e nel nostro paese.


 26/12/2019 17:32:56
Robbins

Robbins101886

Molto ventilato,niente iper

Stiamo semplificando troppo .

Uno stato fallisce per più motivi con o senza moneta propria .

Si fallisce per l'incompetenza di chi governa non per altro 

 26/12/2019 17:58:56
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

Robbins, appunto, la moneta non e' la panacea di tutti i mali.

 26/12/2019 18:06:57
Robbins

Robbins101886

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

pastrank, mi sembra che sia passata la moda del ritorno alla lira o dir si voglia .

La maggior parte della gente non sa che è l'inflazione e discute sulla moneta ,mah..

 26/12/2019 19:01:09
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Robbins, proprio perche' non lo sa la gente se ne discute tra i politici...

 26/12/2019 19:48:56
Robbins

Robbins101886

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

pastrank, gli obiettivi dei politici sono diversi dai chi è governato

 26/12/2019 19:51:21
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Robbins, e' quello il loro pericolo.

 26/12/2019 19:52:36
Robbins

Robbins101886

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

pastrank, ho letto .

Non c'è una ragione particolare se non una economia fragile e una paura del sistema argentina .


 27/12/2019 07:45:10

se sono costretti a fare i debiti in dollari significa che NON hanno la loro moneta ... 


 27/12/2019 11:51:14
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

Tobias24, e il peso cos'è allora? Il fatto è che nessuno lo vuole, nemmeno gli argentini.

 27/12/2019 16:33:31
FlavioBertamini

FlavioBertamini91234

Dead man walking

in risposta a ↑

pastrank, l'euro è moneta corrente anche in alcuni piccoli stati: es. Montenegro...

 27/12/2019 17:00:43
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

FlavioBertamini, il Vaticano   

 27/12/2019 19:43:55
in risposta a ↑

pastrank, il peso agganciato al cambio del dollaro...è come avere il dollaro....avere la propria moneta significa che il cambio fluttua liberamente 


 29/12/2019 19:53:12
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, il peso non e' agganciato al dollaro, tant'e' che da Macri' a ora e' passato il cambio da 9 a 60.


https://www.xe.com/it/currencycharts/?from=USD&to=ARS&view=5Y

 29/12/2019 20:25:43
in risposta a ↑

pastrank, si ma il peso nn è una moneta forte abbastanza da poter fluttuare indipendente , è chiaro che andranno sempre contro crisi... Non ho visto la sua bilancia commerciale, ma scommetto che importano più di ciò che esportano...

 30/12/2019 08:32:43
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, nemmeno la lira lo era, infatti era un continuo svalutare. E come diceva l'articolo, due curiosita': dalle previsioni che si trovano, l'Argentina esportera' assai di piu' di quello che importera' (non a caso, non hanno soldi), e la Gran Bretagna ha da anni la bilancia commerciale in passivo.

A dimostrazione che ci deve essere una politica economica seria.

 30/12/2019 18:30:05
in risposta a ↑

pastrank, ... eppure con la lira si viveva benissimo...uno stipendio a famiglia ,casa di proprietà ,tasso risparmio più alto d'Europa ,alta natalità ..ma chissà come mai...adesso siamo nella merda su tutti i fronti 

 30/12/2019 19:27:30
pastrank

pastrank43561

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, fino a che non abbiamo cominciato a spendere senza guadagnare, guarda caso. Fino ai '70. In ogni caso, si sta meglio adesso di venti anni fa, eh.

 30/12/2019 20:19:19
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89611

Comunicatrice

ricollegandomi all'apprezzato commento del collega @Sanguanel >>> ma pensate che se tornassimo alla lira non saremmo manipolati ugualmente? (riflessione mia)



Uno stato fallisce per più motivi con o senza moneta propria

Si fallisce per l'incompetenza di chi governa non per altro

qui invece riprendo il commento di @Robbins che esprime pari pari lo stesso concetto che apprezzo e approvo.

 29/12/2019 18:36:09

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader