09/12/2019 08:36:45
roberto962

roberto96239361

"è difficile restare arrabbiati..."

Tobias24, non po esse stupido

 09/12/2019 09:07:16
in risposta a ↑

roberto962, e??? 

 09/12/2019 09:07:50
roberto962

roberto96239361

"è difficile restare arrabbiati..."

in risposta a ↑

Tobias24, quelli così di solito so cervelloni, compensano.... 

 09/12/2019 09:12:20
Rivoluzione

Rivoluzione16671

Business agent for solid waste recycling plants

Fake news debunking:



 14/12/2019 10:35:02
FlavioBertamini

FlavioBertamini91224

Dead man walking

Rivoluzione, due osservazioni:

1) Capita che un politico sia male informato, e carente nelle competenze in materia economica. Anche De Gasperi lo era, ma la politica non si esaurisce nell'economia. Dico questo in generale senza voler difendere D'Alema o altri politici attuali.

2) Una analisi puntuale dei dati di Boldrin richiederebbe parecchio tempo. Però ho osservato che, ad un certo punto, Boldrin si è messo a "contare sulle dita": l'ho colto come un segno di onestà e buona fede ...  

 15/12/2019 08:43:53
FlavioBertamini

FlavioBertamini91224

Dead man walking

in risposta a ↑

In questo post, c'è una interessante riflessione di Odifreddi su "inciviltà dei media": quarto potere ecc ..

https://www.quag.com/it/thread/72952/un-matematico-impertinente-ed-un-gioco-di-parole/

 16/12/2019 10:27:36
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89611

Comunicatrice

Per continuare sul post giusto il discorso accennato col collega @Robbins e non rischiare un ot, mi trasferisco su questo bel post, bentrovati colleghi.

Certo per accedere al Mes, non basta alzare la mano e chiedere l'aiuto economico, si tratta di sottoscrivere un trattato di lacrime e sangue (già questa frase mi ricorda qualcosa, come la luce in fondo al tunnel...era proprio solo un treno).

Un inchino a Frau Germania che mai sottoscriverà richiesta del genere.

Una mera limitazione di libertà, la sottomissione ad una troika europea costituita da Commissione europea, BCE, fondo monetario internazionale, che sorveglia su riforme imposte all'uopo dall'Europa che decide le linee politiche del paese richiedente.

conseguenze? Aumenti a raffica con conseguente diminuzione del gettitto per la spesa pubblica>altro aumento, per non parlare s+di sptipendi e pensioni ed altro. Ecoo questo, spesso non viene detto come altro che si è manifestato in questo bel post.

con riserva di rientare nel post, un saluto.


 18/12/2019 18:38:39
Robbins

Robbins101636

Molto ventilato,niente iper

Rosa_dei_Venti, hai colto nel segno cosa è  il mes.

Credo che sia ancora peggio.

Che farebbe la politica in quel caso?

Per mantenere un minimo di consenso aumenterebbe la tassazione alla parte produttiva del paese cosi da poter mantenere un livello accettabile per gli impiegati dello stato .

È  una ipotesi lontana dalla realtà?

 18/12/2019 18:43:42
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89611

Comunicatrice

in risposta a ↑

Robbins, Si ho scritto che c'è altro tipo patrimoniali procapite a famiglia...ecc insomma come fare quello che si vuole e dire che l'ha chiesto l'Europa. queste sono notizie per chi le sa e vuol leggere .Cmq vedo che il dibattito si è spostato al posto giusto e ne sono lieta, c'èil bel postdi @Rivoluzione 

 18/12/2019 18:45:42
Robbins

Robbins101636

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

Rosa_dei_Venti,  non sono molto in accordo sul disastrato paese.

Non è vero che lo siamo.

Ho l'impressione che questo venga usato come foglia di fico per nascondere i problemi invece di dire

Facciamo questo,questo e questo.

 18/12/2019 18:49:03
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89611

Comunicatrice

in risposta a ↑

Robbins, Neppure io se è per quello.

 18/12/2019 18:53:02
Robbins

Robbins101636

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

Rosa_dei_Venti, se non hai una giustizia efficiente non vai da nessuna parte.

Sentenza per la banca Etruria del settembre 2019 su fatti del 2013 ed e solo il primo grado 

Quando avremo la sentenza definitiva?

 18/12/2019 18:53:30
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti89611

Comunicatrice

in risposta a ↑

Robbins, Fosse solo quella, quanti sentenze non vedranno neppure i figli e quante persone rinunciano a cause per non lasciarle ai nipoti. Certo ci sono cose che non si possono tralasciare ma la veloce informatica non è entrata nei palazzi di giustizia? vanno ancora a cartaceo...

 18/12/2019 18:55:17
pastrank

pastrank43556

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Robbins, io mi sono convinto che siamo vicino al limite. Allontanarsi non sarebbe cosi' difficile, ma se non smettiamo di obbedire ai partiti che regalano i pacchetti di pasta e agli straclientelari sindacati (letto delle 500k assunzioni future nella PA, come se ce ne fosse bisogno?) presto la botta diventera' sicura.

 18/12/2019 21:56:25
Robbins

Robbins101636

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

pastrank, chi gestisce il potere sa gestirlo se no non sarebbe li.

Il limite li avevamo già superato negli anni 80 con poi l'esplosione di mano pulite .

l'Italia aveva una occasione enorme per diventare un paese moderno .

Poi la narrazione ,lo spostare l'attenzione su altro ,interessi personali ci ha ridotto come siamo oggi.

Il limite è già superato ,lo dicono gli indicatori non certo io ,ma noi viviamo ancora nel migliore mondo possibile .

Poi qualcuno va in piazza per chiedere ai politici "comportatevi bene e siate  educati eh" .

Forse i temi dovrebbero essere altri?

Mah...



 19/12/2019 05:41:55
PaoloVincenti

PaoloVincenti33461

Stratega del vuoto - SMM

Quello che io leggo nella maggior parte dei commenti a questo post, anche in alcuni tra i più intelligenti, è l'adesione allo "stile retorico populista", che è di per sé paranoico.

In sostanza, ci sarebbero delle élite, che si suppone siano illegittime e assimilabili a un gruppo di cospiratori o di agenti di un misterioso gruppo di potenti, nello stile dei cattivi dei film di James Bond. Mi chiedo e vi chiedo: da dove sono sbucati questi cospiratori? Dov'erano prima? Chi ha consentito loro di guadagnare tali posizioni di controllo in tutti i paesi, e quando e come è avvenuto questo processo? Dormivamo tutti?

Le élite complottano contro il popolo, ingannandolo, opprimendolo e sfruttandolo. Si tratterebbe quindi di un'oligarchia corrotta, ma omogenea e transnazionale, che si contrappone a un popolo disomogeneo, ma saggio, angelico e buono. Forse molti non se ne rendono conto, ma mitizzare il popolo (o "la gente comune", se preferite) facendone una sorta di comunità dei migliori, che ha intrinsecamente ragione ed è collettivamente rispettabile, corrisponde a disegnare una nuova aristocrazia. Vi chiedo: vi sentite realmente parte di questa comunità dei migliori?

Nella gerarchia che viene loro attribuita, l’appartenenza nazionale è per le élite del tutto secondaria. In questo modo esse violerebbero uno dei principi fondamentali della democrazia moderna, quello dello Stato-nazione. In quanto caste transnazionali, le "élite mondialiste" sono estranee ed ostili alla loro stessa nazione. Di conseguenza divengono oggetto di una forma tutta particolare di xenofobia: le élite sono il partito dello straniero, e quindi il partito dei disertori e dei traditori della patria. Mi chiedo: ma tutta quella massa di italiani comuni che qualche decennio fa erano schifosamente esterofili e sputavano su tutto ciò che era italiano, che fine hanno fatto?

Ogni narrazione populista deve indicare al popolo i suoi veri nemici: quelli che stanno in alto, quelli che stanno loro intorno (i portatori d'acqua, i media conniventi, e i personaggi noti e influenti che li sostengono) e quelli che vengono da fuori (gli stranieri ostili e invasori). Tutti quanti, a diversi livelli e con diverse modalità, sarebbero attori della cospirazione contro il popolo. Questo, a ben vedere, non è altro che una riedizione del modello storico del complotto antinazionale degli anni '20-'30, all'epoca descritto come complotto giudeomassonico o giudeobolscevico. Vi chiedo: davvero siamo tutti così ingenui e sprovveduti da non riconoscere questi pattern nella comunicazione di certe forze politiche?

 19/12/2019 11:16:51
Robbins

Robbins101636

Molto ventilato,niente iper

PaoloVincenti, si

 19/12/2019 11:54:26
PaoloVincenti

PaoloVincenti33461

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Robbins, "sì" a quale domanda?

 19/12/2019 11:56:12
Robbins

Robbins101636

Molto ventilato,niente iper

in risposta a ↑

PaoloVincenti, che sono sprovveduti ed ingenui .


 19/12/2019 12:07:56
Rivoluzione

Rivoluzione16671

Business agent for solid waste recycling plants

PaoloVincenti, ottima analisi che mi ha fatto pensare alle teorie marxiste e leninisti. Anche in quel caso c'era una élite che complottava contro il popolo che era, per definizione, migliore, più giusto, più veritiero di quella élite. La storia sta lì a dimostrare come questa teoria non avesse alcuna fattualità né scientificità ed abbia prodotto tra i peggiori danni della storia dell'umanità.

 19/12/2019 21:00:57
PaoloVincenti

PaoloVincenti33461

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Rivoluzione, su questa interpretazione devo dissentire. È vero che la propaganda bolscevica e menscevica trovò un terreno fertile in un diffuso sentimento populista coltivato per decenni prima della Rivoluzione d'Ottobre (i narodniki erano un prodotto politico tipicamente russo e risalente alla metà dell'Ottocento, con un background culturale slavofilo che si estendeva da Dostoevskij  a Tolstoj), ma è altrettanto vero che il marxismo non può essere ridotto alla lotta del povero contro il ricco, dell'umile contro il potente. Quella populista è una logica binaria che non comprende la complessità e si riduce alla celebrazione della povertà e delle virtù degli umili, che attribuisce un'eccellenza morale al popolo inteso nella sua accezione romantica, e persino in una dimensione religiosa o addirittura mistica. Quella di Marx ed Engels è una teoria generale del conflitto sociale fondata sull'idea di classe, che è tutt'altra cosa dal popolo (la classe lavoratrice non è moralmente migliore, è solo in condizioni materiali svantaggiate). Non c'è nessun complotto, solo una logica antagonista nell'evoluzione sociale che deriva dall'idealismo hegeliano.

Il rifiuto populista della struttura socio-economica del capitalismo, del consumismo e del neoliberalismo non equivale assolutamente alla visione marxista. Se vogliamo, il leninismo in sé potrebbe essere considerato una perversione totalitaristica del marxismo combinato con il populismo, che alla fine riproduceva in forma aggiornata quel meccanismo di dispotismo orientale che Marx aveva denunciato a più riprese.

 20/12/2019 09:24:53
Rivoluzione

Rivoluzione16671

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

PaoloVincenti, però, se leggi il Manifesto, Marx e Engels sembrano immaginare una borghesia transnazionale, che complotta per affamare il proletariato, privarlo del valore aggiunto che esso produce, al fine di arricchire sé stessa.
Non è questa una sorta di teoria del complotto? E la rivoluzione socialista che propugna Marx non sottintende che, una volta che i mezzi di produzione saranno nelle mani del proletariato, il mondo sarà un posto migliore e quindi il proletariato sarebbe migliore della borghesia?

 20/12/2019 12:46:45
PaoloVincenti

PaoloVincenti33461

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Rivoluzione, non semplifichiamo troppo. Sicuramente Marx e Engels vedono una convergenza di interessi tra la borghesia in tutto il mondo, ma una convergenza di interessi non è un complotto. Per intendersi: io posso anche essere estremamente critico verso il capitalismo e il neoliberismo, ma non mi sogno nemmeno di pensare che i grandi capitalisti di tutto il pianeta formino una colossale segreta alleanza, si sentano tutti i giorni per telefono, prendano decisioni di comune accordo e sulla base di piani precisi, rispettino una piramide gerarchica e facciano voto di silenzio al riguardo. Perché un complotto è invece proprio questo. La realtà è che il principale nemico di ciascun capitalista è un altro capitalista che può insidiargli fette di mercato o l'accesso ai capitali, non un popolo indistinto di impiegati, commercianti, contadini, disoccupati, migranti, etc.

La rivoluzione socialista propugnata da Marx sottintende che il mondo sarà più libero e giusto, perché realizzazione hegeliana di una sintesi superiore, ma non più buono. La bontà è un giudizio morale estraneo dall'implementazione di una qualsiasi politica socioeconomica, appartiene al mondo dell'etica, della spiritualità e delle religioni. E spesso il populismo ha appunto, come dicevo, dei tratti marcati di misticismo religioso e di millenarismo.

 20/12/2019 14:10:43

Me pare che non smonti un bel niente.

IL MES è incostituzionale, sia quello approvato nel 2012, sia la riforma che Conte dice ( falsamente ) di non aver ancora approvato.

 05/01/2020 17:52:18
Rivoluzione

Rivoluzione16671

Business agent for solid waste recycling plants

CaiusSempronius, incostituzionale? Cosa avrebbe di incostituzionale?
Conte? Conte non mi risulta abbia fatto nulla di particolarmente misterioso e oscuro. Il MES era già in atto quando Salvini era al governo eppure quest'ultimo non disse nulla al riguardo.

 06/01/2020 06:14:26
in risposta a ↑

Rivoluzione, 

Assolutamente falso.


1) E' incostituzionale perchè comporta cessioni di sovranità in condizioni di disparità con altri Stati, in contrasto con l'art. 11 comma 2 della Costituzione

2) Quando Salvini era al Governo era in fase negoziale la riforma del MES e la Lega, tramite risoluzione parlamentare, ha esplicitamente detto di NON approvare nessuna riforma del MES ma Conte e Tria hanno fatto l'esatto contrario

 10/01/2020 16:33:44 (modificato)

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader