FrancescoFrank

FrancescoFrank180966

Organizzazione eventi culturali

Oggi in una seconda è stata un'altra strage. Io e l'insegnante tecnico-pratico ci siamo lanciati uno sguardo di profondo sconforto. Sto osservando la borsa con il terrore di aprirla e di vedere come sono andati i compiti. C'è stato un attimo in cui ho pensato "niente, annulliamo la verifica", ma poi qualcuno ha iniziato a rispondere alle domande (fra l'altro banali, ma che ti portano a dover ragionare un minimo), anche se abbiamo dovuto sequestrare il solito cellulare (cosa che comporterebbe una nota con un 7). E niente..ora correggo

 03/12/2019 14:13:39
Giuly61GE

Giuly61GE9651

Psicologia, Politica,cucina, natura, viaggi ecc...

FrancescoFrank, 

Premetto che non sono una insegnante. Però sono stata alunna. Credo che oggi sia ancora più difficile, ma fare il professore o la maestra è una specie di missione. Quindi o la fai con il cuore o è meglio starsene a casa e fare altro. 

 03/12/2019 14:59:52
Dianissima

Dianissima77036

Artista e poetessa

FrancescoFrank, adesso il nostro amico @AntonioAtzeni mi manda a quel paese, ma continuo a pensare che, dopo i decreti delegati, la scuola sia andata verso una china proprio brutta. Vedo gente di 60 anni, con 3a media, sapere e parlare meglio di tanti studenti e laureati degli ultimi 30 anni! Mo che tristezza! Cosa è successo per una escalation di ignoranza cosi? Non riesco a capacitarmene.

 03/12/2019 15:01:48
Marcovaldo

Marcovaldo751

Esploratore(ex tastefulstage9000)

in risposta a ↑

Dianissima, con questo Francesco, nn voglio dire che la tecnologia è un male... Il progresso nn si fermerà di certo. Varrebbe però la pena fermarsi a pensare come usare questa tecnologia di cui disponiamo.. Ma il tuo lavoro è impegnativo credo.. Quante classi devi gestire? E ogni classe che gestisci, quanti ragazzi ha? 

 03/12/2019 15:13:02
Dianissima

Dianissima77036

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Marcovaldo, probabilmente non ho capito bene, ma secondo te, è la tecnologia odierna che crea ignoranza e studenti con pessima preparazione? 

 03/12/2019 15:16:39
FrancescoFrank

FrancescoFrank180966

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Giuly61GE, assolutamente sì

 03/12/2019 15:39:46
FrancescoFrank

FrancescoFrank180966

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Dianissima, dal '68 in su, un concatenarsi di lassismo da parte di tutti 

 03/12/2019 15:41:03
in risposta a ↑

Dianissima, ahahhahahahah

 03/12/2019 18:11:07
Marcovaldo

Marcovaldo751

Esploratore(ex tastefulstage9000)

in risposta a ↑

Dianissima, forse: più che altro, l'uso che se ne fa... 

 04/12/2019 00:09:50
Marcovaldo

Marcovaldo751

Esploratore(ex tastefulstage9000)

È la tecnologia Francesco. Una mia collega ha 3 figli: 2 maschietti e una femminuccia. I 2 vanno alle elementari la picca ancora all'asilo. Ora alle elementari, i bambini hanno più maestre per ogni materie(io ne avevo solo una con un'ampia preparazione). Oggi i bambini sanno usare i sistemi informatici e gli smartphone : sanno gia tutto sul sesso o quasi... A scuola hanno. Più materie da studiare. Hanno 2 lingue straniere come alle sue medie. Sono più informati ma hanno un ritardo cognitivo nell'apprendere, rispetto a noi(due generazioni indietro). La mia collega, insieme a suo marito li segue nei compiti. Loro stanno ritornando a scuola attraverso i loro figli...   

 03/12/2019 15:10:07
EwaMaria

EwaMaria146956

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Marcovaldo, di quale ritardo cognitivo parli, per caso parli del ritardo mentale di massa   

 03/12/2019 15:23:31
EwaMaria

EwaMaria146956

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Marcovaldo, hai riletto quello che hai scritto, non noti qualche errore?

 03/12/2019 15:30:38
FrancescoFrank

FrancescoFrank180966

Organizzazione eventi culturali

Marcovaldo, ritardi cognitivi no perché hanno cause organiche, diciamo che la tecnologia (usata male) abbassa enormemente la soglia dell'attenzione e tende a trasformare i ragazzini in piccole scimmiette capaci di svolgere lavori meccanici (è un esempio estremo, ma è per farmi capire), inibendo creatività, fantasia, capacità di calcolo, memoria...; una specie di droga insomma.

 03/12/2019 15:45:04
Marcovaldo

Marcovaldo751

Esploratore(ex tastefulstage9000)

in risposta a ↑

EwaMaria, mi ha risposto Francesco: mi ha dato unk spinto al. Mio commento : la distrazione è la causa principale... 

 04/12/2019 00:12:28
Cipo65

Cipo6530036

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

La tecnologia non può essere fermata e neanche deve essere fermata, per me è la scuola, soprattutto quella italiana, che dovrebbe adeguarsi ai tempi....io negli altri paesi vedo sperimentazione, idee, tecnologia inserita nella scuola.....qui da noi, eccetto in qualche eccellenza di scuola che si contano sulle dita neanche di una mano, vedo solo metodi di insegnamento obsoleti, mezzi obsoleti, scuole vecchie e aule decadenti, uno status quo che nessuno ha la voglia di cambiare....e non sono solo gli alunni le vittime, ma anche i professori, che devono insegnare in un ambiente ostile....basti solo sentire i giudizi di alcuni genitori sulla professione dell'insegnante, ma soprattutto devono riuscire ad esercitare la loro professione non avendo il minimo supporto da parte dello Stato, che invece dovrebbe tutelare la loro figura e la loro professionalità. Servono idee e sperimentazione, perchè in gioco c'è il futuro dei nostri ragazzi, che non dovranno confrontarsi solo con l'ambiente "italiano" ma soprattutto con quello del mondo.

 03/12/2019 15:41:40
EwaMaria

EwaMaria146956

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Cipo65, stranamente i nostri ragazzi, laureati in Italia, brillano all'estero. Come si spiega questo fatto?


Secondo la mia esperienza in Italia non funzionano le scuole superiori. 

 03/12/2019 15:44:30
FrancescoFrank

FrancescoFrank180966

Organizzazione eventi culturali

Cipo65, purtroppo ti ritrovi la scuola che cade a pezzi (quando piove gocciola acqua dal soffitto), ma la LIM (lavagna interattiva multimediale) c'è. Come mai? finanziamenti provenienti da diverse fonti. Da noi la tecnologia non è capita, è usata male e spesso fuori contesto. In una prima siamo arrivati alle estreme conseguenze con i cellulari, li mettiamo tutti in una scatola e per tutta la mattina non li possono prendere, nemmeno durante l'intervallo.

 03/12/2019 15:51:16
Cipo65

Cipo6530036

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

in risposta a ↑

EwaMaria, credo che molto sia dovuto al dopo superiori, dove troviamo un'università ancora che regge e dove i ragazzi possono dar sfogo alla loro voglia di conoscere e approfondire le loro conoscenze....in più, il DNA italiano, per quanto ci vogliamo male e ci denigriamo, rimane comunque sempre uno dei più brillanti....sarà l'ambiente, il sole, la storia, non lo so, ma io credo veramente che abbiamo una testa notevole.....il problema è che troppo spesso la utilizziamo per fare i furbi e non per cambiare le cose.

 03/12/2019 15:55:47
Cipo65

Cipo6530036

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

in risposta a ↑

FrancescoFrank, Si lo so purtroppo....hai tutta la mia solidarietà perchè ciò che dici, non mi è nuovo.

 03/12/2019 15:57:24
Carol76

Carol766856

Curiosa e amante di novità

in risposta a ↑

FrancescoFrank, anche a scuola di mia figlia fanno così e se colgono in flagrante qualcuno che di nascosto usa il cellulare, glielo sequestrano. Poi finché il genitore non viene a recuperare il cellulare ,questo resta in presidenza e non viene restituito all'alunno. Il preside ci raccontava ridendo che quando succede, molti genitori aspettano anche una settimana prima di andare a prendere il cellulare, perché sono appena contenti che per un po' i loro figli restino senza.

 03/12/2019 16:22:08
FrancescoFrank

FrancescoFrank180966

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Carol76, ah ah pazzesco

 03/12/2019 17:07:10
FlavioBertamini

FlavioBertamini88294

Dead man walking

in risposta a ↑

EwaMaria, all'estero "brillano" quelli che lasciano l'Italia .. .

Anche la vostra Curie, brillava in Francia.  

 03/12/2019 19:11:15
EwaMaria

EwaMaria146956

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FlavioBertamini, ma cosa mi dici mai ...


Onestamente brillano anche in Italia, ma in Italia ci si lagna di tutto e tutti, ed io non ho più voglia di contestare i mugugni di chi vede solo il disfunzionale, sguaiato,  brutto, i giovani non sanno parlare, non sanno studiare, non sanno guidare, non sanno cucinare, né studiare, le lauree sono regalate a delle capre, lavorano male, sono degli incapaci.



Ma come fate, in un paese così bello, con così tanta arte, tanto talento, tantissimi luoghi meravigliosi ad essere sempre così negativi su tutto? 


(la domanda è retorica) 

 03/12/2019 22:37:13 (modificato)
EwaMaria

EwaMaria146956

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FlavioBertamini, per quel che riguarda Maria Sklodowska Curie, leggi la sua biografia. 


https://it.wikipedia.org/wiki/Marie_Curie


Maria Sklodowska nasce a Varsavia nel 1867,  quando la Polonia non esisteva più ,come Stato in quanto nel 1795 subì la terza spartizione  e sparì dalle mappe del mondo.


La Polonia cessò di esistere come nazione indipendente a seguito della terza spartizione del 1795, quando il territorio polacco venne diviso tra Austria, Prussia e Russia. La Polonia riacquistò la propria indipendenza nel 1918 su basi repubblicane. Tra il 1795 e il 1918 sull'attuale territorio polacco sono storicamente esistiti cinque stati:

Regno del Congresso (in polacco Królestwo Polskie), stato facente parte dell'Impero russo.

Regno di Galizia e Lodomiria (in polacco Królestwo Galicji i Lodomerii), stato facente parte dell'Impero austriaco prima e di quello austro-ungarico poi.

Ducato di Varsavia (in polacco Księstwo Warszawskie), stato dipendente dalla Francia napoleonica.

Repubblica di Danzica (in polacco Wolne Miasto Gdańsk), stato dipendente dalla Francia napoleonica.

Granducato di Poznań (in polacco Wielkie Księstwo Poznańskie), stato facente parte della Prussia prima e dell'Impero tedesco poi.


https://it.wikipedia.org/wiki/Sovrani_del_territorio_polacco_dopo_la_terza_spartizione



A Varsavia, che all'epoca faceva parte dell'impero russo, alle donne era vietato studiare, per questo motivo Maria Sklodowska si trasferisce  a Parigi. 



Se la pessima battuta "brillava   " si riferisce agli studi di Maria Sklodowska sulle sostanze radioattive, cosa vuoi che ti dica. 

 03/12/2019 23:22:45
FlavioBertamini

FlavioBertamini88294

Dead man walking

in risposta a ↑

EwaMaria, che dirti? Per certo ricordo di aver letto la sua biografia, su carta, nel 1983: proprio quella scritta da sua figlia. Un agile volumetto acquistato in un autogrill a prezzo stracciato! Però dopo qualche anno alcuni particolari si perdono!  

 04/12/2019 05:30:03
 04/12/2019 05:39:06
FlavioBertamini

FlavioBertamini88294

Dead man walking

in risposta a ↑

EwaMaria, battuta per battuta: l'italiano Enrico Fermi (per altri americano di origini italiane), fu molto più "brillante", quando subito dopo la cerimonia del Nobel, si trasferì in Usa. Se ti leggi la sua biografia, noterai che certi "mali" erano già presenti nell'Italia di allora ...

 04/12/2019 05:57:36
FlavioBertamini

FlavioBertamini88294

Dead man walking

in risposta a ↑

EwaMaria, ma anche Guglielmo Marconi (autodidatta e inventore della radio), riuscì a sviluppare il suo progetto, solo grazie a capitali inglesi. Anche lui fece tante cose "brillanti": ad esempio, riuscì a far accendere dei "lampadari" a Sidney (?), inviando un segnale radio dall'Europa, dimostrando così che le onde radio "rimbalzando" potevano superare la curvatura terrestre.

 04/12/2019 06:03:43
in risposta a ↑

FlavioBertamini, si brilla dove ti fanno brillare.

Anche in montagna ma è un altro discorso   

 04/12/2019 10:02:49
FlavioBertamini

FlavioBertamini88294

Dead man walking

in risposta a ↑

AntonioAtzeni, si fanno brillare anche i residuati bellici della I e II guerra mondiale. Ricordo ancora un mio vicino di casa, che rimase coinvolto in una esplosione, mentre cercava di recuperare metallo circa 100 anni fa: ed è "sopravvissuto"! Personalmente non sono esperto: ho scelto il "servizio civile"! Ma è possibile senz'altro, che si debbano disinnescare ancora ordigni vari.

 04/12/2019 13:39:45

Insegno solo in un caso, gratis : la capacità di guidare mezzi alle donne che non sono in grado di farlo (all'apparenza).

Lo faccio perché trovo molta soddisfazione nel vedere tal donne improvvisamente molto, ma molto più sicure di loro stesse.

 03/12/2019 20:09:26

Vuol dire trasmettere un'esperienza, una passione.

 03/12/2019 20:13:06

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader