Dianissima

Dianissima77236

Artista e poetessa

Messa così pare si stesse meglio quando si stava peggio. Come in tutte le situazioni ci vorrebbe misura. A volte un muro può servire a non essere invasi da nemici, o a tenere le distanze, altre volte sembra l'unica soluzione rimasta anche se non è la soluzione ideale. Il muro di Berlino ha svolto la triste funzione per cui è stato eretto, se vogliamo essere realisti.

 10/11/2019 23:35:13

Dianissima, i muri servono a dividere, ricchezza e povertà, civiltà e culture. Il muro di Berlino fu un simbolo che, dopo la caduta, sembrava questione risolta. In realtà quel muro era poco rispetto  ai muri che si stanno costruendo negli ultimi decenni.

 10/11/2019 23:57:28 (modificato)
Dianissima

Dianissima77236

Artista e poetessa

in risposta a ↑

GabrielKnight, vero, paradossalmente, noi, al di qua del muro, abbiamo più problemi di prima, a causa sia delle diverse esperienze tra est ed ovest Europa, aggravate dal carico di migranti in arrivo da anni senza che si abbiano le risorse culturali ed economiche per integrarli tutti. Un gran casino. 

 11/11/2019 15:23:45
RobertoMontanari

RobertoMontanari100279

Naufrago

Sono per la libertà di spostamento, ma mi è venuto in mente un monologo di Battiato, in cui considerava che il bello del matrimonio è il divorzio. Così ci potrebbe essere stata la gioia della riunificazione senza il muro ?

Lasciamo che li facciano ed abbattiamoli   

È un po' paradossale, ma temo che qualcuno che li tira su ci sarà sempre. Noi però siamo più numerosi

 11/11/2019 07:30:17 (modificato)

RobertoMontanari, dalle mie parti si dice "Far e disfar xe tutto un lavorar..."   

 11/11/2019 09:48:10
RobertoMontanari

RobertoMontanari100279

Naufrago

in risposta a ↑

GabrielKnight, anche dalle mie   

 11/11/2019 10:51:57
ciro_andreotti

ciro_andreotti31451

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

Per andare vagamente ot. Di recente discutevo con una conoscente che, da ideologicamente obnubilata, sosteneva quanto fosse stata rovinosa la caduta del muro, ma non per le conseguenze sotto i nostri occhi , ma x via dell'avanzata del capitalismo, dico solo mah.... E evito di aggiungere altro 

 11/11/2019 14:19:14

ciro_andreotti, tutto dipende da dove vogliamo andare, se la direzione è la globalizzazione il muro, inteso come barriera per separare, è un controsenso. 

 13/11/2019 19:10:16
ciro_andreotti

ciro_andreotti31451

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

in risposta a ↑

GabrielKnight, il punto purtroppo è che la persona che me l'ha detto essendo completamente obnubilata dalla credenza quasi religiosa, che quello che arriva da sinistra sia sempre giusto sosteneva che tra la DDR e il nazismo fosse meglio la DDR....  mentre invece parliamo di due dittature, e francamente quando parliamo di dittatura parliamo sempre di qualcosa che personalmente aborro, che fa molto Giampiero Mughini   ah PS giustamente per i popoli della Germania quel muro è caduto meglio così e altrettanto giustamente quella persona è rimasta della sua idea

 14/11/2019 09:55:46
PaoloVincenti

PaoloVincenti32111

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

ciro_andreotti, per quanto poco gratificante, penso che sia tuttavia oggettivamente possibile stabilire una graduatoria tra le varie dittature, a partire dalla loro "intensità" e dai loro risultati storici. Per esempio, non avrei dubbi ad affermare che la dittatura fascista di Salazar in Portogallo sia comunque stata preferibile al nazismo. Lo stesso ragionamento si può allargare a un po' tutte le manifestazioni storiche di potere dittatoriale, fermo restando che si tratta comunque di qualcosa di indesiderabile.

 14/11/2019 11:32:16
ciro_andreotti

ciro_andreotti31451

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

in risposta a ↑

PaoloVincenti, io La sola che forse, e dico forse, avrei capito era quella della vecchia Jugoslavia ma nel complesso la penso alla Enzo Biagi "a ogni eccellente dittatura prediligo la peggiore delle democrazie". Sono fermamente contro agli -ismi di qualunque tipo e per fortuna che non ne ho vissuto nessuno. 

 14/11/2019 23:02:12
PaoloVincenti

PaoloVincenti32111

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

ciro_andreotti, sono d'accordo. Ma questo non ci impedisce comunque di fare dei distinguo tra le varie dittature. È un po' come con i funghi non commestibili: alcuni sono mortali, altri provocano la diarrea, altri ancora sono semplicemente immangiabili.

 14/11/2019 23:14:11
ciro_andreotti

ciro_andreotti31451

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

in risposta a ↑

PaoloVincenti, Ma certo ci mancherebbe, si tratta di un mio punto di vista,ognuno è libero di pensarla come gli pare, credo solo che sterminare 13 milioni di persone oppure un po' di meno sia solamente una semplice statistica , ecco tutto lì. E personalmente non voglio fare una classifica di nefandezze

 15/11/2019 07:56:10
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

ciro_andreotti, grandissimo E. Biagi: scriveva con parole tanto piane e semplici: un autentico anti- personaggio! Tanto grande quanto umile ed onesto.

 17/11/2019 06:29:16
ciro_andreotti

ciro_andreotti31451

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

in risposta a ↑

FlavioBertamini, io preferivo personalmente Montanelli, dal mio punto di vista ovviamente personale, molto più rompiscatole non che biagi non lo fosse

 17/11/2019 09:18:45
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

ciro_andreotti, li metto alla pari. Per fare un paragone: meglio Leopardi o Manzoni? Se guardo all'arte poetica dico Leopardi, ma il ruolo politico - sociale di Manzoni è stato molto più importante.

 17/11/2019 09:34:25
ciro_andreotti

ciro_andreotti31451

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

in risposta a ↑

FlavioBertamini, assolutamente vertici della nostra cultura su giornale

 17/11/2019 15:27:57
EwaMaria

EwaMaria147041

Hiraeth. Davidia Involucrata.

 11/11/2019 15:02:25
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

A mio avviso dobbiamo pensare in questi termini: chi costruisce muri punta a difendersi da un pericolo, vero o immaginario che sia.

I Romani che costruirono il vallo di Adriano ed il limes sul Danubio pensavano diversamente da un Caio Mario o da Cesare, così come i costruttori delle mura aureliane a Roma, pensavano diversamente dai precedenti.

Se sei debole cerchi di difenderti, altrimenti non ti fai certi problemi. In generale, un nucleo familiare punta a difendersi: per questo recinta orto e giardino e tiene chiusa la porta. Se gli Usa costruiscono un muro vicino al confine messicano, qualcosa significa.


 12/11/2019 05:44:06 (modificato)
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

Del resto, la cosa è così scontata che: Mt 12:29 Mc 3:27 e Lc 11:21 dicono quasi la stessa cosa.

Mt " Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire le sue cose se prima non avrà legato l'uomo forte; allora ne saccheggerà la casa."

 12/11/2019 05:53:27
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

Altra metafora: nel gioco degli scacchi si suggerisce la mossa dell'arrocco in fase di apertura, ma nel proseguo del gioco, sovente è opportuno aprirlo, per evitare brutte sorprese ...

 12/11/2019 05:57:57
RobertoMontanari

RobertoMontanari100279

Naufrago

FlavioBertamini, interessante riflessione, ma forse non è proprio così:


Se sei debole cerchi di difenderti


gli esempi che hai fatto erano manufatti costruiti da imperi

Chi cerca di difendersi è il più ricco, il più potente

Ricordo certi paesetti poverissimi, con tutte le porte aperte

Chi avrebbe mai pensato di rubare ?

C'è poco da raccontarsela: i muri sono eretti a protezione di ingiustizie


 12/11/2019 10:16:49
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

RobertoMontanari, non mi sono spiegato bene, scusami!! Una famigliola pacifica, se recinta la casa e chiude la porta, lo fa a scopo difensivo e precauzionale, cosa più che legittima, a meno che la povertà non sia tale da renderla inutile come nel tuo esempio. Nel caso di imperi, costruire muri e fortificazioni, indica una situazione di paura e debolezza, ad es. la linea Maginot dei francesi, il vallo Atlantico dei tedeschi, le difese dell'Albania di Hoxa ecc. Ma durante la conquista del West, i coloni avanzavano più o meno pacificamente, senza costruire linee di difesa, come oggi sembra stia accadendo in Usa. Strutture che hanno costi fissi e di gestione, ma che, come insegna la storia, prima o poi vengono superate.


 12/11/2019 12:02:26
RobertoMontanari

RobertoMontanari100279

Naufrago

in risposta a ↑

FlavioBertamini, non ti preoccupare, eri chiaro (sei sempre molto chiaro) e però mi piaceva approfondire il termine "difesa".

Che dovrebbe essere antitetico ad offesa, ma non sempre è così.

Le falangi si preparavano con ampi scudi,  ma andavano all'attacco...

Come si fa a chiamare "difesa" il blocco dei porti per non far scendere persone che giorni prima stavano arrivando ?

I muri non sono per difendere ma per **impedire**.

Detta così è più rispettoso dei fatti, non credi ?

 12/11/2019 12:14:18
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

RobertoMontanari, stamattina pensavo anche al gioco degli scacchi  

 12/11/2019 12:17:06
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

RobertoMontanari, ma se ci pensi vale anche per l'economia: metti un dazio o delle barriere doganali per difendere la produzione interna, non per invadere un mercato .

 12/11/2019 12:20:27
RobertoMontanari

RobertoMontanari100279

Naufrago

in risposta a ↑

FlavioBertamini, il gioco degli scacchi è esemplare: non si gioca per sopravvivere ma per mangiare il re avversario...

 12/11/2019 12:41:45
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

RobertoMontanari, alla lettera "scacco matto" significa "il re è morto", quindi il re non viene "mangiato"! Chi è perdente punta almeno alla "patta" con vari escamotages (es. lo stallo) Siamo completamente OT

 12/11/2019 12:46:07
RobertoMontanari

RobertoMontanari100279

Naufrago

in risposta a ↑

FlavioBertamini, l'economia è un discorso troppo ampio... Ma non ci sono economie floride che non siano espansive... I vari tipi di blocchi a merci estere sono spesso contro produttori poverissimi (pensa ai pomodori africani). Ma davvero e un tema che richiederebbe approfondimenti. ,(ed ora sto andando a pranzo   

 12/11/2019 12:47:40
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

RobertoMontanari, andando di palo in frasca: la "teoria dei giochi" potrebbe insegnarci qualcosa?

 12/11/2019 12:48:23
PaoloVincenti

PaoloVincenti32111

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

FlavioBertamini, sicuramente può insegnarci che la teoria economica classica è inadatta a cogliere la realtà, dal momento che si fonda su comportamenti razionali degli individui e su processi consapevoli.

 12/11/2019 16:14:44
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

PaoloVincenti, ad occhio, pensi che qualcuno ci stia lavorando? Ovviamente non con i ns. computerini:....

 12/11/2019 16:31:52
PaoloVincenti

PaoloVincenti32111

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

FlavioBertamini, è l'ambito di studio della cosiddetta neuroeconomia.

 12/11/2019 16:35:13
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

PaoloVincenti, oggi ho imparato una nuova parola. Su Il Fatto di oggi, c'è un articolo interessante su certe prospettive. (altra "emergenza")

 12/11/2019 16:39:44
 12/11/2019 16:42:48

FlavioBertamini, credo che hai centrato l’argomento. Il muro (murus in latino, i Romani per murus intendevano le cinta a protezione, le case avevano pareti) viene costruito per timore. È la testimonianza di un’incapacità, o di un’impossibilita di andare oltre riconoscendo il proprio limite. Il Vallo di Adriano, ad esempio poneva il limite dell’impero, È l’opposto di un atto di forza.

 13/11/2019 19:41:40
FlavioBertamini

FlavioBertamini88499

Dead man walking

in risposta a ↑

GabrielKnight, se ci pensi, nella nostra Italia medievale, ogni piccolo centro era circondato da mura. Poi, con l'avvento delle prime artiglierie si è capito che erano perfettamente inutili, anche perché il panorama politico era indirizzato verso le signorie. E Leonardo da Vinci testimonia nella sua opera questa transizione, perché si occupa tanto di armi offensive, ma anche di fortificazioni di nuova concezione, meglio adatte a resistere alle cannonate.

 13/11/2019 19:56:37

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader