Contrabbandiere

Contrabbandiere39386

PLA-XIT

Scusami se rispondo qui, lo faccio solo per evitare cha la discussione generale diventi un dialogo tra noi due. Il mio dubbio è la correlazione, la correlazione ipotizzata nell’articolo è lavoro—>recidiva non potrebbe essere ,invece, volontà di non ritornare in carcere—>ricerca di un’attività produttiva?

 10/11/2019 19:58:16
RobertoMontanari

RobertoMontanari100529

Naufrago

Contrabbandiere, era chiaro, e sicuramente il ragionamento è valido, ma non esclude che il lavoro abbia una funzione positiva. Proprio per attirare quelli meno disposti a darsi da fare, il lavoro è premiato con altri benefici. La "teoria" è chiara, il problema e che manca l'offerta di lavoro...

 10/11/2019 21:32:36
Contrabbandiere

Contrabbandiere39386

PLA-XIT

in risposta a ↑

RobertoMontanari, perfetto e questo discorso è condivisibile, ma nell’equazione il lavoro è la soluzione non la causa.

 11/11/2019 17:46:52
qvotds

qvotds5356

Il carcere riesce a cambiare soltanto coloro che erano già vicini al cambiamento prima di entrarci .Per le persone vicine al cambiamento basta uno stand by forzato che le costringa a meditare.Anche una malattia avrebbe lo stesso risultato. Per tutti gli altri non esiste modello educativo che possa cambiarli. Quando dicono che bisogna puntare sulla cultura per eliminare il male,ma che grande stupidaggine. Se vogliamo eliminare il crimine l'unico modo è la biotecnologia ,sensori collegati al sistema nervoso .Ma a quel  punto il libero arbitrio se ne andrebbe a quel paese e la società andrebbe in contro a serissimi problemi che a confronto il problema dei delinquenti in strada sarebbe una sciocchezza. Senza i "cattivi" i "buoni" regredirebbero in tempi record. Che vi piaccia o no siamo tutti collegati , ogni cosa esistente nell'universo è funzionale all'altra. Tutto ha un senso e tutti siamo indispensabili e nessuno è migliore dell'altro.

 17/11/2019 17:46:44
FlavioBertamini

FlavioBertamini89234

Dead man walking

qvotds, tra le varie opzioni evolutive, c'è anche l'estinzione ... cosa che riguarda il 99,9% delle specie comparse su questo pianeta!

 17/11/2019 19:29:11
ilmiozio

ilmiozio200681

Estremista di destra e di sinistra

Ho sempre saputo che il cambiamento deve essere voluto e non indotto dall'esterno.

La via del cambiamento è lunga e difficile. Somiglia all'attraversamento di un deserto più che ad un permesso premio.

Il premio per il cambiamento è il cambiamento stesso.

 17/11/2019 18:04:55

ilmiozio, su questo devo darti atto : se non si riconosce sinceramente il aver sbagliato, il cambiamento non avverrà mai.

 17/11/2019 18:08:25
FlavioBertamini

FlavioBertamini89234

Dead man walking

ilmiozio, il cambiamento è "possibile" ma non automatico. Si deve valutare caso per caso.

 17/11/2019 18:14:23
Rivoluzione

Rivoluzione15951

Business agent for solid waste recycling plants

ilmiozio, certo ma se il sistema ti aiuto nel fare questo si vede la differenza! Se ti buttano in un buco e ti chiudono al suo interno per anni, difficilmente il cambiamento può avere successo, anzi, è molto più probabile che uno peggiori.

 18/11/2019 10:13:20 (modificato)
ilmiozio

ilmiozio200681

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Rivoluzione, Stai parlando delle carceri afgane o di quelle somale?

In Italia il detenuto più sfigato ha tv in cella, sky, biliardo e libi a volontà.

Il pentimento (ripeto) deve venire da dentro e non deve essere indotto dall'esterno.

Il detenuto deve sapere che se si pente fa un favore a sé stesso.

 In passato gli strumenti dell'aspirante peccatore pentito erano il cilicio e l'autofustigazione.

Pare funzionassero.

 18/11/2019 18:03:12
Rivoluzione

Rivoluzione15951

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

ilmiozio, fosse come dici tu non saremmo continuamente sanzionati per la violazione dei diritti umani. 

Il quadro che ci diede la direttrice del carcere di Bollate era ben lontano da quello che tu descrivi e, al quale, molti credono. 

 18/11/2019 20:40:13
canardu

canardu113971

CEO

La gente non è abituata a seguire i dati, è abituata a seguire i sentimenti.


Carceri a parte, quello che serve è una popolazione che sia preparata ad analizzare le informazioni in modo oggettivo.


 18/11/2019 11:15:02
FlavioBertamini

FlavioBertamini89234

Dead man walking

canardu, 

Dati + algoritmi = programmi.  

 18/11/2019 11:27:01
canardu

canardu113971

CEO

in risposta a ↑

FlavioBertamini, la mia equazione è differente.


Dati = Ciò che ci racconta la natura attorno a noi

Algoritmi = Inventiva ed intelligenza umana


Da cui 


natura + intelligenza umana = equilibrio tra natura e uomo = monade tecnocratica.

 18/11/2019 11:30:46
-ombretta_

-ombretta_10616

Lovesick

Il carcere, nella mente di buona parte delle persone, non ha una funzione rieducativa, ma punitiva. Le persone devono "pagare" con la sofferenza la sofferenza indotta.

Il ragionamento secondo il quale il criminale redento e rieducato può essere utile nella sua comunità non basta a placare la sete di "vendetta". Vogliono chiuderli dentro e buttare la chiave. 

 18/11/2019 11:28:44
FlavioBertamini

FlavioBertamini89234

Dead man walking

-ombretta_, commento acuto: in questo senso la vendetta e la punizione esemplare sono l'equivalente del "capro espiatorio" di memoria biblica. Il tutto suona molto fariseo: mi fa pensare alla parabola del fariseo e del pubblicano. Il cosiddetto "papa buono" fece clamore proprio per aver visitato un carcere: un gesto davvero evangelico. Stessa cosa LKarol Wojtila, nei confronti di Alì Agca che venne perdonato ancora durante il ricovero del Pontefice. Solo ipocrisia mediatica di una Chiesa avida di denaro? Io credo di no ... Però è un mio personalissimo punto di vista.

 18/11/2019 11:46:31
-ombretta_

-ombretta_10616

Lovesick

in risposta a ↑

FlavioBertamini, non credo neanch'io. Soprattutto quando si parla del papa buono, difficilmente possiamo attribuirgli questo tipo di ipocrisia. Fu una figura piuttosto scomoda, in verità. 

 18/11/2019 11:50:30
pastrank

pastrank42631

Den som är satt i skuld är icke fri

-ombretta_, io non vedo gente cosi' vendicativa, il fatto e' che coloro che compiono i reati piu' visibili alla gente comune semplicemente non vanno in carcere o ci vanno per pochissimo tempo.

 19/11/2019 21:04:37
-ombretta_

-ombretta_10616

Lovesick

in risposta a ↑

pastrank, ti propongo questa discussione su Twitter 


https://twitter.com/LucaBizzarri/status/1200696955782991872?s=19


Quest'uomo in libertà vigilata è intervenuto su di un attentatore. Eppure sono in tantissimi che non vedono possibilità di redenzione, ne per lui ne per nessuno. 


 01/12/2019 08:49:55
FlavioBertamini

FlavioBertamini89234

Dead man walking

in risposta a ↑

-ombretta_, il caso di Londra?

 01/12/2019 09:47:38
pastrank

pastrank42631

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

-ombretta_, mah, le probabilita' che uno sgozzatore di disabili possa diventare utile alla societa' sventando attentati sono piuttosto basse, tanto da essere trascurabili. E alla fine, si torna sempre al discorso delle coperte, la societa' dovrebbe impegnarsi piu' redimere i delinquenti o per tutelare gli onesti, ma non ha mezzi.

Che dovrei dire? Penso che alla gente sapere che un efferato assassino sia fuori fa male, e guardando cosa succede nelle strade disprezzera' sempre piu' la societa', ma non conosco il caso a fondo...

 01/12/2019 10:26:48
-ombretta_

-ombretta_10616

Lovesick

in risposta a ↑

pastrank, era una replica al tuo non vedere gente vendicativa. Cos'è, se non vendetta, chiedere "come minimo il carcere a vita per chi ruba una vita"? mi riferivo ai commenti al post, neanch'io conosco bene il caso, e non voglio prenderlo ad esempio. Le statistiche sono più che sufficienti a stabilire che un carcere con funzione riabilitativa sia più efficace di uno con funzione punitiva. 

 01/12/2019 10:51:35
-ombretta_

-ombretta_10616

Lovesick

in risposta a ↑

FlavioBertamini, si. Ripeto, non voglio prenderlo ad esempio. Volevo porre l'attenzione sui commenti al post. 

 01/12/2019 10:52:57
pastrank

pastrank42631

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

-ombretta_, capito, ma la rieducazione, anche io, la reindirizzerei su chi compie reati di piu' modesta entita'. Altrimenti fai passare il messaggio dell'impunita' o dell'accondiscendenza. Piu' semplicemente, ammazzi la moglie, almeno 20 anni in carcere ci stai, anche se diventi santo nel primo anno di carcere.

 01/12/2019 13:35:06

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader