Rivoluzione

Rivoluzione15236

Business agent for solid waste recycling plants

Il sistema penitenziario italiano non funziona ma non per i motivi che tutti pensano...

Come vado dicendo da anni, dopo aver ascoltato in università la testimonianza dell'allora direttrice del carcere di Bollate, la gente si concentra erroneamente sulla quantità di anni di carcerazione inflitti ad un criminale, credendo che quello sia il fattore fondamentale ma le statistiche non dicono questo!
Il fattore determinante non è la quantità di anni che un criminale trascorre in carcere quanto, piuttosto, quello che avviene in quegli anni e all'interno delle mura del carcere, cosa che in molti non capiscono e non vogliono sentire (Ogni volta che faccio questi ragionamenti sui social, vengono apostrofato nei modi più vari).
Ecco un interessante articolo della Gabanelli che tratta proprio questo argomento:

In totale quindi circa il 29% svolge una mansione, il grosso una tantum, e fa mestieri difficilmente spendibili una volta scontata la pena. Gli altri sono tenuti per anni a giocare a carte o a guardare la tv, e non bastano le lodevoli e pur indispensabili attività culturali date in gestione alle cooperative o quelle del volontariato. Se si esclude il modello avanzato del carcere di Bollate, dove su 1.288 detenuti lavorano in 500, e il tasso di recidiva non supera il 18%, il risultato è un costo sociale incalcolabile.
Le statistiche sono chiare: il 68,4% di chi non ha svolto nessuna attività torna a delinquere, il tasso si riduce all’1% per chi è stato inserito in un circuito produttivo.

 06/11/2019 11:51:45 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
89 commenti

Pura curiosità : da chi sei stato apostrofato su ciò? Anche in Quag (mi risulterebbe decisamente strano)?

La questione non è neppure di destra o di sinistra, è una questione di buona organizzazione e buon senso logico, razionale.


Mi hanno raccontato : anni fa qui da noi arrivò un grosso gruppo di lavoratori. Il loro compito era di pulire gli argini dei fiumi da alberi, ramaglie e schifezze varie. Un lavoro duro e leggermente pericoloso. Erano tutti dei detenuti. Mi hanno raccontato, che non hanno creato problemi, hanno lavorato bene ed erano pure contenti.

 06/11/2019 13:34:12
Rivoluzione

Rivoluzione15236

Business agent for solid waste recycling plants

Sanguanel, concordo! Non è una questione di destra o di sinistra ma di mero buon senso!
Sono stato apostrofato da diversi utenti di Yahoo! dai quali, a cadenza regolare, mi becco del comunista, buonista, sinistrato ecc. quando io non mi sono mai identificato in quella corrente politica!
Pure un ex-amico mi diceva che era diventato di sinistra quando parlavamo di queste questioni ed esponevo questo punto di vista.

 06/11/2019 16:50:58
in risposta a ↑

Rivoluzione, ah, Yahoo! 

Ometto i commenti, non sarei gentile.

Ma da quello che sento, lentamente Quora (di gran successo storico) sta diventando allo stesso livello.

 06/11/2019 17:29:46
Rivoluzione

Rivoluzione15236

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

Sanguanel, Quora lo seguo da poco tempo quindi non posso esprimermi. Non so quale fosse il livello in passato.

 07/11/2019 08:22:52
in risposta a ↑

Rivoluzione, attendiamo un tuo resoconto del presente allora, alla prossima.

 07/11/2019 09:18:54
roberto962

roberto96237771

"è difficile restare arrabbiati..."

Ci spiegano di più quei 10 minuti settimanali della Gabanelli che ore e ore di TG di regime, per non parlare dei talk show. I metodi alternativi per trovare e impiegare le risorse ci sono. Noi non lo sappiamo, o solo in parte, ma chi promette mari e monti per i voti, forse dovrebbe impegnarsi di più, studiare, confrontarsi, e andare un po’ meno a fare il narciso su TV, rete e nelle piazze.  

 06/11/2019 16:44:43
Dianissima

Dianissima74771

Artista e poetessa

Sono d'accordo, in Italia dovrebbe essere mutuato il sistema carcerario tedesco. Ho visto, qualche anno fa, una interessante trasmissione sulle carceri tedesche, dove tutti i  carcerati lavorano per pagarsi i costi della detenzione. Così, oltre ad essere impegnati, non si spendono soldi della comunità per il loro mantenimento.

 08/11/2019 13:22:37
Rivoluzione

Rivoluzione15236

Business agent for solid waste recycling plants

Dianissima, e apprendono un mestiere che, potenzialmente, li terrà lontani dalla vita criminale!

 08/11/2019 13:48:32
FlavioBertamini

FlavioBertamini85459

Dead man walking

Dianissima, tutti? Funziona meglio del nostro RdC!!!

 10/11/2019 04:39:42
Dianissima

Dianissima74771

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FlavioBertamini, io ho capito che, in Germania, lavorino tutti per pagarsi le spese di detenzione, ma non so come siano organizzati per un sistema che sembrerebbe ottimo e giusto. Proverò di approfondire perché l'idea è valida. 

 10/11/2019 18:33:31
FlavioBertamini

FlavioBertamini85459

Dead man walking

in risposta a ↑

Dianissima, forse dovresti leggere anche l'articolo del post. Tra l'altro non ci sono comparazioni tra le popolazioni carcerarie nei diversi paesi, % di migranti ecc... L'articolo dice però che il costo medio di detenzione in Italia è di 4.000 €/ mese ...

 10/11/2019 18:39:01
Dianissima

Dianissima74771

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FlavioBertamini, davvero una cifra alta che sarebbe giusto pagassero, col lavoro, i carcerati. Però non ho mica capito che c'entra se non ci sono comparazioni nell'articolo. La comparazione l'ho fatta io nel mio commento.

 10/11/2019 18:42:20
FlavioBertamini

FlavioBertamini85459

Dead man walking

in risposta a ↑

Dianissima, dai dati si ricava ad es. che in Italia circa 1/1000 della pop.tot. è in carcere e di questi, 1/3 è straniero. Come stanno le cose in Germania, Francia ecc.?

 10/11/2019 19:09:20
ciro_andreotti

ciro_andreotti30861

Lavoro un po'ovunque.... Basta che mi paghino

L'idea che il carcere serva per redimere credo che sia un fallimento concettuale iniziale. Si redime quello che vuole redimersi

 08/11/2019 13:42:27
Rivoluzione

Rivoluzione15236

Business agent for solid waste recycling plants

ciro_andreotti, quindi come spieghi le statistiche che espone la Gabanelli?

 08/11/2019 13:47:57
roberto962

roberto96237771

"è difficile restare arrabbiati..."

ciro_andreotti, Giusto, d’altra parte chi lo vorrebbe, dovrebbe trovare le condizioni minime. Cosa di cui abbiamo buoni motivi per dubitare.

 08/11/2019 17:38:43
RobertoMontanari

RobertoMontanari99704

Naufrago

Io penso che pochissimi di noi possono avere una idea del carcere, semplicemente perché non ci siamo stati.

Io in carcere non ci sono mai stato, ma quella volta che mi è capitato di essere in un processo, mi sono chiesto: "Ma cavoli... è questo un processo ?"

Sì, perché l'idea che ci si fa leggendo, o guardando la TV, non ha nulla a che fare con la realtà.

Quando si dice: "ci vorrebbe il carcere" in effetti ripetiamo a pappagallo una frase fatta, e non sappiamo cosa stiamo dicendo.

Sicuramente la piccola inchiesta della Gabanelli aiuta ad avere consapevolezza.

Non ho gran che da aggiungere, salvo una mia esperienza.. "collaterale"

Un giorno per lavoro ero a Roma, ed avevo trovato la camera vicino a Rebibbia.

Dopo cena, come il solito, ho fatto una passeggiata, e sono finito sotto le mura del carcere.

Non so se lo conoscete; è grandissimo (ma così in Italia ce ne sono un sacco)

Dentro qualcosa come 1500 detenuti

Tutto attorno silenzio, c'ero solo io, ed un sacco di luci ad illuminare il nulla

Per un attimo sono stato invaso da uno stato d'animo indescrivibile

un'amarezza disperata

Cosa può passare di positivo, nella testa del detenuto ?






 08/11/2019 17:20:19

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader