Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

La vera emergenza del paese ma si preferisce parlare di altro

I dati mostrano chiaramente la situazione disastrosa in cui versa questo paese da almeno 10 anni a questa parte.
Il dissanguamento che l'Italia sta subendo non ha solo impatti nell'immediato (Perdita di forza lavoro, spesso qualificato, rispetto al quale lo Stato e le famiglie hanno fatto investimenti per formarlo) ma ha anche un potenziale effetto devastante nel lungo termine.
Da anni si parla del calo demografico e dell'invecchiamento della popolazione. A tutto questo si è aggiunga l'emorragia di giovani che da almeno un decennio stiamo subendo e la politica cosa fa?
Anziché occuparsi di questa emergenza, emergenza vera e reale, si occupa di tutt'altro, di finte emergenze che generano inutile allarmismo, distolgono le masse dai veri problemi e, di conseguenza, non richiedono ai politici la capacità reale di riformare il paese per salvarlo dal baratro in cui si sta infilando.

 15/10/2019 14:57:16 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
81 commenti
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

Quante sono le vere emergenze del "bel" Paese? Cito dati Istat ufficiali: la popolazione in Lombardia, Veneto e T.A.A. ( ed Emilia R.) sta crescendo. anche se per merito degli stranieri: questo significa che è in atto un processo di "sostituzione", mentre al centro sud e isole è in atto un vero spopolamento. Nel Molise sono diminuiti pure gli stranieri. Ma il bilancio migratorio verso l'estero degli Italiani vede il nord protagonista. Si dovrebbe desumere quindi che il sud si spopola prevalentemente per migrazioni interne.

Poi è all'ordine del giorno leggere articoli dove ad esempio un giovane ingegnere si vede offrire 1000€ di stipendio in Italia, e decide di emigrare trovando interlocutori più interessanti. Ma come vedi anche questo governo prepara una "stangata" aumentando le sigarette, tasse sui giochi ecc. Ma delle tante emergenze, come i precedenti governi, non ne affronta una.

 15/10/2019 18:10:59
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

FlavioBertamini, personalmente ritengono che l'unica salvezza per questo paese sia una cura shock, un taglio netto, deciso, brutale della spesa pubblica. Ovviamente una manovra del genere, genera un effetto depressivo nel breve periodo e questo suscita malcontento e, in Italia, non c'è nessun partito e nessun politico che abbia le palle per farsi carico del malcontento popolare.
E' un po' come avere a che fare con un malato grave che, sino ad ora, è stato curato con palliativi. La cura vera, però, non gliel'hanno mai somministrata. Il risultato è che sta sempre peggio e i palliativi fanno sempre meno effetto e la cura a cui dovrebbe sottoporsi diventa sempre più pesante.
Tagliere in maniera drastica la spesa in modo tale da recuperare risorse con cui ridurre, progressivamente, l'indebitamento del paese. Se in 5 anni passassimo dal 135% di debito al 120%, quanto andremmo a risparmiare sul rifinanziamo dello stesso? Penso diversi miliardi di Euro all'anno. Così si farebbero saltar fuori le risorse necessarie per ridurre la pressione fiscale, riduzione di cui questo paese ha un disperato bisogno!
Ma un conto è ridurre la pressione fiscale a fronte di un risparmio nella spesa pubblica strutturale, un altro è voler tagliare le tasse facendo ancora più debito, come vorrebbe il legaiolo! 

 15/10/2019 19:28:42 (modificato)
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Rivoluzione, in quali settori vorresti tagliare? Ti aspetti di ridurre personale? Pensi alle ondate di scioperi?


Poi, se usi la metafora delle "cure palliative", dovresti sapere che la diagnosi a monte è di quelle che non lasciano scampo ...

 15/10/2019 19:37:52
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

FlavioBertamini, oh sì tagli a tutti i livelli: tagli al personale, soprattutto in quelle regioni che sono, di fatto, già fallite e che hanno assunto (Lo sappiamo tutti) migliaia di persone in modo clientelare e hanno una quantità di personale, alle volte, tripla rispetto a regioni settentrionali con pari numero di abitanti!
Potremmo continuare con la sanità in cui, di nuovo, abbiamo regioni con una sanità pubblica che sfiora i livelli del terzo mondo a fronte di costi che sono a dir poco esosi.
A questo ci aggiungerei l'abolizione delle province e la creazione delle città metropolitane.
Taglierei i sussidi alle imprese (Parliamo di almeno 20 miliardi di Euro).
Andrebbe poi riformato il mercato del lavoro e il sistema di istruzione.
Facessimo queste 4 o 5 cose elementari, magari introducendo un federalismo vero, tipo quello tedesco, e avremmo già fatto passi in avanti mostruosi! Sono tutte riforme che avremmo dovuto fare in questi 20 anni e che non abbiamo fatto.

Non ho capito la tua ultima osservazione. Cosa intendi per: "La diagnosi a monte è di quelle che non lasciano scampo ..."

 15/10/2019 21:32:33
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Rivoluzione, tipo un tumore con metastasi ...

 16/10/2019 02:26:14
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

FlavioBertamini, vuoi dire che, a tuo parere, questo è paese senza speranza?

 16/10/2019 06:54:52
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Rivoluzione, temo che nessuno possa aspirare ad avere una maggioranza di governo con un programma come il tuo, almeno per qualche anno...

 16/10/2019 07:17:41
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

FlavioBertamini, temo che non avrò mai la maggioranza e gli effetti di questa mentalità sono sotto gli occhi di tutti ma l'italiota medio non lo capisce.

 16/10/2019 08:23:33
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Rivoluzione, la maggior parte delle spese dello stato e' per stipendi e pensioni, e da qui bisogna partire.

 18/10/2019 00:34:07
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

pastrank, infatti lo Stato è il primo datore di lavoro in Italia

 18/10/2019 05:45:17
Animantica

Animantica9341

Meditazione, trattamenti vibrazionali

FlavioBertamini, Non avete capito che l’unico modo che ha l’Italia per uscire dallo strozzinaggio è un lavoro diplomatico in Europa. È Quello che cerca di fare Conte. Abbiamo un Italia sotto strozzinaggio che per quanto denaro versa alla Germania il suo debito aumenta. Ricordatevi inoltre che la Germania ha il medesimo debito pubblico ma ció che gli italiani non capiscono è che la finanza si basa sul debito. In termini di investimento oggi chi ha un debito non è disagiato rispetto a chi non ce l’ha perchè le banche servono a creare debito e a trasformare quella mancanza in opportunità di guadagno.

 25/10/2019 08:23:51
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Animantica, ho fatto un post sull'argomento (all'incirca): ci sono 1400 mld €, liquidi su cui perdiamo 35 mld all'anno solo di inflazione, secondo un mio calcolo molto rozzo.

La fonte citata è un articolo de Il Sole 24h. Cerca in #Finanza ...

 25/10/2019 10:07:47
Animantica

Animantica9341

Meditazione, trattamenti vibrazionali

in risposta a ↑

FlavioBertamini, il problema è che non sono soldi veri per cui vengono manipolati dalle banche. Ogni volta che noi usiamo le carte stiamo giocando ad un videogame che si basa su calcoli matematici. Lo spread, l’inflazione sono termini creati da chi gestisce il potere. Non riusciremo mai a pagare un debito con l’europaperchè l’europa Non esiste come comunità europea. 

 27/10/2019 21:42:57
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Animantica, il debito non lo devi ripagare all'Europa, ma a chi compra i titoli italiani.

 28/10/2019 00:11:12
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Animantica, io parlavo di contante e simili. Se usi contante o card (ecc.) , oltre all'inflazione ci possono essere Iva e altre tasse e/o accise. Proprio ieri mi dicevano ad es. che le sigarette hanno un costo di produz. medio di 0,8€ e vengono vendute a c.ca 5€. Quindi 4,2€ sono "tasse". Il sale ha Iva al 22%, poi c'è carburante, giochi ... tanti altri prodotti molto tassati. Con le card, c'è un costo per ogni transazione (tassato?), e pure un piccolo c.c ha un costo annuo anche se non ci fossero movimenti. Tutti fattori che incidono ben più dell'inflazione per le tasche del cittadino medio. Ma questo, di per sè, agisce sulla ricchezza privata dei cittadini, non sul debito pubblico, più o meno pagabile. Certamente la tassazione è conseguenza anche del debito.

Ps: da "non esperto" chiedo venia se ci sono imprecisioni.

 28/10/2019 06:58:32
Warmuser

Warmuser9871

Io sono qualcuno.

Fanno bene, io sarò uno di loro. Non c'è futuro in un paese del genere. 

 16/10/2019 07:50:40
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

Warmuser, e questo non è profondamente triste?
Io ho studiato all'estero quindi non ho nulla contro di vuole fare esperienze altrove ma un conto è farlo per scelta un altro è farlo perché qui non ci sono opportunità e la gente scappa!

 16/10/2019 08:24:23
Warmuser

Warmuser9871

Io sono qualcuno.

in risposta a ↑

Rivoluzione, no, tutto il mondo è paese, viverla con filosofia è l' importante. In italia possono tornarci quando vogliono, personalmente non ci metterò più piede una volta fuori. Ma il mio caso è personale, sono nel posto sbagliato, dove vivo male a causa di troppi fattori limitanti. Questa non è vita. Quindi, per me è liberatorio andare via da qua. Non vedo l' ora!

 16/10/2019 08:57:34
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Rivoluzione, attualmente fare studiare la gente in Italia sta diventando un debito... spendiamo soldi per formare giovani che poi andranno a lavorare e a farci concorrenza all'estero, per sostituirli, secondo gli ottimisti, con i migranti economici che arrivano dall'Africa, ma a cui e' difficile far fare anche lavori semplici (non c'entra il razzismo: ma non essendo legati all'ambiente rischi di addestrarli quel poco per vederli sparire dopo due o tre mesi).

 18/10/2019 00:42:32
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

pastrank, esatto. I paesi esteri che non hanno speso un solo Euro per formarli, traggono tutti i vantaggi. L'Italia che ha investito nella loro formazione li vede scappare. Così una intera generazione sta andando persa. Già abbia una delle popolazioni più vecchie d'Europa, se poi si somma pure la fuga all'estero dei giovani che rimangono... 

 18/10/2019 05:50:26
Dianissima

Dianissima75141

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Rivoluzione, del resto, meglio che ci siano possibilità all'estero che non averne di possibilità di lavoro. Siamo un paese di tanti emigranti, siamo andati ben molto più lontano che in Europa, e siamo sopravvissuti a periodi peggiori di questo come guerre e dittatura. Lavorare all'estero può anche dare opportunità di conoscenza e autonomia che, spesso, in Italia, a casa con i genitori, non si hanno.

 18/10/2019 11:42:54
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

Dianissima, il problema non è di chi se ne va, il problema è per il paese che perde queste risorse e non riesce a rimpiazzarle con altre altrettanto qualificate. Non importiamo, infatti, laureati ma analfabeti. 

Inoltre, gli italiani che vanno all'estero, spesso, non lo fanno per scelta ma per disperazione! Questo è un problema evidente che dimostra quanto sta andando male la nostra economia. 

Nei primi del '900 perdevano una quantità di persone molto maggiore ma anche il tasso di natalità era molto ma molto più elevato. Quindi non si può fare un raffronto diretto ma va ponderato. Per tutte queste ragioni, la situazione è grave. 

 18/10/2019 18:34:58
Eirene

Eirene136336

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

Consiglio di rivedere su Raiplay la puntata di" Cartabianca" andata in onda il 15 Ottobre, dove in tarda serata si è parlato proprio dell'argomento postato da @Rivoluzione ; in particolare, è andato in onda un servizio relativo a nostri connazionali che sono stati costretti ad andare a lavorare in Albania, perchè in Italia non c'erano opportunità.

 16/10/2019 07:56:25
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

Eirene, l'ho pubblicato anche su Linkedin (Non ha riscosso grande successo...)

 16/10/2019 08:25:20
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

Eirene, credo che molti abbiano visto il match Matteo vs. Matteo condito da qual gran ciambellano di Porta a Porta. E di cui mi schifa anche leggere i commenti sulla stampa ...

 16/10/2019 09:04:14
Eirene

Eirene136336

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

in risposta a ↑

FlavioBertamini, immagino   

 16/10/2019 09:29:24
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

FlavioBertamini, due nullità alla disperata ricerca di visibilità. Contenuti zero. Tanti slogan.

 16/10/2019 09:40:44
FrancescoFrank

FrancescoFrank178736

Organizzazione eventi culturali

Se l'Italia fosse un paese governato da gente con un cervello il tuo post avrebbe un senso, ma non é cosí e non lo sarà mai. Inutile porsi questa domanda, non frega niente a nessuno politico. Nessuno

 16/10/2019 11:15:08
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

FrancescoFrank, politici eletti da chi?  

Chi è causa del suo mal, pianga se stesso.

 16/10/2019 20:02:59
Dianissima

Dianissima75141

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FlavioBertamini, oddio, è da diversi anni che, anche se si vota è come non averlo fatto, tanto governa chi non è stato eletto, è non è polemica, solo realtà dei fatti. Sono sempre più dubbiosa sul fatto che il voto, in Italia, valga ancora a qualcosa. 

 18/10/2019 11:30:38
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Dianissima, però intanto sono uscite due proposte (ho letto solo i titoli): 1) alcuni vorrebbero abbassare l'età per il diritto al voto a 16 anni. 2) Beppe Grillo ha proposto di togliere agli anziani il diritto di voto.

Cosa c'è da pensare?

 18/10/2019 17:44:36
Dianissima

Dianissima75141

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FlavioBertamini, per i 16 anni ci si può ragionare, ma non lo trovo necessario. Per gli anziani mi sembra molto offensivo. Non ho simpatia per Grillo. 

 18/10/2019 17:47:19
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Ecco un video in proposito:



 18/10/2019 17:51:36
FlavioBertamini

FlavioBertamini85619

Dead man walking

in risposta a ↑

Dianissima, non credo che sia logico far votare persone minorenni. Se hai diritto di decidere per gli altri, a maggior ragione devi essere totalmente responsabile di te stesso, nel bene e nel male ... Se poi vogliono modificare anche questo aspetto ...

 18/10/2019 17:56:06
gnommywave

gnommywave6586

Game Sound Designer

Fosse questa la vera emergenza...

 16/10/2019 12:16:16
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

gnommywave, e quale sarebbe, secondo te?
Se non è una emergenza la massiccia perdita di forza lavoro giovane e qualificata che va ad aggravare il profilo futuro di questo paese e che mette a serio rischio gli equilibri finanziari del paese e del sistema pensionistico...

 16/10/2019 13:03:23
gnommywave

gnommywave6586

Game Sound Designer

in risposta a ↑

Rivoluzione, personalmente non mi interessa dove gli italiani se ne vanno, e il motivo per cui lo fanno. Io anche farei lo stesso se avessi l'occasione.

Questi sono "problemi" secondari, a confronto con problemi più gravi a livello mondiale.

 25/10/2019 12:18:36
Rivoluzione

Rivoluzione15271

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

gnommywave, di nuovo: ovviamente sto guardando la questione dal punto di vista del nostro Stato che perde risorse importanti su cui ha investito dei soldi per garantirgli una formazione.
Il fatto, poi, che ci siano paesi messi peggio di noi non è mai una giustificazione o motivo valido per rallegrarsi della propria situazione. Questo è la mentalità tipica di questo paese. Siccome in Africa o in America latina stanno peggio di noi, allora noi non siamo poi messi così male, quindi possiamo continuare a non fare nulla e stare con le mani in mano e, così facendo, siamo arrivato alla situazione attuale.
Io vorrei vivere in un paese che guarda ai paesi messi meglio di noi e che ha l'ambizione, il coraggio e la forza per provare a raggiungerli e batterli. Si tratta di cambiare paradigma in maniera radicale.

 25/10/2019 12:27:21

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader