Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

Il bacio di Giuda degli Stati Uniti: quando gli autoproclamati paladini della libertà e della giustizia, i gendarmi dell'umanità, mostrano il loro vero volto

Il bacio di Giuda degli Stati Uniti: quando gli autoproclamati paladini della libertà e della giustizia, i gendarmi dell'umanità, mostrano il loro vero volto

L'evangelista Luca ci riferisce che Cristo, quando venne tradito da Giuda, pronunciò queste parole: "Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tradisci il Figlio dell'uomo?»."
Non posso che pensare a questo famosissimo episodio mentre sento le notizie che giungono dal Medio Oriente e di come, i presunti paladini dell'umanità, quelli che amano dare lezioni morali al mondo intero, quelli che hanno minacciato per anni la Siria di annientamento per aver (Forse) violato il diritto internazionale, abbiano tradito e svenduto i curdi, lasciandoli alla mercé dei turchi, popolo che da sempre anela la loro distruzione.
Il territorio di uno stato sovrano (La Siria) è stato violato (Violazione del diritto internazionale) e un popolo rischia di subire una pulizia etnica sotto gli occhi del mondo che rimane inerme.
Non posso che vedere in questo episodio l'ennesima riprova dell'ipocrisia della retorica atlantista, una ipocrisia che mi ha sempre dato il voltastomaco. 
Ancora non capisco come facciano ad esserci persone (Opinionisti e politici in testa) che continuano a credere a detta retorica.
Gli USA non sono migliori degli altri. Non si muovono nell'arena internazionale per nobili fini (Come vorrebbero farci credere) ma solo per interessi politici, strategici ed economici. Non hanno quindi alcun diritto di dare lezioni morali ad alcuno.

 10/10/2019 14:22:34 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
36 commenti
RobertoMontanari

RobertoMontanari99199

Naufrago

Putin non sembra neppure lui darsi molto da fare per salvare i Curdi

Credo che potrebbe commentare qualcosa del tipo: "Nessuno ti ha spiegato la complessità della situazione".

Il fatto è che se le varie etnie arabe si scannano tra di loro, a tutti gli altri può far solo piacere.

Quando si renderanno conto che è questa la situazione, e torneranno a far fronte comune, credo che cominceranno guai grossi


NB. splendido il quadro che hai scelto... di chi è ?

 10/10/2019 15:38:28
Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

RobertoMontanari, Vero ma con il mio post volevo concentrarmi sulla eclatante ipocrisia degli Stati Uniti che squalifica completamente la retorica con la quale cercando di giustificare le proprie azioni.
Non puoi minacciare la Siria e l'Iran, in nome del diritto internazionale, della giustizia, della sicurezza ecc. e poi quando i tuoi alleati fanno ben di peggio (Vedi i crimini di cui si è macchiata l'Arabia Saudita nello Yemen e ora la possibile pulizia etnica dei curdi per mano dei turchi) perché questa è ipocrisia ed è qualcosa che mi fa ribollire il sangue!

Il quadro credo sia un Caravaggio.
Avrei potuto citare anche il "Tu quoque Brute fili mi" di Cesare .

 10/10/2019 15:48:46
RobertoMontanari

RobertoMontanari99199

Naufrago

in risposta a ↑

Rivoluzione, la luce era la sua, ma mi sembrava impossibile una composizione della scena così moderna, immaginata nel 1600 !   Non so perché, la drammaticità mi ricordava il Guernica di Picasso.


Tornando al tema, credo che la sfacciataggine maggiore sia stato ricordare che i Curdi non aiutarono gli alleati nello sbarco in Normandia.

Ma che c'azzecca ?!

 10/10/2019 17:14:41
Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

RobertoMontanari, non sono uno storico dell'arte ma mi pare di ricordare che Caravaggio abbia modernizzato in modo significativo la pittura. 


Sulle sparate di Trump e il suo maldestro tentativo di giustificare il tradimento degli USA è meglio stendere un velo pietoso... 

 11/10/2019 04:01:23
FrancescoFrank

FrancescoFrank176516

Organizzazione eventi culturali

Ogni giorno mi capita di pensare a tutta questa gente innocente e coraggiosa stritolata e uccisa da quella che immagino come un'orrenda macchina di morte (statunitense, russa, europea..). E lo schifo e la pena mi assalgono. 

 10/10/2019 22:42:45
FlavioBertamini

FlavioBertamini83934

Dead man walking

Il politically correct vuole che gli Usa siano ottimi "esportatori di democrazia" grazie alle loro "armi intelligenti", che usano in "interventi o conflitti chirurgici", nel quadro do una "strategia di peace keeping". e qualche presidente forgia etichette quali "paesi canaglia" o "asse del male" per definire gli avversari. Ma non è una novità: dai tempi di Ramsete II, si scrive per indottrinare le masse e renderle docili ed acquiescenti: maestri in questo i Romani. Ad es.: ho letto che l'Eritrea, esporta giovani donne nei paesi arabi, come colf, sapendo che sono molto apprezzate dai nababbi del petrolio anche per altri scopi. Un mercato degli schiavi vero e proprio! Però questa cosa non interessa nessuno, nemmeno le femministe dei paesi occidentali!

 11/10/2019 06:18:05
Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

FlavioBertamini, questa delle donne eritree non la sapevo.
Avevo letto di donne etiopi che si recano in Arabia Saudita come inservienti per poi scoprire che viene loro sottratto il passaporto, in modo tale che non possano tornare nel loro paese. Una volta private dei documenti, vengono fatte oggetto di ogni possibile sorta di violenza. Si parlava di donne prese a cinghiate dagli uomini sauditi...

 11/10/2019 15:39:48 (modificato)
Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

FlavioBertamini, è vero che tutte le potenze hanno usato la propaganda per giustificare il proprio agire ma credo che nessuno abbiamo mai raggiungo i livello di ipocrisia raggiunti dagli USA!
Non puoi capire il livore che mi assale quando li sento ergersi a paladini della giustizia e moralizzatori dell'intera umanità e quando, politici e opinionisti vari, fanno da megafono a questa vile propaganda!
Ma non si rendono conto di quanto è falso e ipocrita il comportamento dei loro amici e idoli? Ma come fanno a non vederla?

 11/10/2019 15:44:43
Tommy

Tommy30666

Fai bene a mettere in evidenza l'ipocrisia degli Stati Uniti.


Ma non fermarti a questo, altrimenti rischi di guardare la realtà "con un occhio solo" (direbbe maestro Zen).


Con un occhio solo non si vede la profondità.

E le parole pronunciate a livello internazionale hanno una profondità maggiore del discorso comune.


Tutti coloro che guardano con un occhio solo vedono solo una faccia della medaglia, ma la medaglia ha due facce.


Anzi non è neppure una medaglia, è un diamante con molte facce.

Un diamante i cui riflessi accecano chi si limita a guardare una faccia.


Sì, sì, un diamante, perché la realtà (intesa come ciò che è) è preziosa più di ogni altra cosa.

E spesso "io-noi" dimentichiamo di esserne soltanto frammento.


Ok, la metafora è finita.


Fai bene a mettere in evidenza l'ipocrisia degli Stati Uniti.


 11/10/2019 06:34:13
PaoloVincenti

PaoloVincenti30706

Stratega del vuoto - SMM

I curdi si sono alleati con gli Stati Uniti, sperando in una sconfitta di Assad e sperando di avere in cambio, come ricompensa, un pezzetto di Siria dove poter costituire uno stato automo. Stretta di mano e via. Hanno scommesso tutto sulla sconfitta di Assad e sullo smembramento della Siria. Ma questo non è avvenuto e loro sono rimasti fregati. Adesso sono stati abbandonati al loro destino e di certo non possono chiedere l'aiuto né di Assad né di Putin. Se poi sperano nell'UE possono tranquillamente morire tutti.

 11/10/2019 06:42:08
Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

PaoloVincenti, anche se Assad fosse caduto, la Turchia sarebbe intervenuta perché non può permettere che in Siria e/o in Iraq i curdi ottengano autonomia perché questo aprirebbe pericolosi scenari per il suo paese!
Se poi aggiungiamo che l'area in cui i curdi vivono in Siria e in Iraq è ricca di pozzi petroliferi...

 11/10/2019 15:42:09

PaoloVincenti, tutto qui il frutto del tuo sapere/intervento? ...

 11/10/2019 19:52:23
Rivoluzione

Rivoluzione14921

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

AntonioAtzeni, sembri deluso. Come mai? 

 11/10/2019 21:49:14
PaoloVincenti

PaoloVincenti30706

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

AntonioAtzeni, a che cosa ti riferisci? La mia è una semplice constatazione di una realtà di fatto. Possiamo metterci a ripercorrere gli ultimi 100 anni della questione curda, lamentarci della volontà turca di eradicare come popolo tanto i Curdi quanto gli Armeni, stracciarci le vesti di fronte al cinismo spietato della politica internazionale... Gli USA li hanno usati per i propri scopi, su questo non c'è alcun dubbio. 

A rigore di logica la nascita di uno Stato curdo indipendente (a cavallo dei confini di 4 nazioni: Iraq, Siria, Turchia e Iran) sembrerebbe sacrosanta, e istintivamente non esiterei un attimo a darle sostegno. Ma c'è comunque un "ma" grosso come una casa. La cartina politica di ogni singolo Stato di questa regione è il risultato dell'incontro tra gli ultimi imperi musulmani e l'imperialismo britannico (e, in misura minore, quello francese). Iraq, Siria, Turchia e Iran non sono nazioni omogenee così come noi le intendiamo: sono un mosaico di lingue, culture e popoli, frutto della loro storia post-coloniale. Se si volesse riconoscere il pieno diritto all'indipendenza curda, sarebbe poi necessario fare i conti con tutte le altre etnie: le quattro nazioni sarebbero presto polverizzate in tanti piccoli staterelli etnicamente puri fatti di arabi, turchi, baluchi, persiani, turkmeni, yazidi e azeri (per fermarsi solo alle etnie principali), con confini disegnati in maniera estremamente caotica. Chi trarrebbe vantaggio da questa ulteriore "israelizzazione" del Medio Oriente? I popoli coinvolti avrebbero ricadute positive sotto il profilo della pace, della giustizia, della democrazia e della prosperità? Intrappolare i curdi in un sistema di bizzarre enclavi indipendenti a macchia di leopardo riprodurrebbe rapidamente la medesima situazione di perenne tensione etnico-religiosa che vediamo da decenni in Palestina e nel Caucaso. 

Sono un convinto sostenitore delle aspirazioni curde, ma mi domando se queste non trovino un loro sbocco più razionale ed efficace in un'autonomia realizzata e nell'emancipazione attraverso le libertà civili: in questo modo libererebbero la loro causa dal nazionalismo etnico e costituirebbero un esempio e un riferimento per tutti gli altri popoli che condividono il medesimo fato.

 11/10/2019 21:56:42
in risposta a ↑

PaoloVincenti, mille grazie!


@Rivoluzione, ho sempre letto interventi esaustivi da parte di Paolo.

 12/10/2019 01:11:45

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader