La religione Cristiana può andare di pari passo con il progresso oppure i cambiamenti culturali ci porteranno ad allontanarci dalla religione

Premetto che non mi identifico in alcuna determinata posizione (ateismo o altro), tuttavia ho alcune perplessità  riguardo la religione Cristiana (cui la mia famiglia mi ha avviato), soprattutto per quanto concerne il rapporto tra ciò che è espresso in alcuni passi dell’Antico Testamento e il progresso inteso in vari ambiti, da quello sociale a quello scientifico. A scaturire la mia riflessione è stato un commento che ho letto su Quag in cui le vaste dimensioni dell’universo venivano addotte come motivo per cui si debba credere nell’esistenza di Dio, attraverso il pensiero secondo cui l’uomo non può essere al centro dell’universo. Ma tale ragionamento non potrebbe anche essere orientato in senso opposto? Ossia: nella Bibbia è scritto che “Dio ha creato l’uomo a propria immagine e somiglianza” e Dio, nell’infinita grandezza dell’universo, si è rivelato a quell’essere infinitamente piccolo che è l’uomo; il fatto che l’uomo, dopo gli angeli, sia la creatura più vicina a Dio, essendo Dio perfezione, implicherebbe una sorta di gerarchia secondo cui l’uomo è superiore alle altre creature viventi, le quali a loro volta sono superiori alla materia inanimata. Come si può interpretare ciò alla luce della conoscenza dell’enormità dell’universo? 

A suscitarmi perplessità ci sono poi le “interferenze” della religione nell’ambito della scienza, ne reputo un esempio attuale i tentativi di screditare la teoria sull’evoluzione delle specie a favore del ritorno al creazionismo (che aderisce meglio al modello di origine delle specie proposto nella Genesi) adducendo argomentazioni a mio avviso (per quanto la mia formazione culturale non tanto elevata di studente frequentante un 4º superiore possa consentire di esprimere un’opinione in merito) fallaci e privi di fondamento scientifico. Quale dovrebbe essere il rapporto tra religione e scienza? Fino a che livello si può leggere la Bibbia alla lettera? Se la risposta è che non si può, poiché si deve considerare il basso livello culturale dei popoli in cui è stata scritta e la loro tendenza ad esprimersi per immagini, qual è il confine tra ciò che è interpretabile e ciò che non lo è? In base a cosa possiamo noi stabilirlo? D’altra parte come può una religione in conflitto con la scienza fare parte di una società moderna?

Un altro aspetto che comprendo poco è il contrasto tra religione Cristiana e omosessualità, non si può infatti negare che nella Bibbia essa è definita 2 volte come “abominio” e comunque contraria alla natura. Ma, a parte il fatto che è presente anche in altre specie animali, come può essere definito contro natura un comportamento che, di fatto, è dovuto ad un’emozione non controllata (nel senso che non si può scegliere né per chi avere attrazione fisica né per chi provare amore) e quindi, si presuppone, dettata da un impulso naturale, sia che si ritenga conseguenza di fattori biologici, sia che si consideri la causa nella psiche? Perché un giudizio tanto forte quale “abominio”? È un aspetto della Bibbia da interpretare in modo diverso o il motivo sta nel fatto che l’atto sessuale deve essere esclusivamente funzionale alla procreazione? Ma quindi anche usare i contraccettivi è abominio? Come si può applicare ciò alla società attuale?

 09/09/2019 18:07:06 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
24 commenti
canardu

canardu109956

CEO, Amministratore Delegato

Guarda, chi crede in qualcosa troverà ogni scusa buona per continuare a crederci.


La terra è piatta e al centro dell'universo? Dio esiste.

La terra è tonda e non è il centro di niente? Allora dio esiste.

La volta celeste è una proiezione sulla sfera di diamanti che copre la terra piatta? Dio esiste.

L'universo è enorme? Allora dio esiste.

L'universo è in espansione? Allora dio esiste.

L'universo è eterno? Allora dio esiste.

L'universo ha avuto un origine? allora dio esiste.

L'universo è condannato alla morte termica? allora dio esiste


E così via...


purtroppo quando la gente si basa sul "mi sembra che... allora dio esiste" è inutile discuterci.

 10/09/2019 08:26:45

canardu, condivido la tua opinione perché, fino a qualche anno fa, facevo parte di questa categoria. Credo però che tale atteggiamento non rifletta tanto una ferma convinzione quanto un bisogno di ignorare ogni dubbio attraverso la ricerca di continue conferme. Mettere in discussione (non intendo dire cambiare opinione) ciò che ci viene presentato come ovvio fin dalla nascita può sembrare ridicolo o scomodo, tuttavia giudico la chiusura mentale inopportuna in ogni circostanza: mi riferisco a coloro che evitano ogni domanda con un “non è come dici tu” oppure “è meglio credere in Dio per poi scoprire, al momento della morte, che non esiste piuttosto che vivere come se non esistesse e scoprire che invece esiste”

 10/09/2019 09:34:44
canardu

canardu109956

CEO, Amministratore Delegato

in risposta a ↑
Aria02, “è meglio credere in Dio per poi scoprire, al momento della morte, che non esiste piuttosto che vivere come se non esistesse e scoprire che invece esiste”


Quella è la così detta scommessa di Pascal che ha un sacco di problemi a livello logico:


https://rationalwiki.org/wiki/Pascal%27s_wager



 10/09/2019 09:37:18
in risposta a ↑

canardu, grazie, ho letto l’articolo e lo ho trovato molto interessante, in particolare il punto in cui spiegava il fatto che non sia scontato poter credere volontariamente a qualcosa per pura convenienza e come, quindi, seguire questa logica condurrebbe ad un comportamento “falso”. Più o meno era quello che avevo pensato anche se non sapevo bene come esprimerlo a parole.

 10/09/2019 11:26:25
canardu

canardu109956

CEO, Amministratore Delegato

in risposta a ↑

Aria02, esatto.


Considera questo, qualsiasi "prova" dell'esistenza di Dio che è stata formulata da 3000 anni a questa parte ha avtuo una confutazione e non esistono, che io sappia, argomenti teologici moderni. Solo riproposizioni di vecchie argomentazioni in vesti modernizzate di cui appunto esistono già confutazioni.


Se vuoi credere devi semplicemente farlo senza cercare alcuna giustificazione.


A questo punto sta a te capire se riesci a a credere genuinamente in qualcosa senza averne ragione o se preferisci avere una giustificazione logica e razionale alle tue convinzioni.



 10/09/2019 11:37:09
FrancescoFrank

FrancescoFrank176681

Organizzazione eventi culturali

Guarda ti rispondo da credente e da uomo di scienza quale sono. Non può andare di pari passo con la scienza perché sono due linguaggi diversi, specialmente se si prende alla lettera la Bibbia alla ricerca di Diluvi Universali o di alieni (cosa che fa ad esempio quello sbiellato di Mauro Biglino) che non porta a niente. Il Cristianesimo ha il dovere di aggiornarsi moralmente ed eticamente, ma non può farlo dall'oggi al domani. D'altronde i suoi precetti risalgono non proprio all'altro ieri. 

 10/09/2019 12:28:22

FrancescoFrank, concordo, mi viene però da chiedermi se sia possibile che una religione si aggiorni dal punto di vista etico senza rischiare che ne siano intaccate le basi, quale sia il limite fino a cui una religione può evolversi senza che ne risulti completamente stravolta.

 10/09/2019 13:51:13
FrancescoFrank

FrancescoFrank176681

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Aria02, lo ha già fatto su molti fronti e a partire da epoche assai remote, pensa che secoli e secoli fa non ci si sposava nemmeno in chiesa e, che, so non esistevano le acquesantiere, ci si poteva separare, l'Ave Maria era diversa, ecc ecc ecc.. Dalle cose apparentemente piú piccole a quelle piú macroscopiche.

 10/09/2019 14:38:04

Al netto di qualunque discorso filosofico, dipende da te.

 10/09/2019 12:51:31

Spero che i cambiamenti culturali ci allontaneranno dalla religione e dal concetto di dio 

 10/09/2019 14:41:56

Roger_Due, credi che l’assenza di culti religiosi possa comportare benefici per la società? Quali?

 10/09/2019 19:49:56
in risposta a ↑

Aria02, anzitutto sarebbe il trionfo della ragione e della scienza e l'abbandono del mito e della superstizione. Le storie mitologiche sono molto belle e affascinanti ma rimangono storie e quando dobbiamo guardare ai fatti abbiamo necessità di attenerci esclusivamente al vero e al dimostrabile. La religione è una stampella che viene tirata fuori laddove compare l'ignoranza..... Come si è formato l'universo? La scienza non lo sa, allora è stato Dio. Come ha fatto un malato considerato inguaribile dai dottori a guarire? La scienza non lo sa e allora è stato Dio. Troppo comodo e troppe volte la religione si è sbagliata ed è stata smentita dalla scienza,anzi in passato fu proprio la religione a voler tarpare le ali alla scienza. 

Sarebbe la fine del fanatismo e del comportamento stupido e irrazionale, ne ho sentiti di fanatici religiosi che hanno rifiutato le cure mediche per loro (e per i figli) perché aspettavano l'intervento divino (che mai è arrivato). 

Scomparirebbero tutti quei barbari rituali religiosi stupidi e che causano sofferenza inutile soprattutto ai bambini, vedi l'infibulazione o la circoincisione (e quanti ne sono morti mentre venivano circoincisi in qualche scantinato da un rabbino senza adeguate conoscenze mediche e adeguate attrezzature. 

Ci sarebbe una drastica diminuzione di guerre e attentati terroristici perché si sa, le religioni predicano amore ma ogni religioso è convinto che la sua sia quella giusta e quindi si ritiene in dovere di eliminare gli infedeli. 

Tutti i cattolici/cristiani del mondo si libererebbero di quel "senso di colpa" che si portano dietro da quando un ipotetico Adamo e un'ipotetica Eva sono stati cacciati dal paradiso terrestre e sarebbero liberi dalla repressione sessuale che secoli e secoli di chiesa hanno alimentato. 

Niente più testimoni di Geova a sfarcellare gli zebedei la domenica mattina..... Queste e tante altre belle cose


P.S. Ora che mi ci fai pensare..... Ma non era uscita fuori la storia che la chiesa doveva pagare un sacco di miliardi in arretrato per anni di Ici sulle loro proprietà? Come è andata a finire? Ecco forse se non fossimo così leccaculo con i vari papi metteremo fine anche a questa miliardaria evasione fiscale


 10/09/2019 23:25:15
ilmiozio

ilmiozio197881

Estremista di destra e di sinistra

L'abominio è lui.


 11/09/2019 08:21:33
Karrie7

Karrie729786

paladina della legge e streghetta nel tempo libero

ilmiozio, eh, non ne parliamo!   uno strazio!

 17/09/2019 11:01:18

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader