Game of throne of Europe... ... equilibri e alleanze ... influenze e vittorie ... come potrebbe cambiare il quadro da qui a 5 anni ???

Risiko Europa ... Neoliberisti ...Nazionalisti ...il gioco è aperto ,più vivo che mai ... come potrebbe finire ???

in ordine gli stati per importanza ...

USA 

Germania   

Francia 

Italia 

Inghilterra

Spagna 

Lega de Nord

Visegrad 

Grecia 

Portogallo


Prima dell'elezione di Trump ,gli USA erano la cassa di risonanza del Neoliberismo e teneva legata a se l'architettura dispotica della UE ... con alla base i tre paesi portanti ,la tetrarchia germania/francia/italia

l'Italia grazie al governo di vicerè traditori del proprio popolo ,la Germania governata da una tizia informe ,e la Francia governata da una riproduzione in piccolo di Napoleone ,

fuori dalla tetrarchia fondatrice vediamo l'inghilterra governata da una premier camaleontica che faceva ma non voleva il distacco dalla piovra UE ... la Spagna governata e anche tutt'ora dalle stampelle della sinistra neoliberista 

mentre la lega nel nord europa rimane accozzata alla "crande cermania" ...i paesi Visegrad erano e sono tutt'ora il primo baluardo contro il Neoliberismo e i valori del Nazionalismo ... la Grecia è un morto che cammina ,non si prende in considerazione,


ma dal 4 marzo qualcosa è cambiato ,in realtà dall'ascea di Trump al soglio della House of Cards ,ma in Europa qualcosa si è smosso appunto dopo il 4 marzo ...


Seppur contro ogni scongiuro del potere neoliberista finanziario ,seppur contro una schifosissima legge ,spudoratamente scritta per non far governare l'unico partito contro-sistema ,al soglio di Montecitorio è ascesa la Fenice giallo-verde ... spiazzando letteramente i piani di chi ,nella propria agenda aveva scritto ,fine 2019-2020 svendita dell'italia con acquisti dell'ultimo minuto...

I colli di Roma son pieni di Potenti ...al soglio di Pietro trama il Francesco protettore della Finanza internazionale e del Neoliberismo all'odore di invasione incontrollata ...mentre al colle del Quirinale potrebbe salire un vero protettore della Patria...e se il papa dal balcone srotola stendardi barocchi ,il quirinale potrebbe srotolare lo stendardo di"pulizia generale" ...dai parassiti in odore di Napalm... e come l'orologio che avvisava uncino del coccodrillo ,i mesi che ci dividono dal 2022 rintoccano ,da piano a sempre più forte nelle orecchie di chi scongiura un simile evento ...e che con sempre più foga da carta banca su tutti i media a prefiche e cassandre ,di ogni ordine e grado ......La scacchiera italia potrebbe pendere per i gialloverdi...se riuscissero a prendersi il quirinale e la banca d'italia (con la nuova gestione controllata dal parlamento)...lasciando ai neoliberisti ben poco su cui attaccarsi ..qualche puttana su tacchi e microfono ...


nel 2022 potrebbe cadere anche un altro baluardo del neoliberismo europeo...la francia del Mini-napoleone ...macron...il cugino bastardo di renzi è stato votato,incoronato e maledetto da quegli stessi francesi che riuscirono a far saltare le teste di chi ai tempi deteneva il potere assoluto da Dio...e sempre per la legge del contrappasso potrebbero incoronare lady Lepen ,che come unico passatempo potrebbe avere quello di passeggiare per i corridoi di Bruxelles lanciando in faccia ai Demoni custodi del potere neoliberista acqua santa ,mentre apre un asse roma-parigi per picconare il sistema UE dalle fondamenta ....


l'inghilterra potrebbe ,con la nuova gestione ,tirare un bel calcio nel culo alle terga europee ,mentre brinda oltreoceano con la Casa Bianca ...


la spagna va dove la porta il vento ...visto che con il sistema che hanno non riescono a formare un governo forte neanche a piangere in cino-giapponese...


quindi ...nel 2022-2023 ,con un colpo di reni la Francia potrebbe sfilarsi dall'abbraccio della psicopatica sorella Tedesca per ritornare insieme ai cugini Italiani ,creando così un asse che parte da washington per passare dal Regno Unito Francia Italia ... e trovare anche appoggio con la Russia ... un taglio netto al cuore dell'Europa potrebbe far saltare in aria il progetto europeo ,la torre di babele e tutti i parassiti dell'ancien regime ...


bisogna solo aspettare ...i segnali ci sono tutti ...

 24/07/2019 16:31:12
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
8 commenti
PaoloVincenti

PaoloVincenti32211

Stratega del vuoto - SMM

Fare previsioni in politica è sempre estremamente difficile. Farle in politica internazionale è praticamente impossibile, soprattutto in un'epoca come la nostra, dove i fattori in gioco sono moltissimi e l'informazione subisce una costante accelerazione. In questa ottica 5 anni diventano un tempo lunghissimo, quasi l'equivalente di 15 anni nel 1959.


Comunque, tanto per restare ai fatti, si possono fare alcune osservazioni.

Trump è il personaggio controverso che tutti conosciamo e non è per niente scontato che ottenga un secondo mandato presidenziale. Oltretutto, l'anno prossimo avrà 74 anni e l'unico presidente USA ad aver ottenuto un secondo mandato a un'età così avanzata fu Ronald Reagan (73 anni nel 1984), che però aveva tutto un altro carisma. Ma anche ammesso che vi riesca, nel 2024 sarebbe comunque agli ultimi mesi di mandato e senza prospettive di essere rieletto: quindi sarà la classica "anatra zoppa".

Nel 2024 anche Vladimir Putin sarà agli ultimi mesi di mandato e senza prospettive di essere rieletto (la legge russa stabilisce un limite massimo di due mandati presidenziali consecutivi). Potrebbe teoricamente "saltare un turno" e puntare alla rielezione nel 2030 (assai improbabile, avrebbe allora 78 anni), mantenendo nel frattempo un altro ruolo di spicco. Ma nel 2024 Putin avrà comunque 72 anni e sarà stato al vertice della Russia per un quarto di secolo: è quindi ragionevole pensare che si appresterà a farsi da parte. Che cosa verrà dopo, è difficile a dirsi: la politica russa è molto meno monolitica di quanto possa apparire a un osservatore esterno distratto. Potrebbe esserci una lotta di potere della quale è impossibile definire i limiti e le conseguenze.

Nel 2024 sarà praticamente impossibile che Boris Johnson sia premier del Regno Unito: lo è oggi - quasi per caso - con una maggioranza risicatissima, a capo di un partito che è in continua discesa nei sondaggi.

Nel 2024 il M5S avrà probabilmente completato la sua mutazione da partito anti-sistema a partito "dentro il sistema", e nel frattempo saranno sorti altri movimenti ancora più anti-sistema, tanto a destra quanto a sinistra. Perché la trasformazione non si ferma, nessuno può pensare di rappresentare oggi come oggi la soluzione definitiva del problema o il redentore del popolo.

 25/07/2019 06:59:42
pastrank

pastrank42576

Den som är satt i skuld är icke fri

PaoloVincenti, a volte mi viene da pensare che BoJo sia parlare di No deal proprio per tentare di far qualcosa buttando le carte sul tavolo in una partita disperata, ma anche semplicemente chiedersi dove vuole andare uno con quei capelli puo' essere utile   .

Mi preoccupo, tra l'altro, che anche qui vorrebbero buttare le carte a monte...

 25/07/2019 11:06:45

PaoloVincenti, ...come sei negativo.... E che mi dici della possibilità di avere le pen alla presidenza della Francia ???

 26/07/2019 06:56:06
PaoloVincenti

PaoloVincenti32211

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Tobias24, perché sarei negativo? E soprattutto, negativo rispetto a che cosa? Ci sono delle condizioni oggettive dalle quali non ci si può sottrarre, e quando oggi si parla di politica internazionale si deve assumere per forza una prospettiva di continuo e rapido mutamento. Riguardo a Marine Le Pen, anche un suo eventuale successo avrebbe un peso diverso, se nel frattempo si verificasse un mutamento nella situazione internazionale. È vero però che le elezioni francesi vanno a collocarsi due anni prima della scadenza del 2024,  e quelle italiane un anno prima (salvo ricorso a urne anticipate). Quindi possono operare come catalizzatori, in una direzione oppure in un'altra.

In margine a questo, vorrei far notare come la tendenza attuale a livello mondiale vada in direzione dei cosiddetti candidati anti-sistema provenienti dalla società civile (ultimo caso quello dell'Ucraina), e come questa tendenza venga spesso salutata come provvidenziale. Stranamente, però, chi plaude a questo cambiamento storico non sembra (o non vuole) vedere le tendenze antisistema in opera in paesi come la Russia e la Cina, soprattutto tra la popolazione più giovane Tanto per fare un esempio, le proteste in corso a Hong Kong hanno una proporzione molto maggiore di quelle dei gilet jaunes parigini, ma il rilievo che viene dato loro nell'informazione è molto più scarso. Ciò dipende sicuramente dal bavaglio all'informazione locale (che in certe realtà continua a essere molto stretto), ma anche da una certa cautela che qua da noi suggerisce di non schierarsi esplicitamente contro un paese potente e un importante partner commerciale (con tanti saluti alla voglia di cambiare l'ordine delle cose e opporsi alle meschine leggi del capitalismo liberale). Ma il cambiamento è comunque in agguato: soltanto, non è possibile capire quale direzione potrà prendere. 

 26/07/2019 10:18:29
Contrabbandiere

Contrabbandiere39386

PLA-XIT

In questo bailamme, se non ci svegliamo, e parliamo seriamente di ambiente tra 5 anni non ci saremo più.   

 05/08/2019 14:02:30

Contrabbandiere, hahahha sono d'accordo !!! 

 05/08/2019 14:04:12
nunziocensabella

nunziocensabella487

Impiegato tenico di rassegne stampa

Questo post è un insieme di deliri. O al massimo un'ucronia...

 06/08/2019 12:59:02

nunziocensabella, non è un ucronia ...perché è una fotografia della situazione geopolitica attuale ,in cui ho ipotizzato il possibile sviluppo ,infatti non l'ho chiamato game of throne europe per niente ... cmq hai ragione la situazione è delirante ... 

 06/08/2019 13:50:02

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader