FlavioBertamini

FlavioBertamini79519

Dead man walking

Crisi 2020? Ci credete?

Crisi 2020 - Cosa Fare

https://www.youtube.com/watch?v=Gzs1G-UKmnY&feature=youtu.be

Ci sono numerosi segnali e svariati numeri che mostrano come siamo ormai entrati in una nuova crisi economica. Se guardiamo al passato questi segnali presagiscono l'avvento di una nuova crisi entro massimo un anno e mezzo a partire da oggi. Come dobbiamo ...

Secondo l'autore siamo alle porte di una nuova crisi economica mondiale, che sarà peggiore del 2008. Considero il video abbastanza interlocutorio perché non recentissimo, e poco attuale specie sulla situazione Usa. Ma di certo non mancano segnali di preoccupazione e nervosismo a livello internazionale. Però contiene spiegazioni interessanti su vari argomenti di economia e finanza, e quindi invito i lettori ad esprimere il loro punto di vista su una possibile prossima crisi, così come sui punti apprezzabili del video, o eventuali carenze.

 13/07/2019 11:02:57 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
50 commenti
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

Altro bel post che rinno vo io? ma la sezione economia è in ferie o in crisi.

ehm collega @FlavioBertamini di risponderò col link che ho messo al collega @Robbins

https://www.economia-italia.com/crisi-economia-2019

e le colpe se leggi sono nostre la crisi partirà da noi.

Se ci credo? una crisi c'è  già la peggiore è la speculazione. I prezzi aumentano a dismisura, il lavoro non c'è ufficialmete diminuisce la disoccupazione si ma perchè i giovani rinunciano a iscriversi a l collocamento e guarda  guarda accettano pure lavori in nero. L'Inps e chi ci crede più è di ieri la notizia che a fianco della previdenza inps bisognerebbe affiancare un'altro pilastro pubblico. Pubblico? io ho già commentato, se devofarmi un" paletto" per affiancare la pensione Inps lo decidi io non certo con un fondo pubblico scusate l'ho già detto lo ribadisco i soldi sono miei me li gfestisco io, non certo in un fondo pubblico magna magna di qualcuno. almeno saranno miei se ci resteranno comunque li sistemi eh santa pazienza. Poi dopo questa notizia hanno rettificat che l'inps è solida....il gigante dai piedi di argilla.

In liguria abbiamo 40.000 giovani hanno rinunciato a studiare e lavorare...economia?

Per arrestare la crescita del debito, in autunno occorrerebbe una manovra del 2-3 per cento del reddito nazionale, a seconda dell’evoluzione dell’economia e di quanto aumenterà la spesa corrente. Impensabile nell’attuale situazione politica. Terzo, stando così le cose, è difficile pensare che si possa arrivare alla prossima legge di bilancio senza prima essere passati

attraverso nuove elezioni nazionali

bel post collega fortuna che l'ho visto per caso...mi riservo intervenire. ciao.

 13/07/2019 17:51:35
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

Io mi ricordo di avere sentito parlare di crisi nel 1982, poi di crisi grossa nel 1983/84, a Rimini si lamentavano molto i negozianti perché i turisti spendevano pochissimo ad esempio. Praticamente, da quando si è sgonfiato il boom economico degli anni 50/60, gli italiani si sentono in crisi sembra. Poi dal 2005 ho notato un peggioramento che dura tuttora. Però è tutto un fare rate e aprire finanziamenti per cose per cui mai io farei rate, televisori, pc, smartphone, salotti, arredamenti ecc. Le banche ti contattano per offrire soldi, nella mia ci sono rimasti male quando ho rifiutato gentilmente un buon finanziamento, perché pare che tanti altri clienti non ci abbiano rinunciato affatto. Ma io faccio debiti se devo comprare casa, non per il superfluo. I negozi di elettronica sono sempre strapieni di gente che spende. Sto  probabilmente andando fuori tema, ma non ci credo ad altra crisi. Mi pare sempre quella da anni. 

 13/07/2019 18:20:20
pastrank

pastrank40131

Den som är satt i skuld är icke fri

Dianissima, dopo aver visto chiedere un finanziamento per un telefonino da 170 euro, ti do' ragione a pieno, se uno non ha 170 euro da spenderci e ha bisogno di un telefono ne compra uno da 20 e sta' meglio...

 13/07/2019 18:30:57
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

Dianissima, Qui altro che crisi i negozo stanno chiudendo tutti, aprono i cinesi...

 14/07/2019 06:27:30
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Rosa_dei_Venti, vero, però questo lo vedo, purtroppo, da anni. Ristoranti e bar comprati da cinesi, parrucchieri cinesi, abbigliamento, calzature gestiti da cinesi. Mi sono meravigliata, in primavera, di entrare in 2  bar del centro storico di Bologna e sentire, finalmente, la cadenza di casa. C'è stato un famoso imprenditore di Reggio Emilia che, più di 30 anni fa, alle riunioni di Confindustria, diceva ai colleghi di stare attenti ai cinesi e prepararsi ad essere "invasi" da loro perché, altrimenti, sarebbero stati cavoli acidi, ma lo prendevano per visionario. 

 14/07/2019 15:28:24
Robbins

Robbins91401

By ,by

IoForse lo ho già detto ma parte del mio lavoro è ricerca .

Cosa ricerco ?

Ricerco di mettere assieme vari indicatori per preannunciare una possibile crisi .

Sto  con altri elaborando un algoritmo per avere un unico indicatore che da con una certezza di almeno 3sigma un segnale unico che preannuncia una possibile crisi.

Per ora non ci siamo arrivati ma abbiamo vari indicatori.

Uno è il rapporto dollaro yen,ne ho fatto un post,l'altro è l'inversione della curva dei tassi delle obbligazioni statali americane .

Le obbligazioni a tre anni rendono più di quelle a 10 anni .

Questo è sempre stato ,ripeto sempre ,se mantenuti a lungo un segnale forte di una crisi economica ed è stato anticipatore di almeno due anni.

Se combiniamo il rapporto dollaro yen e questo indicatore  troviamo una correlazione positiva 

Come se correlliamo sp 500 e dollaro/yen correlano a - 0,56 

Insomma ci potrà essere una crisi ,?

Assolutamente sì

Quando ?

Sarete i primi a saperlo 

Che fare?

Ho pubblicato un po' di tempo fa un portafoglio",4 stagioni".

Portafoglio che fa performance in ogni periodo 

Dentro ci sono bilanciati 

Obbligazioni a breve statali americane 

Obbligazioni statali a lungo americane .

Azioni a livello mondiale 

Oro fisico 

Questo vi ripara da qualsiasi recessione .

Provare per credere 


 13/07/2019 19:30:21
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

Robbins, tu sei un genietto! Cosa significa "oro fisico"? E, consulenza a scrocco, una parente compra, quando può, lingottini e monete d'oro, convinta che sia il migliore investimento. Lo è davvero? 

 13/07/2019 20:26:44
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

Dianissima, investe in sterline d"oro 

Ciò le compra fisicamente .

L',oro ha un orrizxonte temporale maggiore di 10 anni 

Deve soli aspettare quel tempo per essere sicura di un ritorno statistico del 7% circa .

Non c'è il miglior investimento .


 13/07/2019 21:35:18
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

in risposta a ↑

Dianissima, ti rispondo  anche io, cara Diana, l'oro fisico è costituito dai lingotti.

ti ho trovato un bel link

https://oro.bullionvault.it/oro-lingotti/oro-fisico

 14/07/2019 06:30:15
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

in risposta a ↑

Dianissima, mah ha i suoi momenti anche l'oro ci vuole un'orizzonte temporale lungo ed un aquisto fatto in tempi giusti.

 14/07/2019 06:32:07
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

Robbins, Allora @Robbins  e @Dianissima ,  le più considerate ed apprezzate monete in oro sono

  1. il marengo d'oro, con l'effige di Vittorio Emanuele II, Vittorio Emanuele III o Umberto I;
  2. la eagle americana;
  3. le foglie d'acero canadesi;
  4. la sterlina d'oro britannica;
  5. il krugerrand del Sud Africa

anche e i lingotti hanno la loro purezza e caratteristiche peculiari, bisogna ricodare inoltre le tasse sull'oro fisico e le plusvalenze.


 14/07/2019 12:53:29
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Rosa_dei_Venti, e @Robbins , grazie mille! Bacioni a voi. 

 14/07/2019 12:57:56
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

in risposta a ↑

Dianissima, grazie a te, sei l'unica quaggers (credo) su Economia. Sai a volte i nick name lasciano dubbi amletici.

 14/07/2019 13:22:21
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Robbins, ma io ti adotto come consulente, sei troppo bravo! Mi hai fatto venire in mente una signora che veniva ai miei mercatini che, ogni anno, regalava al nipotino, una moneta d'oro, e suggerì a noi di fare lo stesso come regalo per una associata che aveva avuto una bimba. Quindi era una buona idea. Abbiamo dato incarico a questa signora di comprare la moneta, che, nel 2004, pagammo 84euro. Mi pare sia stata comprata in negozio specializzato in numismatica. Ma si comprano anche in banca le monete d'oro? E come si fa per non prendere fregature? 

 14/07/2019 15:49:53
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

Dianissima, si investe in fondi che comprano oro fisico.

Loro sono dei professionisti

 14/07/2019 15:51:08
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

in risposta a ↑

Robbins, MON dIEU collega pure i fondi aurei, credevo acquistassi lingotti e/o monete personalmente o c/tezi. Personalmente dei gestori di fondi GPF o GPM non ho gran stima..loro comprano quando credono e vendono quando ritengono opportuno ma non "personalizzano" la gestione sicchè se tu hai comprato oro a ipotesi 104 rischidi venderlo a 100 di nav intendo perchè loro reputeno giusto così. Anche li ci vuole fattore c. e sapere già ciò che si vuole. Ho un conoscente benestante che si affida alla banca che al compleanno ti regala le confetture col tuo nome tanto x non citare nomi ma tu capisci. Lui guadagna sempre anche quando perde, sta bene ma di finanza non capisce una cippa lippa e il "suo" private gli serve pure per pagare le multe...o risolvere problemucci da persona comune. tu paghi le multe per i tuoi clienti?(con soldi loro ovvio.) quando gli chiedi qualcosa ti dice:mah viene mi fa vedere dei grafici mah io non ci capisco gran che e gli dico fai tu, l'imporante è non averne bisogno dei soldi...

 15/07/2019 16:45:59
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti85846

Comunicatrice

 15/07/2019 16:51:00
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Rosa_dei_Venti, grazie. Molto interessante. Ieri ho dato un'occhiata anche al sito della Bolaffi che ha una gran varietà di monete oro e lingotti di ogni prezzo. Interessante anche questo sito. 

 15/07/2019 21:01:39
FrancescoFrank

FrancescoFrank170336

Organizzazione eventi culturali

Robbins, conosco un tizio molto danaroso, che già 3,4 anni fa ha cominciato a convertire buona parte dei suoi risparmi in oro

 23/07/2019 10:11:57
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

FrancescoFrank, ci può stare.

Solo che l':orrizxonte temporale è a 10 anni .

Devi tenerne conto 

 23/07/2019 11:50:24
Contrabbandiere

Contrabbandiere38496

PLA-XIT

Secondo me l'indicatore unico è il prezzo di una casa ed il salario medio, se una persona lavorando onestamente non riesce a mantenere una famiglia ed acquistare una casa allora la crisi è già scoppiata. 

 13/07/2019 19:48:41
Robbins

Robbins91401

By ,by

Contrabbandiere, non ha senso comprare casa .

Indebitarsi per trent'anni e fra trent'anni avere un bene svalutato .

 13/07/2019 21:36:54
qvotds

qvotds2386

in risposta a ↑

Robbins, Cosa vuoi farci Robè,la mentalità degli anni 50 è dura a morire.Sono ancora fissati con la casa di proprietà. 

 14/07/2019 05:18:49
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Robbins, mi sa che, sulla casa, entrino in gioco dinamiche emotive importanti che possono superare il calcolo della svalutazione. Trent'anni di mutuo, soprattutto se tasso variabile, sono tanti. Mia sorella ha fatto mutuo di 30 anni con tetto max della rata non so a quanto, ma mi pareva una formula accettabile. Però, causa crisi, la casa era scesa di parecchio di prezzo e l'ha comprata a 50mila euro in meno di quanto era periziata 7 anni fa. Per lei è una sicurezza la casa, essendo rimasta vedova anni fa con figlio di 10 anni all'epoca. E qui entra il fattore emotivo che spesso é prevalente nell'acquisto di una casa. In affitto, in Italia almeno, ci si sente meno sicuri, e spesso gli affitti costano più di una rata di mutuo, e anche a me seccherebbe buttare soldi in affitto piuttosto che in mutuo che mi garantisce un capitale 

 14/07/2019 13:07:59
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

Dianissima, certi ,perché ragioni come negli anni ottanta .

Oggi con un lavoro che non è più certo,che magari devi spostarti in un'altra città che te ne fai della casa?

 14/07/2019 13:54:05
FlavioBertamini

FlavioBertamini79519

Dead man walking

in risposta a ↑

Robbins, è un "immobile", quindi difficile che te lo portino via: insomma una garanzia di solidità. 

 14/07/2019 14:26:49
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

FlavioBertamini, e di perdita economica 

 14/07/2019 14:30:05
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Robbins, si certo, se pensiamo al lavoro non più così fisso, è vero, ma se ci si trasferisce e la casa si affitta, non è un guadagno secondo te? Chi ha molti immobili e li affitta, vivendo di rendita degli affitti, non ha fatto bene a comprare immobili? Lo chiedo perché mi ricordo un mio parente molto tirchio, che andò con la famiglia a vivere in affitto per potere affittare la casa di proprietà che gli procurava più soldi dell'affitto che avrebbe pagato. Personalmente, non li sobbarcherei un trasloco per questo motivo, ma lui era così tirchio che lo fece. 

 14/07/2019 15:36:31
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

Dianissima, una volta era così.

Se una casa vale 100.000 euro devi ricavare 7000 euro anno per le spese e la manutenzione .

 14/07/2019 15:50:00
capace

capace3786

in una precedente Quagvita "lo chiamavano Almass"

Mah, oramai di questi video, catastrofici o trionfalistici, ne girano a bizzeffe: tutti orientati alle scelte che intendono far fare al “parco buoi”. “Parco buoi” è un reale termine tecnico usato in finanza proprio per definire la massa di cittadini che investono senza nessuna cognizione economica e soprattutto in base alle paure o all’audacia verso cui ti spinge il “mercato”.


1. Pertanto per prima cosa prenderei con molta “diffidenza” tutti coloro che dicono di avere trovato un metodo (o algoritmo) sicuro per prevedere cosa succederà a breve (mi spiace Robbins, ma questa è la triste realtà).


2. Qualunque “consulente” finanziario ti dirà sempre su quali prodotti “investire” i tuoi denari, diversificandoli (tra azioni, obbligazioni, fondi esteri e/o italiani; ecc). Peccato che lui abbia un tornaconto % sulle masse di denaro che riesce ad apportare alla sua “finanziaria”: quindi ti dirà sempre di “investire” e/o “diversificare”, ma sempre all’interno della SUA finanziaria perché è su quello che lui guadagna.


3. Non ti dirà invece MAI “vendi tutto e in fretta” perché sta crollando il mercato: primo perché lui non ci guadagnerebbe, secondo perché la voce già circolerebbe e il mercato sarebbe già in discesa verticale (vedi 2008). Anzi probabilmente quando i titoli sono bassi, ti dirà di comperarne altri per “mediare” con quelli che hai acquistato a prezzi alti.


4. Il “Mercato”, viene fatto (purtroppo) da pochi gruppi nel mondo e il “parco buoi” ha ben poco da determinare. La speranza è che le fluttuazioni avvengano in tempi non immediati perché almeno il singolo cittadino (col proprio libero arbitrio) possa decidere cosa intende fare dei propri soldi o patrimoni. E a volte è meglio tagliarsi "subito una falange" che non rischiare di perdere il braccio intero!!!


5. Da ricordare inoltre che il  cittadino fa  presto a mettere i suoi risparmi in promettenti e “sicuri” guadagni (da diffidare sempre da chi promette rendimenti troppo alti, quella è sicuramente una fregatura), ma fa molta più fatica a toglierli: primo perché se sta guadagnando spera di continuare a farlo; secondo perché se sta perdendo vuol cercare la mano buona per rifarsi. Insomma un po’ come al poker!! Molto meglio invece darsi un obiettivo di guadagno (per esempio il 10%), e una volta raggiunto ritirarli (indipendentemente se il titolo continua a crescere)


Quindi cosa fare? Andare nel futuro, vedere cosa sta succedendo, tornare nel passato e investire o disinvestire sui titoli migliori     .

A parte le battute: ognuno (che abbia qualche risparmio da parte) ci tiene a non perderlo; se poi è uno apprensivo, eviti come la peste gli investimenti “consigliati” da qualcuno che “ha una dritta sicura”.


Chi vuol stare tranquillo metta qualche soldino nella casa: con le detassazioni previste per i miglioramenti, ne recupererà il 50% circa in qualche anno. Se poi investe nei pannelli energetici ne guadagnerà in minori costi di energia. Io personalmente preferisco vivere in affitto per non avere impegnato un capitale eccessivo, visto che (da pensionato) vorrei non restare legato ad un unico posto. Un mio amico si è trasferito in Portogallo (183 giorni l’anno) e lì riceve la pensione italiana  Lorda dall’IRPEF (quindi un 30% in più che in Italia: ma è in Portogallo !!!).


Altri investono in “beni rifugio” (tipo proprio i lingotti d’oro) che hanno il pregio di aumentare il valore in momenti di crisi, ma ridurre il valore quando c’è una economia stabile.


Altri li tengono in Banca o in Posta dove gli interessi sono bassissimi, ma almeno possono andarli a prendere quando vogliono (sperando che non appaia alle porte una crisi così grave da imporre una “patrimoniale – che vuol dire un prelievo forzoso del Governo di una piccola % dei tuoi soldi).


Altri li tengono presso l’azienda in cui lavorano (se risulta solida e patrimonializzata) che, a fine anno ritorna certo più degli interessi correnti.


Altri in Fondi Pensionistici che, guardando al futuro, potranno garantire qualche soldo in più della normale pensione INPS. Personalmente anziché ricevere il Capitale cumulato a fine lavoro (che sarebbe stato tassato intorno al 30%) , io ho scelto un vitalizio che mi aggiunge una quota mensile pari al 15% in più della pensione INPS, peraltro con una trattenuta IRPEF del 14% anziché del 25/30%. Tra l’altro continuerò annualmente a versare al Fondo pensione (anche se sono in pensione) per poterlo dedurre dalle tasse l’anno seguente e accumulare un’altra quota di reddito vitalizio.


Altri ancora preferiscono “spendere” i loro soldi per soddisfare i desideri e migliorare la loro condizione famigliare e/o patrimoniale: del resto se il denaro non gira non “produce” nemmeno (e magari verrà mangiato comunque da crisi future).


Altri ancora preferiscono “scommettere” (io tra questi) sulle economie “emergenti” che partendo da livelli bassi di vita, non possono che aumentare: e non parlo di Cina, India o Brasile, ma di Vietnam, Corea, Africa che crescono annualmente a ritmi ben oltre il 10%.


Perciò le scelte sono tante, restano individuali e non sono MAI totalmente sicure. Ogni famiglia dovrebbe “studiare” un po’ di economia e stare attenta alla “politica”, non lasciarsi irretire dagli “imbonitori” (che se fossero sicuri sarebbero i primi ad essere ricchi) e diversificare i pochi o molti risparmi tra denaro “a pronti” (immediatamente utilizzabile); a breve scadenza (che potrà ri-ottenere fra qualche mese e/o anno), a rischio lungo (azioni o Fondi), in patrimonio (la casa), ecc.


La sfera magica che vede il futuro non è ancora stata inventata!!   

 14/07/2019 09:10:36 (modificato)
Robbins

Robbins91401

By ,by

capace, 2  ho creato un portafoglio per tutti i quaggeri totalmente "gratuito"

Un portafoglio che ha performance di tutto rispetto e pensato ,con dati verificabili,per resistere a tutte le stagioni 

Perciò non è vero che ogni consulente ecc ecc 

 14/07/2019 09:58:24
capace

capace3786

in una precedente Quagvita "lo chiamavano Almass"

in risposta a ↑

Robbins,  stavolta replico su "repilca"   .  Non intendevo assolutamente riferirmi alla parte lucrativa di qualsiasi consulenza, indicazione, algoritmo o "dritta sicura", ma alla mia personale e totale sfiducia (provata e comprovata da decenni) su una indicazione certa su "investimenti futuri". i Fattori sono troppi (economia, sociologia, ambiente, psicologia -dei governanti-, politica, trend pluriennali -non più ripetibili-, disarstri locali, guerre localizzate o amplificate, malattie endemiche, clima, oltre alla capacità di condizionamento di quella decina di investitori mondiali che influenzano il mercato globale, ecc). Io ho fatto lo stesso tentativo (studiando anche la teoria delle catastrofi di Renè Tom) in ambito sociale, approdando a niente. Ti auguro maggiore fortuna. Se poi noi quaggheri ne trarremo beneficio, tanto meglio   

 14/07/2019 12:37:11
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

capace, perché studiavano le cose sbagliate .

L'economia come è intesa adesso è studiata dalla fine degli anni novanta .

Abbiamo solo 19 anni di dati e tutti i precedenti 

Poi tu parli di eventi nel breve ,se vuoi investire devi pensare a lungo.

Se quando avevo 19 anni e ho cominciato a lavorare avessi fatto un piano di accumulo sul sp500 adesso starei davvero bene.

Con tutte le guerre alluvioni ,carestie ,bombe ecc ecc .

Il periodo di crisi dura mediamente 2,5 anni mentre un periodo di espansione dura mediamente 6anni 



Ti potrei snicciolare  su cosa si basa tutto ciò ma non voglio convincere nessuno.

Dico solo 5% annuo negli ultimi ,5 anni con una volatilità del 10% chi vuole è li.


Tutto gratis 

 14/07/2019 13:46:00
capace

capace3786

in una precedente Quagvita "lo chiamavano Almass"

in risposta a ↑

Robbins, io credo che sia giusto e corretto che (come detto prima) ognuno in totale autonomia abbia la libertà di investire (se può) nelle modalità che più lo aggradano. Gli imbonitori, quelli che ti vendono la certezza di guadagni (più o meno facili), che ti prospettano la catastrofe il giorno seguente oppure raddoppi di capitale in tre mesi non risulrìtano credibili per cui è opportuno non farsi "abbindolare".


Non entro nemmeno nel tuo metodo, perchè lo avrai ponderato, studiato, analizzato in base ai tuoi studi, esperienze, conoscenze, modello di pensiero. Io lo faccio da 45 anni: ho una storia di costi/ricavi/investimenti dettagliati per grandi aree (casa, alimentari, auto, figlia, tecnologia, abbigliamento e vari) che tengo monitorati da 20 anni. Lo scorso anno ho sbagliato di 24 € le previsioni di spesa totale mie e di mia figlia (visto che la mantengo a studiare a Roma) pari allo 0.07% di errore. Ovviamente le mie entrate sono decisamente maggiori. Ma questa "storia delle spese" mi serve per sapere come, dove, con quali modalità "muovere" il  mio patrimonio (avendo fatto la scelta di non acquistare casa). E i criteri maggiori sono quelli illustrati in precedenza: possibilità di disinvestimenti a breve, medio, lungo periodo. Ho anche dell'oro come bene rifugio, e nei momenti opportuni compero azioni (che ne dici di Azimut acquistate a fine 2018? Oppure le famose Tiscali negli anni 80).


Ma questo presuppone non tanto un "algoritmo" magico che automaticamente mi farà guadagnare, ma lettura quotidiana dei giornali su come si sta muovendo il mondo, lettura dell'economia, buon senso nelle decisioni, discussioni con qualche consulente quando non mi convince, approfittare delle leggi (condivise o meno) che mi possano far rientrare di tasse (Fondi pensionistici, pannelli solari, arredo in casa e nel giardino, quote della mia ex-azienda ecc). Non andrò però a vivere in Portogallo perchè le mie radici sono qui.

A volte ci sbaglio, più spesso ci prendo, ma con molta "moderazione" e senza farmi facili illusioni di arricchimento.

In questo momento sto osservando con attenzione gli investimenti sulla "nuova via della seta", ma anche i giovani millenians che hanno idee innovative da finanziare in nuove startup.


Per terminare:

1. non credo a formule, bacchette magiche e imbonitori

2. sono perfettamente cosciente di far parte del "parco buoi" che non condizionerà mai le scelte del mercato globale

3. sono molto attento a quanto succede nel mondo, nella politica, nelle singole nazioni del mondo, nell'interrelazione di molte voci che compongono questo nostro mondo: l'economia ne è solo una componente (compreresti una bellissima ed enorme villa in siberia per 10.000 euro? NO, perchè il permafrost di cui è composto il terreno si sta sciogliendo con l'aumento della temperatura ed è destinata a crollare a breve)

4. i cicli periodici che tu richiami, sono destinati a cambiare con l'introduzione proprio di quelle startup innovative che modificheranno le modalità di vita di tutta la poolazione; così come essendo la Cina più affidabile e solvibile degli USA, un pensierino sulle località in cui vuole approdare con i propri hub, ce lo farei!

5. Come saprai, le informazioni che circolano su INTERNET sono di dominio delle grandi multinazionali informatiche: GOOGLE (e altri vedi FB) da 20 anni sta incrociando tutti i dati del mondo per capire come evolverà il mercato, per poterlo condizionare, per poterlo fornire (a pagamento) ai clienti che li richiedono (nazioni comprese), ed è proprio in base a questi dati che i 10 potenti dell'economia mondiale faranno le scelte prossime/future. C'è una bolla all'orizzonte?? BOH!! C'è una ulteriore fase di crescita?? Forse!!!


Però sono veramente convinto che tu faccia bene a studiare con attenzione tutti i cicli economici che citavi. Secondo me dovresti "incrociarli" anche con quelli sociali, ambientali e climatici che stanno rivoluzionando il  mondo.


Chiudo veramente (so di essere logorroico) invitandoti a leggere la "trilogia della Fondazione" di Isaac Asimov: mi appassionò tanto la "teoria della psicostoria" che a 20 ho iniziato (e non esisteva il computer, tantomeno INTERNET) a fare proprio il "lavoro" che adesso stai facendo tu: ma io cercavo di capire come sarebbe evoluta la società dell'uomo e delle nazioni...sai ero un giovane comunista   

 14/07/2019 17:43:07 (modificato)
Robbins

Robbins91401

By ,by

in risposta a ↑

capace, non metto in dubbio certo le tue convinzioni o capacità.

Abbiamo due modi diversi di vedere come va il mondo.

Ci sono studi che partono dalla prima bolla dei tulipani .

I cicli economici sono la stessa cosa dei cicli sociali ecc ecc 

Il mercato sconta tutto..

Il mercato dei anche tu.

 14/07/2019 17:54:05
Dianissima

Dianissima69781

Artista e poetessa

in risposta a ↑

Robbins, molto interessante la bolla dei tulipani, c'è stata una puntata sull'argomento sul canale rai di storia.

 15/07/2019 20:58:44

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader