minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

Raccogliere fondi senza limiti?

In questi giorni la RAI manda uno spot dell'UNICEF che, a mio avviso, è di pessimo gusto e fuori luogo. Non mi pronuncio sui costi di quel carrozzone, faraonici, ma credo che anche nel chiedere ci vorrebbe un limite. Cosa ne pensate? https://lasciti.unicef.it/

 11/07/2019 21:07:30
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
32 commenti

penso che appelli di questo genere mi sanno di un peloso, di un peloso, ma di un peloso che in confronto lo yeti è un sederino di bimbo.

 11/07/2019 21:19:59
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

elzevira, Mi vedo gli uomini fare determinati scongiuri appena appare la signora che si offre per la "consulenza".

 11/07/2019 21:29:44
in risposta a ↑

minimamoralia, 


se proprio volete fare un po' di beneficenza fatela alla locale croce rossa/verde della vostra zona; in caso di vostra emergenza sono loro ad accorrere, sia per un intervento d'urgenza sia per un viaggio per una visita programmata.

 11/07/2019 21:32:53
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

elzevira, Al di là della beneficenza e della libertà di scelta, trovo veramente sgradevole suggerire a persone "vive" di pensare alla propria morte come una opportunità per generici "altri". Pessimo proprio, disturbante.

 11/07/2019 21:36:18
in risposta a ↑

minimamoralia, 


quello che trovo stonante è che questi spot costano e non poco.

Invece che spendere in pubblicità non potrebbero investire direttamente il denaro nelle loro opere?


Il fatto è che una buona fetta di pubblico è composta da persone facilmente malleabili.... anziani o persone comunque facilmente intortabili, che vedendo certe scene pensano "poverini" e sono pronti ad aprire il portafoglio.


Se dovessi fare testamento nominerei beneficiarie le persone che mi hanno aiutato quando avevo bisogno e che si sono mostrate oneste e genuine con me, sicuramente vengono prima loro di tanti emeriti sconosciuti,

 11/07/2019 21:49:20
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

elzevira, "Invece che spendere in pubblicità non potrebbero investire direttamente il denaro nelle loro opere?" dici, ma ti rispondo che il loro denaro lo spendono per pagare lauti stipendi ai loro funzionari e quindi non bastano ma; ora quindi arrivano a chiederteli da vivo, magari sperando, "dopo", in una veloce dipartita. Assurdi, sono semplicemente assurdi.

 12/07/2019 14:08:11
Mimla

Mimla2681

Cercatrice insoddisfatta

Inquietante e inappropriato.   

 12/07/2019 18:18:13
ilmiozio

ilmiozio195456

Estremista di destra e di sinistra

Che penso? Penso che sono furbi e da furbi fanno i loro interesse.

Coglioni sono i donatori che consentono loro (e altre associazioni simili) di autoarricchirsi.

Del resto se non esistessero i coglioni non esisterebbero i furbi.

 12/07/2019 19:37:35
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

ilmiozio, Questo in linea generale è inconfutabile, ma nello specifico, non trovi orribile chiedere lasciti a persone che magari stanno allegramente preparando la cena. E quella "esperta" che si rende disponibile per aiutarti a predisporre questo passaggio di liquidità? Non avevo  mai visto una roba tanto fastidiosa in tema di raccolta fondi.

 12/07/2019 19:56:27
ilmiozio

ilmiozio195456

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

minimamoralia, Non si può chiedere alla meschinità di non essere meschina o almeno di non scendere sotto un certo limite.

Mi ripeto: il problema sta dall'altra parte.


Comunque è un buon segno, evidentemente sono alla disperazione.

 12/07/2019 20:07:51
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

ilmiozio, Sono assolutamente d'accordo. Sono alla canna del gas.

 12/07/2019 20:33:51
Diamake

Diamake106036

Quanto vorrei vedere quel ponte sulla Drina

Io faccio parte dei coglioni menzionati da @ilmiozio (non lo dico con cattiveria credimi!!!). Nel senso che io sono anni che dono a savethechildren, all'unicef, ai rifugiati, a quelli del labbro leporino, al WWF, ad amnesty, a green peace, a medici senza frontiere etc... A chiunque insomma e a tutti insieme. Spesso le loro pubblicità mi irritano. So che probabilmente gran parte dei miei soldi va solo ad arricchire le tasche dei dirigenti. So che nel caso arrivasse a qualcuno il mio aiuto non saprà mai che è da parte mia. Ma poco mi importa a dirla tutta.

Sostengo perché non faccio o non so fare. Sostengo perché spero che chi non ha possa beneficiare,non di quello che ho in più, ma di ciò di cui io mi privo (ricca non sono dopotutto).

Insomma sono in fin dei conti una coglioni a ottimista   e se mai potrò dare il mio contributo in prima persona lo darò senza esitare. Fino ad allora sostengo.

Pubblicità irreale e di pessimo gusto in fondo... Ma non lo sono un po' tutte quelle che chiedono soldi? 

 13/07/2019 01:00:40
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

Diamake, Apprezzo ciò che dici e io sono una di quelle che da circa 40 anni si impegna moltissimo nel sociale. Proprio per questo, dopo aver frequentato corsi con la FIVOL (federazione italiana per il volontariato), nei quali ho capito come funzionano le grandi associazioni (le mie sono piccole e locali, quindi i frutti sono tangibili), ho cominciato ad aprire gli occhi e a destinare i mie aiuti solo a chi ne fa buon uso. Noi abbiamo scelto di recarci personalmente nei luoghi dove inviamo le nostre raccolte fondi. Ti faccio qualche esempio. Padre Guido Trezzani in  Kazakistan che raccoglie i bambini orfani ad Almaty ed ha fatto meraviglie in quel posto desolato. Gli abbiamo comprato una mucca, quella gli serviva per insegnare ai bambini a mungerla e nutrirsi del suo latte. https://www.youtube.com/watch?v=SgWfeS9OhFU 

Che dire poi del meraviglioso Mino Damato che, dopo aver adottato una bambina romena, proprio in Romania aprì la Fondazione Bambini in Emergenza, dove poter curare bambini malati di AIDS, cure costosissime. Andammo a vedere e rimanemmo incantati per quello che aveva potuto fare quell'uomo mite e discreto. Non parlo di altri perchè non voglio disilludere chi fa beneficenza con cuore sincero. Ognuno è libero di fare ciò che vuole, solo mi permetto di suggerire attenzione e informazione. 

Comunque il post era strettamente inerente lo spot, orribile secondo me, a prescindere da tutto il resto. 

 13/07/2019 05:55:59
ilmiozio

ilmiozio195456

Estremista di destra e di sinistra

Diamake, Premesso che dei propri soldi ciascuno ne fa ciò che vuole, ma visto che sei cosciente tu stessa del fatto che buona parte delle tue donazioni finisce nelle tasche dei dirigenti mi chiedo:

Non sarebbe più profocua la cosidetta beneficenza di prossimità?

Tipo aiutare il vecchietto del piano di sotto a comprarsi le medicine o la mamma disoccupata con il bambino piccolo dell'appartamento di sopra? Il vecchio che dorme sempre sulla stessa panchina?

Invece di affidarsi ad associazioni senza avere la minima certezza del buon fine della propria donazione?

O meglio la certezza c'è: nelle tasche di dirigenti e amministratori.   

 13/07/2019 10:40:23
Tommy

Tommy30481

Quando ho avuto un bambino, tanti anni fa, di fronte alla sua fragilità, ho pensato che non poteva contare soltanto su due persone, i suoi genitori.


Ma aveva bisogno di una rete più ampia, una rete di coglioni che lo proteggesse senza uno specifico interesse.


E fu così che diventai un coglione anch'io.


La parola coglione mi ricorda un noto personaggio, che nei giorni migliori del suo impegno politico, dava dei coglioni a coloro che non votavano per lui.


Ci deve essere una speciale intelligenza, che unisce i non-coglioni, un intelligenza che li porta a usare la stessa terminologia.


 13/07/2019 04:32:27
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

Tommy, Poi si cambia, informandosi, cercando di capire dove finisce quell'enorme flusso di denaro e ti accorgi che, in alcuni casi, i destinatari sono solo un pretesto. Solo andando nel luoghi dove si presume vivano i beneficiari ci si rende conto di chi è solidale e chi mette in piedi macchine che si autoalimentano.

 13/07/2019 05:32:51
ilmiozio

ilmiozio195456

Estremista di destra e di sinistra

Tommy, Probabilmente anche le mamme e i papà di Bibbiano pensavano la stessa cosa prima che i loro bambini gli venissero strappati via da un'associazione a delinquere che si occupava del benessere dei bambini e che invece li affidava in cambio di denaro a coppie senza scrupoli.

Vogliamo parlare dell'Unicef che di fonte all'ammanco milionario, ha deciso - chissà perché - di non sporgere denuncia? Vogliamo parlare dei milioni accumulati nei conti correnti di Strada e della figlia o vogliamo parlare di Save the children, ribattezzata Fuck de children da quando i suoi amorevoli volontari sono stati coinvolti in uno enorme scandalo legato alla pedofilia? Si fottevano i bambini che avrebbero dovuto sfamare. Di cosa vogliamo parlare?

Se dovesse un giorno venire meno la rete di protezione e connivenze di cui queste bande godono, ne vedrai delle belle.

Nel frattempo ciascuno è libero di regalare i suoi soldi a chi vuole, ugualmente io sono libero di considerare coglione chi ingenuamente foraggia questa bande dedite solo all'autoarricchimento.

 13/07/2019 10:25:54
Tommy

Tommy30481

in risposta a ↑

minimamoralia, la nostra è l'epoca dell'informazione. Ormai è più difficile non essere informati che esserlo.


La vera difficoltà è saper selezionare l'informazione, secondo i propri interessi e la propria etica.


Ti faccio un esempio: se leggo un articolo in cui mi si dice che "in alcuni casi, i destinatari sono solo un pretesto."


Mi chiedo:

Quanti sono questi casi rispetto al totale?

E che succede negli altri casi?


Se non trovo risposta nello stesso articolo, lo giudico tendenzioso (nel senso che dice soltanto quella parte di verità che interessa l'autore) e non ne tengo conto.


 13/07/2019 12:56:44
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

Tommy, Certamente, hai ragione, non porto numeri o dati (che puoi trovare tranquillamente in rete però), ma siccome ciò che citi (che è un esempio dici), l'ho scritto io che non sono una giornalista, ma una persona che fa volontariato da quando ha raggiunto la maggiore età, qualcosa ne so e mi piacerebbe avere anche altre testimonianze dai quaggers che avvalorino o sconfessino ciò che affermo. Ho fondato due associazioni locali perchè inizialmente eravamo con il nazionale e ci prendevano quasi tutti gli introiti delle tessere (il marchio!), ma se chiedevamo aiuto per nostre situazioni neanche rispondevano.  Ti invito a leggere ciò che ho scritto a @Diamake  (anche se forse è un pò lungo) chiarisce quanto affermo, argomento che conosco molto bene, vita vissuta, nomi e fatti, oppure non tenerne conto, ma la mia non è una verità che mi interessa, perchè io ho fatto e faccio volontariato puro da sempre. 

 13/07/2019 13:08:12
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

ilmiozio, Meno che sull'appellativo che affibbi a chi dona direi che siamo d'accordo e da quel che leggo, mi pare che qualcosa sai. Anni fa allestii un musical, più di un anno di lavoro, 24 personaggi sul palco: costumi, scenografie, coreografie, tutto a spese nostre. Spettacoli al mattino per le scuole e la sera per il pubblico pagante. TUTTO il ricavato ad Emergency...neanche due righe di ringraziamento da mostrare agli artisti e ai soci. Dovetti chiedere un riscontro in tal senso, ma poi qualcuno mi disse che per loro quella era una elemosina e quindi normale non ringraziare. Un esempio come tanti. 

 13/07/2019 13:17:11
ilmiozio

ilmiozio195456

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Tommy, Ti pare che avrei tirato in ballo la questione se i casi fossero stati quattro o cinque o venti? 

No, sono molti di più tanto da far pensare a procedure diffuse e strutturate più che a casi particolari.

Un po' come la pedofilia nella chiesa, per molti anni si è tentato di accreditare la tesi dei casi isolati.

 14/07/2019 18:16:28
Tommy

Tommy30481

in risposta a ↑

minimamoralia, tu mi hai raccontato la tua esperienza, ma non pensi che anch'io ne abbia una?

E che proprio dalla mia esperienza io abbia tratto le mie scelte?


Non parlo solo di esperienza di volontariato, su questo probabilmente sei più brava tu, ti ammiro e ti faccio i complimenti.


Parlo di esperienza di vita, di un'esperienza totale che forma un *sistema di decodifica* di ciò che avviene intorno a noi e con noi interagisce.


È quel *sistema di decodifica* che costruisce le nostre verità, e determina le nostre scelte.


È un sistema che si aggiorna continuamente, ma è difficile da demolire (il mio come il tuo) perché ottenuto dalla lenta sedimentazione del nostro vissuto.


Comunque grazie per la chiacchierata, la terrò nel dovuto conto.


P.S. pensavo di avere già postato questa risposta, ma non la trovo, forse l'ho scritta solo negli appunti, poi preso degli impegni quotidiani...




 15/07/2019 06:06:31
Tommy

Tommy30481

in risposta a ↑

ilmiozio, scommetto che c'è di mezzo Soros e i turbocapitalisti...


A parte gli scherzi, anche per te vale la risposta che ho dato a @minimamoralia , del resto vedo che siete abbastanza in sintonia.


 15/07/2019 06:13:28
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

Tommy, Buongiorno, sono sicura che tu hai le tue motivazioni per le scelte che hai fatto e delle quali ho il massimo rispetto. Sono certa che ciò che dici è giustissimo , ognuno di noi ha le proprie esperienze. Io sono entrata, in parte, nel merito e la mia disillusione è ampiamente dimostrata dai fatti, che mi sono stati resi noti e che non ho voluto esplicitare proprio per rispettare chi, come te, ha esperienze diverse. Lungi da me voler demolire le certezze altrui, anzi, avere altre testimonianze può essere utile per tutti. Anche io ringazio te per il tuo commento.

 15/07/2019 06:15:42
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

Tommy, Aggiungo però che il thread si limitava a chiedere un parere sullo spot UNICEF (che, a quanto pare, ha già dato spunti ad altre associazioni) e sulla sua appropriatezza, ci siamo un pò allargati  .

 15/07/2019 06:18:52
Tommy

Tommy30481

in risposta a ↑

minimamoralia, proprio recentemente è capitato un episodio che vorrei raccontarti.


Un amico, durante un pranzo di matrimonio,  mi ha chiesto a bruciapelo se ero "ateo" o "credente".


Per non darti l'impressione che fosse un pazzo, ti dico, che lui faceva riferimento ad un precedente discorso. 

Dicorso che aveva raffreddato la nostra relazione.


Nonostante non mi sembrasse la sede appropriata, ho cercato di dirgli che né "ateo" né "credente" erano categorie che potevano chiarire la mia posizione verso il trascendente.


Non potevo rispondere con una delle due parole, perché entrambe avrebbero travisato il mio pensiero.


Ma lui non ha accettato questa risposta, e ha ribadito non dovevo "allargarmi", dovevo stare dentro quelle due categorie.


A quel punto io ho potuto dargli solo una non risposta: "non so".


Per tornare a noi, credo che quando si avvia una discussione, ci si espone anche a *risposte allargate*, perché le risposte semplici possono travisare il pensiero di chi le dà.


Certo, potevo non rispondere, ma il tuo thread aveva assunto una piega tale, che anche "non rispondere" sarebbe stata una risposta.


In altre parole, in senso figurato "se tu non avessi ho lasciato aperto il recinto, i buoi non sarebbero scappati".


 15/07/2019 07:44:18
minimamoralia

minimamoralia70606

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

Tommy, E hai fatto benissimo, troppo spesso infatti si e no sono solo vie di fuga, senza entrare nel merito. Nel mio "ci siamo allargati" facevo riferimento a tutti noi, perchè io avrei voluto un parere sul video che mi infastidisce e volevo capire se anche ad altri faceva lo stesso effetto, ma poi abbiamo divagato un pò, ma è nelle cose. 

 15/07/2019 08:55:36

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader