canardu

canardu106536

CEO, Amministratore Delegato

Sarò pure un cagacaxxi però il problema non è tanto "andare in palestra", perchè puoi anche farti i bilancieri con i copertoni se sei povero, ma il fatto che per mantenere una massa magra di una certa dimensione non basta la palestra ma ci vogliono almeno un migliaio di calorie al giorno sopra il proprio BMR,  nozione che cozza un po' con la narrativa del poveraccio disperato che è stato in un campo di concentramento libico per mesi mangiando sabbia e urina.


Fermo restando che io sostengo che le persone in difficoltà vanno salvate senza se e senza ma, rimango scettico su molte delle cose che succederebbero prima che queste persone arrivino nei nostri mari.

 10/07/2019 12:12:15
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

canardu, concordo con la tua osservazione. Ma probabilmente il fatto è che i termini della questione sono macroscopicamente inesatti dal punto di vista di chi fa simili osservazioni. In realtà, "palestrato" è un'esagerazione per indicare un fisico semplicemente tirato. In secondo luogo, non è detto che tutte quante queste persone trascorrano lunghi periodi nei campi libici, se mai ci mettono piede (la situazione libica è tale che in realtà non si può sapere che cosa accade in zone dove il controllo del governo provvisorio è allentato o addirittura inesistente). In terzo luogo, vengono spesso diffuse immagini di persone che vengono descritte come migranti muscolosi appena sbarcati, ma a più riprese è stato dimostrato che in molti casi si trattava di falsi creati ad arte.

In ogni caso, all'epoca della tratta degli schiavi dall'Africa, la permanenza a bordo di una nave negriera (dove le condizioni erano sicuramente non migliori di un campo libico) durava dalle sei settimane ad alcuni mesi: a fronte di un tasso di mortalità e di infermità altissimo, gli schiavi sbarcati vivi non erano tutti in condizioni disastrose. Venivano messi all'asta dopo pochi giorni dallo sbarco ed erano in condizioni di lavorare da subito (e non lavoravano in ufficio, come sappiamo). Naturalmente, il valore dello schiavo era commisurato alla sua prestanza fisica, quindi non potevano essere messi all'asta in condizioni di deperimento fisico, ma neanche si può pensare che i negrieri attendessero settimane e settimane per aspettare che la forma fisica fosse ottimale. Il tono muscolare dei famosi Mandingo non doveva subire quindi variazioni drammatiche nel corso della lunga traversata, almeno per gli elementi più forti.

 10/07/2019 18:27:03
canardu

canardu106536

CEO, Amministratore Delegato

in risposta a ↑

PaoloVincenti, si ma manca un'altra considerazione nel tuo discorso.


Le conseguenze della malnutrizione in età infantile e adolescenziale non potrebbero mai generare fisici del genere nemmeno in età adulta e con perfetta alimentazione in eccesso calorico.


Lo sviluppo fisico e mentale dei ragazzi che ho incontrato non è consistente con una malnutrizione continuata nel tempo fin da età infantile.


Lo schiavo prima di essere catturato e portato nelle Americhe in teoria non soffriva di questa malnutrizione patologica, ma viveva tranquillo nei villaggi e nelle tribù ed è per quello riusciva ad affrontare un viaggio del genere relativamente senza problemi.


Il dubbio che mi sorge è che chi ha bisogno veramente di aiuto rimane in Africa impossibilitato a migrare.


Magari a fare da carne da cannone per il signore della guerra locale o ad estrarre terre rare per la multinazionale francese.


Chi invece riesce ad arrivare sono persone che hanno comunque una situazione economica e sociale perlomeno accettabile.


Secondo me i bambini magrissimi delle foto molto difficilmente corrispondono ai futuri migranti "palestrati" che incontriamo per strada.


Chi vuole far passare questo messaggio ci sta prendendo in giro.


Da qui secondo me forse è necessario indagare meglio su quello che succede realmente in Africa e capire realmente chi è che arriva in Europa e chi è che rimane in Africa.

 10/07/2019 20:58:50
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

canardu, be', quelli che partono non sono sicuramente i ragazzini (o ex ragazzini) malnutriti dei villaggi più sperduti. Per affrontare un viaggio di migliaia di km in condizioni proibitive dall'Africa subsahariana fino alle coste del Mediterraneo devi essere in ottima salute, altrimenti non arrivi vivo, innanzitutto. Quelli che conosco e che ora risiedono e lavorano stabilmente qui dalle mie parti sono in possesso di un diploma di scuola superiore e provengono da città grandi o di media dimensione, non dalle campagne. Sono in grado di guidare mezzi e manovrare macchine relativamente complesse, seguire procedure amministrative e parlare almeno tre lingue (quella nativa, il francese e l'italiano). Per cui possiamo dire che sono appartenenti alla classe media urbana o suburbana (per quanto le nostre categorie possano applicarsi convenientemente alla società africana), in un ambito dove la mobilità sociale è comunque molto ridotta. Chi ha i mezzi per far andare via i figli dai villaggi e farli studiare in città, non esita nemmeno un momento. Questo almeno per quanto riguarda l'Africa Centrale, fatta eccezione per le zone di emergenza umanitaria. Diverso è il discorso per i migranti dal Corno d'Africa (mediamente meno istruiti e assai più malnutriti), che si ripartiscono in misura eguale verso il Mediterraneo e verso la Penisola Arabica.

 10/07/2019 22:03:47
canardu

canardu106536

CEO, Amministratore Delegato

in risposta a ↑

PaoloVincenti, quindi vedi che l'osservazione rispetto la relativa buona salute dei migranti non è del tutto campata in aria.


 10/07/2019 22:20:05 (modificato)
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

canardu, no, infatti non lo è. Ma non tutti i migranti provengono da quella zona dell'Africa. Una  delle domande che io appunto mi ponevo è: perché la gente vede palestrati solo tra i centroafricani, ma non tra i migranti dal Corno d'Africa, dal Maghreb, dal Medio Oriente, dal subcontinente indiano, dal sudest asiatico, dall'America Latina? Perché queste popolazioni non stuzzicano la fantasia dell'osservatore occidentale come i neri?

 11/07/2019 06:30:08
canardu

canardu106536

CEO, Amministratore Delegato

in risposta a ↑

PaoloVincenti, ma a questo punto della conversazione la risposta dovresti avercela.



I migranti vengono tutti descritti come persone che fuggono da situazioni di estrema miseria, guerra e carestia.


Mentre la forma fisica di alcuni migranti, la quantità di massa magra, le calorie necessarie per mantenere suddetta massa magra ed evitare il catabolismo muscolare, l'assenza di insufficienze fisiche e mentali dovute alla malnutrizione cronica in età dello sviluppo ed infantile suggeriscono un quadro diverso.


Infatti tu stesso evidenzi che chi proviene dal centro Africa di solito appartiene ad una classe media urbana o suburbana.


Questa contraddizione tra narrativa principale e evidenze fisiche genera il tipo di dubbi che stimolano la "fantasia" dell'osservatore.

 11/07/2019 10:33:51
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

canardu, su questo siamo d'accordo. Ma gli altri migranti non sono tutti profughi malnutriti che vengono dalle campagne devastate dalla carestia; anche tra i mediorientali vi sono parecchi esponenti di una classe media urbana o suburbana (spesso perseguitati per motivi politici). La contraddizione tra la narrativa di fame e miseria e la realtà dei fatti dovrebbe a questo punto essere valida per quasi tutti quanti, ma invece si avverte solo se l'individuo è nero e alto. Quindi la fantasia dell'osservatore è stimolata più che altro dall'estraneo che lo sovrasta fisicamente e ha un colore più scuro, perché in qualche modo viene avvertito come più minaccioso.

 11/07/2019 11:01:59
canardu

canardu106536

CEO, Amministratore Delegato

in risposta a ↑

PaoloVincenti, è ovvio che più la realtà si distacca dalle aspettative più spicca all'occhio dell'osservatore.


Mediorientali particolarmente prestanti a livello fisico non ne vediamo in giro, forse perchè metabolismo e dieta sono diverse da quelle dei centro africani.


Se ne vedessimo probabilmente avremmo lo stesso tipo di reazione che i centro africani suscitano.


Secondo me una soluzione piuttosto ovvia è fare informazione maggiore sulla provenienza e l'identità delle persone che arrivano.

In modo da ridimensionare le aspettative e quindi ridurre reazioni del genere.

 11/07/2019 11:15:48 (modificato)
Antares_5

Antares_563256

Non rompere e non romperò

Non penso che vadano in palestra. Hanno un fisico che facilmentemette mette su muscoli. 

 10/07/2019 19:13:24

Mah basta guardare le foto delle persone clandestine che arrivano, tutti o quasi con fisici imponenti, giovani e in buona salute. È un dato di fatto. Francamente non mi sono mai sentito "inferiore" fisicamente ad un "nero", nonostante io sia "bianco".  E comunque non credo proprio usino le palestre per incentivare i loro muscoli... Anche i muratori hanno fisici scolpiti, anche chi corre, chi nuota... Loro corrono sicuramente e parecchio e sanno nuotare forse in modo impeccabile... Sta di fatto che le persone da aiutare sono altre... E quelle non hanno fisici scolpiti come il marmo, non corrono, non nuotano perché troppo deboli per farlo. Ah, dimenticavo, questi ultimi non sono quelli che arrivano sui barconi... 

 12/07/2019 08:17:29
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

Benito007, anche i profughi arrivano con i barconi e senz'altro non hanno fisici scolpiti, in quanto al 60% si tratta di donne e bambini.

 12/07/2019 09:57:10
in risposta a ↑

PaoloVincenti, ehhhhh si come no. 

 12/07/2019 11:18:32
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Benito007, disponi di dati che dimostrano il contrario? Ripeto, stiamo parlando di profughi (ottiene questo status chi lascia il proprio paese a causa di guerre, persecuzioni o catastrofi naturali). In Italia ce ne sono 131mila: il 60% è costituito da donne e bambini. Tra coloro che ottengono asilo, un terzo proviene da uno di questi tre paesi: Siria, Iraq e Afghanistan.

 12/07/2019 12:35:40
FlavioBertamini

FlavioBertamini79729

Dead man walking

Benito007, per il nuoto gli africani sono poco portati, a livello agonistico.

 14/07/2019 17:33:55
minimamoralia

minimamoralia70596

Una volta sottolineavo, ora cancello.

Il ragionamento è interessante, molto al maschile forse, però, e parlo per me, i gusti e l'attrazione nei confronti di certi soggetti è assolutamente istintiva e naturale. Ad esempio a me piacciono gli asiatici e non mi è mai piaciuto un uomo di colore, senza nessun motivo, fin da ragazzina e da grande il mio uomo ideale, dal punto di vista fisico, è e sarà sempre Keanu Reeves.

 13/07/2019 18:20:20
FlavioBertamini

FlavioBertamini79729

Dead man walking

minimamoralia, c'avrei giurato! E di Kabir Bedi cosa ne pensavi?  

 14/07/2019 17:31:43

minimamoralia, da ragazza avevo un calendario e novembre lo avevano dedicato proprio a lui.. beh, è restato fermo in quel mese per diversi anni.

Un gran bel topolone, e lo è tutt'ora.

  

 16/07/2019 18:53:04

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader