PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

Il nero e la palestra

Il nero e la palestra

Chiacchierando con alcune persone durante una pausa pranzo, è saltata fuori a un certo punto la storiella che - con il continuo stillicidio di migranti - arrivi qui in Italia un gran numero di "neri palestrati". Questo argomento è davvero interessante, se si prova a rifletterci un po' su.


Innanzitutto, facendo un po' di ricerca, si scopre che il costo mensile medio di una palestra p.es. a Lagos (Nigeria) non è molto diverso da quello di una palestra in un paese di provincia dalle nostre parti (lasciamo stare Milano, ovviamente). Ma il reddito medio di un nigeriano è 16 volte inferiore a quello di un italiano, e laggiù un discreto stipendio è intorno ai 200 euro, quindi la spesa effettiva per andare a palestrarsi è in realtà molto più elevata. Roba da ricchi, direi. Ma se uno è abbastanza ricco in Nigeria da potersi permettere la palestra, perché dovrebbe poi rischiare la vita su un barcone per venire a fare il barbone in Italia? Boh...

Un secondo aspetto interessante è il fatto che quelli "palestrati" provengano sempre dall'Africa nera. Perché non ci sono palestrati tra maghrebini, pakistani, filippini o peruviani (che provengono da paesi con un reddito superiore a quello dell'Africa subsahariana)? Anche questo è un bel mistero...


Ecco allora insinuarsi un dubbio. L'immagine stereotipata del nero atletico non incarna piuttosto un certo complesso di inferiorità (fisica) che molti occidentali sembrano nutrire nei riguardi degli africani?

La struttura fisica di certe popolazioni dell'Africa centrale è innegabilmente più sviluppata, più solida e muscolarmente più potente di quella dei bianchi (sempre parlando per generalizzazioni, è ovvio, perché l'alimentazione e la salute complessiva hanno la propria importanza). Nelle concerie qua dalle mie parti gli africani neri trovano facilmente impiego perché sono in grado di maneggiare tutto il giorno pelli bovine inzuppate d'acqua (ciascuna con un peso che supera anche il mezzo quintale) molto meglio di un nordafricano di statura medio-bassa e che pesa 60 kg o poco più.

Se alla prestanza fisica si aggiunge poi anche la maggiore fertilità - che si collega alla non trascurabile invidia verso un noto attributo - ecco che il nero forte e muscolare, molto più che il migrante generico, viene ad identificarsi con la reale minaccia all'identità bianca. Questa negrofobia (termine tecnico; qui il politically correct non ha imperio) sembra trovare quindi il proprio fondamento non tanto in una idea ancestrale del pericolo rappresentato dall'uomo nero (diverso e minaccioso perché scuro, con il naso largo, le labbra sporgenti, etc.), ma anche e soprattutto nel timore di essere fisicamente e sessualmente surclassato. O no?

 09/07/2019 10:44:35
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
53 commenti
Jay82

Jay8280146

Caramella al limone

Aggiungici il fatto che senza un filo di grasso e facendo lavori manuali pesanti chiunque sembrerebbe "palestrato" agli occhi dell'occidentale medio ( in sovrappeso e "comodo"). Mio padre finché non é andato in pensione facendo il muratore ha sempre avuto il fisico, e le palestre non le ha mai frequentate ( ora dovrebbe, la panza sta prendendo il sopravvento   ).

Comunque sì: concordo con la tua analisi. E ti dirò di più: mi suona stranissimo sentire le sciure lamentarsi... sarà anche radical-chic    ma a me sti addominali d'ebano attirano molto di più di una panza e una pelata dei miei bianchissimi coetanei   

 09/07/2019 11:54:54
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

Jay82, vabbè dai. Panza e pelata sono un must. Mettici pure l'occhialetto mezzo rotto e ottieni un bell'intellettualoide pieno di se. Non disprezzare, su.   

 09/07/2019 13:55:48
Jay82

Jay8280146

Caramella al limone

in risposta a ↑

-ombretta_, chi disprezza compra   

 09/07/2019 13:56:49
FlavioBertamini

FlavioBertamini79729

Dead man walking

in risposta a ↑

-ombretta_, insomma "tutto fa brodo"

 11/07/2019 12:42:49
EwaMaria

EwaMaria136946

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Jay82, lo stesso posso dire di mio padre, che quasi sempre ha svolto dei lavori fisici e molto pesanti, tant'è all'età di 64 aveva la tartaruga e le gambe  muscolose. 


In riferimento al commento di @canardu , mio padre, da piccolo assieme alla madre e due fratellini, è stato deportato in Kasachistan, dove ha patito fame e miseria estrema, malgrado questo ha sempre avuto un bel fisico.

 12/07/2019 13:27:06
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

Il problema è che nonostante il progresso abbia notevolmente cambiato le condizioni di vita del genere umano, il nostro cervello non si è evoluto. Siamo ancestralmente programmati come dei cavernicoli. Il fisicaccio non è più lo strumento di sopravvivenza che rappresentava in epoche remote, eppure continua a piacere alle donne e ad essere invidiato dagli uomini. La fertilità non è più necessaria in un mondo sovrappopolato, eppure continuiamo a dare un valore alle dimensioni nonostante per molte donne* sia più una sofferenza che un piacere. La nostra cultura e la nostra razionalità possono in maniera abbastanza semplice mostrarci questi meccanismi e rendercene consapevoli. Ma non è altrettanto semplice fermarli, trattandosi di risposte istintive che partono dal cervello limbico, il primo ad attivarsi e a generare la sensazione e l'emozione. Siamo tutti povere vittime della nostra natura primitiva. 


*le dimensioni sembrano essere una preoccupazione particolarmente forte nel mondo gay. Eppure, pensandoci, nel loro caso un pene grosso è quanto di più inutile e doloroso possa esistere! 

 09/07/2019 15:36:46 (modificato)
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

-ombretta_, concordo.

P.S. - attenta al "cervello libico" (limbico)... qualcuno potrebbe utilizzarlo per innescarci una polemica   

 09/07/2019 16:46:40
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

in risposta a ↑

PaoloVincenti, ah mannaggia il T9. Giuro che la sapevo eh   

 09/07/2019 16:48:33
PaoloVincenti

PaoloVincenti28356

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

-ombretta_,   

 09/07/2019 16:49:01
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

La struttura fisica rispecchia l'ecotipo, cioè gli adattamenti peculiari per ogni gruppo umano relativi alla posizione geografica, al clima, a tutta una serie di fattori che hanno portato l'Homo sapiens a differenziarsi in diversi fenotipi. Ogni adattamento serve all'abbisogna (dal gluteo femminile ricco di grassi per accumulare acqua nel fondoschiena di molte africane, sino alla pelle bianchissima di molte popolazioni del nord, ecc..ecc..) e il discorso è tutto qui. 

Ogni popolazione invidia qualcosa ad un'altra, per tutta una serie di convinzioni assolutamente da sfatare (altrimenti gira e rigira parliamo di razzismo), una fra tutte quella dell'uomo nero, del forestiero, del diverso (in Africa parlano di uomo bianco per indicare il babau). Timori accentuati da meccanismi sociali molto più profondi di quello che si crede, una sorta di competizione fra gruppi omogenei per "razza" - passatemi il termine, anche se è sbagliato- che, ripeto, è diffusa in tutto il mondo e ispira un circolo vizioso di odio e violenza. 


p.s. non ho capito cosa c'entra il tasso di fertilità con le dimensioni del pisello    

 09/07/2019 18:25:22
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

FrancescoFrank, 

>p.s. non ho capito cosa c'entra il tasso di fertilità con le dimensioni del pisello


Sembra ci sia un collegamento 

https://www.google.com/amp/s/www.galileonet.it/dimensioni-del-pene-infertilita/amp/


Cmq ricordo come fosse ieri un affresco a Pompei che vidi quando avevo dodici anni, raffigurante il dio della fertilità con un enorme pene sorretto da una bilancia. Credo abbia un senso soprattutto a livello immaginario, come le grandi mammelle nelle donne. 

 09/07/2019 19:07:32
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

-ombretta_, sembra uno studio volto alla ricerca di prove che validino un'ipotesi incerta. Ed é (o sembra) un chiaro errore di metodo. Tra l'altro se questo fosse vero i cinesi che, in quanto a dimensioni non sembrano eccellere, sarebbero molti meno. Questo studio mi sembra piuttosto una deriva di uno spauracchio figlio di una pressione sociale che danneggia uomini e donne in maniera terribile. 

Lo vidi anche io, è Priapo. Fantastico quel dipinto. Riassume l'idea umana che "piú grande é sinonimo di migliore", idem il seno. Quando mai una donna con il seno piú florido allatta meglio? 

 09/07/2019 19:16:35
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

in risposta a ↑

FrancescoFrank, guarda, in merito allo studio nutro anch'io dei dubbi. Invece ritengo che l'affresco non rappresenti tanto il concetto di "più grande=migliore", bensì quello dell'abbondanza. L'essere umano ha da sempre combattuto contro la scarsità di risorse e un ambiente ostile. È curioso, comunque, come invece l'immaginario rispetto alle donne si sia modificato. Seno e fianchi rimangono formosi, ma il grasso ha perso di fascino. 

 09/07/2019 19:37:40
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

-ombretta_, si, intendevo quello. Bè quando la gente smette di preoccuparsi del cibo, pensa ad altri canoni estetici. Poi..degustibus. Gran parte degli africani adorano le donne oversize. Anche mooolto oversize..

 09/07/2019 19:41:25
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

in risposta a ↑

FrancescoFrank, il concetto del less is more é nato in Europa, tra i nobili in decadenza, per distinguersi dalla borghesia opulenta e ostentatrice. La prima che fece della magrezza un obiettivo e un segno distintivo, sembra fu la principessa sissi, emulata in seguito dalle dame della sua corte. Per l'africa bisognerebbe fare un discorso a parte :) 

 09/07/2019 19:55:19
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

-ombretta_, ah, non sapevo questo. Bé.. vedi? Cultura, mode.. tutto influisce

 09/07/2019 22:10:25
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

in risposta a ↑

FrancescoFrank, ci sono teorie interessanti rispetto il fenomeno dell'emulazione, potrebbe essere collegato ai neuroni specchio. Diciamo che anch'esso potrebbe far parte del corredo genetico del nostro cervello. La cultura e la natura non sono propriamente due universi scissi, bensì due caratteristiche primarie del genere umano che si influenzano a vicenda   

 10/07/2019 08:14:14
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

-ombretta_, certo! 

 10/07/2019 08:23:39
FlavioBertamini

FlavioBertamini79729

Dead man walking

in risposta a ↑

FrancescoFrank, che dotta disquisizione! Complimenti anche a @-ombretta_! Credo che anche il candore della pelle, un tempo sinonimo di bellezza e nobiltà, abbia perso tutto il suo fascino a favore dell'abbronzatura per semplici questioni emulative!

 11/07/2019 12:51:40
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

FlavioBertamini, eh eh, dici? A me la pelle candida come il latte non dispiace affatto

 11/07/2019 13:01:32
-ombretta_

-ombretta_9376

Lovesick

in risposta a ↑

FlavioBertamini, mmmmm... Il pallore della pelle era un segno distintivo dei nobili, a dimostrazione che lo status sociale permetteva loro di non dover stare sotto il sole cocente a coltivare i campi. Ad oggi l'abbronzatura ha la stessa funzione, all'incirca. Segnala tanto tempo libero da passare al mare, oppure una lunga e rilassante vacanza ai tropici o una bella settimana bianca, o ancora tanti soldini spesi in lampade. Non credi? 

 11/07/2019 16:31:21
Dianissima

Dianissima70081

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FrancescoFrank, mi fai ricordare un amico che, anni fa, durante un  viaggio in non so quale nazione africana, si trovò a rifiutare, cercando di non offendere nessuno, l'offerta di ben 200 cammelli in cambio della bella moglie di tipologia fisica nordica con abbondanti curve al posto giusto. 

 11/07/2019 17:00:45
Dianissima

Dianissima70081

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FlavioBertamini, vero. Da ragazza mandai a fare delle brutte cose, un cretino che mi disse che non era mica normale che io avessi la pelle bianchissima, e mi chiese se ero anemica. Si vede che non aveva mai visto un fototipo uno. Poi non gli avevo mica chiesto niente a questo imbecille. 

 11/07/2019 17:08:40
Dianissima

Dianissima70081

Artista e poetessa

in risposta a ↑

FrancescoFrank, finalmente una voce fuori dal coro. 

 11/07/2019 17:10:33
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Dianissima,   

 11/07/2019 17:14:28
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Dianissima, è come il mito dell'uomo. Come lo vogliono? Alto, moro e scuro. Sempre   

 11/07/2019 17:49:33
Robbins

Robbins91426

By ,by

Per aver fisici bisogna anche nutrirsi in modo corretto 

 09/07/2019 18:31:29

Nah, io sono contrario agli sbarchi ma non perché vedo il negro palestrato come una minaccia alla mia virilità ma per motivi ovvi e molto più pratici. Non escludo che qualcuno possa invidiarli ma di certo non io, anche se ammetto che mi piacerebbe avere un fisico come quello di John Coffey del miglio verde. Oddio, è morto di infarto a 50 forse proprio a causa del suo peso quindi non penso che convenga tanto

 09/07/2019 18:37:10
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

Roger_Due, un grande quell'attore. Poveraccio. Ma non certo di bell'aspetto (luogo comune per luogo comune) 

 09/07/2019 18:52:01
in risposta a ↑

FrancescoFrank, beh, il fisico però era invidiabile. Un gigantone. Mi è dispiaciuto molto sapere della sua morte 

 09/07/2019 18:52:54
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Roger_Due, si anche a me. Era un simpaticone, bonario e piacevole. Ma di cosa te ne faresti di tutti quei muscoli? 

 09/07/2019 18:53:50
in risposta a ↑

FrancescoFrank, mi ammirerei allo specchio tutto il giorno  . E invece di portare solo due casse d'acqua alla volta ne potrei portare cinque o sei, un bel risparmio di tempo 

 09/07/2019 18:58:56
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Roger_Due, ma dovresti vivere inchiodato in palestra per mantenerli sti muscoli

 09/07/2019 19:07:11
in risposta a ↑

FrancescoFrank, eh lo so, questo sarebbe un problema. Di certo non si diventa così solo mangiando tante bistecche 

 09/07/2019 19:08:09
FrancescoFrank

FrancescoFrank170726

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Roger_Due, eh no! 

 09/07/2019 19:17:30

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader