RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

Magistrati sotto tiro

Magistrati sotto tiro

Non è una novità. La mafia lo faceva con l'esplosivo, altri recapitando un proiettile, oggi a me sembra che le richieste di "un passo indietro" abbiano a che fare  con una particolare  attenzione.


"Si mettevano d'accordo".

Ditemi sinceramente: avete mai pensato che non lo facessero ?

"Ha passato informazioni confidenziali"

E tutto quello che è sempre finito sui giornali, chi lo rivelava ? Il grillo parlante ?


Non vorrei che la mia sembrasse una difesa d'ufficio della magistratura: quei comportamenti sono da condannare, non si discute. Ma mi viene in mente la giustizia, rappresentata con una bilancia.

La gravità di -che so- far sparire 49 milioni di tutti noi, oppure la gravità di respingere profughi in campi dove si sa benissimo che si patisce la violenza, la fame, le malattie, e -dall'altra parte- la gravità di mettersi d'accordo su chi eleggere, ditemi voi, se li mettessimo sui due piatti, da che parte dovrebbere pendere la bilancia ?


Molti non apprezzeranno gli esempi che ho fatto; fate come se non li avessi fatti, ma non sembra anche a voi che -rispetto alla magistratura- sia in corso l'attacco alla diligenza ?

 02/07/2019 15:52:32
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
38 commenti
Robbins

Robbins90136

Rincorso dai "ossimori della terra di mezzo"


Non si può attaccare una diligenza che non c'è .


 02/07/2019 16:01:41
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

Robbins, leggila "dirigenza".  Siamo lì

A parte la battuta (ma se tu le fai, io fatico a trattenermi), credo che la metafora che ho scelto e tex willer siano il prototipo dei "buoni" (che sappiamo bene, nel far west mica erano loro i buoni) contro gli assalitori.

A me il CSM da l'impressione di un fortino terribile.

Insomma, di materiale su cui discutere ce n'è parecchio, no ?

 02/07/2019 16:09:30
Robbins

Robbins90136

Rincorso dai "ossimori della terra di mezzo"

in risposta a ↑

RobertoMontanari, non molto .

Mi sembra quelle discussioni che fanno i giornalisti in televisione dove invitano sempre gli stessi .

Un elite che intervista un'altra elite di poche persone di potere.


 02/07/2019 16:55:46
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

in risposta a ↑

Robbins, dici che se uno dei tre poteri del nostro stato è in crisi, non gliene frega  niente a nessuno ?

Temo che tu abbia ragione...

 02/07/2019 19:48:18
Cipo65

Cipo6526536

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

Mi aggancio alla tua ultima risposta a @Robbins la popolazione si è così involuta a livello politico che, ho paura, che parecchi italiani "giovani" non sanno quali siano i poteri dello Stato italiano....oggi l'attenzione si è spostata verso le false notizie e personaggi "forti".... 

 03/07/2019 08:35:01
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

Cribbio Cipo65,  sarebbe grave, ma è possibile...

Spero di no

Però non vorrei impantanarmi su queste riflessioni. Il dubbio su cui cerco l'opinione dei quaggers, è se anche secondo voi c'è -in questi ultimi mesi- una focalizzazione per screditare la magistratura come istituzione.

Da alcuni anni l'attacco è contro il parlamento, questo è molto evidente.

E' come se l'esecutivo stesse cercando di prevalere sugli altri poteri.

Secondo me sarebbe una cosa gravissima

 03/07/2019 09:18:17
Cipo65

Cipo6526536

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

in risposta a ↑

RobertoMontanari, io vedo che è da sempre che c'è un attacco alla magistratura, ricordo dei governi berlusconiani e di conseguenza dei cittadini schierati da una certa parte politica. Oggi sembra che questa tendenza sia cambiata, ma è cambiato anche il modo di fare politica e governare, ahimè non solo in Italia....governi populisti la fanno da padrone e ne consegue la tendenza a prevalere sui poteri dello Stato. Si dici bene, è una cosa gravissima e come è sempre storicamente, complice è il popolo.

 03/07/2019 09:52:14
Cipo65

Cipo6526536

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

in risposta a ↑

RobertoMontanari, Questa la frase di Salvini che ho letto su Repubblica in merito alla vicenda Sea Watch:  La rabbia di Salvini: "Se qualche giudice vuole fare politica si candidi" 

 03/07/2019 11:28:35
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

in risposta a ↑

Cipo65, sulla "complicità" nostra in effetti ci sono esempi inconfutabili. Ma terrei distinte le responsabilità. E il"capopopolo" che governa l"umore collettivo.

Nel caso dei magistrati però non sembra esserci un "direttore d'orchestra.

Per questo trovo strana la situazione.

 03/07/2019 19:55:36
Cipo65

Cipo6526536

Alla ricerca di un buon giudizio in cucina

in risposta a ↑

RobertoMontanari, mha forse invece c'è....   .... comunque, sinceramente, non saprei cosa dire in merito a questa vicenda, al momento la tratto come una notizia, ponendomi pochi quesiti in attesa dei suoi sviluppi. Leggendo l'articolo quello che è successo sembrerebbe grave e mi chiedo, vivendo in quest'epoca piena di trojan e intercettazioni, se questi scandali non accadano perchè parte di un piano ben architettato....no, perchè se io avessi notizie bollenti e fossi un personaggio di spicco, potrebbe mai venirmi in mente di parlarne su un dispositivo che è alla mercè di tutti?

 04/07/2019 08:07:53
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

in risposta a ↑

Cipo65, leggendo gli ultimi sviluppi, alla fine ci sarebbe una ragazza a cui si è cercato di facilitare il superamento di un concorso,  corruzione perpetrata recapitando al giudice “una pastiera, una bottiglia di vino e tre tessere [credo SIM] omaggio“.

Beh, tecnicamente è corruzione, ma roba che punirei con una sonora, e pubblica tirata d'orecchi.

Chiedere favori è indubbiamente lo sport più praticato in Italia. Chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Che un pubblico ufficiale (credo che -ad esempio- un primario di un ospedale pubblico sia compreso in questa categoria) non dovrebbe accettare nessun tipo di omaggio, e dovrebbe rispondere sdegnato se qualcuno gli chiede una preferenza.

Ma ci rendiamo conto della distanza che c'è con la prassi quotidiana ?

Come si fa a fare prime pagine su reati di questa entità ?

Ho lavorato per un ospedale, e per natale arrivavano pacchi anche importanti.

Li mettevano tutti assieme (a prescindere da chi erano indirizzati) e poi facevano una pesca di beneficianza tra tuttio i presenti (me compreso che ero un fornitore), il cui ricavato veniva donato ad una OLNUS.

Bravissimo il direttore, ma qualcuno ci restava male: un cadeau come gesto di riconoscenza, farebbe parte del galateo... cambieremo anche questa abitudine, ma intanto secondo me la sanzione dovrebbe essere solo amministrativa

 04/07/2019 09:03:15
FlavioBertamini

FlavioBertamini78179

Dead man walking

1) Intanto, pure oggi, 3 lug., c'è stato l'arresto di un magistrato per corruzione.


2- Ai tempi di Berlusconi invece, com'era la situazione?

 03/07/2019 09:25:28
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

FlavioBertamini, se ti riferisci al GIP di Ischia, "Capuano era stato indagato dalla Procura di Roma per presunte utilità o vantaggi incassati in cambio di una gestione morbida del patrimonio dei fratelli Ragosta, accuse poi archiviate".  Stavolta magari hanno indizi più solidi, però attivare una indagine non significa dimostrare una colpa.

Com'era ai tempi di Berlusconi ?

Ricordo bene subito prima. "Mani pulite" era l'emblema della legalità.

Assieme a molta corruzione (che -per la verità- continua ancora oggi) in quegli anni cominciò l'attacco alla partitocrazia (ed al parlamento).

I partiti tradizionali chiudevano o cambiavano nome, e nascevano le correnti populiste (Forza Italia, Lega).

Durante il ventennio berlusconiano, c'era costantemente un attacco alla "magistratura rossa"

Sì, direi che il tentativo da parte dell'esecutivo, di fare l'asso pigliatutto, non è recentissima, ma si sta intensificando

 03/07/2019 09:47:01
DavideAriari

DavideAriari11961

Emozio-nato

Scrivi "fate come non li avessi fatti", ma li hai fatti quegli esempi.


E per quanto riguarda il secondo, te lo scrivo da antisalviniano convinto, il punto è che questa persona conoscendo la situazione politica che c'era in Italia ha deciso di venire proprio in Italia dunque ha contribuito scientemente a creare la situazione di emergenza per risolvere la quale, infischiandosene della sentenza del tribunale di Strasburgo a cui lei si era rivolta, ha fatto quanto ha fatto, ha violato leggi che se le violassi io col cavolo che starei ancora a piede libero...

Io sinceramente trovo molto grave che non sia stata condannata: si è fornita l'impressione che chiunque può venire qui a fare quello che gli pare.

Trovo grave sia chiaro anche che nessuno abbia proceduto contro quanti l'hanno fatta oggetto di insulti sessisti e razzisti.

Ma in ogni caso la gravità di un fatto non elimina quella dell'altro fatto.


Comunque sia, per rispondere alla tua domanda, sono anni che la magistratura è sotto attacco da parte di alcune fazioni politiche, è chiaro che nel momento in cui queste hanno maggiore influenza l'attacco diventa più marcato.

Stupisce piuttosto, ma nemmeno così tanto visto che ormai qua funziona tutto alla rovescia, che l'attacco provenga da quanti si fanno paladini dell'ordine e della legalità...


Ciao :-)


 03/07/2019 13:33:08
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

DavideAriari, beh, dici: "trovo molto grave che non sia stata condannata",  ma il processo a Carola in effetti non c'è ancora stato; fin qui è stato solo escluso il fermo.  Se ci sarà condanna, e per quale reato, faccio fatica a prevedere, proprio perchè magistrati diversi hanno avuto -sul tema- posizioni molto diverse. Io credo che quelle incertezze non derivino necessariamente da orientamenti politici, ma dal fatto che si sovrappongono norme contraddittorie. Non è facile essere giudici imparziali, quando le norme di riferimento divergono.

Sull'ultimo tuo punto (la provenienza degli attacchi) concordo con te: l'attacco talvolta sembra concentrico.   Come se ci fossero delle "rese dei conti" di vecchia data.

Chiaro che si fa fatica a confermare la fiducia alla magistratura di fronte a comportamenti censurabili, ma io credo che lo sforzo dovrebbe essere quello di potenziare la capacità della magistratura di lavorare bene, di migliorare la sua autonomia, di mettere a disposizione dei sistemi per accertare rapidamente eventuali infrazioni, però per me l'autonomia della magistratura è un bene supremo


 03/07/2019 13:49:45
DavideAriari

DavideAriari11961

Emozio-nato

in risposta a ↑

RobertoMontanari, accetto la tua correzione, sì è vero che è stato rifiutato solo il fermo, ma le motivazioni della sentenza sanno tanto di assoluzione.

E' chiaro che il giudice nel fornire quelle motivazioni si è rifatta a delle norme, ma proprio nel fornirle è come se avesse dichiarato inapplicabile il decreto Salvini bis, fra l'altro dimenticando (o fingendo di dimenticare? è normale che venga il dubbio) tutto quanto successo nei giorni precedenti.

A me è sembrato comunque un atto grave, cosa ti devo dire?, mi  sembrata una sentenza che fa acqua da tutte le parti. Poi chiaro che non sta a me giudicare, cioè non sono io il giudice, ma in quanto cittadino italiano avrei gradito un comportamento diverso da parte del giudice.

Sempre come cittadino italiano avrei gradito un comportamento diverso da parte di Salvini.

Non parliamo poi come cittadino europeo, perché tutto nasce dall'incapacità dell'Europa di affrontare in modo unito e efficace questo problema.


Mah, io non penso che si tratti di resa dei conti, io, sono sincero, penso che non abbiano nemmeno tutti i torti a ritenere che la magistratura sia un po' orientata politicamente.

Ad ogni buon conto, per come la vedo io, si tratta di qualcosa di peggio di un regolamento di vecchi conti: si tratta di un tentativo di spostare gli equilbri di potere, in modo da avere una magistratura amica o comunque impotente in certe situazioni.

Chiaro che non sono un esperto in materia e potrei sbagliarmi.


In ogni caso concordo con te sul fatto che l'autonomia della magistratura debba essere garantita, ovvio che la distinzione dei poteri è il fondamento della democrazia.

Ora, il punto è che si può partire con l'accusa (magari in parte fondata) alla magistratura di fare politica, per arrivare a controllare politicamente la magistratura ed è appunto questo secondo me il loro scopo ultimo.

 03/07/2019 14:15:06
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

in risposta a ↑

DavideAriari, francamente credo che quel decreto non avrà vita lunga. È troppo in contraddizione con riferimenti di diritto ben più cogenti. Ma questo può essere affrontato solo a fronte di un ricorso, che credo ancora non ci sia.

Ma arrivando al punto, ci sarebbe qualcuno che vorrebbe sottomettere la magistratura al potere politico.

Ma chi e perché ?

Butto li una idea paradossale...

Gli indiani non erano i cattivi.

e la diligenza non eranoi buoni.

 negli usa i giudici sono eletti come da noi i sindaci.

Metti mai che ci stiamo schierando dal lato sbagliato della barriccata....!


parlimone.....

 03/07/2019 20:17:25
DavideAriari

DavideAriari11961

Emozio-nato

in risposta a ↑

RobertoMontanari, ma che non abbia vita lunga, ma magari, ma ben venga.

Io personalmente considero questo decreto una boiata.

Però io non sono stato votato dagli italiani e non ho il consenso di nessuno.

Sinceramente ho trovato il modo in cui ha proceduto questa giudice (tenendo conto del fatto che pochi giorni prima sulla questione si era pronunciato il Tribunale di Strasburgo) irrisorio nei confronti dell'Italia e dei cittadini italiani, non solo di quelli che hanno votato Salvini, ma di tutti.

Stento fra l'altro a capire come gli schieramenti politici possano essere divisi su questo punto, dico sul fatto che la Karola abbia mancato di rispetto alle Istituzioni italiane creando scientemente una situazione di emergenza che ha poi affrontato come ha affrontato...

Questo insomma non è il caso della Diciotti.



Non so se lo scopo ultimo loro sia quello di ottenere l'eleggibilità dei giudici.

Io certo sarei contrario.

L'impressione che ho io è che il loro scopo sia un po' di fare quanto hanno fatto in parte con la RAI: tanti paroloni contro l'intervento della politica nella RAI per che cosa? Semplicemente per mettere sulle poltrone persone gradite a loro.

Secondo me quello che vogliono fare è principalmente questo. Tu vedi che se i giudici emettessero sentenze con cui sono d'accordo sarebbero i primi a richiamare gli altri alla legalità: del resto già lo fanno quando fa loro comodo.

Per ora sono costretti a barcamentarsi fra due principi: il rispetto della legalità, e la volontà popolare.

Quando fa loro comodo invitano gli altri a rispettare la legalità.

Quando però da un punto di vista della legge o anche solo delle regole sono in minoranza (tipo per dire quando discutono con i Capi di Stato di altri Paesi europei), allora si richiamano allla volontà del popolo.

Il risultato è che si sentono sempre legittimati ad agire come agiscono, ossia presentano al "popolo" la propria azione sempre come giusta, anzi a volte come sacrosanta (benedetta dal Signore per intercessione della Madonna).

Anche qui stento a capire come ci possano essere persone che sostengono questi politici sempre e comunque, non accorgendosi di questo giochino che fanno.


Ma tant'è il mondo è bello perché è vario.

A volte a me sembra non solo vario ma anche un po' avariato...


Ciao e buona giornata :-)


 04/07/2019 09:27:23
Contrabbandiere

Contrabbandiere37546

PLA-XIT

Ormai siamo arrivati ad un punto tale che non ammettiamo più che possano esistere innocenti.

 03/07/2019 19:31:40
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

Contrabbandiere, il giustizialismo è un sentimento trasversale. Spesso ne soffrono persone integerrime. Però forse non e un orientamento recente.

E nessuno che si prenda la briga di difendere l'istituzione. Anche le preoccupazioni del pdr erano per l'allontanamento di chi eta stato motivo di scandalo, e non per difendere l'istituzione da indebite generalizzazioni

 03/07/2019 20:04:20
Contrabbandiere

Contrabbandiere37546

PLA-XIT

in risposta a ↑

RobertoMontanari, non centra nulla il giustizialismo, la mia era una osservazione generale.

 03/07/2019 22:14:42
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

in risposta a ↑

Contrabbandiere, allora evidentemente non l'ho capita... a chi si riferiva ? Ti va di spiegarla meglio ?

 04/07/2019 05:21:47
Contrabbandiere

Contrabbandiere37546

PLA-XIT

in risposta a ↑

RobertoMontanari, mi riferivo al sentimento comune generale, indipendentemente dal fatto che si parli di un magistrato o di un vigile o di un medico o di un insegnate o semplicemente di un avventore che gioca a  carte nel circolo del paese appena dici qualcosa per difendere qualcuno o qualche istituzione tutti troveranno esempi estremi di corruzione e di malavita in quell'ambiente.

 04/07/2019 06:11:18
RobertoMontanari

RobertoMontanari97559

Naufrago

in risposta a ↑

Contrabbandiere, ok. Quello di "pensar male" è in effetti un atteggiamento generale. Ma il tuo commento iniziava con: "Ormai siamo arrivati ad un punto tale".

Trovi che questo atteggiamento stia aumentando, in generale ? 

E ci sarebbe una causa ?

E sarebbe questo atteggiamento che determina quello che io avevo interpretato come "attacco alla diligenza" ?

La mia interpretazione, implica qualcosa di simile alla "conquista" di un potere, e dei suoi privilegi.

Quella tua ?


 04/07/2019 07:39:00
Contrabbandiere

Contrabbandiere37546

PLA-XIT

in risposta a ↑

RobertoMontanari, si un atteggiamento generale, in effetti ci si può sentire soddisfatti per due motivi o perchè si è soddisfatti di se stessi o perchè gli altri sono meno soddisfatti di te, ormai siamo arrivati al punto che in generale non si cerca il meglio, in tutti i rami possibili, ma ci si accontenta del meno peggio. Non vogliamo più i diligenti.

preso pari pari da internet:

"Il termine burocrazia è stato coniato dall’economista tedesco Max Weber, che intendeva l’organizzazione burocratica come un sostanziale progresso rispetto alle organizzazioni basate sul potere personale, sull’esercizio dell’arbitrio, sul dispotismo. Insomma, l’organizzazione burocratica sembra configurarsi come fisiologicamente più giusta, per esempio, rispetto a quella padronale o a quella dittatoriale o alle monarchie assolute."

 04/07/2019 11:22:12

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader