roberto962

roberto96234691

"è difficile restare arrabbiati..."

IVA tassa equa?

IVA tassa equa?

È un gran parlare di conti, economia, PIL, Europa… per una casuale associazione di idee ho accostato la nostra imposta sui consumi al reddito di cittadinanza (RC). Poi mi sono ricordato di aver letto, proprio su queste pagine, interessanti riflessioni su: l’umanità è destinata a una diminuzione numerica della forza lavoro, con la diffusione di informatica, robotica, automazione e solo i numi sanno cosa altro. Con uno spostamento, si può immaginare, delle fonti di reddito verso forme meno tradizionali, terziario, rendite mobiliari e immobiliari e solo i numi sanno cosa altro.


In questo senso l’RC o qualcosa di simile sembrerebbe una via obbligata.


Faccio un ragionamento ipotetico poiché l’IVA è già abbastanza cara. Immaginiamo di avere tale imposta al 15%. A un certo momento si deve finanziare l'RC o come lo si voglia chiamare. L’idea di reperire risorse  dall’aumento dell’IVA non sarebbe la peggiore delle idee.


Mettiamo che si decida di aumentare l’IVA di 5 punti. Ci sarebbe un aggravio, per famiglia o singolo, di soli 50 € per ogni 1000 mensili di spesa. Se puoi permetterti di spendere di più, certo potrai anche farti carico di un sacrificio un po’ più consistente: una gradualità a prova di bomba.


Così però sembra troppo facile, dove potrebbe nascondersi la fregatura?  

 10/05/2019 15:55:36
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
15 commenti
Robbins

Robbins88936

Rincorso dai "Despar della terra di mezzo"

Hai colto nel segno.

L"aumento dell'Iva non va ad incidere un gran che sulla spesa degli italiani .

Poi sarebbe rimessa in circolo con un rientro di parte con le tasse su quello che viene comprato sopratutto con la farsa del "rc"

Perché farsa ?

Perché quei soldi dati a chi ne avrebbe bisogno sono un aiuto al livello superiore non nelle intenzioni ma nei fatti.

Mi spiego.

Do 500 euro ad una famiglia che è per statuto obbligata a spenderli e non può accumulare. 

Li possono accumulare chi riceve il flusso a secondo livello.

Questo determina certo un aiuto ma arricchisce solo chi può fermare questo flusso. 


 10/05/2019 16:18:15
roberto962

roberto96234691

"è difficile restare arrabbiati..."

Robbins, un solo dubbio, per secondo livello intendi il commerciante o produttore o artigiano che ha venduto il prodotto? 

 11/05/2019 08:11:45
Robbins

Robbins88936

Rincorso dai "Despar della terra di mezzo"

in risposta a ↑

roberto962, certo ma può essere la compagnia telefonica o elettrica o dell"acqua .

Questi non sono obbligati a rimettere in circolo il denaro avuto .

Per questo sono i veri fruitori del rc

 11/05/2019 10:08:03
roberto962

roberto96234691

"è difficile restare arrabbiati..."

in risposta a ↑

Robbins, non fa una piega


 11/05/2019 12:22:18
Robbins

Robbins88936

Rincorso dai "Despar della terra di mezzo"

in risposta a ↑

roberto962, alleluia!!

Almeno tu mi dai ragione 

 11/05/2019 12:29:18
pastrank

pastrank38476

Den som är satt i skuld är icke fri

Riguardo all'IVA, ripeto quello che dicevo ieri: non e' una misura distributiva, serve solo a raccattare moneta per pagare i debiti all'estero, e probabilmente gli sprechi in Italia (in arrivo costose assunzioni in Parlamento, grazie al governo del cambiamento).

Quindi, paghiamo piu' tasse per ripagare lo spread peggiorato, e mantenere i privilegi.

 10/05/2019 20:45:34
EwaMaria

EwaMaria134721

Hiraeth. Davidia Involucrata.

pastrank, mi verrebbe da dire una parolaccia. 


Mi trattengo. 

 10/05/2019 20:54:22
RobertoMontanari

RobertoMontanari97514

Naufrago

"Equo" significa imparziale, ma anche "giusto"

Se la costituzione è la più importante fonte di diritto, una imposta "imparziale" non può rispettare il criterio di "giustizia", dato che le imposte devono  seguire le capacità contributive.

Ma c'è di peggio.

L'imposta sul valore aggiunto dimentica completamente i soggetti con maggiore capacità contributiva, e cioè le aziende che realizzano profitto.

Quel profitto -ricordiamolo- compete esclusivamente a chi nell'azienda ha messo del danaro; quel profitto non verrà assoggettato ad IVA finchè non viene speso.

Quindi l'IVA non tocca minimamente l'accumulo dei patrimoni.

E' del tutto evidente che non segue le capacità contributive.


Eppure l'IVA è una delle fonti di gettito più importanti.

Come mai ?

Innanzitutto perchè si basa su un "sostituto di imposta". In pratica non è l'erario che si preoccupa di incassare, ma le singole aziende.

E poi perché in genere è abbastanza facile capire se viene evasa (ed è davvero incredibile come in Italia ci possano essere tassi di evasione così elevati).




 11/05/2019 06:20:51
Tommy

Tommy30241

l'IVA soffre di una immeritata cattiva fama.


Anziché tassare il reddito, conviene, a mio parere, tassare il comportamento.

Cioè quando il potere contributivo si esprime.


Conviene ricordare che anche l'accumulo di denaro si esprime.

Si esprime per esempio quando si acquistano beni rifugio o quando si investe verso attività produttive.


Un opportuna modulazione dell'Iva, e per modulazione intendo assegnare un'Iva diversa per ogni prodotto, permette di indirizzare i flussi di denaro verso le attività più vantaggiosi per il paese.


Così se si vuole disincentivare l'uso dell'automobile in città a vantaggio dell'uso di altri mezzi, la bici per esempio, si può aumentare l'IVA sulla benzina (gilet gialli permettendo), e con quei soldi costruire piste ciclabili.


Se si vuole disincentivare l'uso del fumo e dell'alcol, si può aumentare l'IVA per questi prodotti, e usare il denaro ricavato, per finanziare la medicina che si occupa dei danni loro provocati.


Col denaro ricavato dalla tassazione delle energie fossili, si può finanziare la produzione di energie rinnovabili.


Eccetera...


Inoltre legare la tassa al miglioramento per il quale viene usata, permette di smontare la retorica secondo la quale ridurre le tasse è sempre un bene.






 11/05/2019 07:41:14
pastrank

pastrank38476

Den som är satt i skuld är icke fri

Tommy,  dici pure cose corrette, ma metterei anche dei limiti, perche' tassare i consumi alla grande in un paese manufatturiero non puo' far altro che far scegliere i prodotti meno costosi prodotti nei paesi dove la manodopera costa poco: quindi in certi casi diventa il contrario di quello che dovremmo fare.

 11/05/2019 08:01:45
Tommy

Tommy30241

in risposta a ↑

pastrank, per modulazione dell'IVA intendo che per ogni prodotto deve essere fatta una valutazione costi-benefici.


La pressione fiscale rimane invariata, ma viene gradualmente trasferita  dal guadagno delle persone, (IRPEF), al loro comportamento di consumo (IVA).


In tal modo, attraverso la modulazione dell'IVA, si possono indirizzare i consumi verso prodotti meno dannosi o più vantaggiosi per l'economia nazionale.



 11/05/2019 21:44:24
roberto962

roberto96234691

"è difficile restare arrabbiati..."

Ringrazio tutti per gli interessanti interventi, la prova che testa e buon senso ti permettono di farti un’idea su un dato argomento senza che sia… il tuo argomento.

Ora io faccio l’avvocato di una parte, consapevole del fatto che ogni decisione lascia per strada il buono della decisione contraria.

Trasferire una parte del prelievo fiscale dalle retribuzioni ai consumi. Un po’ è inevitabile poiché c’è poco da togliere su certe retribuzioni distribuite come “aiuto” pubblico (ma anche alcuni lavori pagati malamente).

Poi c’è il discorso della libertà, penso che se per campare hai bisogno di 80 e guadagni 100, quel 20 è uno dei misuratori della tua libertà, magari non il primo ma neanche l’ultimo. Con quel denaro in più in busta paga ci si può sentire liberi, magari se ne andrà in consumi ma sarai stato tu a decidere. Inoltre ci sarà un ritorno allo Stato come IVA e del lavoro per il venditore di beni e servizi.

Certo, come sostiene @pastrank , è un tasto su cui non si può spingere più di tanto, poiché con un IVA esagerata si andrebbe a scegliere il prodotto meno costoso, quello del lavoro sfruttato.

C’è poi l’aspetto sottolineato da @RobertoMontanari , il denaro che resta fermo eluderebbe il passaggio dell’IVA. Tanto denaro, accumulato come? E non sarebbe più logico reinvestirlo? Prossimo argomento…  

 11/05/2019 12:52:24

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader