vivicentro

vivicentro3591

Appassionato

Testimoni di Geova : tanti tanti soldi dietro la fede

La Società Torre di Guardia ha tra i suoi obiettivi l’attività editoriale con la pubblicazione di Bibbie (circa 220 milioni di copie) e altri testi religiosi, l’istruzione, l’assistenza e beneficenza. La sede principale si trova a Warwick, nello Stato di New York, dove le varie congregazioni dei testimoni di Geova inviano i rapporti sull'opera di predicazione svolta da oltre otto milioni e mezzo di fedeli, presenti in 240 Paesi. Accanto a queste finalità religiose e caritatevoli, però, esiste un altro aspetto meno conosciuto: dai documenti contabili, infatti, emerge che la Torre di Guardia ha realizzato investimenti finanziari in JP Morgan; beneficiato di azioni di società che vendono armi; senza contare le entrate da un fondo in un paradiso fiscale o gli enormi profitti con la vendita di immobili a New York. Tutte queste attività, perfettamente legali, sono in gran parte sconosciute ai fedeli.
Alla luce di queste informazioni evidentemente ben celate che cosa pensate di questa situazione che si sta delineando? 

Vivicentro

 12/04/2019 06:39:01
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
41 commenti
lordmax

lordmax40231

T&P; DBA, Tech coach per scrittori, game designer

ci stai prendendo in giro vero?


Lo IOR è uno degli istituti bancari più grandi del mondo ed è stato indagato decine di volte per i rapporti diretti e palesi con la mafia.

E, come ben sai è della chiesa cattolica.

Non c'è assolutamente niente di ben celato, tutti questi dati sono chiari, disponibili e pubblici perché ogni investimento fatto nel mondo è pubblico.

 12/04/2019 13:18:38

Finché una religione è sostenuta solo da chi le professa, ogni eventuale traffico illecito portato avanti dal clero di quella religione è un problema dei fedeli… il problema sorge quando oltre alle dazioni volontarie dei fedeli si sommano ulteriori costi che gravano sui contribuenti, qualunque sia la loro professione di fede (o, soprattutto, la loro non professione di alcuna fede).


Pare che la stima dei costi della chiesa cattolica per l'Italia ammonti a € 6.603.148.033 (http://icostidellachiesa.it/) - c'è da chiedersi se i fedeli italiani e del mondo conoscano i bilanci della loro professione religiosa...

 13/04/2019 08:35:28
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

Sono dell'opinione che, se si vuole vivere la fede, meglio non far parte di nessuna religione. Dio non è religione... le religioni sono solo robe umane che alla fine diventano sempre sanguisughe. 

Sapete, no, il detto: le armi del diavolo sono le 3 esse: Soldi, Superbia e Sesso. E usa sempre quelli perchè sa che vince sempre con i poveri stupidi umani.

Non ho ancora visto una sola religione che non punta almeno ai soldi. 

E che cavolo, che schifo. 

 13/04/2019 13:54:57
roberto962

roberto96232886

"è difficile restare arrabbiati..."

Antares_5, non che ne sappia molto ma forse una c'è, il buddismo. d'accordo con tutto il resto. 

 13/04/2019 14:19:54

Antares_5, ...verrebbe da chiedersi se, oggi (e quindi quel bagaglio conoscenze che 2000 anni fa e più l'essere umano non aveva), senza le religioni, gli esseri umani sentirebbero innata la nozione di dio...

 13/04/2019 14:49:59
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, al di là del Cristianesimo, le religioni sono sempre esistite. Chi non credeva nel Dio cristiano, credeva in qualche Dio pagano. Quindi, c' è sempre stata la necessità dell'essere umano del divino

 14/04/2019 06:43:25
in risposta a ↑

Antares_5, ...ah beh se è per quello, ben prima anche di ciò che i cristiani etichettano come pagano, e non solo in termini di religioni organizzate.

Si arriva a prima dell'homo sapiens, impauriti nelle savane, la mancanza di conoscenza conferiva a ciò che era ignoto una qualità di entità "altra". Per cui, nella loro essenza primitiva, ogni credenza si basa sulla non conoscenza.


Da qui la premessa al mio commento precedente. Oggi, sapendo ciò che sappiamo, e facendo nascere i nostri figli senza inculcare loro alcuna fede religiosa e senza imporre questa o quella concezione di divinità, questa nozione sarebbe intesa come è intesa dal credente?

Osservando famiglie di non credenti, sembrerebbe di no...

 14/04/2019 07:01:53
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, vedi, purtroppo si fa confusione tra credente e uno che è il cosiddetto " Cattolico non praticante ". Il Cattolicesimo è la religione di Stato dell'Italia, la gente battezza i figli ( la maggior parte ) solo perchè " si fa così " . Ma poi, solo il 5 % e forse anche meno crede davvero in Dio. 

Ci sono persone che sono cresciute senza religione, e poi da adulti si sono " convertite " davvero, cioè hanno preso una vera decisione. 

Chi nasce in una religione e la vive passivamente, è uguale all'ateo. 

 14/04/2019 07:10:28
in risposta a ↑

Antares_5, ???? ...sarebbe? Cosa intendi dire "uguale all'ateo"?

 14/04/2019 07:42:32
in risposta a ↑

Antares_5, ...poi scusami ma sorge spontanea una domanda, da quello che hai scritto: tu a quale dio credi (dato che ce ne sono diversi)?

 14/04/2019 07:51:38
FrancescoFrank

FrancescoFrank156161

Organizzazione eventi culturali

Antares_5, mi spieghi come vivi la Fede allora? 

 14/04/2019 08:01:35
roberto962

roberto96232886

"è difficile restare arrabbiati..."

in risposta a ↑

FrancescoFrank, Forse non si deve prendere troppo sul serio la “forma” della religione indigena (e delle religioni in genere) poiché è la conseguenza diretta del posto in cui siamo nati, che in un certo senso è casuale.


D’altra parte, c’è una spiritualità intima, personale, che non conosce barriere e che è vissuta senza clamori, in modo quasi invisibile (ma visibile a certi sguardi che vanno oltre, appunto, la forma).


Nella generazione dei nostri padri c’erano molti comunisti mangiapreti e si usava dire, in occasione della loro scomparsa, che il paradiso non è negato alle persone giuste. Ecco, in questa affermazione semplice, popolare, c’è forse uno degli aspetti del difficile tema che stiamo trattando.  

 14/04/2019 08:52:19
FrancescoFrank

FrancescoFrank156161

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

roberto962, vero! 

 14/04/2019 08:54:13
roberto962

roberto96232886

"è difficile restare arrabbiati..."

in risposta a ↑

FrancescoFrank, Tra l’altro questi spacciatori di fede porta a porta non li ho mai visti bene. Insomma, una persona a 40, 50, 60 anni, secondo loro dovrebbe ancora elaborare il proprio rapporto con la fede? E per farlo avrebbe bisogno di questi predicatori alla tupperware? Alla larga!

 14/04/2019 09:00:50
in risposta a ↑

roberto962, ...era quello che intendevo dire - io non discuto la cosiddetta "spiritualità" dell'essere umano, o come la vogliamo chiamare (piuttosto metto in discussione la divinità come entità autentica, quando personalmente la ritengo una risposta a un bisogno, quindi un parto della meravigliosa mente umana - ma questo è un altro paio di maniche e non c'entra con la discussione in corso… perché sfocerebbe nel solito dibattito tra credenti e non-credenti, di solito poco fruttuoso).


Invece quando sento distinguere tra chi crede davvero e chi "per finta" (quindi tra dio e religione), si crea un corto circuito. Io non so in quale dio creda @Antares_5 - poniamo che creda nel dio d'Israele, quindi nella bibbia, e poniamo che creda in Gesù - se è questo il caso, questa credenza è figlia di una religione, non di altro. Se @Antares_5 fosse nata 3.000 anni fa a Calcutta, probabilmente avrebbe creduto nel dio Visnhu e via dicendo - di paralleli se ne possono fare tanti quante sono le divinità… e sono davvero tante!


Ultimamente si assiste al modo in cui certi credenti - per lo più cristiani ma con un accento di tipo panteista - ritengano come in realtà tutte le religioni parlino dello stesso dio (il loro, naturalmente), ma declinato in modi diversi… per cui aleggia questa sorta di "permissivismo" (non so se è il termine giusto), che da una parte vuole smarcarsi da una chiesa e una religione ormai poco credibili, dall'altra evitare ogni discussione...

 14/04/2019 09:15:50
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, uno che vive la religione solo perchè gli è stata inculcata senza averla mai realizzata è come uno che non crede. Anzi è anche peggio...

 14/04/2019 10:14:58
in risposta a ↑

Antares_5, ...ricordavo che non hai una grande opinione rispetto a chi non crede. Ma a parte questo, purtroppo è più che probabile che la nozione del dio in cui tu credi (qualunque esso sia, e non metto in dubbio la genuinità della tua fede) provenga proprio da una religione.

 14/04/2019 10:22:26
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, io credo nel Dio cristiano, o Dio di Israele come hai scritto tu.

Ma guarda, io forse a volte sembro un pò dura quando parlo, ma credimi, non ce l'ho con nessuno. Come mi dicono in tanti, sembro " severa " quando parlo in generale, ma invece io ho molto rispetto per le opinioni altrui.

 14/04/2019 10:25:23
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

FrancescoFrank, la vivo senza bigottismi, forme religiose e apparenza di pietà che non servono a niente. 

 14/04/2019 10:30:01
FrancescoFrank

FrancescoFrank156161

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Antares_5, guarda che essere cristiani non significa automaticamente essere meschini, bigotti ecc.. ciò che conta è come la vivi tu, o no? 

 14/04/2019 10:32:57
in risposta a ↑

Antares_5, ...è solo che pare che ciò che scrivi ora contraddica ciò che hai scritto prima, perché ora dici di appartenere a una religione, quella cristiana. Magari sarai in disaccordo con la sua chiesa, e ci sta, ma almeno sgomberiamo il campo di contraddizioni e dubbi.

E guarda che lo dico senza declinazioni particolari - perché, come dico sempre, ognuno è libero di credere in ciò che vuole… come ognuno dovrebbe essere libero di dissentire, criticare e dubitare…


Per cui si ritorna al punto di partenza - anche per te la nozione di dio proviene da una religione, altrimenti non sapresti chi sarebbe il dio d'Israele, Gesù ecc… (informazioni che conosciamo proprio dai libri cosiddetti sacri di quella religione). Quindi se non fossi nata nel contesto in cui sei nata ma altrove e in un altro periodo, presumibilmente crederesti in un altra divinità - era questo ciò che intendevo facendo riferimento inizialmente alla "la nozione di dio".

 14/04/2019 10:37:36
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

FrancescoFrank, tu mi hai chiesto come la vivo e io ho risposto, tutto qui...

Più che altro io non capisco cosa volete chiedermi, e che risposte volete, non so più che parole usare per farmi capire...

 14/04/2019 10:38:02
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, no, per favore... non mi nominare la parola religione, perchè mi sento male solo a sentirla... essere Cristiani non significa necessariamente appartenere ad una religione. 

Io non mi contraddico, il problema è che io ragiono in maniera differente dal normale, e d iconseguenza non riesco a comunicare con esattezza i miei pensieri.

Me ne sto fregando di ciò che mi hanno impartito i miei genitori, io ho sempre preso le mie decisioni da sola, non ho mai permesso a niente e nessuno di entrare nella mia testa e farmi il lavaggio del cervello. 

 14/04/2019 10:42:17
in risposta a ↑

Antares_5, ...che male c'è scusa?  (oddio, secondo me il "male" in questo senso c'è a prescindere, ma solo perché non credo a questo genere di cose). Essere cristiani significa semplicemente appartenere alla religione cristiana… necessariamente… a meno che non vivi di un qualcosa di tutto tuo, personalissimo, ma che prende in prestito i libri sacri altrui…


Ma se così fosse, poi sarebbe lecito domandarsi se, nel caso in cui invece della bibbia, di Gesù ecc., si fossero scelti il corano, allah e Maometto, o altro, oppure si fosse nati in regioni in cui si praticano altre religioni, il risultato sarebbe stato il medesimo dal punto di vista del "sentire" questa tua divinità...


Già leggere la bibbia può essere considerato un "lavaggio di cervello" in un certo senso...

 14/04/2019 10:52:30
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, 

a meno che non vivi di un qualcosa di tutto tuo, personalissimo, ma che prende in prestito i libri sacri altrui…

esatto!! Finalmente ci sei arrivato.

Ma se così fosse, poi sarebbe lecito domandarsi se, nel caso in cui invece della bibbia, di Gesù ecc., si fossero scelti il corano, allah e Maometto, o altro, oppure si fosse nati in regioni in cui si praticano altre religioni, il risultato sarebbe stato il medesimo dal punto di vista del "sentire" questa tua divinità...

Se io fossi nata in Giappone, avrei cmq creduto nel Dio cristiano. E lo dico con certezza.

Già leggere la bibbia può essere considerato un "lavaggio di cervello" in un certo senso...

beh, io la penso diversamente riguardo il lavaggio del cervello. Se ciò che si legge è accompagnato da esperienze chiare e dirette, cioè, che si hanno le prove, dubito che si possa parlare di illusione. 

Io credo solo a ciò che constato. E la fede non è cieca come si pensa di solito.


 14/04/2019 11:00:29
FrancescoFrank

FrancescoFrank156161

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Antares_5, semplicemente perché avevo capito fossi cristiana

 14/04/2019 11:21:38
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

FrancescoFrank, ma io sono cristiana!

 14/04/2019 11:37:58
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

FrancescoFrank, che poi, essere cristiani significa credere in Cristo, non essere di religione cristiana...

 14/04/2019 11:47:58
in risposta a ↑

Antares_5, …e quindi appartieni a una religione, che ti piaccia o no... e se fossi nata in Giappone o altrove, ad esempio, 5.000 anni fa, oppure 1.000 anni fa nell'odierna Colombia non saresti stata cristiana, perché non avresti potuto avere tale nozione… (secondo me non l'avresti neanche se fossi nata il giorno che sei nata, ma - ad esempio - in Iran, se non posteriormente, dopo essere passata attraverso altre religioni, purtroppo… ma questa è solo una mia opinione… il resto non è un'opinione ma un dato di fatto).


Io non penso affatto che la fede sia cieca, anzi la fede ci vede benissimo, altroché (poi, è chiaro, vede ciò che vuole lei).


Poi per il resto, dato che fai riferimento a "prove", "constatazioni", senza portare alcun riscontro, non mi pronuncio…


 14/04/2019 11:48:06
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

FrancescoFrank, anzi, " seguace di Cristo "

 14/04/2019 11:48:12
in risposta a ↑

Antares_5, ...ovvero il cristo della religione cristiana... non se ne esce...

 14/04/2019 11:48:50
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, non mi interessa come la pensano gli altri. Io non seguo nessuna religione, punto. 

 14/04/2019 11:51:14
in risposta a ↑

Antares_5, ok non sei cristiana, ma seguace di cristo... (ma faccio notare che è la stessa cosa)


E comunque come vuoi, o come 'credi', mi sembrano solo dettagli rispetto al punto da cui si era partiti...

 14/04/2019 11:53:38
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, si dice che sono i dettagli a fare la differenza ^.^

 14/04/2019 11:55:06
in risposta a ↑

Antares_5, ...il fatto è che se chiedi a un cristiano "sei o non sei seguace di cristo?", lui/lei ti risponderà "si lo sono".


Forse intendi dire che non lo sono come lo sei tu? Ma allora qui pecchiamo di supeeeeeeeeeeerbiaaaaa!!!!   

 14/04/2019 11:57:19
FrancescoFrank

FrancescoFrank156161

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Antares_5, se sei cristiana segui la religione cristiana e sei una seguace di Cristo, come me. 

 14/04/2019 11:59:09
Antares_5

Antares_549086

La libertà di essere se stessi

in risposta a ↑

Yappappeo, " superbe nocciole del Piemonte " verissimo   

 14/04/2019 12:11:24
pennepazze10

pennepazze1062916

ESTETA

Quel che piu' mi sgomenta e' quest' uso diffuso di far mettere mano al portafoglio dei credenti di qualsiasi fede, pur di  sostenere quel che serve, dal futile all' assurdo. Io la mia fede la vivo in modo molto diverso...

 15/04/2019 11:23:02

Aaaa beh.. cattivi testimoni di geova... non si fa!

Prendete esempio dai cattolici!

Ehmmm... no, i cattolici sono pure peggio.

Osservate i mussulmani!

No.. nemmeno loro sono esempio di fede.

Forse i buddisti?

Non ne son mica sicura....


Svegliamoci, la spiritualità è personale e soggettiva. Personalmente rifiuto dogmi, uomini di fede, templi e preghiere.

Ma questo vale per me... 

 15/04/2019 17:10:09

Fata_Morgana, Anche per me. Grande Fata_Morgana !!!

 15/04/2019 17:31:50

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader