Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

La nostra è davvero una società patriarcale?

Jordan Peterson Completely Destroys Feminist Narrative

https://www.youtube.com/watch?v=JB9sfe_mQ1I&feature=youtu.be

Uploaded by EducateInspireChangeTV on 2018-12-14.

Ho visto or ora questo intervento e lo volevo condividere con voi Quaggers! 

La polemica è servita!

 09/04/2019 21:46:46
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
39 commenti
EwaMaria

EwaMaria126846

Hiraeth.

troppi punti esclamativi, non mi interessa

 10/04/2019 13:17:03
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

EwaMaria, qual è il problema dell'uso dei punti esclamativi?

 10/04/2019 14:27:22
EwaMaria

EwaMaria126846

Hiraeth.

in risposta a ↑

Rivoluzione, sono inutili. 


La polemica è servita, sbranatevi! sembra avere questo senso. 

 10/04/2019 14:30:58
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

EwaMaria, la frase ha questo senso e voleva essere ironica. Ma mica puoi incolpare i punti esclamativi!
Comunque, non volevo certo fare un dibattito circa l'uso dei segni grafici nella lingua italiana!
Volevo solo portare il dibattito sollevato da questo video qui su Quag e, magari, leggere qualche argomentazione interessante.

 10/04/2019 14:38:13
FlavioBertamini

FlavioBertamini70909

Dead man walking

Ho guardato il video molto volentieri ma vorrei sapere chi è questo mr. Peterson e la sua interlocutrice, e capire meglio il contesto del suo intervento.

 10/04/2019 13:41:11
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

FlavioBertamini, questo è il suo sito:

https://www.jordanbpeterson.com/

 10/04/2019 14:28:47
canardu

canardu102796

FlavioBertamini, è un professore di psicologia canadese, ultimamente è diventato famoso perchè è stato eletto a messia dei repubblicani/conservatori del nord america. In realtà quando non parla di psicologia ma dibatte di altri argomenti spara un sacco di cagate ma lo fa con una dialettica impeccabile per cui ha un buon seguito.

 10/04/2019 14:30:58
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

canardu, da quello che leggo non si schiera politicamente. Dice che alcune sue idee sono di destra altre di sinistra. Quindi credo siano gli altri ad averlo "eletto a messia dei repubblicani/conservatori".
Circa il tema specifico trattato non mi sembra abbia detto "cagate" come le definisci tu ma possiamo benissimo ascoltare la tua eventuale contro argomentazione.

 10/04/2019 14:36:04
canardu

canardu102796

in risposta a ↑

Rivoluzione, si sono gli altri che lo hanno eletto lui ha delle idee piuttosto "originali".


Le contro argomentazioni sono piuttosto semplici.


Il suo discorso si basa su "gli altri però stanno peggio" e "ignoriamo tutte le istanze dove effettivamente le donne sono discriminate"

Condito da un "non lasciamo parlare chi mi sta davanti."

 10/04/2019 14:51:18
-ombretta_

-ombretta_7376

Roscia malpelo sprizza veleno

in risposta a ↑

canardu, er Fusaro canadese, nsomma. 

 10/04/2019 17:02:37
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

-ombretta_, se magari Fusaro fosse bravo la metà di Peterson! A parte il fatto che Fusaro è un anticapitalista dichiarato mentre Peterson è un convinto capitalista! 

 10/04/2019 21:16:40
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

canardu, non mi sembra proprio. 

Peterson dice, grossomodo, i problemi ci sono ma questo non è sufficiente per fare una simile generalizzazione e tira fuori una serie di esempi che sembrano smentire detta generalizzazione. 

Peterson non si limita affatto a dire che gli altri stanno peggio. Dice che questa è la società più libera e uguale mai creata dall'uomo. Quindi, prima di sputarci sopra, sarebbe il caso di riflettere attentamente. 

Cose c'è di sbagliato in tutto questo? 

 10/04/2019 21:21:33
Robbins

Robbins72451

Tutti in Umbria (8x8)

Go macinin 

 10/04/2019 14:09:58
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

Robbins, ?

 10/04/2019 14:29:02
Robbins

Robbins72451

Tutti in Umbria (8x8)

in risposta a ↑

Rivoluzione, è in inglese .


 10/04/2019 15:35:29
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

Robbins, ed è un problema? 

 10/04/2019 21:00:01
Robbins

Robbins72451

Tutti in Umbria (8x8)

in risposta a ↑

Rivoluzione, per chi non sa la lingua per forza

 11/04/2019 04:33:50
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

Robbins, Ok! Non avevo considerato questo problema.
Purtroppo oggi non ho tempo di riascoltare il video e trascrivere la traduzione e stasera parto per Londra. Credo sarà qualcosa che potrà fare solo settimana prossima!

 11/04/2019 07:12:43
FlavioBertamini

FlavioBertamini70909

Dead man walking

in risposta a ↑

Robbins, puoi cercare di impostare un traduttore automatico ...

 11/04/2019 15:05:04
Karo_Lina

Karo_Lina56851

I never finish anyth

È un pensatore che stravolge le idee di Jung per giustificare la sua misoginia. È anche solito raccomandare ai suoi seguaci di evitare gli studi di sociologia, antropologia e etnologia. Quindi, siamo esattamente agli antipodi.

 10/04/2019 17:05:57
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

Karo_Lina, ok ma rimaniamo al tema specifico. Lui ha portato una serie di argomentazioni chiare a sostegno della sua tesi. Perché queste non ti convincono? 

 10/04/2019 21:01:03
Karo_Lina

Karo_Lina56851

I never finish anyth

in risposta a ↑

Rivoluzione, le sue tesi non mi convincono, perché cita statistiche, ma non mostra i dati. È un bravo affabulatore, non lo nego, ma è più un guru che un professore universitario. Perché secondo te schifa sociologia, antropologia e etnologia? Forse perché mettono in crisi le sue tesi?

Se uno sostiene che il patriarcato è praticamente un'impresa cooperativa, perché preoccuparsi della situazione delle donne in Medio Oriente? Il patriarcato non è oppressivo, quindi non c'è nulla di che preoccuparsi. Non a caso, Peterson ha un vasto seguito presso i musulmani fondamentalisti.


Peterson è un darwinista sociale: i generi, i ruoli, le gerarchie parentali sono tutta roba scritta nella nostra eredità biologica e con la quale non si può giocare. I tentativi di riformare la società attraverso l'intervento statale o altri mezzi interferirebbero con i processi naturali.


Di fronte ai problemi sollevati dagli Incel (i celibi involontari e sessualmente frustrati, che in determinate occasioni possono diventare molto pericolosi) suggerisce una "monogamia forzata" per evitare che le donne prediligano gli uomini socialmente più attraenti, lasciando tutti gli altri soli e privi di sfogo sessuale. Una redistribuzione socialista della vagina, insomma. Mi immagino Peterson a presiedere una di queste cerimonie di monogamia forzata, poco prima di essere fatto a pezzi dai suoi stessi sostenitori, insoddisfatti della ripartizione...


Insomma, gli uomini devono fare del loro meglio per migliorarsi, ma se le donne continuano a non volerli, la colpa è di queste ultime. Le donne devono fare del loro meglio per migliorarsi, ed essere attraenti, intelligenti, divertenti e ben educate; ma non è che possono pretendere di trovare uomini attraenti, intelligenti, divertenti e ben educati. Sarebbero proprio presuntuose!

Questo tizio qualche hanno fa voleva comprarsi una chiesa in Canada, nella quale tenere sermoni tutte le domeniche davanti ai suoi seguaci. Se ci fai caso, al minuto 2:45 del video che hai postato, in sottofondo rispetto al parlato comincia una melodia di organo, vagamente religiosa, che va man mano crescendo. È così che lo vedono i suoi seguaci, come un predicatore. 

 11/04/2019 16:29:31
__wachiwi__

__wachiwi__6981

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Karo_Lina, sembri molto informata su questa persona.   


Sulla musica hai ragione, però mi chiedo visto che è intervistato se questa musica sia stata messa da lui o da qualcun altro.   

 12/04/2019 16:03:26
Karo_Lina

Karo_Lina56851

I never finish anyth

in risposta a ↑

__wachiwi__, la musica l’ha messa chi ha postato il video, cioè sicuramente uno dei suoi seguaci.

 12/04/2019 17:12:28
__wachiwi__

__wachiwi__6981

1004-dia'66lo

Dissento con Peterson. Secondo la mia opinione viviamo in una società patriarcale e ti spiego il perché la penso così. Prima di tutto io stessa sono cresciuta in una famiglia patriarcale. Ho vissuto in una logica in cui il maschio deve comandare e la femmina deve obbedire. Tutto sto meccanismo già parte dalla gravidanza, se il futuro nascituro è maschio tutti felici, se il futuro nascituro è femmina bisogna tentare di nuovo finché nasce un maschio. Già da bambini i maschi vengono incentivati a fare qualsiasi cosa invece le femmine devono fare cose da femmine.

Per esempio l'unica cosa che non perdonerò a mio padre (lui lo sa) è quando da bambina volevo giocare a calcio e la risposta sua è stata: "No. È uno sport per maschi. Tuo fratello può farlo. Scegli qualcosa che sia adatto alle femmine come per esempio la pallavolo." Io rifiutai la sua proposta, volevo solo calcio. Da quel giorno ho provato un'immenso odio per la pallavolo.


Il periodo peggiore è stato durante l'adolescenza. Più il mio corpo cambiava più la mia personalità passava in secondo piano per gli altri. Per la famiglia stavo diventando una donna e in quanto tale dovevo essere protetta ancora di più, per l'esterno sentivo di essere solo una femmina. Solo perché mi si era sviluppato il seno agli occhi degli altri ero diventata qualcosa di sessuale, di debole. Dentro di me ero ancora la stessa persona ma gli altri mi guardavano con occhi diversi.


Tutto ciò che vivevo mi portava ad odiare il fatto di essere nata femmina.

Ma è normale che una persona arriva ad odiare il proprio sesso e lo vede come una condanna? Evidentemente in qualche modo la società influisce. Sono queste "piccole" cose che mi hanno mortificata. In fin dei conti ciò che desideravo era quello di essere me stessa e di seguire le mie ambizioni. Per la precisione, vivo nel mondo occidentale. Quindi dov'è questa meritocrazia di Peterson? Visto che secondo lui non si tratta di potere ma di competenza. Quale competenza? Se fin dall'inizio cercano di importi (che si tratti della famiglia o della società) a proseguire un certo tipo di carriera.

Ci sono donne che non sfruttano le nuove opportunità per via del misconoscimento che poi alla fine porta ad una repressione reale. La proiezione di un'immagine riduttiva comporta ad esse ad interiorizzare questo sentimento di inferiorità, senza riuscire a liberarsene e quindi condannandole ad una sistematica rinuncia.


P.S. Con questo post mi hai fatto ricordare che il 19 aprile Peterson e Zizek discuteranno insieme a Toronto e ovviamente io non posso esserci...   

 10/04/2019 17:57:24
Robbins

Robbins72451

Tutti in Umbria (8x8)

__wachiwi__, sei nata nel 1950?

 10/04/2019 17:59:15
__wachiwi__

__wachiwi__6981

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, fosse stato così avrebbe avuto più senso, ma visto che non lo è questo dimostra che Peterson si sbaglia. 

 10/04/2019 18:04:27
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

__wachiwi__, ok questa è la tua esperienza personale. Per alcuni aspetti potrei anche giustificare i tuoi familiari (Es. Credo sia piuttosto comune essere sovraprotettivi nei confronti delle figlie rispetto a quanto si fa con i figli per il semplice fatto che si ha molto più timore per l'incolumità delle prime, rispetto ai secondi!

Io posso farti un esempio a parti invertire. Quando vivevo all'estero e tornavo a casa, spesso i miei genitori mi dicevano di arrangiarmi e tornare fino a casa per conto mio! Quando, invece, torna mia sorella la vanno sempre a prendere in aeroporto! Quindi come la mettiamo? Sarebbe questo il "privilegio" dell'essere il figlio maschio?), per altri no.

Quello che, però, vedo che nessuno coglie è che Peterson presenta una serie di dati aggregati che sembrerebbero smentire la visione del mondo femminista. 

Se pensate che abbia torto è su quello che dovete lavorare. Non è etichettandolo (es. Misogeno, leader dei conservatori, travisatore di Jung ecc.) che confuterete la sua tesi! 

Per altro, non mi pare abbia detto che non ci sono problemi, come qualcuno pare abbia capito. 

Mi pare che lui stia piuttosto dicendo: "L'esistenza di alcuni problemi e di alcune situazioni deprecabile non giustifica una generalizzazione come quella del voler bollare una intera società come patriarcale!". 

 10/04/2019 21:13:10
__wachiwi__

__wachiwi__6981

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Rivoluzione, 

Fammi un esempio di questo pericolo che rischia una figlia. 


Anche io posso giustificare i tuoi genitori, il fatto che ti dicevano di arrangiarti era un modo per responsabilizzarti. Si dà per scontato che un maschio può farcela da solo. Due pesi e due misure. Il figlio maschio non ha bisogno di cure, la figlia femmina bisogna tenerla rinchiusa in una bolla. 


"Alcuni problemi" "alcune situazioni", quindi mi stai dicendo che noi due siamo la minoranza che ha ricevuto questo tipo di educazione? 

 11/04/2019 05:28:33
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

__wachiwi__, credo tu abbia proprio frainteso ciò che ho scritto. Non ho detto che la percezione che ha la gente è corroborata da altrettanti dati statistici. Ho detto che ciò che tu hai descritto è forse un sentire comune ovvero è abbastanza comune che i genitori si preoccupino più per l'incolumità delle figlie piuttosto che di quella dei figli.
Questo, però, non è prova dell'esistenza di una società patriarcale.
Nel mio caso, non c'era proprio alcun privilegio. Io atterravo a Bergamo e i miei non avevano alcuna voglia di prendere la macchina e venire fino ad Orio a prendermi.
Di conseguenza mi dicevano, senza farsi troppi problemi: "Arrangiati!" che significava dover prendere il pullman fino a Milano, arrivare in Centrale, prendere la metro fino a Cadorna, da Cadorna prendere il treno fino a Varese e da lì prendere un pullman sino a casa.
In sostanza il viaggio per me durata una giornata intera. Partivo presto al mattino ed arrivavo a casa dei miei in serata.
Mia sorella, invece, è sempre arrivata o a Malpensa o a Linate. I miei sono sempre andati a prenderla il che significava che lei usciva dall'aeroporto, saliva in macchina, ed arrivava direttamente a casa.
Ora spiegami quale sarebbe il "privilegio" del trattamento che veniva a me riservato!

Detto questo, il punto centrale del mio discorso è che non possiamo comunque fare delle nostre esperienze personali misura dell'intera società.
Ripeto, giustamente, Peterson fa riferimento a dati aggregati ed è a questi che si deve riferirsi anche se lo si vuole criticare.
Andrebbe verificata l'attendibilità dei dati da lui citati (Ma non ho ragioni per pensare che siano scorretti) e, soprattutto, andrebbe verificato che l'interpretazione di questi dati sia corretta.

 11/04/2019 07:10:27
__wachiwi__

__wachiwi__6981

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Rivoluzione, Prima di tutto non hai risposto alla mia domanda. In quale modo verrebbe minata l'incolumità di una figlia? Vorrei qualche esempio per capire meglio cosa intendi.


Altra cosa non ho parlato di privilegi. Sono cosciente del fatto che entrambi i sessi vengono penalizzati in qualche modo. Visto che c'è un educazione differente per i maschi e le femmine, io avrei voluto alcune cose dell'educazione maschile, come per esempio imparare ad essere indipendente, libertà di scoprire e la possibilità di avere più scelta senza pregiudizi. Sono cose che sto realizzando ma sarebbe stato più facile se mi avessero agevolata, per ottenere quelle tre cose ho dovuto soffrire e impegnarmi tanto per avere un po' di riconoscimento.


"il punto centrale del mio discorso è che non possiamo comunque fare delle nostre esperienze personali misura dell'intera società."

Non sono d'accordo visto che entrambi facciamo parte e costituiamo la società. Se si continua a parlare di questa tematica le cose sono due:

- O stiamo parlando di una cosa che non esiste

- Oppure esiste un problema o una condizione


Ultima cosa dimmi i dati con cui sei d'accordo con Peterson. Cita qualcosa e la possiamo analizzare. 

 12/04/2019 15:52:13
Rivoluzione

Rivoluzione11731

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

__wachiwi__, credo che la gente tenda a preoccuparsi di più per la sicurezza delle donne. Non è forse sempre stato così? 

Insomma, se vedi un uomo da solo, si notte, mica ti preoccupi per lui, no? 

Ma se vedi una donna sì. 

Si tende sempre l'uomo "predatore" e si considera la donna più difficilmente capace di difendersi. 

Quindi, se unisci le due cose - il fatto che è più probabile che ad essere assalita sia una donna più che un uomo e il caso che una donna è tendenzialmente più debole di un uomo - si potrebbe spiegare perché i genitori tendano a preoccuparsi più per l'incolumità delle figlie rispetto a quella di figli. 


Non ho detto che noi non siamo parte della società però siamo solo due casi. Statisticamente non siamo rilevanti. 

Peterson dice che la popolazione carceraria è in stragrande maggioranza costituita di uomini, i senzatetto sono in maggioranza uomini, a morire in guerra sono principalmente uomini ecc., ragione per cui lui dice di non vedere questa società che privilegia l'uomo. 

 14/04/2019 08:34:26

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader