Karo_Lina

Karo_Lina55836

I never finish anyth

Psicologia del broncio

Psicologia del broncio

Confesso di essere un po' lunatica e di riuscire a mettere il broncio almeno un paio di volte a settimana (e un po' meno frequentemente lo subisco anche). Ma solo di recente - leggendo un libro di Alain de Botton - ho colto quanto il broncio sia un fenomeno diffuso tra gli amanti e quanto sia sorprendente la sua psicologia.

Dietro il broncio c'è un'arrabbiatura che si vuole disperatamente comunicare all'altro/a, ma rimanendo fermamente determinati a non aiutare l'altra persona a comprenderla. Se dal punto di vista del partner si rende necessaria una spiegazione, è una dimostrazione di una certa sua carenza nei nostri confronti. Oppure, per metterla in altro modo, essere il destinatario del broncio è una forma di privilegio: significa che l'altra persona ci rispetta e si fida così tanto di noi da pensare che dovremo comprendere da soli la sua ferita inespressa.


Certamente il broncio è un residuo di un atteggiamento infantile, e il messaggio implicito è: "ho bisogno che tu indovini che cosa mi sta facendo soffrire, come mi accadeva quando ero bambina/o, quando si è formato per la prima volta in me il concetto di amore". Solo questa capacità di lettura della mente può indicare al di là di ogni dubbio che il partner è qualcuno di cui ci possiamo fidare completamente, solo quando non abbiamo bisogno di spiegare possiamo essere certi di essere veramente compresi.


Quindi, non venitemi a dire che non mettete mai il broncio. Piuttosto: "quante volte, figliolo/a ?"

SONDAGGIO CORRELATO

Vi capita spesso di mettere il broncio?

Vota una delle seguenti scelte entro il 2019-03-30T23:00:00+00:00
Anche più volte al mese
 42.8%
Molto raramente
 32.1%
Mai
 25%
 28 votanti
 13/03/2019 18:52:21
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
150 commenti
Robbins

Robbins68856

8x8

Ho messo mai.

Mi capisco senza metterlo

 13/03/2019 19:24:16
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

Il broncio lo considero una manipolazione nei confronti dell' altro. Mettere il broncio che sia consapevolmente o inconsapevolmente equivale a "faccio leva sulle tue emozioni con la mia emozione negativa". È anche utilizzare il proprio potere sull' altro ovvero "mettendo il broncio, cerco di scaturire il comportamento che mi aspetto". 

Per me il broncio ha una connotazione negativa, la considero una cosa infantile. 

Se rimango male per una cosa la dico e se la persona mi rispetta evita di farlo di nuovo. È difficile per me mettere il broncio perché non me la prendo facilmente e non sono nemmeno rancorosa. 

 13/03/2019 19:29:42
Robbins

Robbins68856

8x8

__wachiwi__, la sua interpretazione è "lo faccio perché so che mi vuoi bene e sicuramente capirai il mio disagio senza che dica niente se no vuol dire che non mi vuoi bene"

È una comunicazione emozionale 

 13/03/2019 19:34:11
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, 

"...sennò vuol dire che non mi vuoi bene" 

È diventato pure un ricatto emotivo? 


Quando qualcuno mi mette il broncio, ignoro il fatto anche se ci tengo alla persona. Se c'è un legame profondo ci si conosce bene, io sono sempre schietta e non ferirei MAI di proposito le persone a cui tengo. E se in qualche modo ho ferito l'altra persona gradirei che me lo dicesse così rimedio. Bisogna comprendere i comportamenti e le parole dell' altro.

 13/03/2019 19:43:07
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, la comunicazikne può essere a più livelli .

Per quello che conosco @Karo_Lina l'emozionalita' nella sua comunicazione ha un ruolo importante.

Non necessariamente può essere vista come un ricatto anzi comunica un disagio momentaneo cHe sarebbe difficile da spiegare a livello razionale .

 13/03/2019 19:48:42
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, poi tra chi si vuol bene c'è per forza un ricatto emotivo .

È inevitabile

Interessante il post di olio18 sull' amore adulto 

 13/03/2019 19:51:03
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, alle persone lunatiche non gli do nemmeno corda perché intanto cambiano umore in poco tempo. 


"poi tra chi si vuol bene c'è per forza un ricatto emotivo .

È inevitabile"


Non sono d'accordo. È giustificabile quando sei bambino perché non si possiede ancora la terminologia adeguata per far capire all' altro e poi bisogna avere anche consapevolezza del perché hai messo il broncio.

Dopo una certa età diventa ridicolo come cosa, almeno ai miei occhi. 

 13/03/2019 20:00:43
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, non c'entra se hai o no gli strumenti linguistici  quando si parla di emozioni 

Il flusso emozionale si esprime in poche parole visto che è una condizione di base del nostro corpo.

Il resto è imbellimento per chi piace complicarsi la vita.

Ti invito a leggere il post di olio18 sull'amore adulto ,un amorec che non esiste 

 14/03/2019 05:34:59
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, 

Ti rispondo citando il commento di @ilmiozio 

"Ritengo che la pretesa di essere compresi nel profondo sia una forma insospettabile ma odiosa di arroganza: si deve pretendere di essere ascoltati, ma non si può pretendere di essere capiti."


"Il flusso emozionale si esprime in poche parole visto che è una condizione di base del nostro corpo."


Crescendo, una persona sviluppa anche la razionalità. All'inizio un bebè comunica solo con le emozioni poi man mano che cresce il suo vocabolario si amplia. Qui stiamo parlando del broncio, un atteggiamento che vuole attirare l'attenzione non prendendosi la briga di farsi capire, scaricando la responsabilità sull' altra persona. Mi chiedo perché un adulto dovrebbe mettere ancora il broncio. L'unica risposta che mi viene è che si tratta di persone permalose, lunatiche, insicure, pretenziose. 


Comunque proverò a leggere il post che mi hai consigliato.

 14/03/2019 07:31:54
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, partiamo da due assunti diversi.

Tu sostieni che la comunicazione sia razionale io sostengo che sia irrazionale. 

È tutta razionale o irrazionale?

Assolutamente no solo che la mia tesi è che rimane molta irrazionalità e che ne dobbiamo tenere conto

 14/03/2019 08:29:12
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, È ovvio che la comunicazione non può essere solo di una tipologia. Se tu dici che rimane molta irrazionalità per me equivale a molta immaturità. Secondo me bisogna essere un po' introspettivi e comprendere i propri impulsi. 

 14/03/2019 08:42:51
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, ho una visione diversa.

Non necessariamente irrazionalità =immaturità 

Irrazionalità =irrazionalità 

 14/03/2019 10:28:49
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, fammi qualche esempio di comportamenti irrazionali. Così capisco meglio a cosa ti riferisci 

 14/03/2019 11:31:01
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, la borsa americana .

Wall Street .


 14/03/2019 12:02:07
__wachiwi__

__wachiwi__6821

1004-dia'66lo

in risposta a ↑

Robbins, sicuro che può essere considerato irrazionale? Dal mio punto di vista a livello macro può essere visto come irrazionale. A livello micro l'individuo sceglie l'azione che considera per lui più vantaggiosa. 

Se molti risparmiatori ritengono vero, sulla base di voci diffuse ma non verificate, che una banca sia insolvente, si precipitano a ritirare i propri risparmi, determinando così per l'appunto quell'esito, il fallimento della banca, che paventavano sopra ogni cosa. Il loro comportamento, pur essendo individualmente razionale (si cercava di salvare i propri risparmi), finisce per causare un fenomeno collettivo altamente negativo, come il crollo di banche e la crisi del sistema finanziario. 

 14/03/2019 12:43:14
Robbins

Robbins68856

8x8

in risposta a ↑

__wachiwi__, non è razionale.

Non si basa sui dati reali  ma sulla paura che per definizione è irrazionale.

Sulla finanza comportamentale ci sono ormai anni di studi e un signore che fa di mestiete lo psicologo ha vinto pure un nobel per l'economia dimostrando l'irrazionalità dei mercati e di nOstra molte altre scelte.

Siamo guidati da profonda irrazionalità nelle scelte do ogni giorno.

 14/03/2019 12:57:41
FlavioBertamini

FlavioBertamini68804

Dead man walking

Bel post, brava! Da dove arriva l'immagine?

 13/03/2019 19:30:14
Karo_Lina

Karo_Lina55836

I never finish anyth

FlavioBertamini, è un dipinto di un'artista della Repubblica Ceca che si chiama Lana: https://www.artmajeur.com/brest777

 13/03/2019 22:15:53
Michelle-Doc

Michelle-Doc83336

Sensibile,determinata,riservata e controcorrente.

Io metto il broncio come un' adolescente in piena tempesta ormonale, quando mi sento messa da parte,o magari "trascurata" per far posto ad altri impegni più importanti.

Non pretendo chissà cosa, non ho mai preteso nulla di eclatante, oltre al fatto che guai a soffocare i miei spazi (sono abbastanza indomita)a me piacciono le piccole attenzioni ,mi basta davvero poco e se mi sento messa all'angolo ci rimango male e metto il broncio. E non solo. Faccio anche i dispettucci.

Ma purtroppo...mi passa subito... ritorno più affettuosa di prima   

 13/03/2019 19:33:39
FrancescoFrank

FrancescoFrank152401

Organizzazione eventi culturali

Su questo non mi trovi molto d'accordo. Quando mettevano il broncio, le mie ex avevano quello sguardo fastidioso che sembrava trapassarmi la mente con un: "ci devi arrivare da solo!". Dimostrazione di infantilità e sostanzioso bisogno di rompermi le scatole: al solo pensiero mi viene il fuoco di Sant'Antonio. 


Nel senso..io ci arrivo subito, perché il broncio ruota sempre attorno a fragilità e insicurezze. Fiducia e rispetto, per me, sono un'altra cosa. 


Come uscirne? Accettando i bronci reciproci    


 13/03/2019 19:40:52

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader