Vanni11

Vanni11461

Allergico agli zerbini italiani e ai radical chic.

Il dubbio principale è:

Il mercato italiano del lavoro non è come quello inglese, nel quale vedo riqualificare gente, cambiando lavoro, anche a 30/40 anni.

In Italia:

Molte aziende anche per lavori non fortemente specializzati (tipo fare le pulizie) oggi chiedono 2, 4 anni di esperienza (continuativa). In più inseriscono limiti di età, ad esempio: cercasi commesso max 25 anni. 

Questo limita anche solo chi vuole fare il colloquio. "Questa cosa è vietata seriamente in molti paesi anglosassoni, si chiama Age Discrimination".

Molti giovani non hanno e non avranno "mai" 2, 4 anni di esperienza "continuata" perchè lavorano a contrattini che durano qualche mese, poi stanno fermi e ne fanno un altro...

Ergo: a parte i raccomandati, in molti settori lavorano sempre gli stessi.

Ecco perchè i contratti a termine non hanno portato la "rotazione" che molti speravano.

Cosa c'entra col reddito di cittadinanza? moltissimo.

Se vuoi riqualificare i giovani e farli assumere dalle aziende, in Italia è più complesso che altrove.

I corsi di formazione di solito nel curriculum non vengono nemmeno guardati(conosco persone che ne hanno fatti decine, ingrassando solo le tasche di tizio e caio).

Come fai a convincere qualcuno ad assumere gente alla quale mancano i "requisiti" che loro chiedono?

P.s: non è una polemica.. sarei anche favorevole .. ma è un dubbio di tipo puramente pratico.

 04/03/2019 23:17:28 (modificato)
pastrank

pastrank35691

Den som är satt i skuld är icke fri

Vanni11, oh, se non per le pulizie (dove i requisiti cosi' stringenti non li ho mai visti) per altri lavori si', tante volte ho visto i max 25enni laureati con esperienza. Sinceramente, non vedo che poche cose da fare: fare preparare i giovani per il lavoro che serve, permettere alle aziende di assumere senza riempirle di costi, e contemporaneamente creare un mercato del lavoro "piatto" che non sia pieno di scadenze per cui convenga, ad esempio, licenziare il 50enne per assumere il 20enne, o magari il 25enne, ma solo per due anni. Ci aggiungo, tanto per farmi restare simpatico, anche le gabbie salariali, che a MIlano, almeno per questo secolo, gli stipendi saranno sempre piu' alti che a Palermo, ma meglio meno di niente.

 04/03/2019 23:40:35
in risposta a ↑

pastrank, Le aziende hanno pretese e richieste ai limiti dell'assurdo. Iscriviti ai siti per la ricerca di lavoro, anche solo per curiosità. Ne leggerai da chiodi!! Annunci illegali! In Italia devono abolire i limiti d'età. Sono una vergogna tutta italiana, che impediscono di trovare lavoro a milioni di persone, soprattutto tra i 30 e i 50 anni. Dici preparare i giovani al lavoro che serve: qual'è? Non potranno buttarsi tutti in 2 o 3 settori. Se le aziende avessero meno pretese troverebbero personale, mentre la gente troverebbe lavoro.

 07/03/2019 14:57:09
pastrank

pastrank35691

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

isisnofret, quale sia il lavoro ideale da trovare non saprei, certo che tra informatica e lettere antiche la prima sembra piu' adatta per chi cerca lavoro. Ma anche con lo stesso proposito, per esempio l'insegnamento, di professori ce ne sono tanti in piu', ma di matematica mancano...

 07/03/2019 20:19:13
in risposta a ↑

pastrank, Lo so anche io che manca gente nel settore matematico. Non a tutti piace e, soprattutto non tutti hanno le capacità. Al momento non c'è un lavoro che serve ed uno che non serve. Molti bimbi di oggi faranno lavori che, al momento ancora non esistono. Come li prepariamo? Io non ho bimbi, ma se ne avessi li consiglierei di buttarsi su settori in espansione e, per i quali hanno interesse. 

 08/03/2019 15:15:07
pastrank

pastrank35691

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

isisnofret, ho fatto lo stesso con mio nipote (non ho figli): secondo me la stessa scuola dovrebbe avere dei meccanismi che ti porta a studiare cose che possano scadere nel lavoro, nel senso che se uno fa ingegneria o medicina, e un altro pseudostudiologia, il secondo costa ugualmente, e tanti corsi di laurea sono stati messi su giusto per far piacere ai ben pagati professori. Costa ugualmente, e questo toglie risorse agli studi del primo, che al minimo dovra' spendere molto di piu'.

 08/03/2019 18:22:17

Il reddito di cittadinanza lascia molti dubbi e questioni irrisolte. Mancano completamente le basi. Innanzitutto i 6000 navigator non esistono ancora. L'Anpal che dovrebbe assumerli,non sa nulla. Le regioni non hanno ancora dato le direttive. Altri 4 mila li assumeranno i centri impiego che, hanno già oltre 5600 precari da stabilizzare. I centri per l'impiego sono attualmente inutili enti succhia soldi. Avrebbero dovuto essere riformati e, fatti funzionare al meglio. Chi seguirà i beneficiari del reddito? Mistero!! Dov'è la piattaforma on line che farà incontrare domanda e offerta di lavoro? Al momento non esiste. Ci sono davvero 3 proposte di lavoro per ogni beneficiario? Non credo proprio. E i soldi per erogare il reddito? Chi vigilerà sui furbetti che lavoreranno in nero? Il m5s spera ed attende che vicini, amici e parenti denuncino i furbetti. La vedo dura assai. Per 1 che denuncia 20 tacciono. I datori di lavoro son tutti li pronti ad assumere i beneficiari, ingolositi da 780 euro ? NO! Molti vogliono gente formata e competente. 1°proposta entro 100 km: chi non ha 1 centesimo come ci va? Benzina o biglietti vanno pagati. Assumeranno gente cosi distante? No di certo....Guarda quanti interrogativi e questioni irrisolte. Il m5s ha avuto troppa fretta. Qui è come pretendere di fare una casa partendo dal tetto.

 07/03/2019 14:36:11
Robbins

Robbins68511

8x8

Comunque adesso cari colleghi mi piacerebbe che ci sia lo stesso per tante altri provvedimenti del passato  che nessuno ha così contestato .


 07/03/2019 14:43:22

Robbins, Quali provvedimenti? 

 07/03/2019 14:57:57
Robbins

Robbins68511

8x8

in risposta a ↑

isisnofret, esempio gli 80 euro le varie imposte di bollo la fornero i 34 miliardi dati alle banche tedesche .

 07/03/2019 14:59:23
in risposta a ↑

Robbins, Hai ragione! Purtroppo questi sono provvedimenti di cui si parla poco. La stragrande maggioranza degli italiani ben poco ne sa o, non lo sa affatto. Gli 80 euro di Renzi erano solo per i lavoratori e, non spettavano a tutti. Secondo me non c'è stato un gran dibattito perché, sono solo 80 euro. Se fosse stato un regalino molto più consistente, altro che contestazioni sonore! La Fornero è stata contestata eccome! Non per niente appena caduto il governo, quello nuovo ed attuale c' ha subito messo mano, abolendola! Dei 34 miliardi alle banche i cittadini non sanno quasi nulla. Come possono contestare ciò che non sanno? 

 07/03/2019 15:18:28
Robbins

Robbins68511

8x8

in risposta a ↑

isisnofret, la fornero quando è uscito nessun sindacato ha detto niente.

Non mi ricordo un secondo di sciopero .

80 euro gli ha presi solo una parte e non certo la più bisognosa .

Il governo Gentiloni è stato il governo che ha fatto più debito negli ultimi 50 anni 

300 milioni al giorno di nuovo debito.



 07/03/2019 15:23:37
 07/03/2019 15:51:04
Contrabbandiere

Contrabbandiere35501

PLA-XIT

Il fatto che tantissimi responsabili della caduta verticale dell’Italia la contestino me la sta facendo piacere.

 07/03/2019 21:29:07
Rivoluzione

Rivoluzione11316

Business agent for solid waste recycling plants

Pastrank vedo con piacere che anche tu ascolti "Focus economia"! Io riesco a sentire solo l'ultima mezzora quando esco dall'ufficio!

Comunque, secondo me, all'italiano medio non frega niente che i centri per l'impiego funzionino! All'italiano media interessa solo incassare tutti i mesi. E nemmeno si preoccupa di quali saranno le conseguenze, nel lungo periodo, di questa politica. L'italiano è tendenzialmente individualista e se ne sbatte del bene collettivo.

 08/03/2019 09:28:05
pastrank

pastrank35691

Den som är satt i skuld är icke fri

Rivoluzione, quando posso l'ascolto, a volte anche il podcast, specialmente il venerdi' con la classifica degli sprechi, almeno posso farmi venire il nervoso.


Concordo pure sugli italiani, anche se ci sono tanti che la pensano diversamente. Purtroppo noto anche che iniziano a mancare quelli che sospettano quando gli racconti le cose, in altri tempi alle persone normali sarebbe venuto un dubbio. Faccio un esempio: ad un dibattito elettorale per le comunali nel mio paese, il candidato sindaco per l'opposizione di Forza Italia, che dirigeva una fattoria, invito' a fare domande: un tale si alzo' e gli domando': "ma in un paese di contadini e' normale votare il fattore?". Per dire che i sospetti devono venire per forza in certe situazioni, se non vengono e' segno che la gente capisce il giusto.

 08/03/2019 18:12:25
in risposta a ↑

pastrank, Ma Barisoni, Mediaset,Rai e Giornali non dedicano neanche mezza riga riguardo al deficit e dissesto del Comune Campione d'Italia? Chi era il sindaco di Campione d'Italia? Il sindaco è scappato perchè non aveva neanche più i soldi per pagare gli ultimi 4 spazzini rimasti.Parliamo del Comune che fino a poco fa era narrato dai media come comune più ricco ed efficiente d'Italia,ora si ritrova commissariato e in profondo rosso!

 09/03/2019 22:22:30
Rivoluzione

Rivoluzione11316

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

qvotds, abito a pochi kilometri di distanza da Campione. Quello che è successo lì è uno scandalo incredibile! Credo sia l'unico casinò al mondo che sia riuscito a fallire! 

 09/03/2019 23:18:45
pastrank

pastrank35691

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

qvotds, efficiente a dire il vero non l'avev o mai sentito dire, mi ricordo degli stipendi esagerati dei dipendenti comunali, semmai.

 10/03/2019 01:09:05
pastrank

pastrank35691

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Rivoluzione, i privilegi che hanno li' da tempo, e che leggo da quando ero ragazzo (ero molto amico di una ragazza di li' vicino, ci andavamo spesso), non mi facevano sperare molto meglio: gli stipendi dei dipendenti comunali, l'iva mancata, e nonostante tutto, il fallimento, non danno dubbi: era una cosa annunciata.

 10/03/2019 01:26:06

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader