renny61

renny617688

sognatore a vita

Ma che futuro ci aspetta in Italia........

A volte penso, pur non avendo figli, che i nostri giovani non vogliono più fare certi mestieri(è un loro sacrosanto diritto...), buona parte decide di fare il liceo e di proseguire gli studi, laurearsi e per trovare una professione inerente agli studi, deve andare all'estero........cosicché per fare certi lavori ci sono solo gli immigrati(che però non vogliamo....) e le professioni come medici, infermieri ecc., rimangono sguarnite........

Voi come pensate si evolverà questa situazione?

 08/02/2019 16:05:42
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
54 commenti
Robbins

Robbins62921

Leggere marillen fa bene all'agopuntura

Che c'è un mondo la fuori

 08/02/2019 17:20:52
FlavioBertamini

FlavioBertamini64609

Dead man walking

Ci sono dei diritti sacrosanti, come dici tu: e tra questi, la libertà di fare certe scelte! Ovviamente ogni scelta implica delle conseguenze per il singolo, ma anche per la collettività. Dico questo, riflettendo sui tanti cambiamenti della società e del costume, e all'evoluzione (o devoluzione?), a cui stiamo assistendo! Ciò a cui tu accenni, mi sembra solo una piccola parte della mutazione complessiva! E, forse non ci sono strumenti di analisi appropriati: conta molto la nostra percezione personale? E, semmai, le statistiche sociali, possono offrirci una visione più obiettiva, data dalle aride cifre? O dobbiamo leggerle sapendo che possono essere pilotate per "dimostrare" ciò che sembra più opportuno ad altri? Però, mi sembra che sempre più spesso emergono esigenze antitetiche e inconciliabili tra loro (la botte piena e la moglie ubriaca) e queste tensioni, possono essere l'indizio di una crisi epocale. Alla tua domanda non credo sia possibile dare una risposta, anche perché molto può dipendere dalla volontà e dalle decisioni imprevedibili dei singoli. Una cosa simile ad un grande mercato: e come sai, nemmeno l'economia è una scienza esatta

 08/02/2019 20:45:12
renny61

renny617688

sognatore a vita

FlavioBertamini, ti ringrazio della tua analisi........Nel mio commento al post, forse non sono stato molto chiaro......Semmai poi lo modifico.........Ma quello che volevo rimarcare è che nonostante ci si renda conto che non ci potranno essere i posti di lavoro per laureati per tutti, i giovani, le loro famiglie(e ripeto io non avendo figli, giudico dal di fuori, per cui......) continuano  a puntare sugli studi universitari, snobbando un po' quello che ai miei tempi era sufficiente per entrare nel mondo del lavoro e cioè il diploma di maturità in materie tecniche: periti meccanici, elettronici, chimici ecc. nonostante, almeno da quello che sento nelle varie trasmissioni tv che seguo, ci sia una certa necessità di queste figure..........Mi sembra che tutti puntino a fare i manager, gli avvocati  ecc. disdegnando un po' i lavori meno remunerativi.........per poi magari andare a fare il lavapiatti o il cameriere all'estero

 09/02/2019 09:08:04
FlavioBertamini

FlavioBertamini64609

Dead man walking

in risposta a ↑

renny61, tieni presente però che in Italia la percentuale di laureati è molto più bassa che in altri paesi europei, che generalmente un laureato può spuntare stipendi più elevati, e che con la nostra pesante denatalità e la globalizzazione, dobbiamo puntare su lavori e professioni di qualità, se vogliamo mantenere il welfare. In alcuni casi, proseguire negli studi può essere una perdita di tempo, però per altri dalle nostre università escono giovani molto apprezzati anche all'estero, perché sono davvero preparati. In non pochi casi è invece il nostro sistema produttivo che è impreparato ad accogliere e valorizzare certe competenze.

 09/02/2019 16:31:22
Contrabbandiere

Contrabbandiere34726

PLA-XIT

Che non è un problema solo Italiano.

 08/02/2019 21:44:10
renny61

renny617688

sognatore a vita

Contrabbandiere, e come pensi si evolverà?

 09/02/2019 09:09:03
Contrabbandiere

Contrabbandiere34726

PLA-XIT

in risposta a ↑

renny61, nel giro di 50 anni la popolazione mondiale sarà ridotta al 50% di quella attuale.

 09/02/2019 12:25:06
renny61

renny617688

sognatore a vita

in risposta a ↑

Contrabbandiere, mamma mia........per fortuna che sono nato quasi 60 anni fa........ma mi dici una cosa che per me è un'autentica novità!!!

 09/02/2019 14:46:50
Contrabbandiere

Contrabbandiere34726

PLA-XIT

in risposta a ↑

renny61, anche io nato circa 60 anni fa. 

 09/02/2019 18:59:35
UntangleTHEknot

UntangleTHEknot7411

Breathe

Io sto già fuori Italia, non ci penso più 

 08/02/2019 23:44:29
renny61

renny617688

sognatore a vita

UntangleTHEknot, fortunato te!!!!! Ti invidio molto.........posso chiederti dove sei?

 09/02/2019 08:55:44
Contrabbandiere

Contrabbandiere34726

PLA-XIT

UntangleTHEknot, dove sei e cosa fai?

 09/02/2019 14:31:26
UntangleTHEknot

UntangleTHEknot7411

Breathe

in risposta a ↑

renny61, in Inghilterra.. più che fortunata direi che mi sono fatta un mazzo così per arrivarci e restarci xD

 09/02/2019 17:03:21
renny61

renny617688

sognatore a vita

in risposta a ↑

UntangleTHEknot, non temi gli effetti della Brexit?

 11/02/2019 07:50:13
UntangleTHEknot

UntangleTHEknot7411

Breathe

in risposta a ↑

renny61, non cambia nulla x adesso e comunque cosa può farmi la brexit? Licenziarmi o buttarmi fuori dal paese in cui ho scelto di vivere? Non penso

 11/02/2019 17:39:24
abc12345

abc1234557361

Probitas

Succederà come già avvenuto prima in America e poi in Francia e in Inghilterra, dove i mestieri che non richiedono preparazione particolare sono volti da “gente di colore” che sono poi i famosi immigrati che son giunti anche qui da noi.


Qui in zona, le aziende di giardinaggio che hanno in appalto la manutenzione dei parchi e giardini comunali impiegano tutte operai extracomunitari; anche le aziende di manutenzione delle strade hanno tutti operai extracomunitari. Per non parlare delle campagne romagnole e le aziende agricole in Puglia.


Tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 siamo stati noi italiani a sostituire nei lavori pesanti operai in altre nazioni. Penso alle miniere in Belgio; io ho un parente che è rientrato, per passare qualche giorno in famiglia (avevano diritto a 8 giorni di riposo l’anno) nel luglio del 1956...orbene. L’8 di Agosto è accaduto il disastro di Marcinelle con 262 morti dei quali 136 italiani: https://it.wikipedia.org/wiki/Disastro_di_Marcinelle#Deceduti


Vedi come il travaso sia già avvenuto nei tempi passati tra operai oriundi e immigrati; così accadrà anche qui da noi. I nostri giovani faticheranno come oggi a sistemarsi e i lavori usuranti saranno opera di extracomunitari in cerca di fortuna. Già oggi, in qualche scuola milanese i figli di immigrati sono arrivati al 50% degli studenti; segno evidente che anche i nostri giovani stanno calando alla grande.

 09/02/2019 09:11:47
renny61

renny617688

sognatore a vita

abc12345, in certe scuole medie, in città, nella mia provincia, si arriva anche all'80% di studenti stranieri, anche se nati in Italia.........

 09/02/2019 15:04:57
FlavioBertamini

FlavioBertamini64609

Dead man walking

in risposta a ↑

renny61, puoi indicare quale provincia?

 09/02/2019 16:34:08
renny61

renny617688

sognatore a vita

in risposta a ↑

FlavioBertamini, PC

 09/02/2019 20:45:10
renny61

renny617688

sognatore a vita

in risposta a ↑

 Devo precisare, perché come l'ho scritto non è esatto.......

In alcune classi di una scuola media in particolare(situata dove c'è un'alta concentrazione di immigrati), la percentuale degli studenti stranieri, seppur nati in Italia, arriva all'80%.........

Questa percentuale si è incrementata anche a causa del fatto che diversi genitori italiani, hanno spostato i loro figli presso altri istituti

 10/02/2019 15:40:05
renny61

renny617688

sognatore a vita

in risposta a ↑

Per completezza d'informazione, devo altresì aggiungere che la ns provincia ha il record in regione per percentuale di stranieri residenti: oltre il 14% e questo si ripercuote sulla scuola in quanto, altro record, ci sono oltre il 30% di classi in deroga, cioè con un numero di studenti stranieri oltre il limite stabilito per legge..........Con il problema non piccolo del rallentamento dell'attività didattica per problemi d'inserimento(molti bambini hanno notevoli difficoltà alla comprensione della lingua, dei metodi d'insegnamento)

 11/02/2019 08:03:16
in risposta a ↑

renny61, Non sarà che in realtà avete altri tipi di record come quello del calo di natalità da parte vostra o di ragazzi che emigrano in Svizzera,Londra e Germania?

 11/02/2019 08:20:52
FlavioBertamini

FlavioBertamini64609

Dead man walking

in risposta a ↑

qvotds, non sei italiano? Dici "avete" ...

 11/02/2019 09:39:42
in risposta a ↑

FlavioBertamini, Mi riferivo alla loro provincia.Lei parlava  della sua provincia non dell'Italia intera.

 11/02/2019 09:41:12
FlavioBertamini

FlavioBertamini64609

Dead man walking

in risposta a ↑

qvotds, credo di no. La popolazione italiana cresce on 4 regioni: Lombardia, E. Romagna, Veneto e T.A. Adige. Ma solo per l'immigrazione! Ma le regioni a bassa natalità sono altre.

Ps: credo che @renny61 sia masculo!

 11/02/2019 09:51:39
renny61

renny617688

sognatore a vita

in risposta a ↑

qvotds, un P.S.: sono ''ometto vecchietto, anche''

Per il resto non ho i dati a cui tu fai riferimento..........

Il post riguardava il futuro del nostro paese, stante questo aspetto paradossale dell'avere tanti laureati in materie ''ininfluenti'' ai fini di trovare un lavoro e carenza di personale qualificato in altri settori.........

 11/02/2019 13:29:15

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader