ilmiozio

ilmiozio189846

Estremista di destra e di sinistra

Non è una gran novità.

In sé anzi mi pare persino una considerazione (pardon una Scoperta) banale, a cui il Professorone dell'Università di Firenze ha aggiunto (secondo l'ormai usata tendenza della divulgazione scientifica ad essere sempre meno scientifica è sempre più gossippara) il divertissement del raffronto consolatorio tra i 75 di oggi e i 40 di ieri.

Ciò mi ricorda le infinite dispute tra i proprietari di cani atte a stabilire a quanti anni umani corrisponde un anno di cane, e mi chiedo se anche gli anni del cane vadano rimodulati sulla base delle nuove scoperte scientifiche.

Ci scommetto che questo è il primo atto di una campagna di stampo giovanilista che ci attende,  mirante ad indurre la popolazione a reimpostare l'idea -e in generale tutta l'iconografia geriatrica- in vista di uno spostamento a 75 anni e più dell'età pensionabile.

 02/12/2018 19:53:40

ilmiozio, ...immagino che chi ha commentato finora - chi più e chi meno - abbia pensato alla "questione età pensionabile". Io stesso quando ho postato l'articolo ci ho pensato. Ed è probabilmente un pensiero giustificato. Ma al netto di questo, bisogna capire comunque se sia un segno di progresso ma dall'inesorabile declino…

Ci sono stati nel mondo in cui l'età media è poco più di 15 anni (in virtù dell'elevata natalità), ma poi muoiono a 40 anni… 


Credo manchi un equilibrio - e di norma, quando si crea un disequilibrio, la natura cerca di rimediare...

 02/12/2018 20:07:31
rbox68

rbox6840396

semplicemente anima

in risposta a ↑

Yappappeo, la natura sa quel che fa, magari imparassimo di più. Hai sentito la notizia sugli elefanti a proposito del disequilibrio di cui parli?

 02/12/2018 20:31:53
in risposta a ↑

rbox68, ...no non ne avevo sentito parlare, ma (ovviamente) ho dato un'occhiata su Google… Meraviglioso! (ma allo stesso tempo, triste). 
In un certo senso, penso di nutrire per la Natura un rispetto e una devozione simili a quello che le persone religiose provano per le loro divinità, sebbene non ritengo sia un qualcosa di divino… Il bello è che anche noi ne facciamo parte, anche se a volte (spesso) ce lo dimentichiamo… 
Grazie per la segnalazione   

 02/12/2018 21:19:24
ilmiozio

ilmiozio189846

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Yappappeo, E questo non lo so. Inoltre, se non vado errato si parla di forma fisica.

Sappiamo bene che la demenza senile in tutti i suoi aspetti è una malattia in grandissima crescita, e credo che l'aumento degli anni di vita non possa che peggiorare la situazione.

Progresso vero è l'aumento di qualità della vita (specie di quella psichica) dell'individuo, non la sua durata.

 02/12/2018 21:22:27
in risposta a ↑

ilmiozio, beh in realtà una connessione c'è - parlo della qualità della vita e la durata (è ovvio che maggiore è la qualità della vita, maggiore è la probabilità di vivere di più). Se intendi la qualità della vita nelle persone anziane (diciamo dai 70 in poi), sono d'accordo. Purtroppo, come dici tu, malattie come la demenza senile sono destinate ad aumentare (saranno il doppio fra 25 anni).

 02/12/2018 21:32:39
Robbins

Robbins79291

8*8

" 13° Rapporto Sanità del CREA-Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

Nel Rapporto si legge che la speranza di vita in buona salute alla nascita in Italia si attesta a 58,2 anni uomini , e quella a 65 anni donne"

Un dato su cui riflettere .

Per gli uomini a 58 anni la buona salute finisce 

Era così anche 30 anni fa?

Se la forma fisica di un 65 enne era paragonabile ad un 5 enne a 38 anni finiva la  una salute?

 03/12/2018 05:41:07

l'articolo di Repubblica si sposerebbe piuttosto bene anche con un'altra indagine che ho letto qualche mese fa, sul "ritmo" della vita.  Diceva che anche un grandissimo uomo d'affari del secolo scorso NON avrebbe retto i ritmi di vita di un uomo qualsiasi di famiglia dei giorno nostri: sarebbe collassato


evidente il confronto sulla "qualità" .... che oggi ti priva di quasi tutto il tuo tempo libero, ma soprattutto che ti accompagna h24 con tutte le sue ansie e preoccupazioni


che queste ultime si traducano poi in attività cerebrale sarebbe curioso e interessante scoprire. Lo dico perché sono anche strenuamente convinto che la longevità e l'innalzamento dell'aspettativa media di vita sia strettamente legata alla "salute" del cervello


I grandi matematici sono stati tutti longevi, è un dato di fatto e potete andare pure a verificare perché lo troverete sicuramente documentato e commentato


certo..., se potessi arrivare a campare 100 anni, preferirei arrivarci dedicandomi alla soluzione dell'Ipotesi di Riemann sui numeri primi, piuttosto che arrovellarmi il cervello per non sapere come arrivare a fine mese...

 03/12/2018 08:37:59

insalatamista, ...oggi effettivamente siamo bombardati da stimoli che un secolo fa non sapevano neanche dove stessero di casa.

Purtroppo le cose stanno diversamente - come se ne discuteva precedentemente con @ilmiozio . Se da una parte siamo tra i primi stati nel mondo in classifica in termini aspettativa di vita, per quanto riguarda la qualità di quella vita più lunga siamo molto in basso in graduatoria. Quindi, purtroppo, l'aspettativa di vita non è legata alla salute del cervello (ma forse non ho capito cosa intendi). La qualità della vita, piuttosto, è legata al modo in cui viviamo, ci alimentiamo e, soprattutto, alla prevenzione… Ad esempio, gli oncologi ci dicono che il 70% (!!!) dei tumori sarebbero prevenibili se si facesse più prevenzione (non parliamo poi dei costi che tutto questo si porta dietro: bisognerebbe scriverci un post dedicato).

 03/12/2018 09:31:42
in risposta a ↑

Yappappeo, ok, hai ragione, dovevo spiegarmi meglio. Intendevo dire che la bassa qualità di vita che conduciamo in Italia .... con le continue ansie e preoccupazioni che ci affliggono ... tiene sicuramente impegnato il nostro cervello e non gli consente alcun relax


Quindi fondamentalmente facevo una provocazione : speravo che tutta questa attività cerebrale fosse comunque "ginnastica" per il nostro cervello.

Il dato dei matematici è vero : erano tutti longevi.

Quindi concludevo dicendo che tuttavia sarebbe meglio occuparci dei numeri primi piuttosto che delle preoccupazioni quotidiane

 03/12/2018 11:21:47

Oggi ho scoperto che la fascia d'età compresa all'incirca tra i 36 e i 60 anni si chiama "TARDO ADULTA".


...ooooh, mi rinfranca sapere di essere un Tardo!


...da non confondere con ADULTO TARDO, pliiiiz  

 03/12/2018 09:34:42

Puoi sentirti vecchio e decrepito pure a 40 anni... credimi.

L'età è solo un numero.

 06/12/2018 15:38:26
Rosa_dei_Venti

Rosa_dei_Venti79316

Comunicatrice

Fata_Morgana, buongiorno Fata, che piacere sai che abbiamo risposto la stessa cosa in tempi differenti, spero presto rivederti.

 06/12/2018 15:50:01
Robbins

Robbins79291

8*8

Fata_Morgana, credimi non è vero...

 06/12/2018 15:57:44

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader