ilmiozio

ilmiozio179906

Estremista di destra e di sinistra

Per me questa è una bufala! (Mettiamoci in gioco)

Per me questa è una bufala! (Mettiamoci in gioco)

@PaoloVincenti  @pastrank  @Anna @Eirene @roberto962 @minimamoralia @donatella 



Sui temi dell'informazione in generale, della qualità dell'informazione, e più specificatamente dell'affidabilità di media e social, ci siamo più volte interrogati.

Tra i molteplici aspetti della questione ce n'è uno che certo non è nuovo ma solo negli ultimi anni ha assunto i connotati di un vero e proprio fenomeno: quello delle bufale, ovvero la diffusione consapevole di notizie false.

Molti i post sull'argomento aperti anche qui su Quag e molte le discussioni sviluppate.

Perché allora aprire un ulteriore post?

Rileggendo molti degli interventi, ho notato come quasi tutti fossero accomunati da una sostanziale astrattezza, vale a dire dalla tendenza a trattare l'argomento senza mai scendere nel merito concreto di questa o quella specifica notizia. Insomma più teoria che pratica, nel timore forse di prendere una posizione che avrebbe potuto in seguito rivelarsi sbagliata   

Questo post vorrebbe dunque porsi come uno spazio permanente in cui ciascuno potrà denunciare man mano che assurgono alle cronache, i fatti o le notizie che a suo giudizio appaiono come bufale, per poi verificare nel tempo la giustezza della propria intuizione in un dibattito che coinvolga anche gli altri.

Perché, continuare a filosofeggiare sul fenomeno senza entrare poi nel merito di questa o di quella bufala in particolare ha senso fino ad un certo punto.

Gli amici utenti che ho citato sopra sono quelli con cui più frequentemente ho avuto modo di confrontarmi su questo tema.

La discussione, inutile sottolinearlo, è aperta a tutti.

Si potranno segnalare ovviamente anche i casi contrari, vale a dire quelli che vengono normalmente riconosciuti come bufale, ma che per voi non lo sono.

Infine anche i casi di omissione di notizie (anche questi infatti, per molti versi possono considerarsi bufale).

 25/11/2018 21:32:58
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
86 commenti
Robbins

Robbins53266

Potrebbe piovere fare nebbia e nevicare di brutto

Ti chiedo .

A che livello vuoi che si segnali.

Per esempio ieri un mio amico mi ha scritto che un nostro amico ,vico ,si  è tagliato i cappelli .

NON ERA VERO!!

Intanto la notizia si è sparsa su Facebook in men che non si dica e solo con la smentita della moglie di vico si è capito che era una bufala 

 26/11/2018 05:48:43
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

Robbins, Che abbiano interesse e risonanza pubblici.

 26/11/2018 12:26:20
Robbins

Robbins53266

Potrebbe piovere fare nebbia e nevicare di brutto

in risposta a ↑

ilmiozio, ok.

La bufala più grande?

Che esiste un qualsiasi essere supremo.

Beccati questa

 26/11/2018 12:32:35

Io non ho mai letto una diffusione di notizie false qui su Quag.

Opinioni contrastanti si, certezze e credi contrastanti si, ma proprio notizie fasulle no.

L' omissione di notizie poi, non la vedo proprio esattamente alla pari di una "Bufala".

 26/11/2018 06:20:48
 26/11/2018 11:28:24
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Sanguanel, Esattamente quello che intendevo.

 26/11/2018 11:42:38
in risposta a ↑

ilmiozio, e vabbè! E' proprio la prima che trovo su Quag.

 26/11/2018 11:43:21
 26/11/2018 13:03:04
PaoloVincenti

PaoloVincenti22051

Stratega del vuoto - SMM

La proposta è interessante, ma esistono già vari gruppi e siti che si occupano di individuare e smontare le bufale. Forse sarebbe opportuno limitare questo spazio a segnalare le sole bufale che compaiono su Quag. Comunque, come ho già scritto in un recente commento ad altro post, il problema non sono soltanto le bufale in sé, ma anche il backfire effect. Cioè, molte persone hanno convinzioni profonde: quando queste convinzioni vengono sfidate da fatti che le contraddicono, queste persone rifiutano l'evidenza rafforzando le proprie convinzioni. È un po' come se, una volta costruita una propria raccolta di credenze, queste persone lottassero - istintivamente e incosciamente - per difenderla ad ogni costo. Quando qualcuno cerca di correggere anche soltanto una piccola parte delle loro idee sbagliate, essi reagiscono in modo veemente, come se togliere una singola pietra facesse crollare il loro intero castello di convinzioni. Con il tempo, il backfire effect finisce per rendere sempre meno scettici riguardo alle cose che si ritengono vere.


Ne consegue che è praticamente impossibile mostrare davvero l'evidenza di una bufala a determinate persone. Quando cominci a tirare fuori fatti e cifre, link e citazioni, l'interlocutore comincia a sentirsi ancora più sicuro delle proprie convinzioni rispetto a quando la discussione è iniziata, e nella migliore delle ipotesi abbandona il campo. Hai presente la bilancia nel bagno? Quando ti mostra che hai preso due chili, pensi di aver letto male o di aver fatto più pressione con un piede, scendi e risali, la registri meglio, alla fine ti convinci che è solo un fatto temporaneo o che funziona male. Se mostra che hai perso un chilo, va bene così, scendi e vai via felice.


Questo finisce per riflettersi su tutta quell'informazione diffusa attraverso blog, forum e social media. Le persone tendono a chiudersi in una bolla in cui le informazioni valide sono solo quelle che coincidono con le proprie convinzioni. Gli inserzionisti pubblicitari continueranno ad adattarsi, creando pubblicità su quello che sanno di te. Quindi i media del futuro saranno basati non solo sulle tue preferenze fashion/cibo/libri/sport/etc., ma anche sulle tue preferenze politiche, sui luoghi in cui vivi e sei cresciuto, sul tuo umore, sul periodo dell'anno. Tutti elementi che possono essere rilevati, registrati e quantificati. In una bolla in cui tutto finisce col corrispondere a ciò che chiedi, le tue convinzioni non saranno mai contraddette o messe in discussione. Avrai sempre ragione.

Comunque, da appassionato di debunking, non mi sottraggo certo alla possibilità di contribuire a segnalare bufale e fake news.


 26/11/2018 08:34:15
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

PaoloVincenti, "Cioè, molte persone hanno convinzioni profonde: quando queste convinzioni vengono sfidate da fatti che le contraddicono, queste persone rifiutano l'evidenza rafforzando le proprie convinzioni."

Citare concretamente qualcuna di queste convinzioni e provare a spiegare perché dal proprio punto di vista sarebbero false convinzioni. Ecco il senso della mia proposta, semplice.

 26/11/2018 12:00:00
PaoloVincenti

PaoloVincenti22051

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

ilmiozio, pas de problème. Sono disponibile a dare il mio contributo.

 26/11/2018 13:31:27
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

Intanto grazie per l’invito, che apprezzo due volte. Per il fatto in sé e perché, convinto che si possa affrontare un dato argomento senza conoscerlo a fondo, mi pare di essere in buona compagnia (nel senso che hai chiamato in causa uno che esperto non è).

Ti dico cosa ne penso “da lontano” e magari ci torno, nel caso incocciassi in una bufala o presunta tale.

Rispetto ad essa ci sono due parti in gioco: chi la costruisce, spaccia o diffonde e l’ampia platea a cui è destinata. Anche ora che se ne parla (la cosa è abbastanza recente) le fake continuano a trovarsi. Credo perché anche nel caso di “sputtanamento” l’effetto è oramai ottenuto, chi doveva assumere la notizia / informazione lo ha fatto, la sostanza è entrata in circolo, anche perché il soggetto è predisposto, cioè essendo la bufala costruita ad arte, ha conseguenze esse stesse studiate a tavolino, studiato il cosiddetto target. Un po’ è come la pubblicità, inoltre fa pensare a certe notizie sbandierate verso un tale personaggio o gruppo, per metterlo in difficoltà, da parte degli organi d’informazione antagonisti. Salvo poi dedicare un trafiletto a fondo pagina in caso di contro-notizia. 

 27/11/2018 08:20:28
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

roberto962, Il problema è stato ampiamente trattato in altri post. Qui io volevo uscire dalla teoria per entrare direttamente e senza preamboli nel vivo.

Non si tratta di essere esperti o non esperti, basta indicare quei fatti o notizie che a tuo giudizio sono appositamente manipolati o addirittura falsi.

 27/11/2018 16:06:11
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

ilmiozio, Penso per esempio ai motori diesel. È vero che inquinano ma, a parte il fatto che non sono i soli, questa accelerazione repentina nel condannarli, non ci sarà sotto il business?

Cioè, giustamente le chiamiamo bufale, ma a volte sono delle forzature operate ad arte, cioè: spingo su un solo aspetto dell’intera questione, per mettere in moto qualcosa che guarda caso ha sempre a che fare con il denaro (nostro). Il che sempre di più mi fa pensare che siamo arroccati in un fortino sotto l’assedio di orde di sciacalli.  

 27/11/2018 16:55:35
in risposta a ↑

ilmiozio, Ma dobbiamo segnalare le Bufale all'interno di Quag o tutte quelle esistenti nel mondo?

No...perché...nel secondo caso...ti converrebbe aprire un blog apposito.

 27/11/2018 17:03:38
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Sanguanel, Dobbiamo segnalare quelle che ci sembrano bufale purché abbiano ovviamente una certa rilevanza.

Limiti geografici non ce ne sono.

 27/11/2018 18:18:04
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

roberto962, Condivo completamente. Con la scusa di salvare il pianeta (altra bufala) ci propineranno altre fonti di energia più a caro prezzo (con la scusa della ricerca) poi tra qualche anno verrà fuori che inquinavano più del diesel.

 28/11/2018 03:03:51
Tommy

Tommy27351

05 aQ (anni Quag)

in risposta a ↑

ilmiozio, che salvare il pianeta dall'inquinamento sia una scusa per aumentare il prezzo delle fonti energetiche:

È un fatto

o

Una teoria?

 28/11/2018 08:17:04
in risposta a ↑

Tommy, ed il @ilmiozio infatti!

Stiamo declinando sull'opinione politica, sul "secondo me".

Ben diverso dall'idea iniziale di segnalare le bufale su Quag.

A questo punto mi pento di essere intervenuto su questo post.

 28/11/2018 08:30:12
Tommy

Tommy27351

05 aQ (anni Quag)

in risposta a ↑

Sanguanel, perché pentito?


Esprimendo la propria opinione si imparano un sacco di cose.


 28/11/2018 08:45:48
in risposta a ↑

Tommy, sicuramente, ma nulla c'entra con il titolo iniziale del post.

 28/11/2018 08:54:05
Tommy

Tommy27351

05 aQ (anni Quag)

in risposta a ↑

Sanguanel, è vero.


Si rimane spesso delusi dalla piega che prendono le discussioni, in questo caso come in altri, ma ne siamo un po' tutti responsabili (parlo specialmente per me).


 28/11/2018 09:07:03
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

Sanguanel, ma segnalare una bufala è un "secondo me", per definizione, poiché chi l'ha spacciata lo ha fatto sapendo che per qualcuno (tanti o pochi) sarebbe passata. altrimenti non se lo prendeva il disturbo. opinione crederci e opinione non crederci.   

 28/11/2018 09:33:35
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

ilmiozio, Però un attimo, bufala la scusa di salvare il pianeta. Non il fatto che esso sta messo piuttosto male e il pestaggio prosegue bellamente.

 28/11/2018 09:37:48
Tommy

Tommy27351

05 aQ (anni Quag)

in risposta a ↑

roberto962, una "bufala secondo me" può ancora chiamarsi "bufala"?


Non è che finisce, data la varietà di opinioni, che sono tutte "bufale" (o "non bufale")...


e siamo al punto di partenza?

 28/11/2018 09:47:09
in risposta a ↑

roberto962, non replico più e rinuncio al post, che a questo punto avrebbe dovuto intitolarsi : "Post delle polemiche".

 28/11/2018 10:38:54
PaoloVincenti

PaoloVincenti22051

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Tommy, semplicemente, nella valutazione di una probabile bufala, il "secondo me" non dovrebbe esistere. Non esiste una formula magica per decidere se si tratta di una bufala o meno, però esiste un processo. Un processo che richiede tempo e qualche competenza (e quindi si finirà per individuare soltanto le bufale su questioni con le quali abbiamo più familiarità).


Dentro questo processo c'è la valutazione delle fonti, la plausibilità della notizia, il consenso (spesso una singola notizia è riportata centinaia di volte da diverse fonti, con le medesime parole, quindi si tratta pur sempre della stessa notizia), il contesto, il pregiudizio personale e le trappole cognitive. Quindi, se si vuole asserire che una notizia è oppure non è bufala, bisogna dimostrare coscienza di questo processo.

 28/11/2018 10:48:40
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Tommy, È semplicemente una mia opinione.

 28/11/2018 12:09:13
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Sanguanel, Allora, consentimi, non hai letto bene il titolo. Rileggilo.

 28/11/2018 12:11:36
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

PaoloVincenti, Sono d'accordo sulla necessità di sostenere la propria opinione tramite il ricorso ad un processo di conoscenza che sia quanto più possibile oggettivo (aggiungo io) e condiviso quantomeno nel suo minimo comune multiplo.

Molto spesso "bufala" diventa strumento d'appropriazione: è il nome che attribuiamo a ciò con cui non siamo d'accordo.

Mettiamo da parte quindi ogni pretesa di oggettività: la verità o falsità di un certo fatto dibattuto oggi, si autosvelerà nei fatti di domani, ma forse occorreranno secoli.

Rimane solo il confronto dialettico, l'analisi e lo studio.

Ma alla fine sarà sempre un "secondo me". 

 28/11/2018 12:24:19
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Sanguanel, Libero ovviamente di ritirarti, ma se vuoi la mia opinione fai male. Qui ciascuno ha il pieno diritto di esprimere liberamente la propria opinione.

Parimenti tutti gli altri possono, con pari diritto, replicare.

 28/11/2018 12:28:08
in risposta a ↑

ilmiozio, ma certo @ilmiozio  sono io che non so leggere, certo.

E si, mi ritiro, più che volentieri.

 28/11/2018 12:33:08
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

roberto962, Credo che il pianeta abbia subito un paio di glaciazioni è un paio di surriscaldamenti oltre ad innumerevoli altri tipi di cambiamento nel corso della sua vita.

La nostra invece (vita) è talmente breve e insignificante, e siamo talmente stupidi da pretendere di usare l'attimo della nostra esistenza come unità di misura di una storia di cambiamenti climatici che va avanti da miliardi di anni.

 28/11/2018 12:35:00
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

roberto962, Condivido in pieno il tuo approccio scettico e lo contrappongo a coloro i quali pensano che verità e menzogna occupino due universi separati e immutabili.

 28/11/2018 12:50:02
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

ilmiozio, Per quel poco che ne so: un conto sono i cicli astronomici e dentro ci sta un po’ di tutto, certo c’è quanto tu sostieni. Spazio e tempo sono tali grandezze, la comprensione può contenerne una frazione.

Un altro conto sono gli effetti dei comportamenti sul mondo stesso, a meno che si voglia sostenere che ci furono altre civiltà, in tempi remoti, che ebbero comportamenti simili, quindi scomparvero, e appena il pianeta, lasciato in pace, fu di nuovo pronto per ospitare la vita, ebbe inizio una nuova era, popolata da umani, animali eccetera. Francamente mi pare eccessivo.   

 28/11/2018 12:56:52
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

Sanguanel, Se permetti, non mi sembrano queste le polemiche, ho visto ben altro su queste stesse pagine. Talvolta da vicino. Ad ogni modo, ci si vede dai.

 28/11/2018 12:59:44
PaoloVincenti

PaoloVincenti22051

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

ilmiozio, il cambiamento climatico è un problema che per la sua ampiezza temporale, per la mole di dati da analizzare e per la loro difficoltà di interpretazione non può rientrare nell'ambito della discussione di una bufala. È un po' come discutere del Big Bang o dei viaggi nel tempo. D'altronde, è evidente che di cambiamenti climatici ce ne sono stati parecchi, ma ci sono anche state almeno 5 estinzioni di massa.

 28/11/2018 15:01:26
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

PaoloVincenti, Non sono in discussione i cambiamenti climatici, è ovvio, bensì il rapporto di causa effetto con le attività umane.


 28/11/2018 15:17:54
PaoloVincenti

PaoloVincenti22051

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

ilmiozio, il discorso non cambia. Si tratta comunque di valutare una massa di dati enorme e di farlo senza la necessaria cognizione di causa e senza il tempo e i mezzi necessari. Cioè, ci si può soltanto schierare per un'idea o per l'altra, ma non si può arrivare ad affermare che una delle due ipotesi sia una bufala.

 28/11/2018 15:26:30
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Sanguanel, Scusami, non voglio insistere ma vedi bene che il titolo inizia (e non a caso) con "secondo me" proprio a testimoniare il particolare carattere di soggettività (che comunque è sempre inplicito in qualsiasi discussione) impresso in questo post dall'autore.

Un dibattito si arricchisce in funzione delle voci contrastanti che lo animano. Mi dispiace perderne una. Grazie comunque di avervi partecipato.

 28/11/2018 15:32:41
in risposta a ↑

ilmiozio, @ilmiozio  e @roberto962  voi insistete ed io ho già dichiarato "ma certo! Sono io che ho letto male, certo. Mi ritiro!" Ed ancora continuate! Precisando pure : "non voglio insistere ma....".

STOP! A questo post non dovevo neppure iniziare a partecipare. Per me è il post delle "Polemiche gratuite".

Se non mi tirare più in ballo all'interno di questo post sarebbe apprezzato.

 28/11/2018 15:39:29
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

PaoloVincenti, Se è per questo non c'è quasi nulla che possa essere affermato  né smentito. Si possono solo avanzare ipotesi sulla base delle proprie conoscenze.

Tali ipotesi sono legittime purché non pretendano di assumere valore universale, dunque concordo fino ad un certo punto.

Credo che l''avvertenza "a parer mio" è sempre e comunque implicita in ogni discussione, e conferisce valore di legittimità a tutte le opinioni in campo.


 28/11/2018 15:42:00
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

ilmiozio, non capisco come sia nato l'incidente diplomatico. e mi dispiace. a me una volta mi hanno fatto il culo (pardon) a strisce per aver sostenuto che il rimorchio delle femminucce è più facile di quello dei maschietti. e che dovevo fare, la rivoluzione? va beh dai, parliamo degli antichi astronauti che è meglio.  

 28/11/2018 15:55:02
Tommy

Tommy27351

05 aQ (anni Quag)

in risposta a ↑

PaoloVincenti,

quello che dici è condivisibile.


Rimane però un problema: è possibile, di tutte le notizie che leggiamo quotidianamente, praticare il processo da te esposto per appurarne il grado di verità?


Penso di no (per questioni di tempo), quindi:

Che l'informazione diventi un "secondo me"

o

Che richieda un lungo processo per renderla credibile


rimane impossibile una informazione quotidiana affidabile di per sè (cioè che non si appoggi sulla fiducia di qualcuno o qualcosa d'altro).


Non ho soluzioni, ma solo qualche speranza, perciò te lo pongo come problema.


Quando capiterà se ne potrà parlare.


P.S. dopo aver scritto questa risposta ho trovato un interessante articolo su

"Le Scienze" ("L'intelligenza artificiale in aiuto delle pubblicazioni scientifiche")


L'idea che ne sta alla base, potrebbe rappresentare un nuovo approccio anche per l'informazione comune.

In questo caso l'algoritmo di Intelligenza Artificiale, ridurebbe l'articolo (la notizia) nei suoi elementi essenziali, facilitandone la valutazione.


PPS. Forse hai notato che i miei scritti stanno subendo una trasformazione formale: diventano sempre più schematici.


L'intento è lo stesso:

evidenziare gli elementi essenziali del ragionamento.


 29/11/2018 09:12:10
PaoloVincenti

PaoloVincenti22051

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Tommy, evidentemente non è possibile ricercare il grado di verità per qualsiasi notizia. Come ho scritto sopra, il processo richiede tempo e competenze: perciò riconosceremo soltanto le bufale che riguardano aspetti che ci interessano, che ci toccano direttamente, o argomenti che conosciamo meglio.

Gli algoritmi di IA possono funzionare in modo egregio nel valutare una pubblicazione scientifica quando si tratta di analizzare statistiche e metodologie, perché appunto si tratta di scritti che seguono una struttura precisa e immediatamente riconoscibile. Però non possono, ovviamente, fornire alcuna valutazione circa la veridicità di una tesi.

Con l'informazione "comune", questo non può funzionare. Perché - tranne rari casi (certi articoli del New York Times, ad esempio) - l'esposizione è caotica, i fatti sono mescolati alle opinioni, le fonti non vengono citate, il contesto è confuso. Soprattutto, una notizia potrebbe anche essere proposta con un certo rigore formale e affermare nondimeno una caterva di sciocchezze (ci sono molti esempi di falsi storici), perché nell'informazione la chiarezza dell'esposizione e l'essenzialità non sono sufficienti a garantirne l'attendibilità. 

 29/11/2018 09:48:07
Tommy

Tommy27351

05 aQ (anni Quag)

in risposta a ↑

ilmiozio,


vedo che hai letto la mia risposta a roberto962:

una "bufalasecondo me" può ancora chiamarsi "bufala"?


Se la  risposta è negativa (come penso) risulta che il termine bufala viene svuotata di gran parte del suo valore; in altre parole dire "quella notizia è una bufala" non ha più significato in se, ma dipende da chi lo dice.

Il valore  della frase scivola da un giudizio sulla notizia ad un giudizio sulla persona.


Si capisce allora che la tua proposta  di  denunciare le bufale dell'informazione, proprio a causa di quel "secondo me", non avrà come  risultato un elenco di bufale condivise, ma piuttosto una "profilazione" (una valutazione) delle persona che fanno le denuncie.


A questo punto prendo atto che " la necessità che il pianeta debba essere salvato (dai danni che essi producono sulla salute umana e sul riscaldamento globale)  dall'inquinamento dovuto ai combustibili fossili  "secondo te è una bufala".


 29/11/2018 09:48:13
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Tommy, Il mio intento, nel pensare questo post era precisamente quello di dichiarare qui, in modo esplicito e inequivocabile, quali fatti o notizie possono essere catalogati come bufale, per poi verificare nel tempo la correttezza dell'intuizione.

A questo punto entra in gioco il fattore soggettivo: come mi sforzo di fare capire dall'inizio, ma con scarsi risultati, non esiste nessuna asserzione di nessun tipo che possa emendarsi da tale principio preliminare.

Ciò nulla toglie al valore del giudizio che va valutato in ordine al  percorso di conoscenza che lo sorregge, (come dice @PaoloVincenti ) ma sarà sempre e comunque una valutazione personale.

Personalmente rifuggo a priori da ogni asserzione che pretenda di eludere la soggettività ponendosi come verità universale.

_____

Fatalmente, e mi dispiace ma va bene lo stesso, il focus di tutta questa discussione si sta fatalmente spostando (ciò che non volevo) sul problema bufale anzicché entrare nel merito specifico di questa o di quella bufala.

_____

Io certo non mi sottraggo e rispondo sì alla tua domanda finale.

Per la precisione la bufala consiste nel pensare che l'uomo sia direttamente responsabile dei cambiamenti climatici e dunque sia in grado (limitando emissioni, firmando accordi globali e roba del genere) di ripristinare le condizioni precedenti. Per dirla tutta, più che bufala la definirei barzelletta.

 29/11/2018 12:17:12
roberto962

roberto96230741

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

ilmiozio, ma i rifiuti industriali tossici nel fiume li ha gettati lo spirito santo? 

 29/11/2018 13:34:58
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

roberto962, L'uomo è uno sporcaccione lo sappiamo. Ma la relazione con i cambiamenti climatici è molto ardita.

 30/11/2018 17:32:40
quarkuno

quarkuno17366

Non ricordo di ricordarmi

Mi limito a segnalare un mio limite.

Mi coglie al bancone dei salumi e latticini: come fidarmi delle mozzarelle di bufala?

 27/11/2018 08:49:10
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

quarkuno, basta chiedere al banconista! 

 27/11/2018 16:07:00
quarkuno

quarkuno17366

Non ricordo di ricordarmi

in risposta a ↑

ilmiozio, 

come chiedere all'oste se è buono il vino ...

 27/11/2018 17:42:24
ilmiozio

ilmiozio179896

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

quarkuno, Allora accontentati delle mozzarelle Santa Lucia che sono buone lo stesso, e sono anche in offerta!

 27/11/2018 18:15:18
quarkuno

quarkuno17366

Non ricordo di ricordarmi

in risposta a ↑

ilmiozio, 

miracolo

 27/11/2018 18:44:40

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader