pastrank

pastrank32866

Den som är satt i skuld är icke fri

Dell'inutilita' dell'istruzione.

Con la frase che cita, l'articolo racchiude l'essenza della propaganda moderna, il volere portare a uguale dignita' l'opinione di chi conosce le cose perche' ci si applica da 50 anni e chi arrivato ieri vuole dire la sua perche' legittimato dai like dei social, o dagli studi a Mountain View o all'Universita' della vita.

Succede con la medicina, dove agricoltori, operai e impiegati si scagliano contro gli immunologi, con i fenomeni sociali con l'immigrazione, dove si mettono nel numero degli immigrati anche quelli che hanno fatto le vacanze al mare, ma anche parlando di traffico o cibo.


Ma quale sarebbe la risposta da dare? Serve dare di sciocco a chi gli presta orecchio? E' meglio l'indifferenza, o anche questa, stante il ricircolo di panzane sui social che gioca a favore dell'analfabeta funzionale, e' negativa?

E' corretto voler dialogare con gente che, per ignoranza totale, riesce a supportare teorie che mettono in pericolo loro e i loro figli?


ps: come spesso succede, i miei post sono contro una parte del governo, ma credo che di fronte a questi discorsi la mia voglia di ascoltare scenda a un livello molto basso. Il post e' in Societa' e costume, non in Politica, giusto per commentare, mi direte "Di nuovo?", l'analfabetismo funzionale, questa volta pero' non a livello di gente comune: ovvero, non e' la classica casalinga di Voghera quella in fallo, ma quelli che decidono della vita della casalinga stessa.

 25/11/2018 09:12:06
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
70 commenti
PaoloVincenti

PaoloVincenti22006

Stratega del vuoto - SMM

Un tempo si diceva: chi non sa fare insegna, chi non sa insegnare dirige. Ma si parlava comunque di gente laureata, specializzata, esperta nel proprio campo. Oggi pare che manchi proprio una sana dose di umiltà. Chi non sa un bel niente di una cosa pretende di saperne più di tutti, e guai a chi gli fa notare che non è così. 


C'è questa idea pervadente del web come totem dell'informazione: è vero, sul web trovi tutto il materiale che vuoi. Ma chi ti garantisce che stai leggendo una fonte autorevole, se non conosci l'argomento? Chi ti garantisce che hai capito giusto, se non superi un esame? Come puoi, anche avendo capito giusto e letto una fonte autorevole, fare a meno dell'esperienza sul campo?

Inoltre, si parte dal presupposto errato che a effettuare le ricerche siano sempre persone intelligenti, capaci, abili nel pensiero critico, etc. Ma non è affatto così.


È corretto voler dialogare con gente che, per ignoranza totale, riesce a supportare teorie assurde e pericolose? Io ritengo di sì. I problemi che ci troviamo a dover superare sono la dissonanza cognitiva (la presenza di due pensieri antitetici e ‘dissonanti’ tra loro, che non portano ad avere una visione di una circostanza univoca, come è appunto il caso dei fatti che contraddicono le proprie convinzioni) e il backfire effect (che si verifica quando, pur di fronte a un'evidenza confermata dai fatti, le credenze di una persona non solo non cambiano, ma addirittura si rafforzano).


Come ci si comporta in questi casi? Innanzitutto tenendo da parte le emozioni e cercando di discutere, mai di attaccare l'interlocutore (altrimenti si rischia l'effetto Burioni), mostrando rispetto e cercando di comprendere da dove provenga l'opinione falsata, e infine cercando di dimostrare che accettare l'evidenza di determinati fatti non comporta il dover cambiare la propria visione su tutto quanto




 25/11/2018 10:35:42
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

PaoloVincenti, la parte piu' intelligente della tua risposta e' il quarto paragrafo, quello dove dici di controllare le emozioni. Io sinceramente non sempre ce la faccio, e me ne dolgo, visto che a parlare con i cretini etc etc (certe), anche perche' il classico comportamento dell'analfabeta funzionale e' quello di mettersi a urlare la propria limitata esperienza personale. Capitato diverse volte... reputo impossibile fargli cambiare opinione, sarebbe come prendere un credente convinto e sperare che diventi ateo dopo tre frasi che gli dici, nei posti pubblici mi pare di rispondere per chi gli sta vicino.  Un esempio reale : Queste maledette banche devono fallire tutte e una risposta tipo Faccia lei, io non ho figli da dover portare alla Caritas.

 25/11/2018 11:23:54
PaoloVincenti

PaoloVincenti22006

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

pastrank, mai detto che sia facile. Esiste anche il famoso detto "mai discutere con un cretino: ti trascina al suo stesso livello e ti batte con l'esperienza"... Purtroppo, però, io diffido anche del metodo di Burioni, cioè quello di "blastare" l'interlocutore sprovveduto. Credo sia un metodo scarsamente efficace, e a volte anche dannoso, perché allontana ancora di più chi è già diffidente dal fidarsi o dal ricorrere agli esperti ufficiali/istituzionali. Capita spesso che chi non si fida dei pareri ufficiali non diventa scettico a 360 gradi, ma solo a 180, pronto cioè a fidarsi di tutti gli anti-qualcosa...

Rampognare o far vergognare chi non la pensa come te, oppure intimorirlo con degli sberleffi, penso che possa più facilmente originare un rifiuto, una risposta alla pari o una fuga dalla discussione.

 25/11/2018 11:36:05
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

PaoloVincenti, il fatto e' che una volta speravo che la gente potesse migliorare con maggiori conoscenze, adesso e' chiaro che non vuole imparare proprio niente. Non mi pare neanche che si possa derivare la cosa solo dalla scientifica propaganda che ci viene somministrata, ma che sia un problema che origina dalla scuola odal tipo di studi che viene proposto. Il professore magari sara' pure un incapace, ma deve farsi rispettare e far rispettare i motivi per cui i ragazzi studiano.


In altre parole, stiamo allevando un modo di pensare che oltrepassa il banale (che in certi casi e' pure giusto: metti, per esempio, che qualcuno dica "siamo tutti uguali", oppure "dopo il giorno viene la notte"...) e inizia a criticarlo quando perfino il rasoio di Occam si e' gia' disattivato: credo un po' sia anche perche' questo viene permesso, o almeno giustificato.


Insomma, dire che il sole riscalda, non deve essere discusso, chi dice il contrario e' un cretino, e non so quanto valga la pena ragionarci.

 25/11/2018 12:49:55
PaoloVincenti

PaoloVincenti22006

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

pastrank, non so quanta della responsabilità sia da attribuire alla scuola. Fino al compimento degli studi, ho l'impressione che le persone mantengano una certa capacità di ragionamento. Il problema, temo, viene dopo: è l'analfabetismo di ritorno. Conosco persone che - pur con titoli di studio - non aprono mai un libro, non sono in grado di seguire nemmeno un film o un programma TV minimamente impegnativo, non sono capaci di scrivere un testo senza riempirlo di inesattezze grammaticali o sintattiche. Quindi, nell'ambito di questo regresso mentale, si lasciano trasportare in una spirale dove diventa impossibile costruire una rete di connessioni tra le informazioni possedute.

 25/11/2018 15:02:11
FlavioBertamini

FlavioBertamini57034

Dead man walking

Che la Castelli non voglia ammettere una relazione tra spread e tassi, è dimostrato anche in questo video: quindi si tratta di una posizione politica precisa, che può non essere condivisa ma non di ignoranza!



 25/11/2018 17:40:39
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

FlavioBertamini, non parlo di ignoranza, ma di falsità e propaganda.

 25/11/2018 20:12:59
FlavioBertamini

FlavioBertamini57034

Dead man walking

in risposta a ↑

pastrank, ho visto un video su Fb, contenente alcune dichiarazioni elettorali, corredate dalle risate di Ollio &Stanlio, quale commento! Proprio il contrario di ciò che hanno fatto subito dopo. Se nei sondaggi sfiorano i 2/3 dei voti, significa che va bene così ...  

 26/11/2018 05:20:26
Robbins

Robbins53076

Potrebbe piovere e fare nebbia e nevicare di brutt

Ma se avrebbero fatto le pulci a tutti i governi come li fanno a questo forse dico forse avremmo un'altra situazione economica .

No forse ne sono sicuro!!

Tra tassi e spRed non c'è una continuità. 

SOno correlati ma non collegati 

Dopodiché se il signor Padoan non vuole confronti vada in università o nei suoi studioli riservati.

Questo è il mondo reale.

Caro @pastrank quello che il signor Padoan ha sopportato lo sopporto ogni santo giorno

Welcom in real World! !!

 25/11/2018 20:49:31
FlavioBertamini

FlavioBertamini57034

Dead man walking

Robbins, c'è da dire anche che la posizione EU, mi sembra troppo severa. Il 2,4% corrisponde a circa 40 mld (43,2 su un Pil di 1800), anche se si parla di una manovra di 33 mld. Dai dati Wikipedia risultano crescite annue del debito italiano recenti, anche di 90 mld. Però la cosa non ha creato scandalo!!

 26/11/2018 05:26:29
Robbins

Robbins53076

Potrebbe piovere e fare nebbia e nevicare di brutt

in risposta a ↑

FlavioBertamini, la posizione è solo politica. 

Anche il signor Padoan nel suo governo ha avuoto spread alti ma nessuno si permetteva di dire niente.

In questo caso si usa l'economia come strumento di opposizione.

Lo trovo corretto solo che andava fatto da molti anni e non ora che la vecchia classe politica si trova ad essere sostituita.


 26/11/2018 05:34:11
FlavioBertamini

FlavioBertamini57034

Dead man walking

in risposta a ↑

Robbins, ma anche lo spread è salito da qualche mese, non da ora! Probabilmente ciò è dovuto ad una sfiducia che prescinde dai contenuti della finanziaria in corso ...

 26/11/2018 06:07:51
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

Robbins, beh, certo  che e' correlato e non e' automatico, pero' rimane sciocco dire che non c'importa dello spread, come ci dice la narrazione corrente.

 26/11/2018 18:17:33
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

FlavioBertamini, una manovra che fa debito solo per assistenzialismo la poteva fare Chavez, chiaro che dopo aver visto la percentuale del debito sul pil diminuire vederla riaumentare per queste cose no piace...

 26/11/2018 18:19:36
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

Commento del Sole: qui.

 27/11/2018 00:51:14
roberto962

roberto96230736

salty dog d'acqua dolce

Come darti torto ma… a voler fare l’avvocato del diavolo, magari qualche pezza d’appoggio si trova. È un po’ complicato, comunque ci provo.


Applicato alla politica, e questa è la parte più facile: abbiamo visto e sentito, non sempre la preparazione, l’essere dei mostri di conoscenza è coinciso con la buona amministrazione della cosa pubblica. Tra l’altro qui si parla di potere, nientemeno. Chi ci assicura che l’arsenale personale di conoscenze e preparazione non sia stato usato (lo è e lo sarà) in modo strumentale, per il raggiungimento / mantenimento dello stesso potere, piuttosto che nell’interesse pubblico?

E, a proposito dell’essere strumentali, vorrei vedere se “il Foglio” di Ferrara avesse parteggiato per Padoan, avendo questo come interlocutore, per esempio, Brunetta. Ne dubito.


Nella vita in generale penso questo: si ha molto da apprendere da un individuo che ha “soltanto” un discreto bagaglio di conoscenze ma:

- non concentrate su una sola o poche materie.

- Abbia una certa capacità di analisi e riflessione. E un istinto che lo porti a far interagire nozioni    anche di discipline diverse.

- Abbia affiancato alla teoria esperienze pratiche, sangue e sudore e dolore.

- Sia un tipo disposto a mettersi in gioco, a confrontarsi. Che non sia un monolite né un uomo        bandiera. Che insomma abbia un bel carattere.


Questo secondo la mia personale esperienza.  

 27/11/2018 17:26:27
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

roberto962, sono d'accordo, ma certe definizioni devono essere universali. Non si trattava di dare dell'ignorante alla Castelli, o di dire quale soluzioni fossero le migliori, ma almeno condividere i termini...

 27/11/2018 21:31:10
roberto962

roberto96230736

salty dog d'acqua dolce

in risposta a ↑

pastrank, in effetti ho debordato. 

 28/11/2018 09:42:38
pastrank

pastrank32851

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

roberto962, ma no... a parte il fatto che ragionando e' facile per noi allargare il tema.

 28/11/2018 16:48:02

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader