FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

Le forme-pensiero

Della serie "il pensiero crea", oggi voglio condividere con voi questo bellissimo articolo, scritto da una persona che conosco per ora solo virtualmente, ma che reputo meravigliosa e verso la quale nutro una profonda stima. Mi piacerebbe sentire qualche vostro parere. Se ne è parlato tanto su Quag di risonanze e di pensiero positivo (sia in modo superficiale, sia in modo più specifico), mi rendo conto che anche io ho bisogno di dargli una ripassata..

 21/04/2018 10:28:34
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
156 commenti
Robbins

Robbins91426

By ,by

Ho letto tutto l'articolo .

Non lo ho proprio capito che vuole dire.

Almeno non ho capito la filosofia .

Interessante comunque

 21/04/2018 10:42:34
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

Robbins, provo a sintetizzarlo così: 

a) Mi nutro di telegiornali, specialmente di cronaca nera, traendo le mie considerazioni. Quali saranno le conseguenze sulla mia visione delle cose e del mio vivere?

b) E se invece prendessi atto di tutto il male che c'è nel mondo e invece di farmi condizionare da pensieri negativi, indugiando su di essi non iniziassi a vedere sempre in modo positivo la vita, dando maggiore rilievo alla bellezza nel senso più ampio del termine, che cosa ne verrebbe fuori? 


 21/04/2018 11:19:01
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

Non l'ho finito, non mi è piaciuto, cerca di aggirare le emozioni, come se ciò fosse possibile

anzi, ritiene auspicabile  il silenzio. 


Il silenzio favorisce gli aggressori, mai la vittima, bisogna schierarsi dalla parte del bene e contro tutte le forme di violenza.


 21/04/2018 10:48:31
Robbins

Robbins91426

By ,by

EwaMaria, se non si parla del problema esso non esiste

 21/04/2018 10:53:56
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

Robbins, lo penso anch'io


se non dai il nome alle cose, questa cosa non esiste e non ne puoi parlare, non ti puoi difendere 


 21/04/2018 11:00:55
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

EwaMaria, è il lato negativo di quel pensiero.


 21/04/2018 11:05:23
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

EwaMaria, non è così, non dice che bisogna evitare di denunciare violenze o soprusi, cerca secondo me di focalizzarsi su un punto molto chiaro: se si parla di fatti di cronaca nera realmente accaduti, ok parliamone, denunciamoli, ma creiamo anche qualcosa di bello che contrasti la visione oscura del mondo che viene a crearsi. Perché siamo immersi nel mondo così come lo percepiamo e i colori della nostra tavolozza potrebbero anche essere più vivi. Diceva qualcuno: meglio una manifestazione per la Pace che una contro la guerra)

 21/04/2018 11:06:00
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, Pochi giorni fa ho letto su FaceBook il post di un amico che diceva “Sarà una mia impressione ma più si parla di femminicidio e più vengono uccise donne” (mi rasserena il fatto che Word mi sottolinei in rosso il termine “femminicidio” in quanto, da lui, non ancora conosciuto; un termine moderno, creato da poco evidentemente). Torniamo al mio amico, al quale devo dare ragione.


la rasserena?


 l'unico fenomeno che ha individuato è l'emulazione? un po'  poco per comprendere quello che si nasconde dietro al femminicidio


 21/04/2018 11:11:33 (modificato)
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

EwaMaria, ha parlato di femminicifio così come si sarebbe potuto parlare di guerra, fame nel mondo, omicidio

 21/04/2018 11:13:45
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, ha detto di fare ciò che ha sempre fatto e sempre farà la propaganda: mistificare la realtà.


Il dolore va vissuto fino in fondo, il bel tempo o la strepitosa mostra al museo, non riescono ad arrivare al dolore, si muovono su dei binari diversi, ecco perché ciò che propone l'articolo suona male, stride con la realtà delle cose.

 21/04/2018 11:18:27
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

EwaMaria, dice questo: Provo dolore anch’io quando sento certe notizie e mi dispiace. E capisco l’ingiustizia e il terrore che alcuni avvenimenti possono instaurare in noi ma, una volta fatta la mia preghiera, affinché ciò possa volgersi alla bellezza e non alla brutalità, basta. Perché continuare a darle vita? E’ sbagliato a mio parere. E’ molto meglio creare qualcosa di bello. Qualcosa che possa contrastarla.

 21/04/2018 11:20:45
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, è un bene che io non abbia letto questa parte dell'articolo.

... lei prima prega e poi crea le cose belle. 

Che brava. 


 21/04/2018 11:30:44
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

EwaMaria, sempre meglio che essere tristi e lamentarsi. Essere felici é una scelta non facile

 21/04/2018 11:35:50
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, oh ma certo, è meglio essere ricchi, sani, vivere nelle case di lusso che essere dei poveri, malati, senza un tetto sopra alla testa. 

 


 21/04/2018 11:39:44
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

EwaMaria, essere ricchi o poveri, sani o ammalati non é frutto di una scelta

 21/04/2018 11:41:35
in risposta a ↑

EwaMaria, il pensiero negativo non porta di certo fortuna, su questo non ha torto.

 21/04/2018 11:43:10
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, ti stavo dicendo che dici cose ovvie. 

 21/04/2018 11:43:15
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

EwaMaria, che non ci sforziamo mai abbastanza di mettere in pratica.

 21/04/2018 11:44:49
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, neanche ci penso di mettere in pratica il pensiero positivo, preferisco la visone realistica della vita

da sempre, su questo punto, abbiamo visioni divergenti



 21/04/2018 12:08:20
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

FrancescoFrank, mi sa di marketing

 21/04/2018 12:11:12
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

Sanguanel,  il pensiero negativo non porta di certo fortuna,


il pensiero positivo porta fortuna? se sì, solo in modo casuale

 21/04/2018 14:39:21 (modificato)

Per ora non riesco ad aprire l'articolo (ho un pessimo collegamento).

Mi permetto di commentare basandomi sul "poco" : per caso ha a che fare con la teoria della sincronicità di Jung?

Teoria mai dimostrata, ma decisamente affascinante.

Sicuramente ci influenziamo a vicenda costantemente, non solo con le azioni, ma anche con il nostro pensiero che traspare, appare, da molteplici dettagli.

Mi riservo il diritto di replica appena riuscirò ad aprire l'articolo.

 21/04/2018 10:59:17
Robbins

Robbins91426

By ,by

Sanguanel, la ho letta molto tempo fa.

Non è dimostrabile

 21/04/2018 11:04:12
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

no, nulla di ciò. riassumendo è un articolo che sprona a contrastare i pensieri negativi con qualcosa di bello. In virtù dei nostri condizionamenti che ci portano a vedere la realtà con alcuni filtri piuttosto che altri.

 21/04/2018 11:10:00
in risposta a ↑

FrancescoFrank, beh, scritto così non ha di certo torto.

Sicuramente è la nostra visione che determina ciò che consideriamo reale.

Ed ecco che se la nostra visione è positiva ed ottimistica, automaticamente ciò che percepiamo come reale, è positivo ed ottimistico.

Tutto bene quindi, il problema è, che è un po' dura essere ottimisti alle cinque del mattino, già stanchi in partenza, che devi andare al lavoro, dopo esserti fatto una buona ora di traffico folle, per passarti un otto ore tra veleni vari, umani e chimici.

La vita reale spesso non corrisponde alle teorie.

 21/04/2018 11:18:51
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Sanguanel, ci sono persone vecchie, stanche, prese a calci dalla vita che sorridono. Ci sono intere nazioni che sorridono anche se sono povere e malconce. Sono tutte drogate di buonismo? Secondo me no. Sforzarci di essere felici è sempre meglio che essere scazzati e negativi, tendenza di tutti, me compreso. Il punto è questo: essere negativi non serve a nulla e ci fa consumare energie preziose, mentre focalizzarci sul Bello ci aiuta. Tutto qui

 21/04/2018 11:24:56
in risposta a ↑

FrancescoFrank, un tutto qui da applauso, che approvo totalmente.

Durissima applicarlo nella pratica però.

 21/04/2018 11:27:35
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Sanguanel, lo so. E te lo dice un lamentoso per natura

 21/04/2018 11:28:11
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, il famoso pensiero positivo, mah.

 21/04/2018 11:33:11
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, tu dici di essere lamentoso e questo spiega il tuo entusiasmo per  l'articolo da te citato


io non sono lamentosa, uno scritto del genere mi irrita, perché lo ritengo superficiale e povero di contenuti, ti insegna a chiudere gli occhi e guardare altrove, non è il mio modo di vivere



 21/04/2018 12:03:57
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

EwaMaria, esattamente l'opposto cerca di insegnare a focalizzarsi sul bello NONOSTANTE i fatti spiacevoli

 21/04/2018 12:10:33
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

FrancescoFrank, non ci capiamo, pazienza.



 21/04/2018 12:11:38 (modificato)

meno male che ci sono persone che si preoccupano della nostra felicità e che ci prendono per mano come dei bambini per insegnarci a vivere....

 21/04/2018 11:07:50
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

_Madelyne_, meno male che ci sono persone che ci offrono degli spunti per vedere e vivere la vita in modo più sereno senza soffocare noi stessi e chi ci circonda con il grigiume delle nostre lamentele quotidiane. 

 21/04/2018 11:11:42
in risposta a ↑

FrancescoFrank, non ha detto nulla di incredibile. Una premessa ovvia, una analisi altrettanto ovvia, una conclusione che è un autocelebrazione. Ma se a te piace la ragazza libero di restare a bocca aperta. 

 21/04/2018 11:20:30
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, nulla di quello che dici, sta semplicemente aiutando il prossimo a vedere la vita con positività: Provo dolore anch’io quando sento certe notizie e mi dispiace. E capisco l’ingiustizia e il terrore che alcuni avvenimenti possono instaurare in noi ma, una volta fatta la mia preghiera, affinché ciò possa volgersi alla bellezza e non alla brutalità, basta. Perché continuare a darle vita? E’ sbagliato a mio parere. E’ molto meglio creare qualcosa di bello. Qualcosa che possa contrastarla. Mi pare interessante questa filosofia di vita. O no?

 21/04/2018 11:22:17
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

FrancescoFrank, giuro non capisco che significhi dal punto di vista pratico

 21/04/2018 12:12:54
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Robbins, significa iniziare a stanare quei pensieri negativi che albergano in noi stessi, osservandoli in maniera distaccata. Molto bello quello che ha scritto @ffede 

 21/04/2018 12:22:06
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

FrancescoFrank, @ffede sgancia sempre delle bombe .

Poche ma intelligenti.

La signora non dice niente di nuovo per questo mi chiedevo come fare  dopo anni che sento questi discorsi.

Probabilmente sia geneticamente che socialmente chi ha fatto l'articolo è più portato per una visione ottimistica della vita.

Il suo pensiero è molto"era dell'acquario"

 21/04/2018 12:26:19
in risposta a ↑

FrancescoFrank, appunto, prende i bimbi piccoli per mano!!! ma daiiii!!! Non ce la faccio proprio più di tutti questi motivatori che pensano di dispensare perle di saggezza. Stai solo facendo pubblicità gratuita al suo blog. 

 21/04/2018 12:35:54
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, ma che male c'è a dare degli stimoli nell'abituarsi a stare meglio e ad essere felici? La felicità si costruisce attraverso ad abitudini quotidiane. Abbiamo una tendenza spiccata a riconoscere la negatività e a trattenerla, ma non ad assaporare le cose positive. Che male c'è se qualcuno ce lo ricorda?

 21/04/2018 12:51:01
in risposta a ↑

FrancescoFrank, nessuno, ma se tu posti questo articolo con enfasi, io lo leggo e lo trovo banale e scontato, non posso gridare allo "wow".  A me sembrano discorsi già sentiti. Non ho bisogno che qualcuno mi dica queste cose, ci arrivo da,sola e se ci arrivo io che sono una persona normalissima, possono arrivarci tutti.   

 21/04/2018 12:57:48
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, ci possono arrivare tutti, ma quanti mettono in pratica? 

 21/04/2018 13:00:07
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

FrancescoFrank, la vita fa la differenza non come imposti tu il pensiero. 

Poi ci sono fenomeni come "l'avverarsi delle profezie" e "come se ..."

Ma è un altro discorso

 21/04/2018 13:05:30
in risposta a ↑

FrancescoFrank, tu pensi che dopo aver letto l'articolo magicamente le persone cambieranno il loro modo di essere? Se bastasse la consapevolezza saremmo tutti felici e contenti.   

 21/04/2018 13:07:04
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, ovviamente no, la felicità non è uno stato. E' un'abitudine, e la si costruisce con fatica, a partire da stimoli come questi.

 21/04/2018 13:22:49
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Robbins, noi abbiamo dei filtri e possiamo vedere tutto a seconda di come ci poniamo, per questo all'estremo esistono poveri in canna felici, pur dovendo affrontare una vita di amarezze, e ricchi e famosi che ad un certo punto si tolgono la vita. 

 21/04/2018 13:25:32
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

FrancescoFrank,fatto cento il fenomeno non credo che quelle persone arrivano a doppia cifra

 21/04/2018 13:28:22
in risposta a ↑

FrancescoFrank, il lavoro va fatto su sé stessi, certe attitudini hanno radici profonde e non basta certo dire 'sii felice' per renderti tale. Ma se tu ci credi fa come vuoi. 

 21/04/2018 13:42:33
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, infatti non si dice che basta essere felice, sono le attitudini e i pensieri che adottiamo a fare la differenza, passando dal devo al posso/voglio per esempio; non siamo al 100% un prodotto dell'esterno. Cambiare significa fare pratica coltivando quotidianamente i pensieri positivi. L'articolo indica proprio questo: fare della negatività l'eccezione e della positività una regola quotidiana

 21/04/2018 13:49:07
in risposta a ↑

FrancescoFrank, stai parlando in un social in cui il 90% degli iscritti è affetto da depressione, disagio esistenziale, incapacità di relazionarsi col prossimo, vittimismo, mania di grandezza. Non mi meraviglia che in un panorama del genere nascano come funghi blog di motivatori, santoni, lifecoach e predicatori. Come direbbe @Robbins : business!!!!   

 21/04/2018 13:59:13
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, oddio non credo che tutti i quaggers siano ridotti così male. Poi bisogna vedere QUANTI di questi motivatori sono tutti a caccia di soldi.

 21/04/2018 14:06:04
in risposta a ↑

FrancescoFrank, ho detto il 90% e ho tralasciato gli psicopatici. Io direi piuttosto quanti di questi motivatori non sono a caccia di soldi.   

 21/04/2018 14:42:29
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

_Madelyne_, bé lei no

 21/04/2018 14:47:32
in risposta a ↑

FrancescoFrank, beh ovvio   

 21/04/2018 14:48:02
Alicja85

Alicja8512696

Sulle tracce di Itaca

in risposta a ↑

Io ho capito che più neghiamo gli stati emotivi negativi, più cerchiamo di lottare e giudicarli male perché uno sta passando un brutto periodo, più gli diamo forza e ci fanno stare male..non basta pensare positivo perché si riaffacceranno i pensieri negativi..dura poco l'effetto..ma sicuramente una passeggiata tra i ciliegi aiuta a sentirsi meglio fisicamente e mentalmente..il trucco sta nel liberare energie per fare altro e vivere la vita con consapevolezza di chi siamo, cosa vogliamo e facciamo..

Non si può rimanere indifferenti da notizie ed eventi negativi e semplicemente un bel "sorridi" dopo aver ammazzato delle donne o bombardato città..

 24/04/2018 07:12:38
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Alicja85, infatti non é questo l'approccio

 24/04/2018 12:51:22
ffede

ffede48951

credo che l'articolo si tenga in piedi su un filo sottile: può suscitare indignazione se lo si legge superficialmente come se comunicasse che "del male non bisogna parlare, meglio mettere la testa sotto la sabbia".

Credo invece che possa essere letto anche così: il male esiste, va guardato in faccia, va contrastato con tutti i mezzi che abbiamo, va conosciuto; ma abbiamo anche un'altra possibilità in quanto esseri umani: siamo vivi e possiamo, dobbiamo, provare a generare anche bellezza oltre che male.


"La bellezza salverà il mondo" [cit. Dostoevskij, L'idiota].



 21/04/2018 12:14:11
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

ffede, detto così ha un senso profondo, l'articolo purtroppo non ha la stessa forza.

 21/04/2018 12:20:40
FrancescoFrank

FrancescoFrank170716

Organizzazione eventi culturali

ffede, fantastico!

 21/04/2018 12:22:14
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

EwaMaria, e più brava @ffede 

 21/04/2018 12:31:52
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

EwaMaria, però non mi dice che fare da domani .

Non si possono eliminare i pensieri .

Se lo elimini vuol dire che lo hai pensato

Ho bisogno di azioni che creano nuovi pensieri

 21/04/2018 12:33:24
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

Robbins, più brava dell'autrice dell'articolo? decisamente! sintetica, profonda e vera.

 21/04/2018 12:35:38
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

EwaMaria, beh 4 righe ed ha messo la parola 

FINE

Comunque @FrancescoFrank  ha fatto bene a segnalare l'articolo .


 21/04/2018 12:37:46
ffede

ffede48951

in risposta a ↑

Robbins, ma va là !   

 21/04/2018 12:42:13
ffede

ffede48951

in risposta a ↑

EwaMaria, grazie!

 21/04/2018 12:42:43
Robbins

Robbins91426

By ,by

in risposta a ↑

ffede, ma va quag!!

 21/04/2018 12:52:26
EwaMaria

EwaMaria136936

Hiraeth. Davidia Involucrata.

in risposta a ↑

Robbins, sono d'accordo con te, il pensiero una volta pensato, esiste, se lo sposti, nascondi, banalizzi, lui lavora in te.


Lo stesso dicasi delle emozioni: qualunque sia il trucco che vuoi usare, lei è lì. 

Puoi rilassarti, correre, ma fino a quando non la comprendi non solo stara lì, ma diventerà sempre più ingombrante.


C'è bisogno di essere schietti con se stessi, per tutto il resto abbiamo i nostri meccanismi di difesa.





 21/04/2018 14:28:04

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader