Karo_Lina

Karo_Lina61621

I never finish anyth

Dal sesso in macchina al sesso con la macchina

Dal sesso in macchina al sesso con la macchina

Entro i prossimi 50 anni, il sesso con i robot sarà probabilmente una pratica comune. Da un'inchiesta sull'argomento  emerge che 1 maschio americano su 4 si dice già da ora disponibile a un simile rapporto, mentre presso le donne la percentuale scende a 1 su 10. Un terzo degli uomini ritiene che un tale rapporto non costituirebbe un tradimento del partner, mentre 1 donna su 3 la pensa in modo esattamente contrario.


Ovviamente, in questa prospettiva assume notevole importanza il cosiddetto fattore della 'uncanny valley': quanto più cresce il grado di somiglianza umana conferito alla macchina, tanto più aumenta la sensazione di familiarità e di piacevolezza nel trovarvisi insieme (ma fino a un certo limite, oltre il quale subentrano l'inquietudine e la repulsione).


Le questioni che potrebbero essere sollevate sono:

  • la diffusione di tali androidi potrebbe essere un mezzo efficace per combattere la prostituzione
  • l'uso di tali androidi potrebbe condurre automaticamente all'oggettificazione del sesso opposto e a una 'normalizzazione' dello stupro (se qualcuno di voi ha seguito la serie TV Westworld, sa a che cosa mi riferisco)
  • se tali androidi esistessero dovrebbero essere non senzienti, altrimenti si tratterebbe di una forma di schiavitù e quindi andrebbe proibita senza possibilità di appello

Qual è la vostra impressione?

 04/10/2017 09:40:40
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
103 commenti

Secondo me potrebbe essere un'idea innovativa, nel momento in cui, uno dei due partner oppure ambedue, possono soddisfare le proprie voglie senza dover occorrere a ciò che noi chiamiamo tradimento.

Molto spesso, si tradisce per mancanza di sesso e non tanto per amore. 

Poi, oltre agli androidi, potrebbe aiutare anche la realtà virtuale a poter esaudire, ad esempio, le tantissime fantasie erotiche che molti di noi possiedono e che molto spesso: o non si possono attuare pur essendo innocue e per nulla lesive oppure perché vengono mortificate e sminuite a discapito del sesso "tradizionale" al solo scopo di riprodursi e/o farne una sorta di "ciliegina" per far capire che è una "vera storia d'amore".


Per concludere, il sesso è un bisogno individuale della stragrande maggioranza (eccetto alcuni casi, ad esempio gli asessuali) per cui questa potrebbe essere, a mio modo di vedere, una grande chiave di svolta sotto tanti aspetti:

1) La pianteremo di avere pretese assurde dalle altre persone;

2) Avremo più possibilità di bilanciare il proprio Ego (bisogni intenti a soddisfare noi, inconsapevolmente, in quanto il sesso è un bisogno egoistico) con la capacità di donare gratuitamente (questo è il concetto principale su cui si basa l'amore);

 04/10/2017 09:53:59

beh, anche la bellissima serie TV "Humans"  (peraltro credibilissima come ambientazione in un futuro molto prossimo) prevede utilizzi molto eterogenei dei Synth : dalle faccende domestiche, all'assistenza anziani, disabili etc..etc.., allo "sfogo" degli istinti violenti (già trattati in molti altri film come Rollerball..), allo "sfogo" degli istinti sessuali


molto bello perché all'utente Master del Synth acquistato viene fornito un Service Pack "vietato ai minori" con i codici per attivare le prestazioni sessuali, altrimenti inibite


nella serie TV il Synth in questione era la bellissima attrice-modella anglo-asiatica Gemma Chan, e la realizzazione dei Synth aveva raggiunto livelli talmente sofisticati da rendere impossibile la distinzione con gli umani


serie TV da vedere assolutamente perché tratta anche tematiche sociali sull'utilizzo dei robot ..., dalla perdita dei posti di lavoro, allo sfogo degli istinti violenti e sessuali, ma soprattutto al limite di considerazione delle stesse macchine quando cominci a considerare che il loro cervello sia in grado anche di alimentarsi in autonomia, provando quindi anche dei sentimenti reali ....

 04/10/2017 10:40:59
Karo_Lina

Karo_Lina61621

I never finish anyth

insalatamista, ma nel momento che esistesse un androide molto simile a una donna per sfogare gli istinti sessuali violenti, non potrebbe esserci una normalizzazione dello stupro e di altre violenze? Cioè, chi fosse abituato a violentare una "bambola" che dice no, come si porrebbe poi in un rapporto con una donna reale?

 04/10/2017 12:45:43
in risposta a ↑

Karo_Lina, la risposta è nel ruolo stesso ... ne abbiamo parlato anche quando abbiamo commentiato il film Rollerball del 1975.. : l'istinto violento insito in noi era già ben conosciuto anche dagli antichi romani. Anche uno degli imperatori più illuminati si era guardato bene di proibire gli spettacoli al circo massimo dove le belve sbranavano i cristiani ... e questo solo per far sfogare il desiderio di violenza nella cittadinanza


ma - udite udite - al di fuori del Circo Massimo GUAI a chi avesse pestato i piedi alla nonnetta ... !!!  ovvero massima vigilanza e massima repressione per garantire l'ordine


e così potrebbe diventare anche la nostra futura società ...  Una violenza confinata, pur tollerata perché impossibile da reprimere totalmente

 04/10/2017 12:51:17
Karo_Lina

Karo_Lina61621

I never finish anyth

in risposta a ↑

insalatamista, ok, ma si tratta di due piani diversi. Il desiderio di violenza nella cittadinanza poteva essere appagato dallo spettacolo al Circo Massimo, ma poi nessuno a casa propria disponeva di un leone da aizzare contro il vicino o la suocera. Qui si tratta invece di un comportamento che è trasferibile in automatico da un androide a una persona reale con la quale si abbiano rapporti sessuali.

 04/10/2017 12:57:22
in risposta a ↑

Karo_Lina, eh, ma io ho anche citato la funzione di controllo e vigilanza all'interno della società così organizzata


quando offri la possibilità di dare sfogo in un certo modo, contestualmente ti organizzi anche per reprimere tutto ciò che da esso devia


succedeva anche ai tempi dell'Impero

 04/10/2017 13:24:42
-ombretta_

-ombretta_9371

Lovesick

in risposta a ↑

Karo_Lina, in effetti per ottenere l'effetto circo massimo si dovrebbe pensare più ad una pornografia di tipo estremo. Magari con attori androidi   

 04/10/2017 20:06:10

Se dovesse servire a togliere dalla strada le prostitute, premettendo che comunque non serve una macchina per farlo, ma un cambiamento di mentalità, perchè no? Pensiamo, inoltre, a persone con disabilità o problemi fisici che non riescono a fare sesso con altri...

 04/10/2017 10:53:05
Karo_Lina

Karo_Lina61621

I never finish anyth

Azzurra1, sono d'accordo con te, ci sarebbe da fare un immenso lavoro culturale che renderebbe superfluo tutto il resto.

 04/10/2017 12:59:10

Azzurra1, Non capisco perchè le donne non distinguano le questioni d'istinto da quelle di mentalità. L'uomo non va a prostitute perchè è cattivo, è un bisogno fisiologico che in alcune persone può essere più influente.

 05/10/2017 07:09:22
Karo_Lina

Karo_Lina61621

I never finish anyth

in risposta a ↑

la_coscienza, non credo che le cose stiano in questo modo. Sei sicuro che la prostituzione corrisponda ad un bisogno fisiologico maschile? Immagino tu sappia che la maggioranza dei clienti sono uomini sposati. Comunque, un’affermazione del genere equivale a negare la soggettività alle donne. Ho fame mi compro una pizza, voglio scopare mi compro una donna.

Qui si confonde il desiderio col bisogno, che sono due cose entrambe legittime, ma diverse. Senza contare che le donne hanno i medesimi desideri sessuali degli uomini, ma certi uomini sono convinti che i loro desideri siano diritti costituzionali.

 05/10/2017 08:35:56
in risposta a ↑

la_coscienza, io questo lo so. Per "mentalità" intendevo il fatto che comunque la prostituzione sfrutta la donna. Invece io sono per il sesso libero, senza monetizzazione. La pensiamo allo stesso modo, credo. Forse non mi sono spiegata bene.

 05/10/2017 08:51:10
in risposta a ↑

Azzurra1 anche l'uomo sarebbe per il sesso libero, è chiaro che il problema sia una difficoltà d'incontro e una sproporzione tra domanda e offerta.
Karolina, sì funziona proprio così, e continuerà fino a che non ci sarà un'alternativa migliore.

 05/10/2017 12:10:12
in risposta a ↑

la_coscienza, appunto perchè non tutte le donne e gli uomini la pensano allo stesso modo.

 05/10/2017 12:49:52
Karo_Lina

Karo_Lina61621

I never finish anyth

in risposta a ↑

la_coscienza, no, non funziona così. O meglio, funziona così solo per quegli uomini che,  per educazione e per cultura, trovano normale oggettivare la donna. E se la donna è un oggetto, allora è sottoposta a proprietà, violabilità e fungibilità.

 05/10/2017 13:27:31
Biruzin

Biruzin931

Brontolone, parlo poco ma onesto

Per me per le donne ci siamo molto vicini. Negli ultimi anni c'è un proliferare di sextoys. Una volta che questi avranno dei collegamenti con altri disposiztivi una donna potrà ad esempio vedersi un film hard provando anche qualcosa. Per un uomo la cosa può essere simile, prima di arrivare ad andoidi veri e propri. Se questi androidi saranno privi di sentimenti saranno la soluzione al problema della prostituzione/tradimenti,

 04/10/2017 10:58:50
FrancescoFrank

FrancescoFrank170621

Organizzazione eventi culturali

Karo_Lina, ammesso e concesso che un giorno dei robot arrivino fare questo, stai tranquilla che non se li potrebbe permettere quasi nessuno, se non qualche imprenditore strafatto di coca. Secondo: gli istinti vitali vinceranno sempre contro quelli virtuali; anche se in Giappone c'é gente cosí rimbambita da scegliere di fidanzarsi con un programma per pc, sono convinto che nessuno arriverà a fare sesso con un pupazzo meccanico. Sono le tipiche ossessioni apocalittiche da rivista sci-fi, le stesse che, negli anni 30 I immaginavano un futuro - gli anni 50- in cui l'umanità si sarebbe nutrita soltanto piú di alghe e avrebbe vissuto in case a forma di piramide comandate dalla domotica! 

 04/10/2017 11:00:00
Avit7

Avit734271

.....

FrancescoFrank, in Giappone va di moda questa "fidanzata" in barattolo...


 04/10/2017 11:12:39
FrancescoFrank

FrancescoFrank170621

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Avit7, tanto vale castrarsi

 04/10/2017 11:25:18
Avit7

Avit734271

.....

in risposta a ↑

FrancescoFrank, in effetti la vedo dura soddisfarsi con un ologramma in scatola (peraltro non vedo fori in ingresso a parte una piccola presa Usb).

Tuttavia pare (per quanto riportato nell'articolo) che già un sistema così semplice di "amica virtuale" (sarebbe una sorta di assistente domestica/agenda parlante collegata ai sistemi elettronici della casa e allo smartphone, sotto forma di donnina manga in 3d) possa causare una sorta di affezione e dipendenza in una certa tipologia di maschi nipponici. Quindi figuriamoci un vero e proprio androide con le fattezze di Miss Japan e morbida carne sintetica (e foro Usb7.5 multifunzione...).

 04/10/2017 11:32:47
FrancescoFrank

FrancescoFrank170621

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Avit7, e cosí non tromba piú nessuno

 04/10/2017 11:34:24
Avit7

Avit734271

.....

in risposta a ↑

FrancescoFrank, anzi! Eh mannaggia io non vedevo l'ora del tromba cyber-electron ma non ce la farò coi tempi, son già troppo vecchio e alla Star Trek age nun ce arrijvo.   

 04/10/2017 11:38:52
Biruzin

Biruzin931

Brontolone, parlo poco ma onesto

FrancescoFrank, il primo passo sarebbero delle "case chiuse" in cui tu metti la monetina e ti esce l'androide ad ore. Poi lo metti in lavatrice ed è pronto per il prossimo cliente.

 04/10/2017 11:48:26
FrancescoFrank

FrancescoFrank170621

Organizzazione eventi culturali

in risposta a ↑

Biruzin, ma daiiii che schifo

 04/10/2017 11:49:20
Avit7

Avit734271

.....

in risposta a ↑

Biruzin, ahahah non so perché ma mi hai ricordato Irina Palm...   

 04/10/2017 11:51:46
Biruzin

Biruzin931

Brontolone, parlo poco ma onesto

in risposta a ↑

Avit7, non la conosco questa Irina, anche se forse intuisco l'attività. Del resto l'importante è non vedere

 04/10/2017 11:55:19
Avit7

Avit734271

.....

in risposta a ↑

Biruzin, è la protagonista di un vecchio film molto carino (che nonostante la tematica piccante non è pornografico, anzi è molto di buon gusto).

 04/10/2017 11:57:17

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader