birillone

birillone155771

Super intelligenza : nel 2030 i primi esseri umani ne potranno godere. Cosa ne pensate?

Super intelligenza : nel 2030 i primi esseri umani ne potranno godere. Cosa ne pensate?

La Darpa ha detto che nel 2022 vi saranno i primi uomini super intelligenti e Raymond_Kurzweil parla di date come il 2029 ed il 2045 per un'intelligenza umana raggiunta da quella dei computers ed una susseguente singolarità tecnologica  .


Sempre il medesimo visionarioprevede una vita interessante già nel 2030 che, per gli amanti dell'ecologia, almeno in Germania sarà ecosostenibile a livello di mobilità.


Proprio per il 2030 vi è una nuova notizia che come per la Darpa, prevede la presenza dei primi esseri umani 'super intelligenti' .


Ciò sarebbe dovuto ai passi da gigante che la tecnologia sta compiendo nel campo delle neuroscienze e dell'intelligenza artificiale ( ricordate targeted neuroplasticity training ) prospettando traguardi come ad esempio l'impianto di chip nel cervello e il trapianto di ricordi che è oltretutto già avvenuto alla Wake Forest School of Medicine del North Carolina ove sono stati trapiantati i ricordi da un topo ad un altro.



Ad avvalorare tali ipotesi vi sono ben 150 studi scientifici redatti da oltre 600 ricercatori di tutto il mondo che hanno vinto i 100.000 euro messi a disposizione dal premo europeo 'Frontiers Spotlight Award'. 


Aggiungiamo a ciò anche le parole del neuroscienziato Mikhail Lebedev della Duke University che ha anche contribuito alla ricerca sopracitata : 


"Entro il 2030 il potenziamento dell'intelligenza con impianti nel cervello non sarà più soltanto oggetto di ricerca: le persone dovranno fare i conti con la realtà di questo nuovo paradigma", 
 "Questa raccolta di ricerche dovrebbe mettere in allerta gli scienziati e l'opinione pubblica sulle possibili implicazioni etiche, mediche e legali"

ed il supporto dei suoi colleghi Ioan Opris, e Manuel Fernando Casanova, che dichiarano con disarmante semplicità che 


"Sarete meravigliati da quanto saremo avanti nel 2030"

e che 


"Ci saranno tante possibilità quante sono le idee prodotte dall'immaginazione dei ricercatori". 

[fonte immagine]

 21/06/2017 07:57:52
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
31 commenti
Darcyna

Darcyna8386

Maga del Multitasking

Sicuramente la cosa mi incuriosisce pensando a tutte le potenzialità, ma quelle stesse potenzialità mi inquietano anche abbastanza   . Chi vivrà vedrà.

 21/06/2017 13:28:46
birillone

birillone155771

Darcyna, in cosa ti entusiasma ed inquieta allo stesso tempo? 

 22/06/2017 07:47:49
Darcyna

Darcyna8386

Maga del Multitasking

in risposta a ↑

birillone, essendo io nel campo linguistico le possibilità sono infinite ed allettanti, però come ogni cosa sono strumenti che nelle mani sbagliate potrebbero far danni inimmaginabili.

 22/06/2017 09:58:09
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

Darcyna, pensa che per me il campo linguistico,se inteso come presenza di più lingue, è una cosa che dovrebbe scomparire al più presto in virtù di una sola lingua unica per il mondo intero.


Non comprendo i danni a cui fai riferimento e nemmeno le possibilità infinite che citi :(  

 22/06/2017 10:04:06
Darcyna

Darcyna8386

Maga del Multitasking

in risposta a ↑

birillone, se parti con questi presupposti (che le lingue dovrebbero scomparire), non mi sorprende che tu non comprenda le possibilità di cui parlo. Un esempio fra tutti, la possibilità di aumentare le lingue che è possibile imparare in un dato tempo (soprattutto per lingue come quelle orientali dove c'è una componente mnemonica piuttosto consistente, poter intervenire sulla memoria offrirebbe vantaggi incredibili).

 22/06/2017 10:43:46
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

Darcyna, 


birillone, se parti con questi presupposti (che le lingue dovrebbero scomparire), non mi sorprende che tu non comprenda le possibilità di cui parlo. 


beh la varietà di lingue sono solo una pedita di tempo ed un limite per cui io resto sorpeso da chi invece ne apprezza l'esistenza 


Un esempio fra tutti, la possibilità di aumentare le lingue che è possibile imparare in un dato tempo (soprattutto per lingue come quelle orientali dove c'è una componente mnemonica piuttosto consistente, poter intervenire sulla memoria offrirebbe vantaggi incredibili).


Nelle fonti citta nei dettagli del mio post c'è infatti questa specifica casistica ma ribadisco che, per me, trattasi di memoria inutilmente occupata e che una volta giunti veramente alla possibilità di dialogare correttamente in tutte le lingue ancor meno senso avrebbe la presenza di questa dannosa frammentazione linguistica

 22/06/2017 10:47:39
Darcyna

Darcyna8386

Maga del Multitasking

in risposta a ↑

birillone, abbiamo punti di vista opposti quindi dubito che discutendone si arriverebbe a qualcosa di costruttivo. Una curiosità però ce l'avrei: tu come la sceglieresti questa lingua unica?

 22/06/2017 11:02:46
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

Darcyna, 


birillone, abbiamo punti di vista opposti quindi dubito che discutendone si arriverebbe a qualcosa di costruttivo. 


se per "costruttivo" intendi che io debba mutare opinione o che io la faccia mutare a te direi proprio che hai ragione ma esistono anche tanti altri tipi di discussioni "costruttive" senza dover per forza cambiare idea 


Una curiosità però ce l'avrei: tu come la sceglieresti questa lingua unica?


basandomi sulla logica direi che dovrebbe essere la lingua più usata al mondo e quindi il Cinese Mandarino  ( 848 milioni )  ma considerando altri parametri quali il commercio ed il web opterei per l'inglese ( 414 milioni ) [fonte] che è comunque usato dai Cinesi per la loro attività commerciale ed i contatti con il mondo.

 23/06/2017 07:45:27
Darcyna

Darcyna8386

Maga del Multitasking

in risposta a ↑
se per "costruttivo" intendi che io debba mutare opinione o che io la faccia mutare a te direi proprio che hai ragione ma esistono anche tanti altri tipi di discussioni "costruttive" senza dover per forza cambiare idea

In questo specifico contesto, per nulla di costruttivo intendevo che la discussione si protrarrebbe inevitabilmente per le lunghe (a differenza di opinioni divergenti ma non troppo, per le quali ci si riesce a spiegare e capire in un paio di post, indipendentemente dal cambiare o meno idea), e dato che siamo anche abbondantemente OT preferirei evitare.

basandomi sulla logica direi che dovrebbe essere la lingua più usata al mondo e quindi il Cinese Mandarino ( 848 milioni ) ma considerando altri parametri quali il commercio ed il web opterei per l'inglese ( 414 milioni ) [fonte] che è comunque usato dai Cinesi per la loro attività commerciale ed i contatti con il mondo.

una cosa è l'uso di una lingua franca -come del resto capita già con l'inglese-, un altra è eliminare tutte le lingue (e le relative culture di appartenenza, dato che la lingua di un popolo non è solo uno strumento avulso dal contesto e che quindi si può scambiare indifferentemente con un altro; per fare un esempio stupido, pensa a tutte quelle parole intraducibili e che esprimono concetti propri di un popolo). Per quanto riguarda il cinese mandarino, è abbastanza facile da parlare (anche se è una lingua tonale e con molti omofoni, quindi il rischio di incomprensioni resta abbastanza alto, spesso tra gli stessi cinesi), ma molto difficile da scrivere e richiederebbe uno sforzo mnemonico non indifferente quindi, a meno di non poter avere una sorta di micro sd da inserire all'occorrenza, lo vedrei come un ingombro di memoria non necessario, se lo scopo è quello di omologare tutti. 

 23/06/2017 08:32:48
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

Darcyna, 


In questo specifico contesto, per nulla di costruttivo intendevo che la discussione si protrarrebbe inevitabilmente per le lunghe (a differenza di opinioni divergenti ma non troppo, per le quali ci si riesce a spiegare e capire in un paio di post, indipendentemente dal cambiare o meno idea), e dato che siamo anche abbondantemente OT preferirei evitare.


ok


una cosa è l'uso di una lingua franca -come del resto capita già con l'inglese-, un altra è eliminare tutte le lingue (e le relative culture di appartenenza, dato che la lingua di un popolo non è solo uno strumento avulso dal contesto e che quindi si può scambiare indifferentemente con un altro; per fare un esempio stupido, pensa a tutte quelle parole intraducibili e che esprimono concetti propri di un popolo). Per quanto riguarda il cinese mandarino, è abbastanza facile da parlare (anche se è una lingua tonale e con molti omofoni, quindi il rischio di incomprensioni resta abbastanza alto, spesso tra gli stessi cinesi), ma molto difficile da scrivere e richiederebbe uno sforzo mnemonico non indifferente quindi, a meno di non poter avere una sorta di micro sd da inserire all'occorrenza, lo vedrei come un ingombro di memoria non necessario, se lo scopo è quello di omologare tutti. 


ma non hai appena scritto  che preferivi evitare? 


 23/06/2017 08:52:43
Darcyna

Darcyna8386

Maga del Multitasking

in risposta a ↑

birillone, 

ma non hai appena scritto che preferivi evitare? 

hai ragione, scusa, è che mi sembrava brutto non rispondere a tutto il commento, ma poi appunto diventa un serpente che si mangia la coda XD

 23/06/2017 08:56:42
MoggieTheMoogle

MoggieTheMoogle151

videogames & cosplay! conoscere persone :)

Altro che "super intelligenza"... Dovrebbero dare l'intelligenza normale a molte persone...

 21/06/2017 13:40:37
birillone

birillone155771

MoggieTheMoogle, scusa ma non comprendo l'Utilità di questo commento 

 22/06/2017 07:47:53
MoggieTheMoogle

MoggieTheMoogle151

videogames & cosplay! conoscere persone :)

in risposta a ↑

birillone, io lo trovo utilissimo invece.. ho solo detto che invece di pensare di dare la super intelligenza all'uomo, dovrebbero dare la possibilità ad alcune persone dall'intelligenza discutibile la capacità di usare quel poco cervello che hanno.

 22/06/2017 08:24:37
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

MoggieTheMoogle, 


birillone, io lo trovo utilissimo invece.. 


non lo mettevo in dubbio che "per te" lo potesse essere ma per me non lo era affatto


ho solo detto che invece di pensare di dare la super intelligenza all'uomo, dovrebbero dare la possibilità ad alcune persone dall'intelligenza discutibile la capacità di usare quel poco cervello che hanno.


ed io ribadisco nuovamente che non comprendo il senso di un commento di siffatta natura che trovo invece più consono ad una battuta che ad un eventuale confronto pertinente all'interesse associato al post che NON è umorismo .

 

 22/06/2017 08:43:25
MoggieTheMoogle

MoggieTheMoogle151

videogames & cosplay! conoscere persone :)

in risposta a ↑

birillone, non so che dirti.. rileggilo nel 2030

 22/06/2017 08:55:40
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

MoggieTheMoogle, l'umorismo prosegue :) 

 22/06/2017 09:02:45

Basterebbe la sufficienza....altro che super intelligenza

 21/06/2017 20:11:30
birillone

birillone155771

danilosfera, credo dipenda dal punto di partenza di ognuno per cui se si è sotto zero è probabile che ci si possa anche accontentare della "sufficienza" .

 22/06/2017 07:47:57
alvise

alvise3801

turismo

La mia visione distopica sull'argomento:
Fase1: esce sul mercato l'intelligenza potenziata con supermemoria a prezzo folle.
fase2: esce sul mercato la versione a prezzo ridotto, stesse funzioni ma con pubblicità( ovvero ogni tanto per qualche secondo ti "viene in mente" la pubblicità di qualche prodotto), un piccolo compromesso per ottenere un servizio costoso a prezzo modico, come già avviene per la musica su internet, la tv, molte app


 21/06/2017 23:10:56
birillone

birillone155771

alvise, 


Fase1: esce sul mercato l'intelligenza potenziata con supermemoria a prezzo folle.


Questo è commercialmente probabile 


fase2: esce sul mercato la versione a prezzo ridotto, stesse funzioni ma con pubblicità( ovvero ogni tanto per qualche secondo ti "viene in mente" la pubblicità di qualche prodotto), un piccolo compromesso per ottenere un servizio costoso a prezzo modico, come già avviene per la musica su internet, la tv, molte app


Sino a che viene solo in mente può non essere nemmeno male dato che è risaputo che molti cervelli sono facilmente attaccabili da questo genere di "pubblicità" che rimane impressa.


Il problema potrebbe esservi se oltre alla memoria ne consegue un imposizione all'acquisto :) 

 22/06/2017 07:48:02
Marco90

Marco906826

Do your best

Accadrà qualcosa di molto simile allo sviluppo di qualsiasi altra tecnologia commerciale, chi avrà piú soldi da spendere potrà aumentare la propria intelligenza in una certa misura, i piú poveri dovranno accontentarsi di un aumento meno incisivo acquistando potenziamenti di basso livello. Non é certamente un discorso nuovo, ma questo andrà ad accrescere il problema delle disparità sociali, a meno che non si introducano soluzioni economiche volte ad arginare la situazione; esisteranno inoltre fenomeni di opposizione al potenziamento, soprattutto quello invasivo, dovuto ad innesti cerebrali, microchip, nanorobot ecc. Da parte di persone non disposte ad omologarsi per qualsivoglia ragione.. Insomma, uno scenario complicato, personalmente credo che prima di diventare di largo consumo queste tecnologie impiegheranno un ciclo di tempo non troppo breve, da una parte per una questione puramente produttiva ed economica, dall'altra perché i potenziamenti dovranno dimostrare un certo grado di affidabilità, sicurezza e utilità prima di convincere del tutto le persone.

 22/06/2017 17:03:20
birillone

birillone155771

Marco90, 


Accadrà qualcosa di molto simile allo sviluppo di qualsiasi altra tecnologia commerciale, chi avrà piú soldi da spendere potrà aumentare la propria intelligenza in una certa misura, i piú poveri dovranno accontentarsi di un aumento meno incisivo acquistando potenziamenti di basso livello. 


mi pare anche "corretto"


Non é certamente un discorso nuovo, ma questo andrà ad accrescere il problema delle disparità sociali, a meno che non si introducano soluzioni economiche volte ad arginare la situazione; esisteranno inoltre fenomeni di opposizione al potenziamento, soprattutto quello invasivo, dovuto ad innesti cerebrali, microchip, nanorobot ecc. 


scenario abbastanza probabile considerando che ora già esistono "malati" animalisti e vegani che inneggiano ad azioni violente in nome della "pace animale" ( assurdo vero? ) 


Da parte di persone non disposte ad omologarsi per qualsivoglia ragione.. Insomma, uno scenario complicato, personalmente credo che prima di diventare di largo consumo queste tecnologie impiegheranno un ciclo di tempo non troppo breve, da una parte per una questione puramente produttiva ed economica, dall'altra perché i potenziamenti dovranno dimostrare un certo grado di affidabilità, sicurezza e utilità prima di convincere del tutto le persone.


in quanto tempo ciò potrebbe accadere a tuo avviso?


 23/06/2017 08:09:04
Marco90

Marco906826

Do your best

in risposta a ↑

birillone, entro quanto tempo non saprei, é una bella domanda, considerando che questo tipo di studi é ancora in fase sperimentale e ad oggi non esiste nemmeno un prototipo di dispositivo o "procedura funzionante" mi sento di dire entro un arco di 5 o 10 anni per i primi diaspositivi o tecniche funzionanti e accessibili dai piú facoltosi, il doppio del tempo per una diffusione piú capillare, parlando ovviamente di interventi invasivi, se parliamo di dispositivi esterni i pc, gli smartphone, l'evoluzione degli assistenti digitali, ecc. Allora la tempistica si riduce, questi stanno già aumentando di fatto la nostra intelligenza e capacità di valutazione, a tal proposito, attendo con ansia il rilascio di un assistente virtuale in grado di operare in contesti aperti e pienamente autonomo, in stile jarvis di iron man, mi chiedo se a quel punto rimarrebbe comunque un'opzione valida potenziare sé stessi di fronte alla possibilità di avere intelligenze artificiali altamente prestanti e magari a costi anche piú bassi.. tu cosa ne pensi?

 23/06/2017 10:59:00
birillone

birillone155771

in risposta a ↑

Marco90, 


birillone, entro quanto tempo non saprei, é una bella domanda, considerando che questo tipo di studi é ancora in fase sperimentale e ad oggi non esiste nemmeno un prototipo di dispositivo o "procedura funzionante"



e che ne dici di 



non sono prototipi ma la strada ha già un bel sentieri definito ( mi pare ) 


 mi sento di dire entro un arco di 5 o 10 anni per i primi diaspositivi o tecniche funzionanti e accessibili dai piú facoltosi, il doppio del tempo per una diffusione piú capillare, parlando ovviamente di interventi invasivi, se parliamo di dispositivi esterni i pc, gli smartphone, l'evoluzione degli assistenti digitali, ecc. 


quinid i tempi previsti del 2030 sono da te condivisi a quanti pare 


Allora la tempistica si riduce, questi stanno già aumentando di fatto la nostra intelligenza e capacità di valutazione, a tal proposito, attendo con ansia il rilascio di un assistente virtuale in grado di operare in contesti aperti e pienamente autonomo, in stile jarvis di iron man, mi chiedo se a quel punto rimarrebbe comunque un'opzione valida potenziare sé stessi di fronte alla possibilità di avere intelligenze artificiali altamente prestanti e magari a costi anche piú bassi.. tu cosa ne pensi?


penso che in virtù di assistenti plurifunziomali possa essere meno necessaria questa implementazione poiché avremmo chi fa per noi le cose ( con tutti i pro e contro del caso ) .




 23/06/2017 11:04:39

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader