Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce21281

Libera pensatrice, atea e umanista

Bibbia: come faccio a sapere che non è stata manomessa?

Sto pensando che vorrei leggermi la Bibbia, con lo spirito di chi legge un documento storico per vederci chiaro partendo da quest'idea, solo che sto pensando: come faccio a sapere che non è stata manomessa?


Già ad esempio pare che un tempo il cattolicesimo contemplava anche la reincarnazione, cosa che poi mi pare la chiesa ha voluto cancellare dai testi sacri.......se mi devo leggere un documento che poi in realtà è stato manomesso, non è originale a come voleva esserci lasciato, a che serve?

 08/06/2017 09:37:59
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
131 commenti

Certo che è stata manomessa...già che è tradotta è manomessa, già che è stata scelta usando dei canoni ha tantissime manomissioni   

Ma è comunque piacevole da leggere (non in tutti i punti).


P.S.

Dimenticavo... serve a capire in cosa credono alcune persone, indifferentemente dalle manomisisoni, ora credono in quello   

 08/06/2017 09:49:04
Rivoluzione

Rivoluzione11366

Business agent for solid waste recycling plants

I musulmani sostengono che sia la Torah che i Vangeli sarebbero stati manipolati. Il problema è che nessun filologo serio sostiene questa tesi.
Chiaramente è un testo che si è formato ed è giunto a compimento dopo centinaia di anni. Quindi, mi pare ovvio, che abbia subito modifiche e revisioni.
Comunque, per quello che ne so io, a livello di messaggio il suo contenuto è sempre rimasto coerente. Del resto l'Antico Testamento cristiano è la Bibbia degli Ebrei. Inoltre, la Bibbia è la medesima in tutte le confessioni cristiane. Ortodossi e Cattolici leggono la medesima Bibbia. Quindi, affermare che i "Cattolici" l'avrebbero modificato a proprio uso e consumo fa francamente ridere e dimostra il solito odio per i Cattolici e la Chiesa Romana.

 08/06/2017 09:54:14 (modificato)
Andrea79

Andrea79116

Curioso

Rivoluzione, non è vero che la Bibbia è la medesima in tutte le confessioni cristiane. http://monica.cadoria.over-blog.it/article-i-diversi-canoni-della-bibbia-98799719.html

 08/06/2017 16:06:07
Rivoluzione

Rivoluzione11366

Business agent for solid waste recycling plants

in risposta a ↑

Andrea79: e cosa mi dici della Bibbia interconfessionale che viene redatta congiuntamente da filologi Cattolici, Ortodossi e Protestanti?
Quella è una sola Bibbia ed è riconosciuta come tale da tutte le confessioni che prendono parte alla sua redeazione ed è una edizione che esiste da anni!

 08/06/2017 19:42:56
Avit7

Avit733936

.....

Penso sia del tutto impossibile che esista una versione della Bibbia pura ed originale. Già in partenza è una raccolta di libri di autori diversi di epoche diverse basati su tradizioni orali preesistenti, infine riscritti e ritradotti non so quante volte...

Ti conviene accettarla per come è e goderti la lettura; contiene parti affascinanti.

 08/06/2017 09:57:51
marbone

marbone2886

musicista dilettante - poco socievole

Avit7, (nonché selkie) - Quando sento qualcuno che parla di "versione pura ed originale della Bibbia" e qualcun altro affermare che "a seconda dei vari periodi della Chiesa" è stata occultata, approvata revisionata interpretata e non so quant'altro, mi cadono le braccia. Lodevole il tentativo di capirci qualche cosa, ma il primo passo consiste nel decidere di cosa stiamo parlando. Della Bibbia vera e propria, ossia Vecchio Testamento, o dei Vangeli, Nuovo Testamento? Le due cose sono affatto diverse e non è lecito ragionarne come fossero un tutt'uno.  Allorché SELKIE parla di "vari periodi della Chiesa" si riferisce in tutta evidenza alla nascente Chiesa Cristiana di ispirazione evangelica, per cui le sue affermazioni sono un concentrato di illazioni, pregiudizi, veri e propri errori, in quanto il Vangelo più tardo, quello di Giovanni, è fissato nella sua versione definitiva non oltre il 1° Secolo, comprese le punteggiature, ed è lo stesso che leggiamo oggi, dopo venti secoli, mentre i tre precedenti anticipano di 25/30 anni la loro definitiva versione. Per contro, il V.T. esisteva già nella sua versione definitiva nel III Secolo A.C., allorché il "Libro della Legge" (Torà), la "Legge di Mosè", il "Libro della Legge di Mosè" sul cui testo ebrei e cristiani concordano, vennero tradotti in greco da una "commissione" (diremmo oggi) di studiosi inviati da Tolomeo III Filadelfo d'Egitto. Traduzione effettuata alla fine della prima metà del III Secolo AC che entrò a far parte della famosa Biblioteca di Alessandria. I traduttori alessandrini contravvennero alla tradizione ebraica, che definiva le cinque parti con la parola iniziale di ciascuna parte (e ciò è estremamente importante: esisteva già, nel III Secolo, una TRADIZIONE -.che non si forma dall'oggi al domani, quindi testimonianza indiretta ma significativa di testi già formati) intitolando i libri secondo il loro contenuto. I libri si chiamarono pertanto Il Pentateuco (I 5 Libri): GENESI, le origini - ESODO, l'uscita dall'Egitto - LEVITICO, scrittura della Legge da parte dei Sacerdoti della tribù di Levi - NUMERI, che deriva dalle numerazioni dei primi capitoli - DEUTERONOMIO dal greco "seconda legge".

Il canone degli ebrei definisce la Torà composta dai cinque libri della Bibbia e anche la tradizione cristiana, fondata sulla "vulgata di San Gerolamo" (traduzione latina) che accetta l'ordine dei libri proposti dal Canone Alessandrino.

La ricerca storica delle origini dei primi testi biblici, come è logico e giusto che sia, è in continua evoluzione ed è lecito affermare che il Pentateuco costituisce un complesso formatosi lentamente nel corso di almeno sei secoli, forse un millennio, ed è avvenuto in tappe successive. Mosè, il primo legislatore del popolo di Israele, è il personaggio centrale e l'ispiratore del Pentateuco,e infatti la tradizione giudaica definisce la Torà "Il Libro della Legge di Mosè".

 13/06/2017 13:32:07
Avit7

Avit733936

.....

in risposta a ↑

marbone, ok. 

 13/06/2017 14:14:27 (modificato)
selkie

selkie21786

Dunque è stata tradotta più volte,rimaneggiata la punteggiatura,controllata e revisionata nei secoli.interpretata,occultata,approvata a seconda dei vari periodi della Chiesa...si effettivamente un leggero dubbio può nascere.

 08/06/2017 10:05:12

Vi sono studi filologici al riguardo.

Notando le affinità tra i vari vangeli, soprattutto tra quello di Matteo e Marco, i filologi hanno ipotizzato l'esistenza di una Fonte Q, un documento che ne ha ispirato la scrittura (se vuoi approfondire, vedi wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Fonte_Q

Molti filologi, inoltre, hanno considerato il vangelo di Giovanni come apocrifo, viste le differenze che ha rispetto agli altri tre.

Aprire il vaso di Pandora dei vangeli apocrifi, poi, rende la questione ancora più spinosa: perché alcuni vangeli sono considerati veri e altri falsi? Come ha scelto la Chiesa quali siano i vangeli veri?

In realtà il problema dipende da cosa tu cerchi nella Bibbia:

-se sei credente allora non devi avere dubbi che quella sia la parola di Dio, è la Chiesa che te lo dice.

-se non sei credente, leggere la Bibbia significa capire in cosa credono i cristiani e/o riuscire a riconoscere tante delle tematiche storiche, artistiche e perfino attuali della società occidentale.

In entrambi i casi, leggiti la Bibbia per come è, perché è lo stesso testo che ha influenzato gli ultimi duemila anni di storia.





 08/06/2017 10:18:03
marbone

marbone2886

musicista dilettante - poco socievole

bandini, Vorrei spendere due parole circa la questione dei Vangeli Apocrifi, alla quale molti annettono grande importanza, a giudicare dalla lettura dei vari commenti. In realtà  la questione è molto semplice ed ha due aspetti fondamentali. Essi, raccolte estemporanee di vari episodi, curiosità anche sulla vita giovanile e familiare di Gesù, non contengono alcun "messaggio evangelico" degno di essere tramandato e le testimonianze dei vari episodi sono quanto meno dubbie o addirittura inesistenti. La questione delle testimonianze è importantissima. Bisogna rifarsi al clima in cui, negli anni successivi alla morte di Gesù, vive ed opera la nascente comunità cristiana, in Gerusalemme e nella Giudea romana. Il rappresentante di Roma, Pilato, il Sommo Sacerdote Caifa, negli anni successivi mantengono inalterato il loro potere sulla società ebraica, ed è un potere fortemente ostile alla ancora piccola comunità, il cui compito principale, la stesura del racconto degli avvenimenti, si scontra con un gravissimo problema. Ogni episodio deve resistere al vaglio, spesso ostile, dei personaggi che a questo episodio hanno assistito e che sono prontissimi a riprendere, correggere od addirittura smentirne l'autenticità. Non è certo esagerato affermare che sovente l'autore del racconto è COSTRETTO, dalla costante presenza di questi testimoni, a raccontare episodi anche sommamente scomodi, per chi vuole presentarsi come un discepolo degno di fede, come l'imbarazzante episodio del triplice tradimento di Pietro all'accusa "tu sei uno di loro, ti riconosco". Da qui l'assoluta necessità di raccontare sempre il vero, senza orpelli né abbellimenti, supportati da testi attendibili e soprattutto credibili. E questo senza mettere nel conto la preventiva ostilità, su ogni episodio, degli esegeti dei giorni nostri, abituati a pesare con il bilancino ogni parola del testo, nella speranza di cogliere in fallo il narrante. Sono arrivati, questi signori, nella loro ansia demolitrice, a dichiarare inattendibile lo stesso episodio di Pietro (al quale Gesù aveva predetto: "prima che il gallo canti, mi tradirai tre volte"), affermando che, a causa di un non precisato editto che vietava la presenza in città di pollame da cortile, il racconto non era credibile, e che certamente si trattava di una "estrapolazione"

Questo è il motivo principale anzi, a ben vedere, l'unico che permette di fissare la stesura definitiva dei Vangeli intorno all'anno 60/70, quando cioè erano ancora viventi molti di coloro che, in prima persona, assistettero agli avvenimenti narrati ed in grado di testimoniarli. Scomparsi costoro, veniva meno la  possibilità di ulteriori aggiunte con le medesime caratteristiche di credibilità. Caratteristica che manca completamente, o è carente, nei Vangeli apocrifi.

 16/06/2017 03:30:14

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader