pjpass

pjpass23255

Democrazia e/o legalità

Democrazia e/o legalità

Qualche giorno fa, ho avuto una discussione riguardante le elezioni presidenziali statunitensi.
C'era questa persona che sosteneva che, quelle elezioni, potevano essere legali, ma non di certo democratiche, perchè per la democrazia, una persona è uguale ad un voto.
Io sostenevo che una legge... una qualsiasi legge, quindi anche quella elettorale,dato che va a porre delle reoglamentazioni, mettendo limiti e paletti, non sarà mai totalmente democratica, perchè ci sarà sempre una parte che si vedrà limitare i propri diritti.
Secondo me, è il sistema dove vengono applicate quelle leggi, che deve essere democratico, permettendo libere elezioni e vegliando sulla regolarità. Infatti, se quella legge elettorale ha permesso di avere una certa alternanza nelle vittorie presidenziali, significa che vige un sistema elettorale democratico funzionante.

Voi, come la pensate?


P.S.: Ho messo come interesse politica, ma non ne sono estremamente convinto. Se pensate che ci sia un interesse più appropriato, vi prego di dirmelo.

 06/04/2017 16:36:40
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
45 commenti
PierGiorgio53

PierGiorgio5357846

in attesa pensione

concordo sul fatto che un sistema elettorale scontenta sempre qualcuno. escludendo partiti o dando premi di maggioranza che fanno valere doppio il voto di qualcuno e zero quello di un altro. il nostro sistema elettorale non funziona. è stato studiato per un sistema bipartitico mentre il ns è tripartitico. non siamo gli USA e forse e meglio da un  punto di vista. ma occorre votare sta benedetta legge elettorale in modo chiaro e non truffaldino. ma ora tutto tace in attesa del congresso PD.

 06/04/2017 20:58:51
marbone

marbone3131

musicista dilettante - poco socievole

Quello che per noi è un assioma fondamentale - una persona=un voto - negli USA non vale, in quanto per poter partecipare alle elezioni occorre essere registrati nelle liste elettorali - La registrazione non è automatica come da noi, al compimento della maggiore età, ma è un atto volontario del singolo cittadino, diritto che molte volte non viene esercitato. Inoltre i partiti non sono strutturati come da noi, con sedi ufficiali, funzionari di partito, dipendenti ecc., e non esistono tesseramenti. Quando le "conventions" di partito eleggono il loro candidato Ufficiale alla White House si formano dei Comitati Elettorali, formati tutti da volontari, comitati finanziati dai singoli cittadini, da aziende, da gruppi, da banche dalle lobby, la cui attività è regolata da leggi. I partecipanti ai comitati possono sperare, grazie al loro attivismo, di entrare a far parte dello staff presidenziale o di essere nominati a qualche carica, quindi vige in pieno il sistema detto dello "spoil sistem". Gli iscritti alle liste elettorali non votano direttamente per il presidente, ma per i c.d. "grandi Elettori" che sono in numero diverso per ogni Stato dell'Unione, secondo gli abitanti. Sono i Grandi Elettori, che determinano la vittoria del candidato alla Presidenza. Il sistema, che a noi può apparire poco democratico, è stato scelto dagli americani, anche se, ad ogni elezione, c'è sempre chi invoca un sistema di democrazia più diretto. Ritengo che se un sistema viene approvato dalla maggioranza degli elettori e regolato da leggi precise, possiamo tranquillamente chiamarlo democratico.

 07/04/2017 06:31:40
SabrinaM

SabrinaM25711

Hic et Nunc

marbone, esatto, negli Stati Uniti funziona così. Però. ..davvero un sistema si può ritenere democratico perché scelto con votazione democratica? Io ho dei dubbi.

 07/04/2017 06:41:10
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

SabrinaM, quindi per te, queste elezioni sono legali, ma non democratiche.

Però, non sarebbe poco democratico, come spiega @paolovincenti più sotto, che uno Stato con una densità maggiore di popolazione possa contare di più, rispetto ad uno Stato con densità minore?


 07/04/2017 11:18:14 (modificato)
SabrinaM

SabrinaM25711

Hic et Nunc

in risposta a ↑

pjpass, no non sarebbe poco democratico, sarebbe troppo democratico. La democrazia pura è  questa e ha i suoi limiti.

 07/04/2017 11:48:02
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

SabrinaM, ogni cosa ha i propri limiti, bisognerebbe vedere quali fossero i pensieri di chi fece quella legge e come li valutarono.

 07/04/2017 13:57:13
SabrinaM

SabrinaM25711

Hic et Nunc

Anch'io ci vedo un deficit di democrazia. Se parliamo di Grandi Elettori, il neo Presidente ne ha ottenuti sicuramente di più ma se contiamo le "teste" che hanno espresso il loro voto il Presidente non sarebbe Trump.

 07/04/2017 06:55:29
pjpass

pjpass23255

SabrinaM, ma è un discorso che poteva essere fatto anche in precedenti elezioni, perché mi sembra che sua già successo. Però, tutto questo "schiamazzo" internazionale, non c'é mai stato. Perché?

 07/04/2017 11:08:55
SabrinaM

SabrinaM25711

Hic et Nunc

in risposta a ↑

pjpass, vero...ma in questa elezione tutti avevano da perdere qualcosa con il l protezionismo trumpiano. 

 07/04/2017 11:13:05
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

SabrinaM, cosa c'è di sbagliato nel pensare prima al proprio Popolo?


 07/04/2017 11:22:11
SabrinaM

SabrinaM25711

Hic et Nunc

in risposta a ↑

pjpass, ho detto che è sbagliato?  Non mi pare. Mi hai chiesto del perché di tanto schiamazzo internazionale e io ti ho dato una possibile spiegazione ... per interesse economico.

 

 07/04/2017 11:42:52
PaoloVincenti

PaoloVincenti25166

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

pjpass, Non esiste comunque un'equazione del tipo protezionismo = benessere del proprio popolo. Questo perché il protezionismo provoca un innalzamento dei prezzi interni e ha un effetto moltiplicatore: se gli altri paesi diminuiscono l'export verso il tuo, sicuramente diminuiranno anche l'import dal tuo, e nel tempo si ridurrà il livello degli scambi a livello globale.

 07/04/2017 13:01:44
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

SabrinaM, non ho detto che per te fosse sbagliato, ma intendevo che lo fosse per chi, qui da noi, protesta contro la sua politica.

 07/04/2017 13:50:24 (modificato)
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

PaoloVincenti, ovvio che non esiste una equazione del genere.
Ma dare agevolazoni alle aziende che producono sul proprio territorio, rispetto a quelle americane che hanno apero in Messico, per poi portare quanto prodotto negli Stati Uniti, non mi sembra una cosa malvagia.
Sai quante aziende italiane hanno chiuso qui e se ne sono andate ad aprire in Albania e Romania prima, e in paesi ex URSS, ora?

 07/04/2017 13:53:39
marbone

marbone3131

musicista dilettante - poco socievole

SabrinaM, Non è certo la prima volta,nella storia delle elezioni USA, che accade. Tuttavia, è certo la prima volta che la parte perdente lo fa rimarcare così pesantemente. La sconfitta brucia assai a chi, grazie anche a sondaggi "addomesticati" era sicurissimo di vincere. Sembra quasi la favoletta della volpe e dell'uva. E, per consolarsi (tale e quale come da noi) dicono anche che a votare Trump sia stato l'elettorato meno acculturato. Gli "sporchi, brutti e cattivi" hanno stavolta messo con il c..o per terra l'intellighenzia dem, i radical-chic dei salotti bene. Pur avendo pochisima fiducia nelle capacità del neo Presidente, sono tuttavia convinto che non solo gli americani, ma tutti noi abbiamo scampato, per ora un pericolo gravissimo. Per me la Clinton è una guerrafondaia paranoica che in breve ci avrebbe portato alla terza guerra mondiale.

 07/04/2017 21:21:28
marbone

marbone3131

musicista dilettante - poco socievole

SabrinaM, Ma questo succede, quasi regolarmente, ad ogni elezione. Nel  loro sistema lettorale - che va precisato - funziona così da sempre -  èpossibile che il perdente raccolga il maggior numero di votanti, mentre chi vince ha dalla sua i Grandi Elettori: tutto dipende dalla  popolazione votante dei singoli Stati. Quella è la legge, che viene regolarmente contestata dai "liberal" americani . Ma solo quando perdono. Confermando la teoria che la sinistra - qualunque sinistra -  non sa perdere.

 08/02/2019 19:30:57
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

Una legge elettorale dovrebbe avere un requisito minimo per poter essere definita democratica, il primo requisito è il tempo. Non si può fare una legge elettorale e votare dopo due mesi, questo è antidemocratico.

 07/04/2017 08:32:36
pjpass

pjpass23255

Contrabbandiere, non ti capisco. Una legge può rimanere in vigore per anni... Bisognerebbe farne una nuova ad ogni elezione?

 07/04/2017 11:06:49
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

in risposta a ↑

pjpass, ho detto il contrario.

 07/04/2017 12:06:54
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

Contrabbandiere, scusami... ma leggendo:

"Non si può fare una legge elettorale e votare dopo due mesi, questo è antidemocratico.",

non me l'ha fatta interpretare nel modo che intendi tu.


 07/04/2017 13:42:51
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

in risposta a ↑

pjpass, ma davvero?

 07/04/2017 19:02:09
marbone

marbone3131

musicista dilettante - poco socievole

Contrabbandiere, Ti prego di perdonarmi ma non comprendo. A quale legge elettorale fai riferimento? A quella USA? E' in vigore da sempre, che io mi ricordi. E poi, una legge elettorale, una volta approvata con tutti i crismi, è buona da subito. Cosa c'entra il tempo?

 07/04/2017 21:27:07
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

in risposta a ↑

marbone, ecco, cosa c'entra il tempo? Una legge elettorale dovrebbe permettere la partecipazione a tutti, se si scrivono nuove regole, si dovrebbe dare tempo a soggetti nuovi di prepararsi alla consultazione. 

P.s. non mi riferivo agli Usa ma all'Italia.

 08/04/2017 08:54:27
marbone

marbone3131

musicista dilettante - poco socievole

in risposta a ↑

Contrabbandiere, Bene. Adesso ho capito. Ma dal momento che la discussione verteva sugli USA, ho pensato, sbagliando, che ti riferissi a quella.

 08/04/2017 16:47:25
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

in risposta a ↑

marbone, il post era sulle elezioni, il commento era sugli Usa.

 08/04/2017 18:08:56
pjpass

pjpass23255

in risposta a ↑

Contrabbandiere, si.
Io avevo capito che, un lasso di tempo di due mesi, fosse troppo lungo.

Comunque, il post non è sulle elezioni, ma volevo sapere da voi se, per definire democratica una votazione, ci debba 'essere esclusivamente "una persona, un voto", o se basta trovarsi in un sistema che permette le libere elezioni, opportunamente regolamentate

 08/04/2017 19:00:27
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

in risposta a ↑

pjpass, ti ho risposto di la, poiché ritenevo che la risposta dovesse avere più pubblico.

 08/04/2017 19:39:28
marbone

marbone3131

musicista dilettante - poco socievole

Contrabbandiere, In cosa consiste, di grazia, la sua "antidemocraticità"? Quando una legge è approvata, dal giorno dopo la sua pubblicazione sulla G.U. è Legge di Stato, ed immediatamente applicabile.

 08/02/2019 19:34:33
Contrabbandiere

Contrabbandiere36071

PLA-XIT

in risposta a ↑

marbone, dopo due anni?

 08/02/2019 20:47:20
PaoloVincenti

PaoloVincenti25166

Stratega del vuoto - SMM

Già 150 anni fa Stuart Mills invitava a distinguere tra l'idea "pura" di democrazia (il governo del popolo per il popolo) e il suo corrispondente convenzionale, cioè un governo del privilegio, in favore della maggioranza numerica. Quest'ultimo concetto era e continua tuttora ad essere quello più diffuso. Per quanto possiamo girarci intorno,  non può esistere un sistema elettorale perfetto:  Kenneth Arrow lo ha abbondantemente dimostrato con un famoso teorema logico. 

Il sistema elettorale americano è appositamente pensato per impedire che le aree densamente popolate dell'Est e dell'Ovest assumano il controllo dell'intero paese, a sfavore delle zone spopolate del Centro. Trattandosi di uno Stato federale, si tratta di una preoccupazione comprensibile. Fin qui si potrebbe comunque parlare tranquillamente di un sistema democratico, in quanto approvato dalla maggioranza degli elettori. Molto meno democratico è però il sistema molto sfruttato del gerrymandering, che consiste nel ridisegnare furbescamente (a livello dei singoli stati) le circoscrizioni elettorali, in modo da incrementare notevolmente le possibilità di elezione per i membri del proprio partito e per aumentare/diminuire la rappresentanza di determinate minoranze.

Al di là del sistema elettorale, ciò che a mio parere conta sono sempre e comunque due elementi di base: 1) l'esistenza di un meccanismo di separazione dei poteri; 2) il modo per garantire l'attiva partecipazione dei cittadini nella vita politica e civile.

Il secondo punto, purtroppo, è ampiamente trascurato in pressoché tutte le democrazie esistenti.

 07/04/2017 10:37:07
pjpass

pjpass23255

PaoloVincenti, più chiaro di così, non si può. Concordo totalmente cn quanto hai detto

 07/04/2017 11:05:10

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader