birillone

birillone155786

Batteria a stato solido con elettrolita di vetro ( batteria al sodio ) : John B. Goodenough e la sua eredità al mondo.

Batteria a stato solido con elettrolita di vetro ( batteria al sodio ) : John B. Goodenough e la sua eredità al mondo.

John B. Goodenough ha 94 anni  e la sua mente è talmente attiva e brillante e piena di "energia" ( aggettivo veramente azzeccato ) che già due anni or sono dichiarò di essere al lavoro su un’ultima idea alla quale si dedicò dopo la morte, per Alzheimer, della moglie.


Aveva intenzione di brevettare una batteria che si basasse sul più economico sodio al posto delle attuali, da tutti noi usate, al  litio.


Mi sono dimenticato di dirvi che John è colui che l'ha "inventata" per cui sa bene di cosa sta parlando e  nella sua ricerca fa infatti riferimento ad un anodo di litio o sodio che permetterebbe di farla durare più delle attuali a disposizione del mercato.


Dopo due anni, ed ancora in vita, tutto il mondo parla nuovamente di lui dato che brevettato, insieme alla professoressa Maria Helena Braga e al suo team di ricerca di Austin, la batteria che mantiene le ipotesi e promesse avanzate due anni prima.


A supportare l'autorevolezza della ricerca e della persona vi basti pensare che il primo personaggio entusiasta di tale batteria è stato nientepopodimeno che Eric Schmidt, ( presidente esecutivo ed ex Ceo di Google che ha dichiarato che Internet sparirà ) con un Tweet contribuendo alla diffusione della notizia 


Si tratta quindi di una batteria a stato solido con


  • tripla densità energetica rispetto a quella attualmente a disposizione
  • capacità di ricarica in pochi minuti
  • costi di produzione ridottissimi grazie all'utilizzo del materiale povero che è il  sodio
  • Ciclo di vita utile maggiore al litio ( al momento sono stati verificati 1200 cicli di carica senza alcuna degradazione )  
  • resistenza sino a 20 gradi sottozero. 
  • etc etc 


per ch dovesse temere rischi di esplosione potete leggere su Qualenergia possiamo trovare una interessante descrizione 


"Il gruppo di scienziati ha utilizzato un elettrolita di vetro anziché liquido, per trasportare gli ioni di litio dall’anodo (la parte negativa della batteria) al catodo (la parte positiva). Così è stato possibile impiegare un anodo di metallo alcalino. Quest’ultimo assicura una serie di vantaggi: innanzi tutto, evita la formazione dei dendriti, filamenti metallici che possono causare un corto circuito, che a sua volta può infiammare la batteria o farla esplodere" [fonte]

Grazie a questa batterie le auto elettriche triplicheranno la loro autonomia e si ricaricheranno in pochi minuti e ciò sarebbe la svolta definitiva a favore dell'evoluzione della mobilità elettrica ed abbandono dei motori diesel e benzina già annunciato per il 2030  in Germania ed anticipato al 2025 in nazioni come la Svezia, Olanda e Norvegia ove sarà permesso immatricolare solo nuove auto elettriche e basta.


Il litio presente attualmente sulle batterie di un'auto elettrica media corrisponde a ben 28 Kg ed ogni auto ibrida ne ha a bordo 1,9 chilogrammi ed in uno smartphone ve ne sono 7 grammi e questo rapporto, se si riuscirà ad industrializzare questo processo rivoluzionerà il panorama mondiale attuale.

 

Vi lascio con la risata ( tutta da ascoltare ), di questo arzillo 94 enne, che riecheggerà a lungo nelle orecchie del mondo ed anche del giovane Elon Musk che, in questo caso, si trova in posizione di inferiorità pur avendo egli stesso ammesso, all'inaugurazione e presentazione di Power Wall che 


"Il problema delle batterie esistenti è che fanno schifo"

provando a migliorare il contesto con la creazione delle sue gigfactory che, alla luce di questa novità, sembrano già vecchie ancora prima di essere entrate in piena produzione ed attività :) 


Per ora Jhon ha battuto Musk ed è un primato non da poco :) 


Cosa ne pensate di questa ricerca? 


[fonte notizia] (fonte notizia]

[fonte immagine]

 30/03/2017 08:17:51
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
18 commenti

Forse forse è la volta che ci siamo!

Il peso non è poi così determinante per un'automobile, si sarebbe arrivati a grandi risultati anche col litio. Ci sono altri settori in cui il peso incide decisamente di più:







Che sia la volta buona che riesco a svolazzare tranquillo, senza combustibili e motori rumorosi...


L'arzillo inventore fa bene a ridersela!   


Quanto a Musk, ammorterà la fabbrica con la produzione attuale e qualche altro contratto milionario, poi la adeguerà alla nuova tecnologia: è troppo sveglio per non esser già dietro a pensarci...   


 30/03/2017 09:08:52
birillone

birillone155786

Anticoguardiano, 


Forse forse è la volta che ci siamo!


yuppiiiiii


Che sia la volta buona che riesco a svolazzare tranquillo, senza combustibili e motori rumorosi...


Allora sei riuscito a prendere  l'aereo che stavi puntando? 


Quanto a Musk, ammorterà la fabbrica con la produzione attuale e qualche altro contratto milionario


dici che ce la farà così facilmente? 


, poi la adeguerà alla nuova tecnologia: è troppo sveglio per non esser già dietro a pensarci... 


ne sono certo anche io anche perché il vecchio John ha sempre avuto in enorme antipatia Musk al punto da definirlo un "venditore di auto per ricchi di hollywood" [fonte]


Pensa al fatto che per adottare il litio ci hanno messo 11 anni e che ora, verosimilmente, questo tempo dovrebbe essere nettamente più breve.


A quando, secondo te, l'adozione di queste nuove batterie?



 30/03/2017 09:39:34
Eirene

Eirene137711

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

Anticoguardiano, e poi l'utilizzo del sodio mi pare molto più sostenibile di quello del litio; direi che l'ambiente ringrazia   

 30/03/2017 09:53:07
in risposta a ↑

birillone,

Allora sei riuscito a prendere l'aereo che stavi puntando?

Macché... finché non riesco a sanare le mie economie rimane nel limbo dei desideri...  


dici che ce la farà così facilmente?

Non facilmente, ma c'è il tempo per riuscirci: ogni nuova tecnologia ha bisogno di qualche annetto per diventare di massa. Ancora oggi non si vedono i supercondensatori carta-grafene, anche se questi, forse, per altri motivi (tecnologia davvero troppo economica!).


Pensa al fatto che per adottare il litio ci hanno messo 11 anni e che ora, verosimilmente, questo tempo dovrebbe essere nettamente più breve.

A quando, secondo te, l'adozione di queste nuove batterie?

Difficile fare una stima: anche se il sodio è relativamente facile da estrarre e raffinare, non si sa assolutamente nulla del processo produttivo del resto della batteria.


Poi ci sono da scoprire eventuali limiti da superare: per esempio, leggo elettrodo in vetro e mi viene da pensare che il vetro può essere fragile e dato che è quello che previene l'esplosione del sodio (serve ricordare che il sodio metallico esplode facilmente?



video a futura memoria...   ) probabilmente la produzione dell'elettrodo non è così banale. Potrei azzardare, ma proprio a spanne e basandomi sul nulla, un minimo di 3 anni di sviluppo, prima di arrivare ai primi costosi esemplari commerciali e circa 5 per arrivare all'abbattimento dei prezzi, alla vera diffusione di massa.


Ovviamente, spero meno, ma credo che Musk possa dormire sereno: in tre anni sai quante batterie al litio si vendono?   

 30/03/2017 10:10:26
in risposta a ↑

Eirene, in teoria si, ma come dicevo qui sopra, il sodio metallico non è proprio sicurissimo da lavorare, richiede una certa dose di precauzioni...   

 30/03/2017 10:12:33
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


Macché... finché non riesco a sanare le mie economie rimane nel limbo dei desideri...


leggendo che avresti finalmente potuto volare ho pensato avessi raggiunto il tuo traguardo :)    


Non facilmente, ma c'è il tempo per riuscirci: ogni nuova tecnologia ha bisogno di qualche annetto per diventare di massa. Ancora oggi non si vedono i supercondensatori carta-grafene, anche se questi, forse, per altri motivi (tecnologia davvero troppo economica!). 


concordo assolutamente.


Difficile fare una stima: anche se il sodio è relativamente facile da estrarre e raffinare, non si sa assolutamente nulla del processo produttivo del resto della batteria.


non potrebbe essere invariato? 


Poi ci sono da scoprire eventuali limiti da superare: per esempio, leggo elettrodo in vetro e mi viene da pensare che il vetro può essere fragile e dato che è quello che previene l'esplosione del sodio (serve ricordare che il sodio metallico esplode facilmente?


a me serve sicuramente dato che non ne so nulla anche se ero al corrente di  quello indicato nel video.


un minimo di 3 anni di sviluppo, prima di arrivare ai primi costosi esemplari commerciali e circa 5 per arrivare all'abbattimento dei prezzi, alla vera diffusione di massa.


quindi 8 anni più o meno? 


Ovviamente, spero meno, ma credo che Musk possa dormire sereno: in tre anni sai quante batterie al litio si vendono?   


però le venderebbe con la consapevolezza dell'imminente futuro


 30/03/2017 10:30:38
in risposta a ↑

birillone,

leggendo che avresti finalmente potuto volare ho pensato avessi raggiunto il tuo traguardo :)

Si, si poteva intendere...  

In realtà, anche se le cose non accennano a migliorare, rimango ottimista e spero di essere vicino ad una svolta...


quindi 8 anni più o meno? 

...

però le venderebbe con la consapevolezza dell'imminente futuro

Le venderebbe nella consapevolezza di dover iniziare ad aggiornare gli impianti: per un imprenditore essere al corrente della prossima evoluzione è un vantaggio. Ed anche se John trova Elon antipatico, se questi gli facesse la proposta di mettergli a disposizione gli strumenti produttivi, anche solo per amore del progresso, non sarebbe possibile che accetterebbe, fosse anche solo per veder diventare realtà il suo progetto prima che sia troppo tardi?    

 30/03/2017 10:42:56
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


Si, si poteva intendere...
In realtà, anche se le cose non accennano a migliorare, rimango ottimista e spero di essere vicino ad una svolta...


tu ottimista? 


bene bene 


Le venderebbe nella consapevolezza di dover iniziare ad aggiornare gli impianti: per un imprenditore essere al corrente della prossima evoluzione è un vantaggio. Ed anche se John trova Elon antipatico, se questi gli facesse la proposta di mettergli a disposizione gli strumenti produttivi, anche solo per amore del progresso, non sarebbe possibile che accetterebbe, fosse anche solo per veder diventare realtà il suo progetto prima che sia troppo tardi?    


io penso che accetterebbe senza dubbi e lo stesso Musk, dopo quell'affondo ha dimostrato a John che le sue auto non sono solo per i  ricchi e che si è impegnato in attività come i suoi accumulatori di energia proprio a vantaggio della gente normale permettendo loro di fruire di un sistema di rifornimento energetico prima inaccessibile. 


credo quindi che potrebbe essere davvero ipotizzabile che MUSk si renda disponibile a tale "collaborazione. 

 30/03/2017 10:50:00
in risposta a ↑

birillone,

credo quindi che potrebbe essere davvero ipotizzabile che MUSk si renda disponibile a tale "collaborazione.

Al caso, potendo contare sulle risorse di Musk, allora si potrebbero ipotizzare tempi anche più stretti, chissà, anche solo 3 o 4 anni... Speriamo!

 30/03/2017 11:01:18
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, speriamo che Musk ci legga e ci stupisca come con i 100 Megawatt in 100 giorni  XD

 30/03/2017 11:02:55
in risposta a ↑

birillone, che ci riesca (anche se, ripeto, ci guadagnerebbe anche da un fallimento!), è molto più probabile che l'eventualità che ci ascolti! ^_^

 30/03/2017 11:09:27
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, quel che mi interessa è il risultato finale e non penso certamente che gli serva leggere me per avere questa idea :) ( magari è già ora a spasso col vegliardo su di una Tesla XD ) 

 30/03/2017 11:11:31
Eirene

Eirene137711

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

in risposta a ↑

birillone, come anche tu sai, il buon Elon fa quel che dice; se ancora non lo ha detto...! Attendiamo magari un suo tweet   

 30/03/2017 11:14:04
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Eirene, da quando ho leto di questa ricerca sono infatti in costante osservazione del suo acccount :) 

 30/03/2017 11:15:13
Eirene

Eirene137711

Impertinente. Non interessata a flirt e relazioni.

in risposta a ↑

birillone,       !

Tienici aggiornati!!!

 30/03/2017 11:17:38
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Eirene, ci provo :) 

 30/03/2017 11:21:22
Si tratta quindi di una batteria a stato solido con
tripla densità energetica rispetto a quella attualmente a disposizione
capacità di ricarica in pochi minuti
costi di produzione ridottissimi grazie all'utilizzo del materiale povero che è il sodio
Ciclo di vita utile maggiore al litio ( al momento sono stati verificati 1200 cicli di carica senza alcuna degradazione )
resistenza sino a 20 gradi sottozero.
etc etc 


Queste caratteristiche sono quelle confermate dei primi modelli sviluppati (ed quindi prevedibile possano migliorare ulteriormente in futuro) o il potenziale massimo possibile di questa tecnologia?


Comunque per rispondere alla domanda su cosa ne pensi, ti rispondo che è una ricerca molto affascinante ed è un faro di speranza per il futuro delle applicazioni nel campo dei trasporti, finalmente l'abbandono definitivo delle auto a combustibile sembra quasi dietro l'angolo

 30/03/2017 10:07:20
birillone

birillone155786

AStro88, non ne ho idea ma è già così alquanto soddisfacente



 30/03/2017 10:24:57

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader