AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

La prescrizione dovrebbe essere cambiata o abolita, in campo penale?

Rifletto da un po' di tempo su questo tema. Intanto una breve introduzione su cos'è la prescrizione: si parla di prescrizione quando un determinato diritto decade perché non usato entro i termini previsti dalla legge. 

In campo civile, si possono prescrivere i diritti relativi a crediti, compensi di prestazioni lavorative o di altro tipo (mentre invece non si prescrivono il diritto di proprietà e tutti i vari diritti connessi alla sfera della persona e della famiglia). In un certo senso, in campo civile la prescrizione evita che i giudici si debbano dedicare a liti originate assai indietro nel tempo, specialmente del campo delle imprese e degli affari: non si può stare a pensare che fra 10 anni qualcuno si ricordi di avere un credito e ne chieda il pagamento.

In campo penale però la prescrizione è più controversa. E' soggetta a prescrizione l'azione penale, e quindi può capitare che la prescrizione interrompa un processo e consenta che un pericoloso criminale sia rimesso in libertà. Molti pensano che la prescrizione sia un escamotage per consentire agli imputati di salvarsi approfittando delle lungaggini processuali. 

Un primo cambiamento che già porterebbe a dei risultati concreti sarebbe contare il tempo della prescrizione non da quando è stato commesso il reato, ma per esempio da quando inizia il processo. Oppure, si potrebbe pensare di sospendere il decorso della prescrizione per tutta la durata dell'iter processuale (adesso invece può scadere quanto il processo si trova in II° o III° grado).

Una abolizione totale della prescrizione forse sarebbe un segnale più forte in un paese dove tra sconti e pene alternative c'è già una forte sensazione di impunità a favore dei criminali. Che ne pensate, cambiereste? Abolireste?

 24/03/2017 17:58:08
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
40 commenti

Ci sono problemi ben piu importanti che riguardano utilizzo della giustizia penale in italia.

In italia la giustizia funziona in base a quanto sei disposto a pagare un giudice.

Se paghi bene il giudice fa in modo che la tua pratica arrivi alla prescrizione o ti da ragione se hai torto.

In secondo luogo l'interferenza degli interessi della politica nei procedimenti penali che la riguarda è totale( vedi caso Ilaria Alpi, Attentato a Falcone e Borsellino, strage alla stazione di Bologna, Italicus, piazza fontana e della loggia.) Per cui mi sa che stai cercando di tappare una gigantesca falla con un tappo di sughero da bottiglia di vino.


 24/03/2017 19:19:50 (modificato)
AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

gianpep, ma io non pretendo di risolvere i problemi della giustizia abolendo la prescrizione. Mi chiedevo semplicemente se potesse essere utile, spesso si parla di questo istituto come decisamente inopportuno.

 24/03/2017 19:52:51

la ex Cirielli  di fatto è uno strumento di salvataggio per chi può permettersi di pagare le alte  parcelle di avvocati senza scrupoli. Lascia di fatto impuniti gli  appartenenti alle organizzazioni malavitose, i corrotti e i colpevoli di stragi 

Sono per l'abolizione  o per la  sostituzione con una forma piu ragionevole : sospensione del computo durante i processi e durante i successivi gradi di giudizio.


 24/03/2017 19:58:13
marbone

marbone3216

musicista dilettante - poco socievole

magnulli, Non concordo. Premetto che non sono un avvocato. Quelli che tu chiami "avvocati senza scrupoli" sono professionisti del Diritto i quali, del tutto legittimamente (termine che in fondo significa "consentito dalla Legge"), si adoperano presso la Corte affinché vengano applicate nei confronti dei loro assistiti quelle norme, previste e codificate dal Legislatore, che possono risultare favorevoli all'imputato nel corso dell'iter processuale., Fanno - sempre - il loro mestiere nei limiti di ciò che la Legge loro consente, avendo sempre come "dominus" il magistrato che controlla la correttezza del loro operato, pena pesanti sanzioni fino all'espulsione dall'Albo della professione.

 30/03/2017 21:40:22
in risposta a ↑

marbone, quindi sei favorevole alla prescrizione attualmente in vigore?

 30/03/2017 21:43:46
marbone

marbone3216

musicista dilettante - poco socievole

in risposta a ↑

magnulli, Non ho detto questo, e del resto non conosco neppure l'attuale legislazione. Mi sono limitato a dire che, a parer mio, non va abolita, al più modificata.

 30/03/2017 22:15:17
in risposta a ↑

marbone, su questo concordo pienamente; quello che non mi convince è la difesa ad oltranza della categoria avvocati.

Certo, ci sono gli onesti e sono la maggioranza (almeno lo spero) ma non tutti sono così.

Suvvia, tutti sanno  che chi ha una discreta posizione economica si può permettere difensori molto agguerriti (visto che il termine - senza scrupoli - è stato contestato ) che chiedendo rinvii , navigando tra le more del giudizio o appellandosi , riescono a rientrare nei tempi della prescrizione, cancellando di fatto il procedimento

 30/03/2017 22:30:13
marbone

marbone3216

musicista dilettante - poco socievole

in risposta a ↑

magnulli, Non è difesa ad oltranza. Essi in realtà nulla fanno  che non sia consentito dalla Legge. Quindi - ragiono - se l'azione difensiva ha successo, significa che le regole lo consentono. Ed i bravi avvocati, che conoscono a fondo la procedura e sanno sfruttarla al meglio, in favore degli assistiti, certamente costano cari. Ma non sempre hanno successo, e ti faccio un esempio tra i più noti. Allorché Berlusconi ricorse in Cassazione avverso la sentenza di condanna per frode fiscale, ci fu un quotidiano -il Corriere - che lanciò l'allarme di imminente  prescrizione del reato per scadenza dei termini di prescrizione. Ed affermò che la data era imminente e cadeva a fine agosto in un periodo in cui i magistrati sono tutti in ferie. Era una trappola, sapientemente organizzata, allo scopo di impedire a SB  il diritto costituzionale di essere giudicato dal suo Giudice Naturale, precostituito per legge (Art. 25 della Carta) Giudice che già, in precedenza, aveva mandato assolto SB per il medesimo reato, ma riguardante un periodo temporale diverso. E così, sull'eco della presunta imminente scadenza dei termini, il caso venne assegnato al c.d. Tribunale Feriale che siede in permanenza, anche durante le ferie. Il Collegio di Difesa cadde in pieno nella trappola, non contestando, come avrebbe dovuto il conteggio relativo alla scadenza dei termini, che in realtà  avrebbe visto la scadenza a fine novembre, largamente in tempo per ottemperare il dettato dell'Art. 25. Come è finita la vicenda è noto a tutti e , pur lautamente pagati, la difesa si lasciò ingannare, mancando al proprio incarico. Tutta questa trappola, organizzata in anticipo, ci parla non di "avvocati senza scrupoli" al contrario di una Pubblica accusa, questa sì senza scrupoli e che si abbassa ad un indegno escamotage pur di impedire all'imputato il pieno esercizio dei propri diritti civili.

 31/03/2017 03:28:07
Masgab

Masgab2296

giurista sportivo

Scusate, ma ci vuole qualche precisazione tecnica:

In civile i diritti si prescrivono per inerzia del titolare. Se non c'è inerzia o diritti non si prescrivono mai

 In teoria una causa civile può durare all' infinito.

I reati invece si prescrivono dopo un certo tempo - variabile secondo la pena prevista - che decorre dalla consumazione del reato. In questo modo esiste solo in Italia. Altrove non esiste se l'azione penale viene iniziata entro un certo termine.

A mio avviso essa è la causa principale della lunghezza dei processi penali perché si appella tutto sperando nella prescrizione.

  Chi la difende la considera un rimedio contro la lunghezza dei processi.



 25/03/2017 19:52:29
 25/03/2017 20:46:21
Masgab

Masgab2296

giurista sportivo

in risposta a ↑

magnulli, come tutti sanno di tratta di una legge che accorciava i termini di prescrizione fatta apposta per salvare Berlusconi da sicure condanne.

 25/03/2017 21:15:30
AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

Masgab, ogni precisazione è ovviamente benvenuta. Io non sono un avvocato, ho cercato, in base alle mie reminiscenze universitarie ed alla mia cultura generale, di illustrare la questione nel modo più chiaro possibile. Grazie mille per l'utile parere.

 25/03/2017 21:39:13
Anna

Anna48625

Web Specialist

Masgab, conosco poco l'argomento, grazie ad @AlessioM per il post e a te per l'integrazione. Per me, per i reati penali non dovrebbe esistere affatto il concetto di prescrizione. Che possa essere considerato, teoricamente, uno strumento per porre limiti alla lunghezza dei processi ci può stare; purtroppo però, nella pratica, è uno strumento per lasciare impuniti dei criminali ed è con questa pratica che dobbiamo fare i conti purtroppo.

 27/03/2017 13:59:42
 27/03/2017 14:18:57
Masgab

Masgab2296

giurista sportivo

in risposta a ↑

Anna, sei in linea con la maggior parte degli ordinamenti dove o non esiste affatto o riguarda solo l'esercizio dell'azione penale. In Italia coesistono l'obbligatorietà dell' azione penale e una quantità di reati che, anche grazie al sistema più garantista del mondo, se si perseguissero tutti, si prescriverebbero tutti. Quindi i PM sono costretti a scegliere. E questo, come puoi capire, alimenta sospetti.

 27/03/2017 15:28:00
CrisMood

CrisMood946

Liberale, anticonformista con senso critico

Abolita 

 27/03/2017 07:33:20
piperina

piperina15326

Interrogativa impertinente

Il problema non è la prescrizione, ma l'eccessiva durata dei processi.

 28/03/2017 15:59:37
Masgab

Masgab2296

giurista sportivo

piperina, ma i processi sono lunghi anche perché tuttibappellano tutto per arrivare alla prescrizione. In Italia può ricorrere in Cassazione perfino chi ha patteggiato, cioè gli hanno applicato la pena da lui stesso richiesta. Inoltre c'è il divieto della reformatio in peius per cui chi appella non rischia nulla. Ogni intervento diretto a limitare le impugnazioni è ovviamente osteggiato Dalì avvocati.

 28/03/2017 16:05:40
piperina

piperina15326

Interrogativa impertinente

in risposta a ↑

Masgab, e se tutti appellano tutto per arrivare alla prescrizione, il problema è la prescrizione, e non il fatto che tutti appellano e cheil giudizio  d'appello dura troppo? ...


Sul ricorso in Cassazione contro la sentenza di patteggiamento: essa può sì essere impugnata, ma nei soli casi di errore nella qualificazione giuridica del fatto (es. per capirci: omicidio anziché furto).


Sul divieto della Reformatio in peius: questa formula significa che il giudice non può comminare in appello una pena più grave neo confronti del l'imputato appellante (e si badi che ciò vale solo quando l'appello è proposto dall'imputato, in quanto, diversamente, ben può accadere che in sede di appello vi sia un capovolgimento degli esiti del procedimento e si giunga quindi alla tanto dibattuta condanna in appello!!).


Limitare gli appelli significherebbe restringere le opportunità di correggere errori e di vedere applicata la nostra cara giustizia, l'appello in fondo altro non è che un rimedio a una decisione che riteniamo ingiusta: mi pare quindi sia un diritto e non qualcosa che lede i diritti! 

 29/03/2017 13:18:31
Masgab

Masgab2296

giurista sportivo

in risposta a ↑

piperina, il giudizio di appello dura troppo perché tutti appellano tutto.

I patteggiamenti li impugnano anche per carenza di motivazione.

Il divieto di reformatio in peius è una garanzia eccessiva.

L' appello in penale non serve a nulla. Prevale sul primo grado perche per convenzione chi parla per ultimo ha ragione, ma solo in primo grado si vedono in faccia i testimoni. In appello si vede solo carta. È molto più probabile che abbia visto bene il giudice di primo grado. Per la violazione di legge e la motivazione inesistente o contraddittoria basta la Cassazione.


 31/03/2017 18:20:23
Masgab

Masgab2296

giurista sportivo

in risposta a ↑

piperina, tutti appellano perché sperando nella prescrizione.

Ricorrono per Cassazione anche per carenza di motivazione sull' insussistenza del reato ex art

 129 cpp

L'appello non serve a nulla. Che abbia ragione quello che decide per ultimo è una convenzione. Il processo si fa in primo grado. La Corte d'Appello vede solo carta. E i giudici di appello sono mediamente meno bravi e motivati.

 12/05/2017 05:51:23

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader