luca_colombo_779

luca_colombo_7792610

studente

Videogiochi violenti, portatori di violenza o valvola di sfogo?

i videogiochi violenti fanno diventare violenti coloro che ci giocano troppo, ora mai ce lo sentiamo dire da tutti. ma io non la penso cosi, io non sono una persona violenta, poiché questa violenza che dicono trasmetta io la scarico sulle "vittime" appunto dei videogiochi.

in fin dei conti, qual'è la versione prevalente?  

 20/11/2013 22:24:57 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
13 commenti
iodacasamia

iodacasamia4517

3D artist

coltello da cucina, terribile arma per efferati omicidi o utilissimo tagliapanini per le merende di vostro figlio?
 20/11/2013 22:47:06
luca_colombo_779

luca_colombo_7792610

studente

non capisco il senso della risposta
 20/11/2013 23:16:44
spotlessmind1975

spotlessmind197538425

Software Problem Solver / Libero Professionista

Io l'ho capito. ;)
 21/11/2013 07:27:42
Anubi

Anubi54338

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

Anche io l' ho capito . Anche se non ridurrei la discussione in questo modo,   altrimenti non si spieherebbe perchè alcune nazioni come la Germania vietano la distribuzione di giochi violenti. Il senso comunque era che tutto puo' diventare pericoloso nelle mani sbagliate, un coltellino come anche un videogioco (sia quando ci giochi, sia la sua custodia).
 21/11/2013 12:01:08

Indicare i videogiochi come fonte di violenza significa dare credito a stereotipi malfondati. Si potrebbe semplicemente chiedere "quante persone mostrano attitudini violente dopo aver giocato ad un gioco violento?" per capovolgere quanto asserito da media e pseudo esperti. La risposta, infatti, è "ben poche".

Per quanto la tipologia di violenza può essere ispirata da varie fonti, i videogiochi non al primo posto sicuramente, non è l'atto stesso ad essere ispirato o reso possibile. La violenza è un atto cosciente e, in quanto tale, autonomo nella mente dell'individuo.

 21/11/2013 02:36:15
spotlessmind1975

spotlessmind197538425

Software Problem Solver / Libero Professionista

Entrambe le visioni sono valide: dipende dal soggetto (videogiocatore) e non dall'oggetto (videogioco), ovvero è tutto legato al livello di empatia e/o di controllo delle pulsioni che le persone-giocatori sviluppano all'esterno dei confini dei videogiochi violenti. 


Infatti, un alto livello preesistente di empatia ovvero un forte controllo sulle pulsioni determina l'innocuità dei videogiochi; al contrario, su una persona che non ha sviluppato o ha sviluppato poco queste caratteristiche, i videogiochi ne attenuano il livello preesistente e quindi li fanno diventare violenti.


Qual è il livello oltre il quale non si è più influenzati?

Questa è la vera domanda che, a mio avviso, bisognerebbe porsi.

 21/11/2013 07:27:22
i videogiochi violenti sono una valvola di sfogo,le persone suggestionabili sono un'estrema minoranza
 21/11/2013 11:54:59
utente anonimo

Anonimo

Sono cresciuto guardando City Hunter, Ken Shiro e l'uomo Tigre e giocando con Dead or Live, Tekken, GTA San Andreas, Call of duty e Metal Gear. Oggi sono un pacifista fiero di dire che non ho mai fatto a botte nemmeno con i coetanei che mi provocano e MAI picchiato una donna o un minorenne,né esercitato alcuna violenza psicologica. Si usavo i videogiochi come valvola di sfogo.

Che i videogiochi violenti portano violenza; per me è un luogo comune come i body builders usano la violenza perché hanno tanti muscoli.

Nella realtà non ne ho mai conosciuto uno che picchiava per futili motivi o per violenza gratuita.

La solita ipocrisia dei media e tg che dicono che i videogiochi portano violenza mentre i film no?

Oppure quano dicono che " vogliamo la pace, è un bene...perciò faremo una guerra per la pace. NO alla guerra...SI alle guerre giuste per il bene". Come dire..."la vergine incinta". 


Tirano fuori storie singole per fare un emblema e generalizzare come successe con Breivik... come se Call of Duty è l'unica causa che portano a stragi. Concludo con una battuta per farti capire quanto io penso che siano ridicoli


Breivik piaceva il videogiochi Call of Duty. Infatti dichiarava" Se playstation network andrà ancora in down, raderò al suolo Londra".

 27/11/2013 17:05:46

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader