L'amico "errore"

L'amico "errore"

Errore deriva da errare, andare di qua e di là. Ma siamo sicuri che siano errori nel senso comunemente attribuito? 

Che male c'era ad esplorare?


Chi stabilisce le regole? 


Un errore è un momento di crescita e ci sono alcuni che, ripensandoci, sono tali soltanto perché in disaccordo con quello che pensano gli "altri".

 

A me accade spesso di errare...

 15/03/2017 00:25:55
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
19 commenti
RobertoMontanari

RobertoMontanari100209

Naufrago

Bellissima riflessione

L'errare di chi sbaglia strada, si conclude con una perdita di tempo

La strada "giusta" diceva un mio vecchio capo americano "è la linea retta".

Ma siamo sicuri che non sia meglio metterci un po' più di tempo, se poi arriviamo lo stesso ?

Io in genere -se sono da solo-  lo faccio, e nelle città sconosciute adoro perdermi.

Mi fai venire in mente una definizione diversa, di errore informatico: "abnormal end" (fine anomala).

In effetti è proprio quello l'unico vero errore, quando non ci arrivi proprio: ti sei perso talmente gravemente, che non arriverai mai.

 15/03/2017 06:33:31

RobertoMontanari, perdersi, anche metaforicamente, è ritrovarsi. Sembra un ossimoro, ma è uno dei pochi modi per rientrare in contatto con noi stessi. Grazie per l'intervento.

 15/03/2017 08:51:50
RobertoMontanari

RobertoMontanari100209

Naufrago

in risposta a ↑

GabrielKnight, credevo di avere il primato dell'ottimismo (qui su quag) ma forse mi batti   

A parte gli scherzi, purtroppo di casi di "lost" definitivi ne conosco parecchi...

Ma a parte questo dettaglio, prova a spiegarmi meglio il meccanismo in cui perdendoti (=smarrendo i riferimenti) trovi te stesso.  D'istinto ti darei ragione, ma forse intendi qualcosa di diverso da quello che ho pensato io

 15/03/2017 19:29:59
in risposta a ↑

RobertoMontanari, bello lottare per un posto sul podio dell'ottimismo!   I riferimenti di cui accenni sono i paletti che consolidano le nostre sicurezze, tracciano un percorso, permettono di individuare una strada già asfaltata in precedenza da "altri". Ma non necessariamente è la nostra strada, o meglio forse noi avremmo scelto un cammino che avrebbe costeggiato un fiume o magari avrebbe fatto una curva diversa. Se perdiamo i riferimenti rimaniamo spiazzati ma le strade le dobbiamo tracciare noi, per forza. Ed è in quel momento che, "errando", incontriamo quell'esserino che è il nostro io, capace forse di sbagliare ma nello stesso tempo non più contenuto in degli schemi antefatti. Potrebbe essere rivoluzionario! 

Non so se intendi qualcosa di diverso e mi scuso per l'attacco di grafomania, ma l'argomento è per me di estremo interesse.

 15/03/2017 23:26:36
RobertoMontanari

RobertoMontanari100209

Naufrago

in risposta a ↑

GabrielKnight, si, credo sia un po' la "cura del deserto", dove la totale deprivazione (digiuno prima di tutto), porta a livelli di introspezione altrimenti irraggiungibili.

Cura potentissima, ma non per chiunque....

 16/03/2017 00:37:39

Per questo si dovrebbe dividere gli errori in due tipi:

Lo sbaglio, ovvero l'aver preso una strada diversa da quella usuale o aver tenuto un comportamento inconsueto. Quel tipo di errore che ti porta ad imparare qualcosa di nuovo e a scoprire nuove vie, o che alla peggio, ti fa solo perdere tempo.

L'inesattezza, cioè l'errore che esce dalla logica, il non senso.

1+1 non farà mai 3 e nemmeno 11, perché è stabilito che la somma sia 2, tutto il resto è errore senza possibilità di appello.


Chi decide quali sono le regole, chi sbaglia e chi ha ragione?

Vuoi che siano leggi o convenzioni, che vengano dettate da un parlamento, una commissione o l'assemblea di condominio, chi è quell'entità orcura a muovere le trame del giusto e dello sbagliato?

La chiamano "necessità di un ordine stabilito", che genera tutte le leggi tramite il suo ente preposto che è il comune accordo.


Mi sta bene il momento di crescita, ma vediamo di limitarci nell'errare, perché se per la crescita altrui devo rimetterci anch'io, sarà meglio che la gente mi erri molto lontano e molto velocemente.


 15/03/2017 11:31:06

Argyre, tranquillo. Errare humanvm est, perseverare autem diabolicvm. Errori reiterati sono indice di incapacità di apprendere da essi.


Ad ogni modo noi già viviamo la quotidianità compromessa dagli altrui "errori", o quelli che noi riteniamo tali. Io chiaramente mi riferivo a tutta quella serie infinita o quasi di "scelte esplorative" che, salvo una certa dose di fortuna, si rivelano errate ma in noi lasciano il segno. Errare nel mondo intricato dei sentimenti, delle scelte professionali o, semplicemente, nel prendere un bus sbagliato. Tutte cose che apportano una maggiore consapevolezza.

 15/03/2017 13:39:10

Ma sì dai. Se uno sbaglia lo corriggeranno al limite   

 15/03/2017 12:27:53
UtopyconII

UtopyconII32286

Super Genio

Se non si conoscono le strade sbagliate come possiamo distinguere quali siano invece quelle giuste? E questo mezzo per conoscerle si chiama errare. Più errori conti più conosci il numero di strade sbagliate da non prendere, sarà inevitabile che avrai così più chances di imboccare invece quelle giuste.


Bisogna considerare che l'errore è relativo al tipo di obbiettivo e mindset che una determinata persona ha, se con la caffettiera squaglio il bicchiere di plastica ed il caffè cade per terra è un errore, ma se il mio obbiettivo fosse creare un'opera d'arte degenerativa non lo considererei quindi un fallimento. L'errore è relativo allo scopo, potrebbe rivelarsi la soluzione per un altro fine.


Generalmente chi compie pochi errori non sta agendo dopotutto, fa relativamente poco e non si sposta in nuovi lidi. Quindi se sbaglio poco comincerei seriamente a preoccuparmi, significa che non mi sto muovendo altrove.


 15/03/2017 18:33:36
RobertoMontanari

RobertoMontanari100209

Naufrago

UtopyconII, approvo. Ai miei collaboratori dico sempre: "Chi non fa non sbaglia". Non devono temere l'errore, ma l'immobilità.

 15/03/2017 19:24:21

UtopyconII, perfetta analisi. Erra chi è curioso, chi sperimenta sulla propria pelle, chi è disposto a mettersi in gioco sfidando le staticità della nostra civiltà e società. Grazie ed erriamo senza remore... 

 15/03/2017 23:31:55

Facciamo così. 

A te piace errare nel errore. 

Sbaglia l importo del bonifico nel mio iban di almeno 5 zeri. 

Ti va di provare? 

 16/03/2017 07:05:13

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader