Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

Piccola precisazione: un credente non mette il punto. È proprio il contrario. Il percorso della credenza parte dalla ricerca della Verità. Quindi il credente non è certo dell'esistenza divina ma ne ricarca le prove o le tracce. Stessa cosa dovrebbe fare un fedele, mentre un agnostico non ricerca la Verità perché sa di non poterla trovare. L'ateo invece è certo dell'inesistenza. Pur non avendo prove.

 25/02/2017 22:33:25

Campari, sicuro è morto... 

io sono ateo principalmente perché non vedo necessità di postulare l'esistenza si un dio.come non sento l'esigenza di postulare l'esistenza dei grifoni

 25/02/2017 22:41:25
PaoloVincenti

PaoloVincenti33376

Stratega del vuoto - SMM

Campari, Credente e fedele non sono sinonimi? Io ho sentito gli evangelici distinguere tra 'religiosi' e 'credenti', sottolineando che questi ultimi non devono fare nessuno sforzo per raggiungere la salvezza, in quanto sanno già che Gesù l'ha conquistata per loro.

 25/02/2017 22:42:44
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

in risposta a ↑

PaoloVincenti, in generale fidarsi e credere sono due termini simili ma con sfumature diverse. Colui che si fida è la persona che senza alcuna prova o convizione, appoggia una teoria. Mentre chi ha la credenza, avvalla una teoria, per via o grazie a delle prove. 

Io ad esempio non ho prove dell'esistenza divina e quindi sono un semplice fedele. Ma ci sono persone che hanno delle prove, come magari una apparizione mariana, un calore corporeo, una visione scientifica che corrobora la tesi, etc. Insomma tutto quello che può essere assunto come una dimostrazione che Dio esiste. Tuttavia, una prova non fa certo una certezza. Chi è certo dell'esistenza o della non esistenza è semplicemente un matto fuori di testa o uno che non sa cosa dice.

 25/02/2017 23:10:18
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

in risposta a ↑

smanagramderossi, e quindi che differenza ci trovi con un agnostico?

 25/02/2017 23:11:38
PaoloVincenti

PaoloVincenti33376

Stratega del vuoto - SMM

in risposta a ↑

Campari, Ma in base a questo ragionamento, gli evangelici o i protestanti in genere sarebbero tutti matti fuori di testa...

 25/02/2017 23:17:37
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

in risposta a ↑

PaoloVincenti, la religione è lo studio e lo svelamento del non conosciuto, che si fa tramite un percorso mistico, a volte introspettivo, altre volte extracorporeo e per altri solamente un percorso di ricerca spirituale. Se i religiosi conoscessero a priori la Verità, ovvero sapessero e conoscessero già l'essenza divina, a cosa servirebbe il percorso? Per questo i veri religiosi sono dei credenti: hanno prove per testimoniare che (per loro) Dio potrebbe esistere. Ma non ne hanno la certezza e si comportano come se Dio non fosse una certezza. Altrimenti non ricercherebbero la Verità e non pregherebbero. Perché anche pregare è un atto di devozione derivato dalla credenza. Altrimenti (se per loro Dio esistesse realmente) non sarebbe preghiere, ma diverebbero suppliche. 


Nota: i veri religiosi sono coloro che perseguono la ricerca e la Via. I cattivi religiosi sono quelli che hanno smesso di perseguirla.

 25/02/2017 23:42:41
in risposta a ↑

Campari, l'agnostico rimane nell'ignavia


non ero presente nel 1944 ad Auschwitz quindi non sono certo che i nazisti bruciavano la gente, magari facevano delle bellissime grigliate


non ho mai visto un concerto di Jimi Hendrix, quindi magari era una fava a suonare


il problema dell'agnostico è che pur senza prendere posizione sulla questione non se la sente di condannare le fesserie dei credenti. e questo è un grave errore.

tu ora vorrai qualche esempio, e poi dopo averlo avuto troveraiqualche scusa.

secondo te davvero il pane diventa carne pur senza subire alcuna misurabile variazione?

secondo te davvero il vino diventa sangue?

secondo te davvero dio ci ha punito per un peccato che sapeva che avremmo commesso


 25/02/2017 23:44:46
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

in risposta a ↑

smanagramderossi, quello che scrivi mi lascia alquanto perplesso. Quello che dici, se utilizzato per ogni elemento della conoscenza umana, porterebbe all'assurdo risultato che l'essere umano non dovrebbe avere alcuna certezza se non quella che esso stesso può dimostrare. Appena vi è un bisogno di fiducia delle fonti, quanto riportato, si da per invero.

 

Ti faccio io un esempio:

Giovanni Rossi non è mai stato mai ad un concerto dei Queen. Come può Giovanni dimostrare che i Queen sono realmente esistiti? Magari sono stati solo una mera invenzione dei giornali, delle televisioni o solamente un mentalista che gli ha fatto credere che sia esistito un gruppo del genere. Potevano essere benissimo degli attori che imitano e si comportava come avrebbero fatto i Queen. 

Un ateo ha un cervello? Per verificare se lo possiede dobbiamo divisezionarne uno?


Quindi in estrema sintesi possiamo dire che l'ateo non crede a nulla. Perché tutto ha bisogno di fiducia nelle fonti. 

Quindi tutto lo scibile umano diventa inutile e la conoscenza del singolo individuo non può andare oltre il sé. Io non potrò mai dimostrare che la Terra orbita nella Via Lattea perché mai potrò avere le competenze matematiche per poterlo dimostrare. Dimostrare poi esclusivamente a me stesso, visto che gli altri non potranno mai accettare per veri i miei risultati. Insomma da tempo l'induttivismo è stato screditato, proprio da un forte ateo come Russell. Ma la creazione di uno scenario quanto descritto sopra sarebbe ascientifico e implausibile.


Approfondiamo il discorso tornando alla Luna che citavo prima. Supponiamo per esempio che il satellite sia Dio. Noi di spalle non vediamo direttamente Dio, ma ne vediamo gli effetti indiretti che provoca: esempio le maree (anche se alcuni scienziati dicono che non è la Luna a creare le maree). Ma per collegare le maree alla Luna sono serviti secoli di studi e di un percorso scientifico specifico. Quindi servono delle conoscienze specifiche indirizzate a tale scopo. 

Proseguiamo parlando dell'essere umano. La nostra vista, per esempio, ci permette di vedere la realtà? No. Il nostro occhio percepisce solamente una gamma di frequenza della luce, scartandone altre. Cosi noi non percepiamo gli ultravioletti ed abbiamo una visione sommaria di quello che ci circonda. Cosi abbiamo costruito una macchina per poterli vedere. Ma questa macchina è pur sempre un'estensione della nostra percezione, e quindi ha i nostri stessi difetti: rapporta la verità? No. Essa da una rappresentazione della realtà (come fa il nostro occhio) che è soggettiva e imperfetta. 

Detto in parole povere, per farla breve, l'essere umano non potrà mai trovare prove divine perché non saprà mai dove e come cercarle. Le macchine sono estensione dell'uomo che danno una rappresentazione soggettiva ed imperfetta del vero e non sono esse stesse il vero. Per tanto l'uomo ha una conoscenza indiretta delle cose e mai potrà averne una diretta, in quanto esiste una sorta di velo di Maya che ci ostacola la vera conoscenza diretta delle cose. 

 

 26/02/2017 00:49:16
in risposta a ↑

Campari, mi rifiuto di leggere ciò che scrivi, perchè non hai nemmeno capito ciò che ho scritto io

 26/02/2017 03:34:28
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

in risposta a ↑

smanagramderossi, come tu faccia a sapere che non ho capito quello che hai scritto senza leggere cosa ho scritto io è mistero della fede. 

Buona riflessione.

 26/02/2017 07:46:16
Rivoluzione

Rivoluzione16626

Business agent for solid waste recycling plants

Campari:  "Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me." (Gv. 14:6)
"Gesù allora disse a quei Giudei che avevano creduto in lui: «Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi»." (Gv. 8:31)

 07/04/2017 14:37:42
Alerage

Alerage24904

musicista fallito e programmatore svogliato

per quanto mi riguarda non credo alla esistenza di Dio e all'esistenza di un "dopo" per semplicissimi motivi, materialisti, semplicistici e pragmatici quanto vuoi, io non ho la verità in saccoccia, ma per via scientifica una qualsiasi entità esistente produce fenomeni misurabili, dio non produce nessun fenomeno misurabile, anzi dio non produce nessun fenomeno in generale, tutti fenomeni che noi riteniamo divini sono tali perchè attribuiti dalla umanità stessa, non è mai sceso nessuno in tempi recenti a reclamare la paternità di avvenimenti divini, stesso motivo per il "dopo", la cosidetta anima non è fenomeno misurabile, ma solo un concetto, nessuno è mai tornato.

Oltre questo il Dio cristiano è un entità che mi sta poco simpatica a prescindere, quindi se esistesse, mi ritroverei a combatterlo.   


 25/02/2017 23:36:44
canardu

canardu116516

CEO

Ti spiego come funziona


Se un credente  viene da me e dice "dio esiste" io gli chiedo di giustificare tale affermazione.


Di solito le giustificazioni che il credente porta non mi soddisfano, quindi scarto la sua affermazione, non considerandola vera, per insufficienza di prove.


In questo processo io non affermo niente se non che l'affermazione "dio esiste" non riesce a convincermi.

Non sto pretendendo di sapere niente, sto solo facendo un analisi di un affermazione fatta da altri. 


Ovviamente quando rispondo a tali domande io parlo per me e non per altri atei, altri atei potrebbero avere atteggiamenti differenti che rientrano in quanto da te descritto.

 26/02/2017 00:51:40 (modificato)
SabrinaM

SabrinaM25811

Hic et Nunc

Sono atea e vengo in pace! Perché sempre questa contrapposizione aggressiva tra credenti e atei???? Chi è il credente ?  Colui che crede, in questo caso, in un Dio. La condizione opposta non  è essere atei ma non credenti. L'ateo è un senza Dio. Si è atei in primis perché non si crede? Non è detto, nel mio caso no, prima ancora di interrogarmi  sull'esistenza di un Dio sento profondamente di non averne bisogno e va da se che non mi interessa convincere altri di questo.  È un discorso intimo e personale con la mia  spiritualità. Essere agnostici poi , non è l'anticamera per l'ateismo. Essere agnostici non è "un po' meno" che essere atei ma una posizione che ha un altro tipo di assunto di base. Infine il ...SENSO DELLA VITA... se tutto finisse con la morte (e per me in un certo senso è cosi) la vita avrebbe avuto il senso che ognuno di noi ha voluto/ potuto darle. Un contenitore vuoto da riempire ogni giorno con le proprie scelte.

 26/02/2017 06:05:45

.. a me manca profondamente una fede radicata...sia essa religiosa o politica....sono convinto che sulla sua base avrei affrontato la vita secondo un progetto esistenziale e non andando incontro agli eventi giorno per giorno...e che  quello che chiamiamo agnosticismo non sia spesso altro che una elegante confezione che nasconde solo una ricerca interiore che non  ha portato a nulla...

 26/02/2017 08:30:29
Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce23096

Libera pensatrice

in risposta a ↑

velvetmati, 


"quello che chiamiamo agnosticismo non sia spesso altro che una elegante confezione che nasconde solo una ricerca interiore che non ha portato a nulla..."


sì, nel mio caso lo è infatti

io sono sempre in continua riflessione, e anche ricerca per quanto possa essere possibile farlo, su questi argomenti

mi definisco poi agnostica perchè penso che l'esistenza o meno di un dio (che, se ci fosse, non sappiamo nemmeno cosa è, altro quesito senza risposta) e di un continuo dell'esistenza dopo la morte fisica siano sconosciute e inconoscibili

ma non posso farne a meno di pensarci sempre

 26/02/2017 12:28:42 (modificato)
SabrinaM

SabrinaM25811

Hic et Nunc

in risposta a ↑

velvetmati, io questo bisogno non l'ho mai mai mai sentito rispetto alla fede e per quanto riguarda la politica ho sempre avuto il mio modo di vedere il mondo senza però farne una fede.  Ho navigato per lo più a vista è vero ma non sono affatto scontenta delle decisioni prese. Anzi,  mi sento in un certo senso molto originale.   

 27/02/2017 17:09:00

Molto semplicemente non sono mai riuscito a credere e, per buona misura, non ne ho fatto un credo considerando normale il fatto che ognuno è libero di credere.


Normalmente, tra studi ricerca esperimenti e fortuna l'essere umano trova le risposte.


Nell'attesa, sei libera di pensare ciò che vuoi.

La vita è di per se un bel rompicapo e sono troppo impegnato a viverla per pormi il quiz finale!

Tirando a indovinare, interrogarsi sul senso della vita qualora non prevedesse altro sembra corrispondere al medievale quiz sulla sessualità angelica   

In breve, viviti la vita che vuoi!

 26/02/2017 08:01:58

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader