Guerriera_della_Luce

Guerriera_della_Luce22601

Libera pensatrice

Chi era Gesù secondo voi?

Chi era Gesù secondo voi?

C'è chi lo considera il figlio di un dio e in contemporanea anche una sorta di incarnazione del suddetto dio stesso,

chi lo vede come un semplice profeta,

chi come un angelo che si è fatto uomo, 

chi pensa sia stato un semplice essere umano a cui vari concili vaticani hanno assegnato anche una natura divina,

e chi pensa invece che non sia mai esistito e che sia semplicemente una figura mitologica costruita.


Voi invece come lo vedete? Chi era Gesù secondo voi?

 23/02/2017 14:05:10 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
80 commenti

Secondo me fu uno dei tanti predicatori che in quel periodo erano attivi nella stessa zona.
La chiave de suo successo sta nella "faccenda" della resurrezione.

 23/02/2017 19:51:29
Alerage

Alerage24884

musicista fallito e programmatore svogliato

CapitanCanaglia, la stessa resurrezione che avviene in moltissimi miti pre-cristiani?

 25/02/2017 23:56:19
in risposta a ↑

Alerage, non la stessa.
La sua ha fatto colpo su parecchia piu gente.

 10/03/2017 22:33:21

No io credo che Gesu sia esistito realmente, non puo essere tutto falso, benche vi sia molta leggenda attorno, molte storie. Per i cristiani e l'Incarnazione del divino, per i musulmani un profeta , ho conosciuto atei che credono realmente che Gesu sia esistito, pero lo vedono in un altro modo, come un idealista di fondo un semplice essere umano che propagava le dottrine della pace e l'uguaglianza.

 24/02/2017 21:56:18

Un mix tra le ultime due opzioni. Un personaggio, umano e mortale, vero di cui non sappiamo nulla perchè ciò che si narra di lui proviene, riadattato, da varie mitologie mediorientali. 

 25/02/2017 09:11:06
RobertoMontanari

RobertoMontanari99269

Naufrago

Domanda interessante, perché permette di approfondire il concetto di "conoscenza".

Ad esempio, tutti conoscono Omero.

Perché ?

Perché abbiamo letto degli scritti che gli vengono attribuiti.

Quei testi hanno una coerenza, uno stile, un insieme di significati, che ci permetterebbero di parlare di Omero, senza averlo conosciuto.

Senza tracce storiche che lo descrivano.

Già, e chi era, per esempio, Omero ?


Nel caso di Gesù, ugualmente non abbiamo prove storiche, ma addirittura i testi non sarebbero "scritti da lui", ma si limitano a parlare di lui, ed a riportare delle sue frasi.

Eppure ci sembra di conoscerlo.

Per via che la conoscenza, non coincide con la realtà.

Così per me Gesù è una figura straordinaria

per via dei significati, dei paradossi, delle ovvietà sorprendenti, che trovo in quegli scritti, 

e non mi pongo minimamente il problema se sia stato un uomo in carne ed ossa, o qualcos'altro

 25/02/2017 09:34:12

RobertoMontanari, 


"Per via che la conoscenza, non coincide con la realtà."


Resto affascinata da questa frase, perché mi convince e perplime al tempo stesso.

Io "sento" di conoscere "al di là" della realtà, ma "so" di non poter conoscere se non attraverso di essa. 


Vi vivo l'eterno conflitto tra emozione e pensiero che credo sia alla base della mia difficoltà a integrare il senso di spiritualità con quello di doverosa miscredenza.

 25/02/2017 09:49:31
RobertoMontanari

RobertoMontanari99269

Naufrago

in risposta a ↑

Mariacatena5, non c'è nessun obbligo a dubitare, e spero non ci sarà mai; può essere una scelta prudente; nel mio caso principalmente pigrizia.

Nel conflitto di cui parli (se l'ho inteso bene) tra l'approccio razionale e l'universo dei significati, la ragione farebbe bene a battere in ritirata, per palese inferiorità. Ma quella invece non molla, si trincea, passando una pessima esistenza...

Chi l'ha detto che le conoscenze passino necessariamente attraverso i 5 sensi ?

Non temere di tradire la razionalità: non glielo diremo   


 25/02/2017 10:01:40

RobertoMontanari, sto andando a memoria, quindi non posso sull'immediato provare ciò che affermerò ora.

Ma mi risulta che le prove archeologiche che sia realmente esistito siano più che abbondanti.

Poi, cosa e chi fosse, è un'altra questione, ma per essere esistito è esistito.

Se ricordo bene degli "speciali di Archeo dedicati a lui che ho letto tempo fa", le principali sono i resoconti scritti dai romani dell'epoca su di lui.


 25/02/2017 10:06:12
in risposta a ↑

RobertoMontanari, È un discorso così complesso che faccio fatica a mettere in ordine i pensieri che mi suscita. Aspettero pazientemente quell'intuizione esplicativa che mi permetterà, speriamo, di esprimere ciò che ora non riesco a fare.   

 25/02/2017 10:18:32
RobertoMontanari

RobertoMontanari99269

Naufrago

in risposta a ↑

Sanguanel, il lavoro dello storico, è un po' come come quello dell'investigatore. Si cercano tracce, riscontri, testi, prove che quei testi sono autentici.  

Come nei processi, si arriva ad una convinzione, ma il grado di certezza di quella convinzione non è quasi mai "oltre ogni ragionevole dubbio".

Nel caso dei fatti descritti nei vangeli, alcuni riscontri mi risulta che ci siano; io non sono uno storiografo, e non so dirti in che misura quei riscontri siano sufficienti ad escludere che si tratti di solo di un mito; a fidarsi di wiki, l'ipotesi che si tratti solo di un mito è stata accantonata.

Però per me la cosa non è poi molto importante ...


 25/02/2017 10:19:14
RobertoMontanari

RobertoMontanari99269

Naufrago

in risposta a ↑

Mariacatena5, spero che ci terrai al corrente ... !

 25/02/2017 10:20:32
in risposta a ↑

RobertoMontanari, emmeh. L'ho avuta così in fretta da rendere praticamente inutile il commento precedente   


"Chi l'ha detto che le conoscenze passino necessariamente attraverso i 5 sensi ?"


In realtà è proprio attraverso di essi che si percepiscono le emozioni che ci aprono lo sguardo all'universo dei significati. Inoltre mi permetterei di aggiungere che ci potrebbe essere utile dare uno sguardo a come i sensi vengono percepiti nelle filosofie/religioni orientali.

Il buddha non parlava di 5 sensi, bensì di sei, includendo nella lista anche colei il cui compito è di elaborarli e di rendere le percezioni "significative": la mente.

E la mente, non solo concettualmente, ma anche fisicamente, ci offre due visioni: una immediata, primitiva, limbica, e una più lenta, evoluta, corticale. Chi ha detto che la spiritualità non passi anche attraverso di essa?

 25/02/2017 10:39:08
RobertoMontanari

RobertoMontanari99269

Naufrago

in risposta a ↑

Mariacatena5, concordo

L'introspezione è quell'operazione che ci permette di escludere gli input esterni (=realtà) e di focalizzarci su un universo che è contemporaneamente interiore e universale.

E' contemporaneamente personale e collettivo.

E' contemporaneamente istantaneo ed eterno.

E' un universo incredibilmente ricco, all'interno del quale "conosciamo" un sacco di cose che con la realtà hanno poco a che fare.

(non ho detto "nulla" eh..)

La cosa divertente, è che quelle conoscenze sono "utili" anche quando riemergiamo, e ci relazioniamo con gli altri.

E questo credo dipenda dal fatto che quell'universo ce l'abbiamo tutti.

Anche se non tutti ne approfondiscono la conoscenza

L'unico appunto alla tua considerazione, lo farei sulle emozioni, che per me non sono strettamente associabili alle percezioni. Sono un fenomeno interno. Per conoscerle bene si può aspettare che emergano, ma possiamo anche perlustrarle con l'introspezione, o stuzzicarle con l'immaginazione.




 25/02/2017 10:54:10
in risposta a ↑

RobertoMontanari, ahhh l'immaginazione! Croce e delizia.

Se però prendiamo per buono l'insegnamento buddhista, ovvero che la mente è un senso come gli altri, anche il suo lavoro, nel suo complesso lavoro interno, è una percezione da elaborare... Mi piace un sacco questa lettura   

 25/02/2017 11:31:12
Contrabbandiere

Contrabbandiere39201

PLA-XIT

Un rivoluzionario.

 25/02/2017 09:46:18

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader