Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

#vecchieDomande: È vero che l'uomo vive più a lungo per un miglioramento attuale delle condizioni igienico-sanitarie?

Apro una nuova serie di domande a tema!

In onore di questa domanda postata da @loras  riguardo a Yahoo!Answer ho pensato che fosse carino riproporre su questa piattaforma alcune domande che posi e che - a mio parere - potrebbero essere di interesse e sviluppo di discussione.


La domanda odierna: molto spesso, guardando la tv, si sente dire che l'uomo oggi vive più a lungo perché le condizioni igienico-sanitarie sono migliorate notevolmente. Ma è del tutto vero?

Tempo fa, alcuni scienziati si sono posti questa originale domanda:

"perché una scimmia bonobo, che ha un Dna molto simile al nostro e passa la maggior parte del proprio tempo a lavarsi e a pulirsi, vive per massimo 20 anni, mentre uno svedese del 1700, in precarie condizioni igienico-sanitarie, in una piccola comunità, poteva anche arrivare a vivere fino a 70 anni?"


La risposta che ne è scaturita mi ha lasciato senza parole. Voi che ne pensate?


Per i curiosi metto il link delle domande dello stesso tema:

Come mai non si sono evolute altre forme di vita?


 17/02/2017 11:51:13
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
6 commenti
abc12345

abc1234558971

Probitas

Se guardiamo alle recenti statistiche, l’Italia è passata in testa al mondo per longevità, superando anche il Giappone che deteneva il record; abbiamo anche la donna più anziana al mondo – una signora di Verbania che ha appena compiuto 117 anni.


Per quanto riguarda le condizioni igieniche, mi pare scontato; se abbiamo in Italia 4 milioni di oltre ottuagenari, è evidente che l’assistenza sanitaria e le condizioni igieniche han fatto la loro parte. Non dimentichiamo che, nel campo dei tumori, i medici riescono a salvare ben il 70% dei pazienti; mi pare una conquista, rispetto a soli 50 anni fa quando un tumore era ancora incurabile. Quanto alla scimmia bonobo.


Ho letto ultimamente il libro del biologo inglese, Lyall Watson dal titolo: “La marea della vita” il quale citava proprio quella scimmia, ma non riesco a trovare la pagina di riferimento. Il tuo quesito però lo dovremmo estendere anche agli animali che superano l’uomo in età. Ci sono animali che superano i 500 anni.


Attendo anch’io repliche per sentire se qualcuno ha scoperto qualche altra notizia in merito; siamo ansiosi di sentire anche cos'hai scoperto tu - per averti lasciato senza parole.

 18/02/2017 11:22:13
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

abc12345, innanzitutto grazie per la risposta. Forse questa domanda appare di risposta troppo scontata. Per questo pochi hanno inviato un messaggio, credo. Lo riscontro anche nelle tue parole:


Per quanto riguarda le condizioni igieniche mi pare scontato


Invece non è così scontato. Infatti la cura dell'igiene è utile al singolo per aumentate la propria aspettativa di vita. Se mi lavo arrivo a 100 anni, se non mi lavo muoio a 90, esempio. Questo indica che non viene aumenta la longevità totale dell'individuo, ma esclusivamente l'aspettativa di vita del singolo individuo. Detto in parole povere: una persona umana ha le potenzialità per arrivare massimo a 120 anni. Anche se curiamo al massimo l'igiene avremo quella soglia limite e non potremmo mai andare oltre. 

Nel passato una maggiore diffusione della sterilizzazione degli attrezzi chirurgici ha aiutato nel prevenire malattie, ma non ha allungato la vita massima degli individui, ne ha solo migliorato le aspettative di vita del singolo.


Proprio da questo nacque la domanda, seppur semplice, degli studiosi. Come mai il Bonobo, che vive per la maggior parte del tempo a lavarsi e a pulirsi in gruppo, vive massimo fino a 50 anni, mentre un essere umano, per quanto sporco e puzzolente possa essere, fino ai 70 anni ci arriva tranquillamente? 

Come mai hanno usato il paragone con la scimmia bonobo? Perché è l'animale più simile a noi, circa il 98% del suo Dna è identico al nostro. Eppure la differenza di vita massima è molto differente.







SPOILER

I ricercatori hanno concluso che questa nostra "vita più lunga" deriva da un periodo arcaico dell'uomo. Poco dopo che il ramo evolutivo si è scisso, lasciando le due specie separate, l'homo ha differenziato la propria dieta, mangiando grandi quantità di carne, così da introdurre più proteine nel corpo. Mentre la scimmia bonobo è rimasta totalmente vegetariana. Questo cambio di dieta da parte dei nostri antenati ha dato la possibilità al nostro sistema immunitario e a tutto il corpo di sviluppare maggiori difese, maggiore sviluppo e maggior resistenza ai fattori esterni. 

Per maggiori dettagli: sito.



 18/02/2017 13:50:47
abc12345

abc1234558971

Probitas

in risposta a ↑

Campari, Ohei! Campari; senza volerlo mi hai “offeso” perchè sono un vegetariano, non proprio ortodosso (perchè qualche pollo lo mangio anch’io) ma, a forza di menarmela, un amico medico chirurgo mi ha convinto, dicendomi che ha seri dubbi sulla carne, che secondo lui è cancerogena; nota bene…è un medico che opera tumori intestinali da 40 anni. “Io speriamo che me la cavo”…ha scritto quello scugnizzo di Napoli su di un tema in classe. Grazie per la simpatia; seguirò comunque il Post per vedere se ci sono altri interventi diciamo, di tipo scientifico.

 18/02/2017 14:26:28
Shirahime

Shirahime2501

Sognatrice malinconica

Le condizioni igienico-sanitarie sono molto importanti basti pensare a tutti gli interventi di prevenzione e screening che ci permettono di fermare sul nascere malattie deleterie, oltre ad una maggiore efficacia delle terapie farmacologie e in generale degli strumenti diagnostici e chirurgici. Riguardo al bonobo non saprei, mi sembra un po'azzardato usarlo come metodo di paragone, il Dna Sará anche simile ma questo vuol dire poco, anche una piccola percentuale puó essere un abisso per quel che riguarda lo sviluppo e i processi di invecchiamento e morte programmata delle cellule. Se l'aspettativa di un bonobo é di 20 anni vuol dire che le sue strutture verso quell'etá cominciano a funzionare male perché c'é meno rinnovo cellulare, quindi le condizione igieniche possono influire ma per differenze di pochi anni. Ad esempio anche cani di razze diverse hanno aspettative di vita differenti, eppure sono addirittura della stessa specie. Purtroppo il Dna definisce un limite che non possiamo superare di molto. Noi siamo riusciti ad aumentare di molto la nostra aspettativa i vita perché ci siano rimboccati le maniche, é dall'alba dei tempi che lottiamo per non morire migliorando le tecniche per pulire le ferite e cercando le sostanze naturali con proprietá farmacologiche. Lavarsi aiuta ma non basta, un bonobo puó anche lavarsi tutto il giorno, ma se poi gli si infetta una ferita perché non é in grado di fasciarsela, muore. E anche nel 1700 si poteva arrivare a 70 anni, ma c'é da vedere quale percentuale della popolazione in precarie condizioni igienico-sanitarie poi ci arrivava effettivamente. Secondo me é la scienza applicata alle pratiche igieniche e sanitarie che ci ha permesso di spingerci cosí lontano, e chissá, forse in futuro ci porterà anche oltre.

 19/02/2017 18:32:21
Campari

Campari3326

Appassionato di Storia e fotografia

Shirahime, ottima risposta. Peccato che non siano tutte così accurate e interessanti le risposte su Quag. Molto buono il dilemma che poni sul Dna dell'uomo con le scimmie. 

Ciononostante devo ricordarti che la cura dell'igiene, soprattutto quella portata a partire dal 1800 ad oggi, ha aiutato l'essere umano a non morire per cause accidentali. Ad aumentare è stata l'aspettativa di vita e non l'età massima raggiungibile. 


Per spiegare la differenza faccio l'esempio di un piccolo paesino. Supponiamo che in tale posto ci siamo 100 persone e il 50% di queste muoia in un incidente stradale attorno ai 60 anni. Mentre gli altri, che muoiono per cause "naturali", arrivano a 100. Questo vuol dire che l'uomo (e la donna ovviamente) ha un massimale di 60 anni di vita? No, ma che l'aspettativa [ovvero quanto ci si aspetta che un uomo viva] è una media fra i 100 e i 60. Quindi l'aspettativa di vita di una persona è 80 anni, mentre l'età massima (o "speranza" di vita) è 100. 


Ecco, il lavare gli attrezzi medici, migliorare il cibo in un età adulta, ecc. ha aumentato l'aspettativa di vita, ma non il massimale. Ciò non toglie che lavarsi e pulire le cose e sterilizzarle sia importantissimo. 


Per quanto riguarda il dilemma che poni, si trova una "facile" risposta. È vero che anche fra le razze canine vi sono sostanziali differenze sull'età massima di vita, ma tutto sommato il range è molto "stretto". L'età varia per la taglia, che ,tutto sommato, va dai 15 ai 18 anni per uno cane piccolo, e fra i 10 e i 13 per uno di grande taglia. 

Mentre fra uomo e altre scimmie le differenze sono abissali: come detto un bonobo arriva massimo a 50 anni: la metà di noi umani. Gli scimpanzé, in oltre, sono i più longevi fra le scimmie. Anche in questo caso, maggiore è la taglia e minore è l'età: i gorilla, infatti, vivono massimo 40 anni.

Per maggiori dettagli sulla reale risposta invito anche te a leggere il sito. Saluti.

 20/02/2017 13:58:38
Shirahime

Shirahime2501

Sognatrice malinconica

in risposta a ↑

Campari, l'esempio dei cani serviva solo per sottolineare che il Dna non é il solo fattore da considerare quando si parla della differenza di durata e aspettativa di vita tra due specie, della serie visto che é differente perfino tra razze della stessa specie, non c'é da stupirsi se c'é un grande divario tra due specie diverse, a prescindere da quanto dna hanno in comune. Inoltre ci siamo differenziati dopo un lungo processo evolutivo e abbiamo continuato ad evolverci nel tempo, durante questi processi evidentemente abbiamo anche selezionato dei geni che favoriscono una maggiore longevitá, oltre al miglioramento delle condizioni di vita che hanno ridotto il numero delle morti casuali, che non é comunque cosa da poco, meno morti vuol dire piú variabilitá genetica e quindi piú possibilità di passare alla prole geni vantaggiosi. Purtroppo non ho una preparazione adeguata per darti risposte precise e definitive, peró secondo me vista la nostra storia evolutiva anche un divario cosí grande é plausibile. 

 20/02/2017 17:18:06

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader