Idee per PNG / Storytelling

Ciao a tutti, butto lì in forma prosaica qualche background di png creati recentemente 
Fatemi sapere cosa ne pensate

Arpagon Seri è un elfo ebreo. Prima di essere nominato tesoriere del regno svolgeva le professioni di mercante e contabile. Indossa degli abiti da nobile adorni di gemme ed una pelliccia dalla quale non si separa neanche al chiuso. Dotato di buona intelligenza,possiede qualche nozione di storia, geografia ed araldica, ma non è molto carismatico.Di costituzione esile e mani svelte, non è avvezzo ai lavori pesanti. Ha gli occhi attenti, il naso fino ed è notoriamente scettico, è quasi impossibile ingannarlo. Sulla sua scrivania tiene come fermacarte dei dadi truccati, trofeo sequestrato a qualche sprovveduto ladrundolo che aveva tentato di truffarlo.

Ha l'hobby della calligrafia, fuma la pipa e non disdegna il whiskey e il vino, in modiche quantità


Felix Bartòk, in arte Modest Felix, è uno gnomo vagabondo, un abile menestrello e cantastorie poliglotta. Le sue conoscenze spaziano per tutto lo scibile, dalla storia alla geografia, dall'araldica alle religioni, dall'ingegneria alle scienze naturali, ed è anche dotato di un ottimo intuito. Non è molto saggio, e non ha mai voluto imparare un mestiere, preferendo vivere alla giornata, suonando e cantando per le strade per ore e ore, schiarendosi di tanto in tanto la voce con un bicchiere, e offrendo da bere a chi gli lancia una moneta. è un autentica sagoma, inconfondibile nel suo mantello multicolore. Dotato di un pronto intuito, baciato dalla dea bendata e adorato dalle donne, si mormora che le sue canzoni siano in realtà incantesimi e che sia in grado di entrare nei sogni della sua musa del momento. Di certo non si separa mai dal canzoniere in cui annota le sue melodie, nemmeno nelle sue frequenti visite ai bordelli.

Il suo carattere e le sue abilità lo rendono un perfetto interlocutore per trattare con i dignitari stranieri


Ren Robin è un halfing dai riflessi felini, agile e snello. ha la mano lesta, gambe scattanti, passo leggero e un innato talento per la truffa e i travestimenti. Spesso viene scambiato per un bambino umano e la cosa non gli crea alcun problema, anzi, spesso usa questo malinteso a suo vantaggio. Non sorprende che sia stato assunto come capo delle spie del regno.

Indossa un mantello doubleface e al collo porta una lunga sciarpa piena di piccole tasche in cui nasconde attrezzi da scasso e sacchettini di spezie costose, con le quali corrompere alla bisogna qualche guardia. Indossa tre o quattro strati di vestiti differenti, per camuffarsi rapidamente quando viene scoperto o quando deve raccogliere informazioni senza dare nell'occhio. Nessuno lo sa, ma il piccolo anello che porta all'anulare sinistro contiene un vano segreto... quasi sempre usato per trasportare veleni!


Lo sceriffo della città è un nano saggio ma non molto affabile. Cresciuto nei bassifondi, riconosce i criminali con un solo sguardo. Esperto di armi da fuoco e ottimo birraio dilettante. Gli spessi occhiali scuri sono praticamente incastrati in un'impenetrabile faccia da poker, e nascondono i suoi vispi occhi che vedono anche al buio. Memoria storica della città, non c'è fatto o voce di cui non sia a conoscenza.


 09/12/2016 18:26:02
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
30 commenti

Qualche aggiornamento

Xavier Buchner è il bibliotecario. Appartiene alla stirpe dei Samsaran, un popolo mitico destinato a reincarnarsi in perpetuo.

Nutrito di ricordi prima ancora che di latte materno, è entrato da novizio in un convento nel quale ha trascorso un paio d'anni per imparare i rudimenti della magia. Abbandonata l'istruzione religiosa, si diede allo studio da autodidatta, diventando il massimo esperto di praticamente qualunque argomento, da quelli più "comuni" come la teologia e la biologia, fino a quelli più astrusi, lo studio delle altre dimensioni e delle bestie magiche. L'araldica e l'ingegneria lo annoiano, ma possiede discrete conoscenze anche in quelle materie. Mancino, scrive i suoi diari da sinistra verso destra, come Leonardo da Vinci.

Suona il clavicembalo, è un eccellente oratore, un abile calligrafo.  Sono pochissime le situazioni in cui non saprebbe come comportarsi: nonostante preferisca gli studi teorici, possiede nozioni di pronto soccorso, di galateo, di sopravvivenza, ha qualche idea di come si addestra un animale e di come si scassina una serratura.
La sua inestinguibile Sehnsucht per la conoscenza l'ha spinto a fare una cosa che pochissimi avrebbero il coraggio di fare: si è fatto impiantare un chiodo nel cranio per stimolare artificialmente la sua corteccia cerebrale. Non è uno sprovveduto, e si è affidato alla persona perfetta per questo compito: il piercer mezzorco, fratello del tatuatore.

Ah quasi dimenticavo... è un poliglotta leggendario, con la sua fluente conoscenza di ben 16 lingue, tra le quali, a titolo di esempio, l'infernale, il draconico e l'idioma delle sfingi.
Ha per famiglio una scimmietta che lo aiuta a raggiungere i libri posti negli scaffali più alti.





Pafnuzia Vildebranda Fulcanelli è una changeling, cioè il frutto della peccaminosa unione tra una strega malvagia e uno sventurato mortale.

Dotata di pronta intelligenza e viste anche le sue origini, non sorprende che fin da piccola sia stata pericolosamente curiosa nei confronti di tutto ciò che riguarda la magia ed i culti eretici.

Il suo mestiere consiste nel produrre e smerciare veleni, esplosivi, pozioni ed altri misteriose sostanze. Ha capito in fretta che il modo migliore per raggiungere i suoi scopi è quello di non pestare i piedi alle autorità cittadine: lei è solo una libera professionista, non ha mai ucciso nessuno...ma gode intimamente nel trafficare in polveri mortifere e funghi allucinogeni.

Ha l'hobby della birra artigianale, e per questo motivo è in competizione con lo sceriffo cittadino.

Nonostante le sue bizzarre origini e la professione dalla discutibile moralità, potrebbe essere definita di bell'aspetto...Se non fosse per il terzo braccio che le spunta dalla schiena, orripilante risultato di un esperimento...conclusosi alla perfezione. Quest'arto soprannumerario, abnorme eppure perfettamente funzionale, è solo il primo passo di un grande progetto di trasformazione del suo corpo...

 27/12/2016 21:05:39 (modificato)

smanagramderossi, le descrizioni sono  molto carine, ma non ho ben capito a cosa sono destinate. Per un freestyle di storytelling?

 27/12/2016 21:21:26
in risposta a ↑

Santiago44, semplicemente per la campagna di un gioco di ruolo :) questi sono personaggi non giocanti,

 28/12/2016 00:56:22

@Berenice @daddylikesman @JanSan @Diamake @Charlesdexter 

Qualcuno avrebbe voglia di darmi un feedback ?   Ditemi cosa vi piace, cosa no, cosa vi sembra banale, cosa vi sembra ben architettato



 28/12/2016 17:39:26
Diamake

Diamake104396

Quanto vorrei vedere quel ponte sulla Drina

smanagramderossi, hai ragione... avevo messo il like anche per ricordarmi di rispondere, ma alla fine mi sono persa tra festività varie   

Ora devo scappare, ma domani ti rispondo volentieri e con calma!

 28/12/2016 17:44:43

smanagramderossi, mi piacciono e sono adulti, poi ti rispondo anch'io meglio appena ho testa!

 28/12/2016 21:48:50
in risposta a ↑

Charlesdexter, in che senso adulti?   

@Diamake ci conto eh!

 29/12/2016 14:30:18

smanagramderossi, mah, come ho letto, ho pensato "accidenti, perché non è il mio master?"... onestamente mi piacciono tutti i personaggi. I miei preferiti sono il signor Xavier Buchner e Modest Felix. L'unicissima cosa che non mi convince, ma solo perché ho in mente il pantheon di DnD, è il dettaglio "ebreo", che pure calza bene, ad Arpagon Seri.

 01/01/2017 18:07:10
in risposta a ↑

Berenice, che bel complimento, grazie! Anche io sono affezionato in maniera particolare al Professor Xavier e a Modest   Effettivamente non penso che ci siano gli ebrei in Pathfinder/DnD, ma mi è uscita così. Adesso magari aggiungo un altro paio di background

 01/01/2017 19:03:49
in risposta a ↑

Berenice, ho dimenticato di dire che Xavier ha un famiglio, una scimmietta che lo aiuta a raggiungere i libri posti negli scaffali più alti   

 03/01/2017 15:37:04
Diamake

Diamake104396

Quanto vorrei vedere quel ponte sulla Drina

smanagramderossi, come promesso, anche se in notevole ritardo, eccomi: premetto che non sono una grande conoscitrice dell'argomento, ma dalle varie descrizioni quelle che mi sono piaciute di più sono quelle successive all'apertura del post.

In particolare mi piace Athanas (sarà che ho la predilezione per le figure solitarie) e al secondo posto metterei Xavier Buchner se non fosse che mi da la sensazione di essere troppo perfetto. Quindi vada che il secondo posto in ordine di gradimento lo assegno a Pafnuzia Vildebranda Fulcanelli (anche se ha un nome un pochetto impronunciabile per me)... proprio per questo mi farebbe piacere leggere di altri personaggi femminili.

Sinceramente invece, per quanto riguarda le prime descrizioni, mi sanno un po' di qualcosa di fin troppo già visto, a parte Arpagon Seri che mi ha fatto subito simpatia... ma è solo una piccola opinione personale   

 03/01/2017 15:50:03
in risposta a ↑

Diamake, ho in cantiere un paio d'altri personaggi femminei
Un'erborista druida della tribù Zenj, proveniente dal tropicale continente di Mwangi ma da tempo trasferitasi in città; semianalfabeta ma con un ricco patrimonio di cultura orale, dotata della capacità di capire le capacità e le debolezze di una creatura semplicemente toccandola. Avrà più o meno di quest'aspetto



E poi una prostituta esperta ancorchè giovine e leggiadra, con discrete doti acrobatiche, linguistiche e di intrattenimento (danza, canto, oratoria, strumenti a fiato). Le sue manine affusolate le hanno fatto ottenere costosi regali dai più disparati abitanti del regno.
Il bardo le ha regalato una sciarpa di seta semitrasparente che rende le sue danze ancora più conturbanti... e ciò gli è costato quasi duemila monete d'oro, oltre metà delle sue finanze. Ma Felix non attribuisce gran valore al denaro.
Il tatuatore (un mezzorco batterista metal con la faccia piena di chiodi, non privo di sensibilità artistica nonostante il suo aspetto feroce) rimasto affascinato dalla sodezza delle carni della meretrice, si è offerto di tatuarla "gratuitamente" con motivi tribali che esaltano la naturale flessuosità delle membra.

Udite udite, neanche Athanas è rimasto immune al suo fascino! Progetta di regalarle un rossetto molto speciale: una volta spalmato sulla sua bocca di rosa, la proteggerà dal primo veleno che ingerirà, e anche da eventuali "baci" di vampiri. Però non ha ancora trovato il coraggio--- ed i soldi.




Sento già le grida in lontananza... "Sessista!Razzista!Sono due rappresentazioni stereotipate delle donne e dei migranti"

Giuro che mi sono impegnato però   





 03/01/2017 16:29:21
Diamake

Diamake104396

Quanto vorrei vedere quel ponte sulla Drina

in risposta a ↑

smanagramderossi, no, invece mi piacciono molto   In particolare l'erborista druida. Mi ha ricordato un po' un libro che avevo letto anni fa: Hakawati, nel quale si raccontano le storie che gli hakawati si tramandano per via orale in Libano.

Mi piace l'idea della trasmissione della saggezza popolare tramite racconto   

 03/01/2017 16:40:08
in risposta a ↑

Diamake, piccolo aggiornamento: varie circostanze sommatesi mi hanno suggerito che Athanas potrebbe avere una gemella!   

 03/01/2017 19:30:12

smanagramderossi, mi piace l'intento e alcuni dettagli, non mi piace non vederli ancora in azione. Tutto dipenderà da come li farai muovere e interagire. A volte alcuni dettagli possono trasformarsi in un prezioso approfondimento, altre invece in un ingombrante strascico. 

E comunque sbottonali quanto più puoi per renderli davvero credibili.

 04/01/2017 19:27:16
in risposta a ↑

Charlesdexter, grazie per il commento, ti faccio qualche domanda perchè il tema mi appassiona

cosa intendi di preciso con "non mi piace non vederli ancora in azione"?


"A volte alcuni dettagli possono trasformarsi ecc"

Mi faresti qualche esempio?

 04/01/2017 19:44:03
in risposta a ↑

smanagramderossi, essendo appassionato di letteratura ho poca tolleranza per i personaggi statici. Vedendo anche ciò che scrivi di solito e come stai costruendo i tuoi caratteri mi sembra ne stia facendo più che semplici macchiette. Quindi ad esempio mi piacerebbe vedere Athanas che incontra per strada un guerriero e lo guarda negli occhi provocandogli tremore o sarei curioso di vedere che succede ad Arpagon Seri quel giorno in cui una prostituta orientale lo fa ubriacare per farsi rivelare segreti di corte.

 04/01/2017 20:29:37 (modificato)
in risposta a ↑

Charlesdexter, ok adesso è più chiaro, grazie.

Rispondendo nel merito, ti posso dire che Arpagon l'ho immaginato molto morigerato: non un ebreo osservante, ma nemmeno uno che mangia gamberetti tutti i giorni. Ti dirò, mi hai dato lo spunto per farlo quasi vegetariano... non si concede più di due o tre porzioni di proteine animali (kosher o non kosher) a settimana. Comunque, non frequenta prostitute: sa quanto sono avide, e prende molto sul serio il suo incarico di tesoriere (tu affideresti la gestione economica del regno a uno che va a zozze e si ubriaca?   )


Athanas non ha l'abitudine di guardare male la gente (per chi ha dimestichezza con i giochi di ruolo, non ha messo punti nell'abilità "Intimidire")...Quello è l'inquisitore (per il quale non ho ancora pensato nome/storia)! Ti dico solo che è fatto di pietra!


Se ti vengono in mente altri spunti fammi sapere, li ho trovati preziosi e stimolanti

 05/01/2017 03:27:52

Athanas, il custode del cimitero, è un aasimar dall'aspetto raccapricciante, segnato da un crudele passato. Nato prematuramente da una madre gravemente malata durante un'epidemia di peste, solo per miracolo è sopravvissuto al parto, che però ha ucciso sua madre. La fatica del travaglio e i segni del morbo gli hanno conferito un aspetto smagrito che lo fa assomigliare a un cadavere. Eppure difficilmente si ammala, nonostante abbia a che fare quotidianamente con cadaveri di qualsiasi tipo, non sempre morti serenamente nel sonno... Ma non è questo il suo attributo più sconvolgente. Il suo corpo è debole quanto la sua mente è possente. Fin da bambino è ossessionato da visioni di morte, che gli rivelano oscure profezie... e con gli anni ha imparato addirittura a riportare alla vita i defunti e a comandarli.I suoi studi e le sue "inclinazioni" l'hanno portato a essere un profondo conoscitore della Storia, della Teologia e delle Altre Dimensioni.

è incapace di mentire, ha un carattere solitario e anche gli animali lo evitano. non è malvagio, ma la sua presenza è di per sè intimidatoria e l'autoreclusione in cui vive ha drasticamente peggiorato le sue maniere. Ha il fiuto di una fiera predatrice quando si tratta di individuare dei corpi morti...o quasi morti.

 01/01/2017 19:23:19

@Berenice @Diamake 

Aggiunti un paio di dettagli su Xavier   

 05/01/2017 14:43:10

smanagramderossi, io sarei curiosissima anche su Pafnuzia: racconteresti del suo progetto? Per favore!

Xavier diventa sempre più adorabile, dal mio punto di vista.

 06/01/2017 11:19:39
in risposta a ↑

Berenice, visto che lo chiedi così gentilmente, ecco qua il suo progetto   

Dopo il braccio soprannumerario, il prossimo passo saranno... un paio di ali da pipistrello, che le consentiranno di volare per alcuni minuti al giorno. Non molto, ma sufficiente, se si è bravi a gestire il proprio tempo.

Dopodichè, diventerà ancora più esperta nel mescere i suoi intrugli: i suoi estratti avranno due poteri anzichè uno. Ti lascio immaginare quanta precisione serva per combinare due soluzioni di (diciamo) sangue di rospo e linfa di ortica!

Tre braccia, due ali... perchè non un tentacolo? :D  Chi ha qualche esperienza di laboratorio sa che gli arti per manipolare strumenti e alambicchi non bastano mai!

Potresti pensare che il risultato sia abbastanza disgustoso... ma Pafnuzia non la pensa così. Il prossimo passo, raggiunto attraverso sostanze venefiche, sarà la creazione di un tumore... che gode di vita propria e a comando può essere staccato dal corpo! Avrà l'aspetto di un aberrante scorpione di carne, o di un pipistrello,Pafnuzia non ha ancora deciso. Tu cosa le consiglieresti   ? 

Bene, ora abbiamo tre braccia, due ali, un tentacolo e un tumore che vola o striscia: non è stato facile arrivare fino a questo punto. Sono state necessarie lunghe ore, ma che dico, settimane di esperimenti, probabilmente anche molto dolorosi. Sarebbe un peccato se un semplice colpo di spada, o una freccia particolarmente appuntita, rovinassero questo tempio della deformità in cui Pafnuzia ha trasformato il suo corpo. Pafnuzia impara a difendersi meglio dai colpi, proteggendo i suoi organi vitali. (in termini di gioco, c'è una probabilità che i colpi critici infliggano solo danni normali, scusa non ho saputo dirlo meglio   )


Credi che Pafnuzia a questo punto sia soddisfatta, che abbia raggiunto il suo scopo? Ormai la conosci abbastanza per sapere che non è così!
Il suo corpo diventa molto più difficile da uccidere: bisogna letteralmente farla a pezzetti molto piccoli per spedirla all'altro mondo. 

(In termini di gioco: Pafnuzia sopporterà un numero maggiore di punti ferita negativi - scusa, non sono riuscito a dirlo in prosa   )

A questo punto, quasi nulla rimane di quella bella streghetta che era stata da bambina... ha ormai un aspetto abominevole, un odore nauseabondo, una morale perversa... ma ancora il suo scopo finale non è raggiunto!
Questo è un passo molto importante*, e tutto dev'essere svolto al massimo della precisione: per un mese intero seguirà una dieta speciale, si sottoporrà a strani esercizi fisici e berrà anche un the un po' velenoso (lei direbbe "Gradevolmente saporito, intenso, non come quella risciacquatura di piatti che bevono gli sciocchi umani"). A quel punto cadrà priva di sensi per un giorno intero... tanto da sembrare morta. Lei sa che i superstiziosi abitanti del villaggio probabilmente ne approfitterebbero per metterlà sotto tre me...sei metri di terra, e allora si chiuderà a doppia mandata nello scantinato della sua bottega. Dopo queste 24 ore di morte apparente ("Un rigenerante sonnellino", lo chiamerebbe lei) si risveglierà con l'aspetto di una mummia, incartapecorita e consumata...Ma a lei che glie frega?? Adesso è immune al freddo, ai danni non letali, alla paralisi e al sonno!


Pafnuzia è quasi arrivata in cima alla piramide della depravazione: l'ultima, epica, tappa è guadagnare la rigenerazione spontanea! "Sono immortale, sucateeee" grida mentalmente Pafnuzia Vildebranda Fulcanelli, mostrando una nutrita collezione di diti medi     



*

https://it.wikipedia.org/wiki/Sokushinbutsu




EDIT: era da un po' che non riprendevo in mano l'alchimista, e vedo che ho ancora parecchie cose da mettere a posto. Possibile che ci saranno variazioni!







 06/01/2017 15:24:44
in risposta a ↑

Mi sono divertita tantissimo a leggere!

Potrei averne ancora, di racconti, per favore?


Pafnuzia è una creatura terribilmente affascinante! Hai deciso la forma del tumore? Potendo essere un po' di parte direi pipistrello, però, secondo me, uno scorpione le si addirrebbe assai di più!

 07/01/2017 12:06:11
in risposta a ↑

smanagramderossi, oh, notevole l'ultima frase   

 07/01/2017 12:07:29
in risposta a ↑

Berenice, adesso cerco di inventarmi qualcos'altro. Hai preferenze?

forse il pipistrello è un po' banale...però conferisce un bel bonus (+3 alle prove di volare)


 07/01/2017 15:01:29
in risposta a ↑

smanagramderossi, nessunissima preferenza   

 08/01/2017 09:21:40

@Berenice qualche spunto, c'è ancora molto da definire.

Uroboros Manasa (nome non ancora definitivo) è un nagaji*, un paladino di Iomedae (dea della giustizia e dell'onore). Ha giurato di proteggere con la vita una reliquia custodita in un piccolo santuario al centro della città, e non abbandona mai la sua postazione. Fisicamente prestante, non è però molto svelto di cervello. Il codice d'onore del suo Ordine normalmente proibisce categoricamente l'uso del veleno: Uroboros, però, è di per se stesso una creatura velenosa. Ha fatto voto di usarlo solo come ultima risorsa, e solo previo avvertimento, per difendere il sacro reliquiario da ladri, blasfemi e altri peccatori. Per controbilanciare questa eccezione al Codice, si è autoimposto ulteriori severe regole di condotta in combattimento: mai fintare, mai colpire un nemico a terra, offrire tre possibilità di arrendersi prima di sferrare il colpo finale, e molte altre ancora, troppe per citarle qui. 
A causa della sua fervida fede in un Dio ritenuto indegno di un vero Rettile ha affrontato ostacoli di ogni tipo: la famiglia l'ha rinnegato, la società lo ha emarginato, la sua nazione l'ha espulso. Tutto ciò non ha minimamente piegato le sue ferree convinzioni, anzi, le ha temprate in maniera permanente.
Incorruttibile, sempre immobile, sguardo fisso e assai taciturno, in pochi hanno potuto udire la sua sibilante favella: e anche in quelle sporadiche occasioni, si limita a poche parole, lapidarie e dal significato inequivocabile. "Non ssi può passsare". "Al prosssimo passo ti attaccherò" "Dessissti o ti ssputerò del veleno in mezzo al visso"


*esseri umanoidi dai connotati rettiliani, squame, lingua biforcuta, pupilla verticale, ecc 

Athanas ha una sorella gemella (non so ancora come chiamarla), maggiore di lui di una mezz'ora, perfetta ed opposta controparte, come lo yin e lo yang. La sua nascita è stata stupefacente: da un corpo debole e malato come quello della madre, ecco uscire una bambina sana, bellissima e lucente...con ali ed aureola! 
Se Athanas si occupa dei corpi, dei morti tanto quanto dei nosferatu, lei si occupa invece delle anime. Ha la capacità di accogliere all'interno della propria mente gli spiriti degli antenati e di trasmettere così messaggi ai vivi. Ciò le ha procurato ovviamente fama di santa tra il popolino: il suo caro fratellino invece è stato trattato crudelmente dai superstiziosi abitanti del villaggio, troppo devoti alla sorella per fargli realmente del male.
è molto legata ad Athanas, verso il quale ha uno spiccato senso di protettività; il fratello accetta ogni disagio della sua condizione, e non prova alcuna gelosia o risentimento nei confronti della scintillante consanguinea. Il loro legame è indissolubile, profondo più degli oceani e del cielo messi insieme, e mai potrà essere pienamente compreso da alcuno.

Nonostante il culto quasi pagano a lei riservato, vive in realtà una profonda solitudine: tutti l'hanno sempre osannata come un angelo, nessuno l'ha mai considerata un essere mortale, con pregi e difetti, desideri e paure...Tutti, tranne uno. Xavier, il sensibile ed introverso professore della biblioteca. Egli è l'unico che è riuscito ad avvicinarsi a comprendere sul serio la straordinaria unicità di questa creatura insieme benedetta e sventurata. Di fatto, i contadini e gli artigiani la considerano poco più che un buco della serratura attraverso il quale spiare nell'altro mondo...Xavier è invece sinceramente commosso e affascinato dalle sue sovrannaturali capacità. Al timido bibliotecario non interessa se siano doni o maledizioni: egli vede le qualità di questa donna come perfette gemme poligonali intagliate in una geometria non euclidea. Xavier è l'unica persona (oltre ad Athanas) con la quale Angela (chiamiamola così per ora) si sente perfettamente a suo agio, al sicuro, accettata senza riserve... in una parola, amata.

 14/01/2017 17:40:32

smanagramderossi, è una storia bellissima! Sono innamorati...?

Il Signor Manasa mi fa paura.

 17/01/2017 19:38:03
in risposta a ↑

Berenice, sono contento ti sia piaciuta la storia   

Se ti fa un po' paura il signor Manasa è un bene, in fondo è un "buttafuori"   

 17/01/2017 19:57:30

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader