UomoconBarba

UomoconBarba6221

Un tipo con fin troppo fiuto. Ah, un tipo libero.

E se Lucifero fosse un Dio più "Open-Mind"?

I Dieci Comandamenti secondo Dio e Lucifero  : 


1)Non avrai altro Dio fuori di me - 1)Ti concedo il lusso del dubbio, crederai poi a ciò che ritieni più giusto


2)Non nominare il nome di Dio invano - 2)Nominami pure, sono qui per ascoltarti


3)Ricordati di santificare le feste - 3)Ricordati che ogni giorno è importante


4)Onora il Padre e la Madre - 4)Onora loro come loro onorato te


5)Non uccidere - 5)Quando la vita ti mette alle strette, non ti condannerò per il gesto


6)Non commettere atti impuri - 6)Puoi commettere atti impuri, purché nella decenza di quest'ultimi


7)Non rubare - 7)Quando la vita ti mette alle strette, non ti condannerò per il gesto


8)Non dire falsa testimonianza - 8)Una bugia a fin di bene non ha mai ucciso nessuno


9)Non desiderare la donna d'altri - 9)"Guardare ma non toccare" non ha mai ucciso nessuno


10)Non desiderare la roba d'altri - 10)"Guardare ma non toccare" non ha  mai ucciso nessuno


Se fossero cosi i comandamenti di Lucifero? E se Lucifero fosse solo un Dio con un pensiero diverso?

 03/12/2016 11:00:59
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
84 commenti
QualisTalis

QualisTalis19376

Man of wealth and taste. Pleased to meet you :)

Che abbia un pensiero diverso é fortemente probabile... in se il punto conflittuale non é tanto il pensiero quanto la sua posizione nei confronti dell'uomo...

 03/12/2016 11:08:54
UomoconBarba

UomoconBarba6221

Un tipo con fin troppo fiuto. Ah, un tipo libero.

QualisTalis, "All'interno di tradizioni cristiane più propriamente esoteriche, Lucifero è un essere differente da Satana, sebbene entrambi rappresentino due aspetti diversi di uno stesso principio del Male. Mentre Satana è una potenza più antica identificabile piuttosto con Arimane o Mefistofele, che cerca di degradare l'uomo trascinandolo nella materialità e inducendolo a riconoscersi soltanto nella natura e negli aspetti più bassi della creazione, Lucifero sarebbe il «Diavolo» in senso letterale («colui che divide»),[52] il quale opera per risvegliare nell'uomo il suo libero arbitrio, conducendolo però in tal modo a esaltare la sua superbia e il suo egoismo.[53] Lucifero sarebbe cioè il Tentatore per eccellenza che agisce nell'interiorità dell'uomo per destarvi passioni malsane, mentre Satana lavorerebbe dall'esterno per vincolare l'umanità alla terra, sovrintendendo allo sviluppo di mezzi mondani e tecnologici al fine di occultare le sue origini spirituali."



 03/12/2016 11:15:41
QualisTalis

QualisTalis19376

Man of wealth and taste. Pleased to meet you :)

in risposta a ↑

UomoconBarba, per quanto non mi pare sia come dici (dalle rispondenze piu accreditate), chiamalo comunque come vuoi, ma é credibile che abbia seguaci, generali, soci o altro che svolgano altri compiti; in questo non cambia il punto che esprimevo. 

 03/12/2016 13:35:43
AlessioM

AlessioM36201

Ricercatore di senso

Stando ai testi religiosi, non si tratterebbe di una divinità alternativa, quanto di una creatura, creata per compiti particolari e che nei confronti del genere umano avrebbe un atteggiamento subdolo e tendente alla "trappola". Poi, a seconda delle interpretazioni, la sua attività può essere considerata come "ribelle" rispetto al disegno divino oppure "necessaria" (mettere alla prova gli esseri umani). 


Noto comunque che i comandamenti "alternativi" sembrano perfettamente coerenti con la mentalità odierna. Dunque la società contemporanea sta seguendo la "divinità alternativa"?

 03/12/2016 11:15:05
UomoconBarba

UomoconBarba6221

Un tipo con fin troppo fiuto. Ah, un tipo libero.

AlessioM, Una mentalità in cui non vige il male ma la libertà, i comandamenti di Dio sono ferrei all'inverosimile, sono "proibizione". Quelli di Lucifero invece sono "liberali", non ti condanna ma ti capisce, non distrugge ma analizza il periodo in cui si vive. 


Secondo me(è un pensiero che sto facendo da un po') non bisogna aver paura di Lucifero, forse è solamente un "pensiero" diverso ma non completamente "maligno". 

 03/12/2016 11:18:45
QualisTalis

QualisTalis19376

Man of wealth and taste. Pleased to meet you :)

in risposta a ↑

UomoconBarba, ...é proprio quello che vuole "lucifero", coerente e speranzoso nella certezza della corruzione umana

 03/12/2016 13:38:07

Io credo che i Comandamenti cristiani siano stati in qualche modo scopiazzati dall'antica legge di Maat.

http://kemetismo.altervista.org/la-legge-di-maat/?doing_wp_cron=1480764673.9287528991699218750000


In quanto tali sono le basi per generare una civiltà millenaria e ordinata per cui non mi stupisce affatto che i Comandamenti siano così restrittivi. Servivano a uno scopo, come le leggi mosaiche, come tutte le altre leggi ebraiche: quello di mantenere l'ordine e la pace nelle tribù ebraiche. È questa la vera arca dell'Alleanza, un patto tra Dio e gli uomini: noi ti seguiamo, in blocco, senza avere altre divinità e tu ci proteggi dal male che c'è nel mondo.

Quanto alle leggi Luciferiane oltre a essere una scopiazzatura della scopiazzatura ( e non me ne vogliano i satanisti laici per questa affermazione che sono miei fratelli tanto quanto i cristiani, gli ebrei, i buddisti ect.) mi sembrano come ha già scritto @AlessioM un modo per essere giustificati delle proprie azioni. Non ci vedo un patto tra l'uomo e il divino, ma una tendenza a voler dire "non ti preoccupare, è naturale e umano sbagliare". Vabbé, credo che l'umanità sappia già che "Errare humanum est" ma che qui si dimentichi che "perseverare autem diabolicum".

È come quando mangi troppi dolci scusandoti che tanto sbagliare è umano per poi star male per il bruciore di stomaco.

 03/12/2016 11:43:02

Bohopearl, che colta sei!   

 04/12/2016 14:17:42
in risposta a ↑

Lillimiu, me lo scrivi a causa del "latinorum"? Per quello non ci vuole nulla, basta imparare a memoria le frasi più sfruttabili   

 04/12/2016 14:28:01
PierGiorgio53

PierGiorgio5357841

in attesa pensione

in linea di massima li trovo accettabili. tranne il punto 1 perché il beneficio del dubbio mi sembra troppo buonista per un Satana che ha bisogno di seguaci.

 03/12/2016 14:45:44
UomoconBarba

UomoconBarba6221

Un tipo con fin troppo fiuto. Ah, un tipo libero.

PierGiorgio53, Lui ha donato all'uomo il famoso libero arbitrio. La scelta quindi è possibile :)

 04/12/2016 19:54:20
in risposta a ↑

UomoconBarba, ma quando mai è stato Lucifero a donare il libero arbitrio agli uomini?

 06/12/2016 10:09:26
UomoconBarba

UomoconBarba6221

Un tipo con fin troppo fiuto. Ah, un tipo libero.

in risposta a ↑

AStro88, Studia, che posso dirti. (:

 06/12/2016 15:18:47
in risposta a ↑

UomoconBarba, mah. a quanto ne so Lucifero ha sfruttato il libero arbitrio per far commettere il peccato originale, non è stato un suo dono.. e non si trova da nessuna parte né nessuno che non sia stato tu ha mai affermato per quanto ne so bestialità simili.. Quindi che dire? non mi serve studiare? Tutto ciò che è associato a Satana, che siano teorie, credenze o altro non vanno bene. E il liberismo odierno attorno a quella cosa è assurdo.. Parlate di Male come di chiacchiere spicce fatte all'Happy hour

 06/12/2016 15:45:35
UomoconBarba

UomoconBarba6221

Un tipo con fin troppo fiuto. Ah, un tipo libero.

in risposta a ↑

AStro88, Sono correnti di pensiero.


Lucifero era un Angelo, Dio privò gli angeli del libero arbitrio. Perché Lucifero si pose al di sopra? Perché Lucifero fu il primo Angelo con libero arbitrio, il primo Angelo con possibilità di pensiero/scelta(il primo Angelo LIBERO) nei confronti di Dio. Infatti si dice che Lucifero fu condizionato da un male ben superiore, ovvero quello Satana. 


Il portatore sano del "libero arbitrio" è quindi Lucifero, Dio ordinò ad Adamo ed Eva una vita da "eterni ma schiavi" dove il PENSIERO non era minimamente ammesso. Se non ci fosse stato Lucifero a condizionare le menti di Adamo ed Eva il libero arbitrio non sarebbe esistito.


P.S : Mi sembri questa spaventato dalla parola "Male e quant'altro", guarda che qui nessuno celebra le messe nere o ha in casa altarini eh. ;)



 06/12/2016 17:37:41
fraann

fraann3906

libero visonario

Il problema è che la visione open-mind  potrebbe essere  condivisa se si fermasse a degli aspetti diciamo marginali dei singoli comandamenti... ma quello che per noi è un aspetto marginale è solo un primo passo verso l'allontanamento dai concetti vitali.


1)Non avrai altro Dio fuori di me - 1)Ti concedo il lusso del dubbio, crederai poi a ciò che ritieni più giusto = E' un invito oltre che a credere in un unico Dio, anche ad ispirarsi a quel che Egli è. Non denaro, piaceri, poteri ecc ma amore, perdono, conforto, giustizia... è un concetto che va allargato dal semplice credo o nn credo, a quali valori l'uomo deve far propri.


2)Non nominare il nome di Dio invano - 2)Nominami pure, sono qui per ascoltarti = 

"...Abbiate sempre nel cuore questo pensiero. E con sincerità chiamate il Signore. Quel Nome è

salvezza. Molti di voi vogliono scendere a purificarsi. Ma purificatevi il cuore, incessantemente, scrivendovi sopra con l’amore la parola: Dio. Non bugiarde preghiere. Non consuetudinarie pratiche. Ma col cuore, col pensiero, con gli atti, con tutto voi stessi dite quel Nome: Dio. Ditelo per non essere soli. Ditelo per essere sostenuti.

Ditelo per essere perdonati. Comprendete il significato della parola del Dio del Sinai. ‘Invano’ è quando dire: ‘Dio’, non è mutazione in bene. Ed è peccato allora. ‘Invano’ non è quando, come il battito di sangue nel cuore, ogni minuto del vostro giorno e ogni vostra onesta azione, bisogno, tentazione, dolore, vi riporta sulle labbra la figliale parola d’amore: ‘Vieni, Dio mio!’. Allora, in verità, non peccate nominando il Nome santo di Dio..."


3)Ricordati di santificare le feste - 3)Ricordati che ogni giorno è importante = 

"..E’ un ordine morale oltre che fisico. Per sei giorni l’uomo fu di tutti e di tutto. Preso come un filo dal

congegno del telaio, andò su e giù senza poter mai dire: ‘Ora mi occupo di me stesso, dei miei più cari. Sono il padre e oggi sono dei figli, sono lo sposo ed oggi mi dedico alla sposa, sono il fratello e gioisco dei fratelli, sono il figlio e curo la vecchiezza dei genitori.’

E’ un ordine spirituale. Santo il lavoro. Più santo l’amore. Santissimo Iddio. E allora ricordarsi di dare

almeno un giorno su sette al nostro buono e santo Padre, che ci ha dato la vita e ce la mantiene. Perché trattarlo da meno del padre, dei figli, dei fratelli, della sposa, dello stesso nostro corpo?"

E cosa importante è un giorno di riflessione intima

"Dio vuole opere vive, non simulacri d’opere... E’ simulacro la santificazione del sabato,

ossia il riposo materiale che non si accoppia al lavoro intimo, spirituale, santificante di un retto esame di sé, di un umile riconoscimento della propria miseria, di un serio proposito di fare meglio nella prossima settimana."


4)Onora il Padre e la Madre - 4)Onora loro come loro onorato te 

"...Ma per non essere malvagi fratelli sempre, e adulteri sposi un giorno, bisogna imparare sino dalla prima età il rispetto verso la famiglia, organismo che è il più piccolo ed il più grande del mondo. Il più piccolo rispetto all’organismo di una città, di una regione, di una nazione, di un continente. Ma il più grande perché il più antico; perché messo da Dio quando ancora il concetto di patria, di paese non esisteva, ma già era vivo e operante il nucleo famigliare, sorgente alla razza e alle razze, piccolo regno in cui l’uomo è re, la donna regina, sudditi i figli. Può mai un regno durare se diviso e nemico fra i suoi singoli abitanti? Non può durare. E in verità non dura una famiglia se non c’è ubbidienza, rispetto, economia, buona volontà, operosità, amore..."

"...Però, udite ancora, però al dovere dei figli corrisponde un pari dovere dei genitori. Maledizione al figlio colpevole! Ma maledizione anche al colpevole genitore. Fate che i figli non vi possano criticare e copiare nel male. Fatevi amare per un amore dato con giustizia e misericordia. Dio è Misericordia. I genitori, secondi solo a Dio, siano misericordia..."

Se a Dio spetta giudicare le nostre azioni, noi che siamo genitori o figli spetta il dovere di onorare questo legame con amore ed esempio.


5)Non uccidere - 5)Quando la vita ti mette alle strette, non ti condannerò per il gesto 

"Nel misurare una colpa occorre pensare alle circostanze che precedono, preparano, giustificano, spiegano la stessa. ‘Chi ho colpito? Che cosa ho colpito? Dove ho colpito? Con quali mezzi ho colpito? Perché ho colpito? Come ho colpito? Quando ho colpito?’: questo si deve chiedere prima di presentarsi a Dio, per chiedergli perdono, quello che uccise... ‘Perché ho colpito?’ Oh! per quanti perché! Dall’improvviso squilibrio che crea in voi una emozione violenta, quale è quella di

trovare il talamo profanato, o il ladro in casa, o un lurido intento a far violenza alla propria figlia fanciulla, al freddo e meditato calcolo di liberarsi di un testimonio pericoloso, da un che intralcia la via, da uno di cui si aspira al posto o alla borsa: questi sono tanti e altrettanti perché. E se ancora Dio può perdonare a chi nella febbre del dolore diviene assassino, non perdona a chi lo diviene per avidità di potere o di stima fra gli uomini..."


6)Non commettere atti impuri - 6)Puoi commettere atti impuri, purché nella decenza di quest'ultimi 

"il piacere è un tossico che aspirato da qual che sia bocca contagia, fa arsi di un fuoco che credendo saziarsi si spinge fuor dal focolare e divora, sempre più insaziabile, lasciando acre sapor di cenere sotto la lingua e disgusto e nausea e sprezzo di sé e del compagno di piacere, perché quando la coscienza risorge - e fra l’una febbre e l’altra essa sorge - non può non nascere questo sprezzo di sé, avviliti fino a sotto la bestia?"

 Anche se sembra un concetto molto bigotto, a furia di lasciarsi prendere dalle passioni, abbiamo effettivamente trasformato le persone in oggetti o passatempi, sminuendone dignità e importanza... questo è innegabile.


7)Non rubare - 7)Quando la vita ti mette alle strette, non ti condannerò per il gesto

10) non desiderare la roba d'altri

"Dio dà ad ognuno il necessario. Questo è in verità. Cosa è necessario all'uomo? Il fasto? Il grande numero di servi? Le terre i cui campi non si possono contare? I banchetti che vedono da un tramonto sorgere un'aurora? No. Necessario all'uomo è un tetto, un pane, una veste. L'indispensabile per vivere. Guardatevi intorno. Chi sono i più allegri ed i più sani? Chi gode di una sana vecchiezza serena? I gaudenti? No. Quelli che onestamente vivono, lavorano e desiderano. Essi non hanno veleno di lussuria e rimangono forti. Non veleno di crapule e rimangono agili. Non veleno di invidie e rimangono allegri. Mentre chi desidera avere sempre più uccide la sua pace e non gode, ma precocemente invecchia, arso da livore o da abuso.

Potrei unire il comando del "non rubare" a quello del "non desiderare ciò che è d'altri". Perché infatti il

desiderio eccessivo spinge al furto. Non è che un passo breve da questo a quello. É illecito ogni desiderio? Io non dico questo. Il padre di famiglia che, lavorando nel campo o nell'officina, desidera trarne di che assicurare pane alla prole, non pecca in verità. Anzi ubbidisce al suo dovere di padre. Ma quello che invece non desidera altro che godere di più, e si appropria di ciò che è d'altri per giungere a godere di più, costui pecca. L'invidia! Perché, che è il desiderio della cosa altrui se non avarizia e invidia?"  Se persino nell'omicidio si possono valutare mille attenuanti figuriamoci nel furto: è ovvio che rubare per nutrisi non sarà come rubare per puro desiderio di superfluo.



8)Non dire falsa testimonianza - 8)Una bugia a fin di bene non ha mai ucciso nessuno

La questione va guardata in senso un pò meno semplicistico, soprattutto considerando il fatto che una testimonianza può far incarcerare persone, può portare alla morte (soprattutto in passato) ecc. 

"Cosa c’è più nauseante di un bugiardo? Non si può dire che egli accentra crudeltà con impurità? Sì, che si può. Il bugiardo, parlo del bugiardo in cose gravi, è crudele. Egli uccide una stima con la sua lingua. Dunque non è diverso dall’assassino. Anzi dico: è più di un assassino. Costui uccide solo un corpo. Il bugiardo uccide anche il buon nome, il ricordo di un uomo. Perciò è due volte assassino. E’ l’assassino impunito perché non sparge sangue, ma lede un onore, e del calunniato e della sua intera famiglia. E non contemplo neppure il caso di uno che giurando il falso mandi un altro alla morte. Su questo si sono già accumulati i carboni della Geenna. Ma parlo solo di chi con bugiarda parola insinua e persuade altri in sfavore di un innocente. Perché lo fa? O per odio senza ragione. O per avidità di avere ciò che l’altro ha. Oppure per paura...

...Voi direte: ‘Ma dove è la testimonianza falsa?’ Ogni menzogna è testimonianza falsa. Non solo quella legale.Siate semplici come semplice è Dio e il fanciullo. Siate veritieri in tutti i vostri momenti della vita. Volete essere reputati buoni? Siatelo in verità. Se anche un maldicente volesse dire di voi male, cento buoni direbbero: ‘No. Non è vero. Egli è buono. Le sue opere parlano per lui’."



9)Non desiderare la donna d'altri - 9)"Guardare ma non toccare" non ha mai ucciso nessuno

"L’uomo è troppo debole per potere desiderare senza poi giungere a consumare il desiderio...

E’ la tentazione un male? Non lo è. E’ l’opera del Maligno. Ma si muta in gloria per il vittorioso su essa.

Il marito che va ad altri amori è un assassino della sposa, dei figli, di se stesso. Colui che entra nell’altrui dimora per fare adulterio è un ladro, e dei più vili. Pari al cuculo, gode senza spesa del nodo altrui. Colui che carpisce la buona fede dell’amico è un falsario, perché testimonia una amicizia che in realtà non ha. Colui che così agisce disonora se stesso e i genitori. Può allora avere Dio con sé?"

Guardare e nn toccare non ha mai ucciso nessuno, è vero, ma quanti sono capaci di guardare senza toccare, o di nn intromettersi senza malizia nei rapporti degli altri, di non essere comunque causa di turbamento in una coppia?


bisognerebbe riflettere bene su queste cose, per quanto possano sembrare eccessive, credo siano assolutamente ragionevoli più di qualsiasi piccola obiezione.


1

 03/12/2016 14:58:02

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader