BelloSchianto

BelloSchianto11701

Fricchettone croccante al!a frutta...

Leggendo questo bellissimo articolo ho l'impressione che non solo siamo gli ultimi della classe ma che in più abbiamo sbagliato direzione in quanto a didattica. Siamo fermi da decenni passati a pensare di  trasportare i giovani verso il mondo del lavoro (senza riuscirci....) e delle professioni e ci siamo persi le emozioni. Sconoscevo questo argomento, chiederò a mia moglie in quanto professoressa se ha notizie e cosa ne pensa.

 09/07/2017 06:35:43
abc12345

abc1234558776

Probitas

BelloSchianto, c’è stato qualche lodevole tentativo anche in Italia; occorre però passare dalla sperimentazione alla pratica effettiva. Fai leggere alla moglie questi link...grazie:


http://www.educazione-emotiva.it/pratica-ere.htm

https://www.slideshare.net/ideatre60/percorsi-di-educazione-alle-emozioni-nel-contesto-scolastico-di-anna-maria-corso

https://www.ilpianetadeibambini.it/alfabetizzazione-emotiva-educare-alle-emozioni/


Ti riferisco i risultati ottenuti dopo tre anni di sperimentazione, in una Scuola americana dove si applicava quell’ora; il ragazzo risultava:


- più responsabile

- più sicuro di sé

- più simpatico e socievole

- meno egoista e più utile agli altri

- più comprensivo nei confronti degli altri

- meno indifferente e più premuroso

- più strategie per la risoluzione dei problemi interpersonali

- più in armonia con gli altri

- più “democratico”

- più abile nella risoluzione dei conflitti

 09/07/2017 06:53:38
minimamoralia

minimamoralia72301

Una volta sottolineavo, ora cancello.

Il libro lo acquistai appena uscito, tanti anni fa e mi posi la stessa domanda che poni tu, ma subito mi risposi che sarebbe stato come dare un'atronave ad un bambino chiedendogli di guidarla.

 09/07/2017 12:41:06
SabrinaM

SabrinaM25781

Hic et Nunc

minimamoralia, mi sfugge il senso...

 09/07/2017 13:08:03
minimamoralia

minimamoralia72301

Una volta sottolineavo, ora cancello.

in risposta a ↑

SabrinaM, Troppo avanti per la situazione attuale, figuramoci 20 anni fa!

 09/07/2017 13:14:28

E' la società che deve cambiare, non è la scuola. I ragazzi se ne fregano di queste materie perchè sono immessi in una società che ha completamente perso di credibilità.


D'altro canto.. come potrebbe auspicare di insegnarti a gestire le emozioni una società fondata sull'ingiustizia e che funziona come una vasca di squali?


E prima che qualcuno dica <beh ma cambiano la scuola cambi la società!> : No.



 09/07/2017 13:23:50
SabrinaM

SabrinaM25781

Hic et Nunc

Unpincopallo, io invece dico di si. Una società migliore si costruisce dal basso. Di certo non convincendo o obbligando gli squali a diventare pesci rossi.

 09/07/2017 13:59:55
abc12345

abc1234558776

Probitas

in risposta a ↑

SabrinaM, sono del tuo parere anch'io; i cambiamenti nascono dal basso, dal formare la gioventù sin dalle scuole dell'obbligo.

 09/07/2017 14:06:32
ilmiozio

ilmiozio196986

Estremista di destra e di sinistra

Però, per quello che ne so, America e Nord Europa non sono certo esenti da episodi che hanno a che fare con rabbia, aggressività o altro nonostante l'ora di "ABC emozionale". C'è una spiegazione?

 09/07/2017 16:09:18
abc12345

abc1234558776

Probitas

ilmiozio, stendere una statistica sull'aggressività dei vari popoli non è così facile. L'Italia risulta (dalle statistiche) la nazione europea più litigiosa. Basta mettere a confronto i Governi dal dopoguerra in poi tra Italia e Germania e ti rendi conto della nostra serietà e litigiosità; vedi questa mia replica:

https://www.quag.com/it/thread/57505/gli-hobby-della-terza-eta/?utm_source=notification&utm_medium=email&utm_campaign=interesting-digest&utm_content=06cb45a862d3417b900cef8aafe41b62

 09/07/2017 18:17:39
ilmiozio

ilmiozio196986

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

Qual è il rapporto tra durata dei governi e "ABC emozionale"? 

 09/07/2017 18:53:40
abc12345

abc1234558776

Probitas

in risposta a ↑

ilmiozio, mi accennavi sopra alla rabbia e aggressività dei popoli del Nord America e Nord Europa e io ti ho portato l'esempio di come noi italiani siamo in testa alla classifica in fatto di litigiosità...tutto qui. Sessantasei Governi in 66 anni è un bel record non credi? Messi a confronto poi con i 21 della Germania, ne esce una bella differenza in quanto a maturità di un popolo.

 09/07/2017 19:01:58
LauraJFarris

LauraJFarris111

lettrice appassionata

Ci sono varie iniziative nelle scuole... la mia professoressa di Scienze Motorie ha organizzato degli incontri con una psicologa che ci ha fatto entrare in contatto con il mondo della meditazione per aiutarci a gestire l'ansia dovuta alla maturità. Ora posso dire che non è servita a nulla, perché noi l'abbiamo presa come una idiozia che ci è stata quasi imposta... ecco perché non funzionerebbe in Italia. Sono consapevole che le attività di cui si parlava in questo post non sono propriamente ciò che noi abbiamo fatto a scuola, ma il modo in cui i ragazzi italiani reagirebbero sarebbe lo stesso. Non siamo abituati a gestire le emozioni, non siamo abituati nemmeno a prendere sul serio le nostre emozioni... tanto meno in ambiente scolastico. Per la maggior parte dei professori siamo ragazzi vuoti, con un buco nero nel cervello che bisogna riempire con le cazzate. Faccio un esempio personale per far capire che i primi ad aver bisogno di una lezione di "ABC emozionale" sarebbero i professori. Io ho sempre studiato, cercando di lasciar fuori tutti i miei problemi, era quello che dovevo fare, mi piaceva farlo e lo facevo. Quest'anno tutte le tensioni mi sono cadute addosso e nel primo trimestre sono andata letteralmente di merda, non riuscivo più a studiare perché certe situazioni sono peggiorate e non ho resistito più... ai professori non importa nulla. Non importa che anche noi siamo essere umani perché rispondono "voi non avete nessuna responsabilità, a cosa dovreste pensare? studiate e basta.". L'ABC emozionale ci servirebbe per non crollare davanti ai problemi. Il popolo italiano però non ci riuscirebbe, perché siamo falsi per la maggior parte, non riusciamo a preoccuparci davvero, pensiamo che questo tipo di attività e iniziative siano scemenze, ma quando si tratta di far vedere al resto del mondo quanto siamo sensibili e interessati ai sentimenti altrui siamo sempre in prima linea. Mi associo a una parte del pensiero di Unpincopallo, è la società che deve cambiare... ma la società si cambia partendo dalla scuola. 

 04/08/2017 10:01:16
MARCOnista

MARCOnista55011

rustico

LauraJFarris, 

" Ora posso dire che non è servita a nulla, perché noi l'abbiamo presa come una idiozia che ci è stata quasi imposta... "

Scusa ma il problema è proprio questo ! 

È stata implicitamente deligittimata la scuola con un processo durato negli anni. Se non c'è la fiducia reciproca tra alunni genitori professori qualsiasi iniziativa è soggetta al fallimento...

E l'empatia dovuta alla situazione di difficoltà scolastica di un alunno potrebbe essere vista come  "che czzo vuole sono miei problemi, questo si deve fare solo gli affari suoi."

Allora si finisce a fare in modo stupido il  tutti contro tutti    

 04/08/2017 10:39:26

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader