annoiata

annoiata5106

realista ma non troppo

Grillini al capolinea?

Come  previsto, il M5S non riesce a reggere  l'assalto alla diligenza, sono stati ingenui i romani a votarli o si può sperare che  escano dalla palude in cui si sono impantanati?

 06/09/2016 17:55:43
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
87 commenti

Potranno sempre dire di averci provato contrariamente ai soliti noti.

 06/09/2016 18:07:31
Giorgio_Erta

Giorgio_Erta3156

Impiegato

AntonioAtzeni, hanno provato ma con poca intelligenza, perche ci voleva veramente poco a fare qualcosa di utile, o qualcosa di bello, ma come si dice gli e sempre mancato il saper fare qualcosa, ma erano solo li a parlare e fare tanta demagogia e poi niente. e ora il grande parlare che hanno fatto, gli si e ritorto contro

 07/09/2016 13:51:06
FedeTeschio

FedeTeschio2186

Curioso relativista :-)

AntonioAtzeni, le buone intenzioni a mio avviso vanno bene per solo i bambini (volevo fare da solo perché sono grande, ma è caduto il piatto    ) 

Gli adulti devono produrre risultati nel loro ambito lavorativo 

 08/09/2016 04:44:50
in risposta a ↑

FedeTeschio, sino a oggi gli adulti hanno prodotto bande Bassotti. Con la democratica partecipazione( le elezioni) del popolo. Tra un sistema ladro( nonostante la severa lezione di Mani pulite) e dei dilettanti allo sbaraglio opto per questi ultimi: in un paese normale i ladri non si mandano in Parlamento.

 08/09/2016 05:39:53
FedeTeschio

FedeTeschio2186

Curioso relativista :-)

in risposta a ↑

AntonioAtzeni, il parlamento è stato eletto dai cittadini italiani da quasi un secolo. 

Ne consegue o che i cittadini italiani so (quindi siamo) in buona parte degli idioti 

O che i cittadini italiani siano in buona parte degli ipocriti (a parole vogliono del bene, ma nei fatti vogliono le bande bassotti a scapito della collettività, figli compresi!)

Il debito pubblico è sbocciato ai tempi di Craxi, x cui si può dare la colpa a chi vota all'epoca, volendo. 

Col tempo ho imparato che non si può fare di tutta l'erba un fascio,  e che questo vale sempre, che l'erba sia il popolo italiano, il parlamento, i poliziotti, gli insegnanti; che l'erba sia un partito politico o una squadra di calcio ; che l'erba sia composta dalle azioni di Grillo, Renzi, Berlusconi, tue, mie, 

Va sempre vista con occhi critici.


 08/09/2016 06:07:16
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

Roma non la risani in un anno, per questo non gli si possono dare le colpe di tutto quello che succede, certo che approssimativi come questi non ne avevo mai visti in una citta' grande (Livorno comunque dava avvisi!): si sono rimangiati tutti i discorsi "storici" del movimento 5* (democrazia diretta, trasparenza, uno vale uno), anche oggi sono a fare una riunione "nascosti" da 8-9 ore senza l'obbligatorio, per loro, streaming, non si sa chi ha deciso gli assessori, nei municipi la parentopoli e' stata bella grossa, e alcune cose le comprendo solo se significano collusioni: per esempio, prendere la Muraro, sempre presente anche prima, magari perche' si vanta di aver fatto risparmiare 900k euro (ma lei ne e' costata 1200 all'Ama?) e' una cosa molto strana: se dopo anni della sua cura si era arrivati a tanto disastro, perche' proseguire?


In ogni caso, come dicevano prima a La zanzara, all'elettore grillino non importa: anche li' telefonavano, "perche' parlate della Raggi e non del porto di Molfetta?", ha detto uno   


 06/09/2016 18:12:41
ilmiozio

ilmiozio197871

Estremista di destra e di sinistra

L'errore dei grillini, se di errore si può parlare, è stato quello di credere che Roma si potesse risanare.

 06/09/2016 18:21:12
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

ilmiozio, ancora non hanno nemmeno iniziato a fare qualcosa, presi dalle beghe interne... non ce la farebbero comunque, in ogni caso, ma cosi' poi...


l'unica cosa possibile e' un commissario straordinario...

 06/09/2016 18:35:00
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, 

l'unica cosa possibile e' un commissario straordinario...

Secondo me mettono Denis Verdini. 

 06/09/2016 19:07:23
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM,


Secondo me mettono Denis Verdini.


Gia' Tronca era qualcosa!

Poi, se votavi centrodestra dovresti essere contento, che prima dei cambi di casacca era da quella parte :-)

 06/09/2016 20:50:46
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, sarei contento se l'esito delle elezioni venisse rispettato. Dopo due mesi dall'elezione di un nuovo sindaco un esercito di giornalisti faziosi, attivisti PD, infiltrati PD ne 5stelle stanno mettendo zizzania alla morte, per spingere la Raggi a dimettersi oppure a ribellarsi al suo partito. Ma del resto, se la vittoria di Berlusconi nel 1994 ha provocato vent'anni di guerra civile, figuriamoci la Raggi, poverina. I giornalisti le faranno fare la fine del ragazzo con i pantaloni rosa. 

 06/09/2016 21:35:30
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM, beh, quando Marino parcheggiava in divieto e pagava con la carta una cifra irrisoria (cfr http://www.romafaschifo.com, che pure non e' certo tenero con il Pd) con la cc aziendale, erano tutti a dire "dimettiti".

 06/09/2016 22:18:07
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, e quindi questa sarebbe la vendetta? Bello...

 06/09/2016 22:23:31
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM, che vendetta? Sono i normali litigi politici, che pero' in questo caso sono facilitati dall'inconsistenza della giunta Raggi.

 06/09/2016 22:26:48
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, si certo...e tg1 tg2 e tg3 aprono su dei banali litigi in un comune anteponendoli come notizia al terremoti, alla guerra i Siria, ed a tutte le altre notizie. Ma dai! 

 06/09/2016 22:31:10
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM, banali litigi in un comune di 3 milioni di abitanti, con 13 miliardi di debito, nella citta' capitale d'Italia? E ancora, con una giunta in piena faida interna, con assessori scelti non si sa da chi, e che era partita gia' male dal contratto  firmato con i vertici del partito. Insomma, ne hanno di punti interessanti da essere commentati, e comunque, anche di Marino se ne e' parlato parecchio...

 06/09/2016 22:41:20
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, non so se ti rendi conto che abbiamo appena avuto un terremoto, che ci sono almeno due posti diversi, ai margini dell'Europa e del Mediterraneo, dove rischia di scoppiare una guerra mondiale, che ogni giorno arrivano centinaia e centinaia di disperati via mare alla ricerca di una vita migliore. Di fronte a tutto questo il tema "apocalittico" è chi ha scelto gli assessori del Comune di Roma? 

Virginia Raggi ha firmato un "contratto" con i vertici del suo partito: e a noi, che ci importa? 

Ci deve importare perché i media hanno messo queste cose al top della loro agenda, e su qualsiasi canale trovi gente che sta parlando di questo. Qualche sera fa (ed era anche uscita la vignetta di Charlie Hebdo, come tema caldo) capito su Rai 3, dove sta cominciando Linea Notte con Mannoni. Di cosa stanno parlando? Virginia Raggi. Venti minuti di palleggio, tra lui ed altri giornalisti che non ricordo, a dire che la Raggi è una incompetente, che i romani sono già pentiti di averla votata, che del resto con i populisti è così ecc... ecc... A un certo punto, con il latte alle ginocchia, ho messo su Agon Channel, che sono più professionali.

 07/09/2016 07:36:58
sangallo

sangallo5376

curioso, ricercatore e cinefilo

in risposta a ↑

AlessioM,

   Tu immagini che i giornalisti disfino governi o giunte, o che non debbano parlare di ciò che accade a Roma perché ci sono venti di guerra in Siria; per la verità, sin'ora, a me sembra che sia un vero e proprio harakiri.


    Che la Raggi firmi un contratto con il suo partito a noi, cittadini romani, importa (sia che lo si ritenga una formalità negativa, sia che lo si ritenga una formalità positiva), che questo contratto stia dando i suoi effetti mi sembra già abbastanza palese.


    Ritengo sia ancora molto presto per dare addosso e far saltare tutto. Che fossero impreparati lo si sapeva, quindi del tempo giocoforza bisogna concederne, ma stare allerta è d'obbligo.


 07/09/2016 11:27:18
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

sangallo, 

Tu immagini che i giornalisti disfino governi o giunte

E' un caso che Benito Mussolini, dittatore del nostro passato, fosse un giornalista?

E' un caso che parlasse spessissimo e che curasse in modo maniacale la stampa?

Non è un caso: dimostra che gli italiani sono un popolo emotivo, suggestionabile e manipolabile, se si sa lavorare bene. E infatti vedi, basta qualche starnuto per avviare un uragano...

A me non interessa particolarmente della sorte del Comune di Roma o di Virginia Raggi, ma è solo l'ennesimo esempio di come i media giocano a pallavolo con la testa degli italiani.

 07/09/2016 11:40:12
sangallo

sangallo5376

curioso, ricercatore e cinefilo

in risposta a ↑

AlessioM,

    rispondo ai tuoi interrogativi:

Si, è un caso

No, è normale che chiunque ha idee, prodotti, da proporre sappia farsi ascoltare.


    Tutti i popoli sono suggestionabili e manipolabili, ma non per questo tutti cercano di fotterli.


    Il resto interessa me che ci vivo, mentre tu che vivi in una città meno particolare devi, per forza di cose sopportare che se ne parli, anche se non ti interessa


    ma dovrebbe, è un mio consiglio, interessare anche te, se non per solidarietà, almeno perché se si continuano a sprecare soldi... così come interessa anche me, fatte le debite proporzioni (perché non riuscirebbero a sprecare quanto hanno fatto a Roma) ciò che succede a Chieti.

 07/09/2016 13:11:53
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

sangallo, ho appena visto un video di Luca Telese, e penso di poter essere d'accordo con lui.

http://notizie.tiscali.it/politica/video/detail/non-cantante-vittoria-per-gli-italiani-e-meglio-la-raggi-che-sbaglia-piuttosto-che-il-ritorno-di-quelli-di-prima/7cb9d0c07d80230be596a7d54817382f/

Noi giornalisti, si chiede Telese, siamo stati altrettanto severi sul fatto che la moglie di Renzi, grazie a "La Buona Scuola" è stata assunta per chiamata diretta a due passi da casa, mentre migliaia di altri insegnanti hanno dovuto barcamenarsi tra concorsi e trasferimenti? Siamo stati altrettanto puntigliosi ed implacabili sulle promesse fallite del Jobs Act, sulla crescita zero e sul debito pubblico (non i 13 miliardi di Roma menzionati da Pastrank, ma i duemila miliardi riguardanti lo Stato centrale)?

Conclude dicendo che forse gli italiani preferiscono i pasticci di un dilettante alle frodi di un professionista. E  dicendo così, ha interpretato quantomeno il mio personale pensiero.

 07/09/2016 14:00:24
sangallo

sangallo5376

curioso, ricercatore e cinefilo

in risposta a ↑

AlessioM,

    Ti ringrazio, ma non credo che lo vedrò.


    Ora ti sta bene ciò che dice la stampa, fin'ora mi sembrava che eri schifato dai media (allora, viva Telese, finché racconta ciò che ti aggrada!)


    Credo che non debbano funzionare così le cose. Cosa c'azzecca adesso il debito pubblico, o la moglie di Renzi con i grillini?


    Ciò che preferiscono gli italiani, sbagliando o meno a secondo dei punti di vista, lo dicono alle elezioni. In questo caso si sono appena espressi.


    Le conclusioni ognune le trae secondo il proprio pensare, le proprie conoscenze ed i propri convincimenti, nonche i propri condizionamenti. Quindi il tuo è più che legittimo, come lo è quello del giornalista (in questo caso Telese) che pure cerca di "suggestionarti" e/o "manipolarti".


 07/09/2016 14:25:33
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

sangallo, 

 Ora ti sta bene ciò che dice la stampa, fin'ora mi sembrava che eri schifato dai media (allora, viva Telese, finché racconta ciò che ti aggrada!)

Che la stampa italiana abbia grossi problemi di indipendenza non lo dico io, lo dicono le classifiche internazionali sulla libertà di stampa. In ogni caso, non si può fare di tutta l'erba un fascio, sarebbe ridicolo farlo. Ho proposto l'esempio di Telese proprio per dimostrarti che non ha senso generalizzare. Altrimenti qualcuno senza argomenti potrebbe magari accusarmi di avercela con i giornalisti quando io ne ho di svariati tra le mie amicizie personali, e non andrei certo a sputare sul loro lavoro.


Cosa c'azzecca adesso il debito pubblico, o la moglie di Renzi con i grillini?

No, in effetti non c'entra molto. Ma scommettiamo che se al posto di Padoan ci fosse Tremonti, si parlerebbe tutti i giorni di Italia a rischio Trojka? Scommettiamo se una delle figlie di Berlusconi avesse partecipato al concorso per insegnare e lo avesse vinto, verrebbe fuori qualche gola profonda che direbbe "ha barato perché è la figlia di Berlusconi"? Le vie della faziosità sono infinite...


Vedi, il nostro paese potrebbe essere meraviglioso. Invece lo abbiamo reso una schifezza perché c'è qualcuno che vuole avere un potere assoluto, e se non riesce da averlo, allora è guerra senza esclusione di colpi. Delle volte penso che forse sarebbe meglio arrendersi a un partito unico, e guadagnarne in tranquillità. Guadagnare dal non dover assistere ogni giorno a una qualche polemica pretestuosa per screditare Berlusconi o Salvini o Grillo. 

 07/09/2016 14:54:48
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM, le notizie sono notizie, e Roma interessa piu' della Libia, e' ed e' sempre stato. E in Italia, da parte mia, mi sento di potere dire che Roma e' piu' interessante di Isernia, non perche' abbia qualcosa contro questa citta', ma perche' Roma e' la capitale del mio paese e una grande citta'.


Virginia Raggi ha firmato un "contratto" con i vertici del suo partito: e a noi, che ci importa?


A me interessa, che in pratica chi comanda non e' lei, ma l'azienda con cui ha firmato il contratto.  Poi venitemi a parlare di Renzi che non e' "eletto dal popolo"

 07/09/2016 18:49:29
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM,


Guadagnare dal non dover assistere ogni giorno a una qualche polemica pretestuosa per screditare Berlusconi o Salvini o Grillo.


Cioe', vorreste raccontarmi che i grillini si peritano a screditare il Pd? Sono solo io che mi trovo i social network intasati di "ma il pd...", pidioti, etc etc?


 07/09/2016 18:53:29
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, quando parliamo di azienda stiamo in realtà parlando di un partito, e qualsiasi sindaco, a meno che non sia un indipendente come De Magistris, ad un partito risponde. Cosa c'è di anomalo? 

L'anomalia è che deve passare il messaggio che il Movimento 5 Stelle è una azienda con un padrone, anzi, un padre padrone. Che poi è la stessa cosa che si è sempre detta di Forza Italia. Grillo è il nuovo Berlusconi, il nuovo "nemico pubblico" da cui il partito della brava gente cercherà di salvarci per i prossimi vent'anni. A condizione di fare i bravi e guardare i talk di Rai3. Perché se si guardano i programmi di Barbara D'Urso o Maria De Filippi, poi ci si rimbambisce e si vota in modo sbagliato...

 07/09/2016 20:02:21
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM,


deve passare il messaggio che il Movimento 5 Stelle è una azienda con un padrone


La dimostrazione che e' cosi' c'e' stata oramai decine e decine di volte, mica vorrai farmi fare l'elenco? Per esempio, quando fu eletto Renzi e ci fu l'occasione di discutere con il governo, la "base" voto si', Grillo non lo fece.

 07/09/2016 22:00:35
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

pastrank, che disdetta. L'Italia è sempre a rischio dittatura, meno male che c'è un partito della brava gente che li castiga tutti, gli aspiranti dittatori. 

 08/09/2016 07:55:59
pastrank

pastrank41451

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

AlessioM, non cambiare le carte in tavola: io sono pronto a dire che il Pd ha fatto innumerevoli sciocchezze, ma anche che i 5* romani sono dipendenti della Casaleggio & associati, e non faranno niente di buono perche' incapaci: e anche sull'onesta' ho parecchi dubbi: a parte la parentopoli, se qualcuno mi vuol spiegare perche' la risposta ad un problema storico romano (la spazzatura) sia lasciare tutto a una intrallazzata da anni...

 08/09/2016 19:56:55
Dianissima

Dianissima73116

Artista e poetessa

in risposta a ↑

AlessioM, mi scuso se é fuori tema ma mi incuriosisce sapere perché hai definito "guerra civile" i 20 anni di Berlusconi. Per quelli della mia età, guerra civile si associa al periodo della seconda guerra mondiale dopo 8 settembre. Grazie.

 16/09/2016 10:45:17
annoiata

annoiata5106

realista ma non troppo

non è  che  quasi quasi era meglio Bertolaso! la sua dimestichezza con il potere non ci avrebbe stupito più di tanto e rassegnati a queste italiche manovre forse avremmo visto almeno qualcosa di concreto perchè si può dire tutto ma non che non sia l'uomo del fare e a Roma c'è tanto da fare.

 06/09/2016 18:45:37

annoiata, i ladri ci piacciono professionisti mica ladri di galline   

 06/09/2016 18:53:50
annoiata

annoiata5106

realista ma non troppo

in risposta a ↑

AntonioAtzeni, hai ragione, siamo di gusti raffinati noi!

 06/09/2016 18:56:01
in risposta a ↑

AntonioAtzeni, @Giorgio_Erta  vale il risposta&controrisposta scambiato con @annoiata   

Aggiungendo: sono più tranquiillo nelle mani di Pd, Forza Italia e Lega giusto perché è cessato il tempo di Dc, Pci, Pri, Pli, Psi, Psdi, Msi i quali almeno avevano uomini con un minimo di coscienza politica, di senso dello Stato. Ripeto, un minimo ma quel tanto sufficiente a farmeli clamorosamente rimpiangere.

?

 07/09/2016 14:07:01
Urielx

Urielx3046

In costruzione di se stesso

Non direi proprio al capolinea, semplicemente stanno venendo fuori le contraddizioni che da sempre si possono vedere nel movimento.

Semplicemente un movimento che è nato stando all'opposizione, adesso che è lui a dirigere ha capito che è facile criticare gli altri ma a fare è sempre più difficile.


A me piacerebbe anche dare fiducia al movimento, ma non mi piace molto la loro linea di condotta di voler sempre salvare capra e cavoli ad ogni costo.

 06/09/2016 18:57:55

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader