DEBITO PUBBLICO: COME FUNZIONA?

DEBITO PUBBLICO: COME FUNZIONA?

Come funziona oggi il debito pubblico

Oggi lo Stato, incredibilmente e criminalmente, avendo ceduto a privati la facoltà di stampare denaro,(la sovranità monetaria!) per procurarsi la moneta necessaria al suo funzionamento è costretto a chiederla in prestito a banche private(BCE, BD’I) pagando al costo nominale (cioè il signoraggio va alle banche) le banconote e sulla quale paga anche interessi salati, come un qualsiasi cittadino che vada a chiedere un mutuo

La BCE o le banche centrali come la Banca d’Italia, stampano il denaro (a costo irrisorio se non addirittura nullo nel caso di semplici clik sui computers) e lo PRESTANO al governo Italiano in cambio di titoli di Stato (future tasse da riscuotere dai cittadini).

Lo Stato immette il denaro ottenuto in prestito nella massa monetaria circolante;

Le banche vendono i titoli di stato ai cittadini che acquistano, in realtà, debiti e rientrano in possesso del denaro da loro stesse emesso che adesso è legale!

Lo stato paga gli interessi sui titoli, e, alla scadenza, rimborsa il capitale.(per il momento stiamo pagando solo gli interessi che ci costano 80 mld di euri/anno e siamo in profondo affanno, se ci chiedessero indietro il capitale che ammonta a

4.040.000.000.000.000. delle vecchie lirette che faremmo?!?!?

 28/08/2016 19:18:32
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
72 commenti
gnommywave

gnommywave6586

Game Sound Designer

Se la metà dei clienti di una banca vanno a fare un prelievo nello stesso momento la maggior parte non riuscirebbe ad avere niente, perchè tutti questi soldi neanche esistono materialmente.

 28/08/2016 21:12:25

Funziona che con l'interesse del debito ci mangiano tutti. 

 28/08/2016 21:17:52
gnommywave

gnommywave6586

Game Sound Designer

Viking2, peccato che altri non ci mangiano, o meglio, non mangiano affatto.

 28/08/2016 21:26:46
in risposta a ↑

gnommywave, 



 28/08/2016 21:31:56
in risposta a ↑

gnommywave, appunto. Perché fra non molto non ci sarà più da mangiare.

 28/08/2016 23:47:05
in risposta a ↑

Viking2, solo da piangere.

 28/08/2016 23:49:35
in risposta a ↑

Viking2, tic tac...

 28/08/2016 23:50:15
ninni-as

ninni-as11256

Nulla da dichiarare ..e ci tenevo a dirvelo

  Io questo numero non lo so neanche leggere ..a parte che tutti sti zeri mi agitano.   


 28/08/2016 22:21:50

ninni-as, naaaaa. 

 28/08/2016 23:52:53
ninni-as

ninni-as11256

Nulla da dichiarare ..e ci tenevo a dirvelo

in risposta a ↑

Viking2,  no naaaaa ma proprio cosí    ! E mi sto trattenendo  (vedi l'  del commento precedente ) ..ma tu Viking2 lo sai leggere quel numero li? No perché un anziana saggia signora della mia vita in virtú di questa impossibilità concluderebbe ch'esso non esiste ..e mi sa che c'ha ragione lei !

 30/08/2016 22:57:28
in risposta a ↑

ninni-as, infatti quattromilioniequarantamilamiliardi su per giù, e' una bella cifretta porcaccia miseria   

Il mio naaaa, era per dirti scherzosamente, non agitarti per gli zeri   Era per buttarla in ridere per non piangere   

 30/08/2016 23:16:43
ninni-as

ninni-as11256

Nulla da dichiarare ..e ci tenevo a dirvelo

in risposta a ↑

Viking2, porca vacca non me lo dovevi leggere ! Adesso la maggggia non mi funziona più     

 30/08/2016 23:25:46
ninni-as

ninni-as11256

Nulla da dichiarare ..e ci tenevo a dirvelo

in risposta a ↑

Viking2, e comunque non si legge così ! Ne sono quasi certa   !!

 30/08/2016 23:27:03
in risposta a ↑

ninni-as,   Boh, forse hai ragione tu. Io credevo si leggesse così   

 30/08/2016 23:47:20
ninni-as

ninni-as11256

Nulla da dichiarare ..e ci tenevo a dirvelo

in risposta a ↑

Viking2, ahah e mi sa di no   

 30/08/2016 23:54:39
in risposta a ↑

ninni-as, boh.....

 31/08/2016 05:57:59
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

La teoria del signoraggio e', sic et sempliciter, una sciocchezza. Non credo che sia possibile, su questo pianeta, googlare "signoraggio bufala", leggere la prima riga e crederci ancora. Trovi queste spiegazioni su milioni di siti, anche entieuropeisti e a favore della spesa pubblica.

 28/08/2016 22:49:23
gnommywave

gnommywave6586

Game Sound Designer

pastrank, beh, mettendo in conto che la bce, in questo caso, può stampare una quantità infinita di denaro fisico, senza contare i numerini che scrive su un computer il signoraggio non pare poi tutta sta bufala, anzi. Se la BCE presta dei soldi alla banca d'Italia, e la banca d'Italia deve restituire questi soldi con gli interessi, tutto questo diventa insostenibile. Non è un caso che il debito cresca sempre di più. 

 28/08/2016 23:15:34
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

gnommywave, la BCE non puo' stampare infinite quantita' di denaro, e i suoi guadagni vanno alle banche centrali, la BKI distribuisce la stragrande maggioranza dei suoi guadagni allo stato, pochissimi (parliamo di decine di migliaia di euro, non di miliardi) alle banche private. Su Quag ci dovrebbe essere un post che ne spiegava in dettaglio la quantita'.

 28/08/2016 23:34:40
gnommywave

gnommywave6586

Game Sound Designer

in risposta a ↑

Questo si lega anche alla riserva frazionaria, sistema su cui si basano ormai tutte le banche del mondo. Tutto è spiegato nel documento The mothern money mechanics. Pubblicato all'incirca nel 1933, durante la fine della grande depressione.

 29/08/2016 08:05:39
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

gnommywave, ora, non ho troppo tempo per mettermi a ragionare, ma c'e' un assunto di base, rispetto alla creazione di moneta, che non credo abbandonero' mai: ovvero, che il deficit non e' ricchezza ne puo' mai diventarlo.

 29/08/2016 18:45:24
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

GuardOfInsanity, un Nobl puo' dire quel che vuole, sicuramente ha i suoi meriti, ma tutti gli altri allora?

E riguardo all'articolo (qui non ho l'audio), gia' inizierei a vederci qualcosa che lega davvero poco con lattuale situazione: se ti va, pero', ne riparleremo dopo l'inizio di settembre (per spiegarsi, sono in vacanza)

 29/08/2016 18:48:14
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

GuardOfInsanity, a volte anche qui sopra se ne e' discusso, specialmente con Gianbo (che purtroppo ora frequenta poco) ma anche con altri, io sinceramente dubito di essere convinto a cambiare le mie posizioni, ma discutere e' sempre piacevole. Se dimentico prendimi per le orecchie e ricordamelo... ma come immaginerai, a casa ho materiali e link salvati, e sopra tutto una scrivania e una tastiera civile.

 29/08/2016 19:09:45
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

E' il commercio internazionale, quello che rende vano ogni discorso sulla sovranità monetaria


Noi infatti possiamo benissimo stabilire che lo Stato stamperebbe per pagare gli stipendi ai suoi dipendenti ed i compensi alle imprese private fornitrici, e da questi pagamenti famiglie ed imprese trarrebbero gli strumenti per i propri pagamenti. Tutto ciò senza limiti, anzi, più lo Stato spenderebbe più ci sarebbero risorse a disposizione dei privati. Nessun bisogno per lo Stato di indebitarsi, nessun bisogno di dedicare centinaia di migliaia di impiegati al calcolo ed alla riscossione di imposte.

Ma all'interno del sistema economico, mettiamo per esempio l'Italia si possono trovare tutti i beni ed i servizi di cui c'è bisogno? No, non si possono trovare, bisogna importare qualcosa dall'Estero


Ebbene, se comprare qualcosa dagli stranieri, bisogna pagarli come vogliono loro. E quindi bisogna per forza andare a scambiare la propria unità monetaria con quella degli stranieri o con una "importante" accettata in tutto il mondo (i dollari, fondamentalmente). Qui crolla tutto il castello di carte: se lo Stato esagera nell'emissione di moneta, quest'ultima perde valore nello scambio con l'estero. E se il paese è molto dipendente dal commercio estero (perché per esempio non ha materie prime, oppure perché produce solo poche cose e deve importare tutto il resto) quella perdita nello scambio fa immediatamente decollare i prezzi all'interno del sistema. Game over.

 

Basta guardare il Venezuela, che produce solo una cosa, il petrolio. Siccome il prezzo del petrolio è sceso, di colpo il paese ha cominciato a perdere (e molto) nello scambio con l'estero. Il governo del paese, di centrosinistra, ha voluto continuare a sostenere tutta una serie di programmi economici e sociali, emettendo moneta. Tuttavia, quella moneta che hanno emesso è diventata "spazzatura" agli occhi degli stranieri, ed i beni importati dall'estero sono diventati carissimi per i cittadini venezuelani. 


In linea teorica, se un paese fosse così benedetto dalla geografia da avere tutte le materie prime di cui possa avere bisogno, e così benedetto dalla storia da aver sviluppato tutte le industrie ed i servizi necessari, allora si, che ci si potrebbe "chiudere dentro" e coccolarsi in una crescita economica infinita grazie alla sovranità monetaria. Attualmente non c'è nessun paese del mondo in questa situazione, neppure gli Stati Uniti, che pure sono favoriti dall'ordinamento monetario attuale (il fatto che le materie prime siano quotate tutte in dollari è un vantaggio non indifferente).

 29/08/2016 12:19:06
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

AlessioM,


eppure gli Stati Uniti, che pure sono favoriti dall'ordinamento monetario attuale


e anche un mercato completo e ben dimensionato

 29/08/2016 19:10:57

AlessioM, "Qui crolla tutto il castello di carte: se lo Stato esagera nell'emissione di moneta, quest'ultima perde valore nello scambio con l'estero. E se il paese è molto dipendente dal commercio estero (perché per esempio non ha materie prime, oppure perché produce solo poche cose e deve importare tutto il resto) quella perdita nello scambio fa immediatamente decollare i prezzi all'interno del sistema. Game over." 

no, game over alle tue storielle perchè solitamente un paese che importa più di quanto esporta ha una moneta che tende a svalutarsi e quindi questo porta il paese ad esportare di più e a importare di meno. Se la moneta nazionale perde valore rispetto a quella estera le merci nazionali costano meno di quelle estere e anche produrre merci nel territorio nazionale costa meno che importarle dall'estero.



"Basta guardare il Venezuela, che produce solo una cosa, il petrolio. Siccome il prezzo del petrolio è sceso, di colpo il paese ha cominciato a perdere (e molto) nello scambio con l'estero. Il governo del paese, di centrosinistra, ha voluto continuare a sostenere tutta una serie di programmi economici e sociali, emettendo moneta. Tuttavia, quella moneta che hanno emesso è diventata "spazzatura" agli occhi degli stranieri, ed i beni importati dall'estero sono diventati carissimi per i cittadini venezuelani."

veramente la moneta del Venezuela fin dal 2005 è agganciata col cambio fisso al Dollaro, di conseguenza non è che il Governo del Venezuela può stamparne a volontà. 

Si chiama "Bolivar fuerte" ( ossia "Bolivar forte" ) proprio perché è considerata una moneta "forte". E sai cosa fa un paese che adotta una moneta "forte", ossia sopravvalutata? Importa tutto dall'estero, esattamente come fa l'Italia con l'€uro che si ritrova a importare non più solo gas e petrolio ma anche altre materie prime, semilavorati e prodotti finiti che prima dell'€uro produceva in casa. Di conseguenza il tuo ragionamento è un nonsenso. Se il Venezuela svalutasse la sua moneta non si troverebbe a importare tutto dall'estero perché non gli converrebbe più e comincerebbe a produrre in casa quello che ora importa dall'estero, o magari importerebbe da paesi diversi rispetto a quelli da cui importa adesso, magari con una moneta che vale meno della sua o che ha un valore simile.


"In linea teorica, se un paese fosse così benedetto dalla geografia da avere tutte le materie prime di cui possa avere bisogno, e così benedetto dalla storia da aver sviluppato tutte le industrie ed i servizi necessari, allora si, che ci si potrebbe "chiudere dentro" e coccolarsi in una crescita economica infinita grazie alla sovranità monetaria."

questa è ovviamente una baggianata perché un paese dotato di sovranità monetaria può creare tutti i servizi e le industrie necessarie che vuole limitando al minimo il suo bisogno di importare.

La logica è che si importa quello che si ha bisogno di consumare ma non si è in grado di produrre e si esporta quello che si è in grado di produrre ma non si ha bisogno di consumare. L'importante è che i propri conti con l'estero siano in pareggio e la sovranità monetaria è quella che permette di perseguire meglio questo obiettivo:

1) Se importo troppo i miei prodotti sono poco richiesti all'estero e quindi la mia moneta si svaluta, dopodiché i miei prodotti diventano più convenienti e di conseguenza aumento le esportazioni e calo le importazioni ( come farebbe l'Italia se avesse la Lira ).

2) Se esporto troppo i miei prodotti sono molto richiesti all'estero e quindi la mia moneta si rivaluta, dopodiché i miei prodotti diventano più costosi e di conseguenza calo le esportazioni e aumento le importazioni ( come farebbe la Germania se avesse il Marco )


In entrambi i casi la sovranità monetaria permette di mantenere in equilibrio i conti con l'estero.


Quello che per converso crea uno squilibrio nei conti con l'estero è di fatti proprio l'ASSENZA di sovranità monetaria e questo spiega anche perché l'€uro è una monumentale cagata, dato che permette alla Germania di applicare indefinitamente uno sconto del 26% sul prezzo delle sue merci e costringe l'Italia ad applicare indefinitamente una maggiorazione del 26% sul prezzo delle sue merci.

Infatti con l'€uro la Germania continua a esportare senza rivalutare e l'Italia continua a importare senza svalutare.

Un po' come dire che il negoziante X aumenta i prezzi se vende poco e il negoziante Y cala i prezzi se vende tanto. Un nonsenso totale che con l'economia e la legge di mercato non ha niente a che vedere.

 15/09/2016 15:49:29

AlessioM, ...ci sarebbe un altro modo ..se uno stato ha una forte struttura industriale ed esporta più di ciò che importa ,avrebbe una liquidità necessaria x tutte le occasioni ...quindi per importare il necessario x i cittadini . .

 06/07/2019 12:07:09
in risposta a ↑

CaiusSempronius, bravissimo !!!

 06/07/2019 12:08:14
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, e se lo stato che esporta piu' d i quello che importa si blocca i canali di commercio, fa una bella botta.

 06/07/2019 12:33:52
in risposta a ↑

pastrank, perché dovrebbero chiuderci i canali ??? sarebbe un atto di guerra ...allora nn saremmo più in uno statuto di mercato...

 06/07/2019 12:37:03
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, per canali intendo gli accordi commerciali, mica Suez

 06/07/2019 12:38:23
in risposta a ↑

pastrank, se chiudi i canali commerciali è sempre guerra ... economica...ma guerra 

 06/07/2019 12:45:37
pastrank

pastrank41996

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

Tobias24, Europa, Usa e Cina sono li' ad aspettare di essere sconfitti da noi.

 06/07/2019 12:46:27

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader