birillone

birillone155786

La batteria del nostro smartphone ci spia.

La batteria del nostro smartphone ci spia.

Si tratta di un argomento discusso da tempo e che ha visto circolare nel 2015 un video di disinformazione e terrorismo nei quali si mostrava come su una batteria, di uno smartphone Samsung, fosse stato applicato uno "strano" oggetto estraneo la cui rimozione non ne inficiava il funzionamento come potete vedere a seguire :   



Chiunque abbia una minima cultura saprà già che cosa è e che non si tratta certamente di alcuna "spia" nascosta nelle nostre batterie ed al termine del post vi lascerò un video maggiormente esplicativo per fugare ogni dubbio e perplessità che potrebbe esservi sorta.


Ci sono una miriade di modi in cui si può essere spiati online : 


  • cookies,
  • impronte digitali
  • malware
  • gps
  • web cam
  • etc etc 


Ora però è possibile aggiungere anche lo stato della batteria del vostro dispositivo alla lista precedente poiché  secondo una ricerca condotta da Steve Engelhard e Arvind Narayanan ( due accademici presso la Stanford University ) è possibile spiare sfruttando  le API HTML5 relative allo stato della batteria

Questa API consentono ai server di determinare quando è necessario inviare al dispositivo una versione a basso consumo energetico del sito visitato permettendo di vedere quanta carica rimanente è disponibile sul dispositivo.


Lo stato della batteria e l'invio di una versione a basso consumo da parte dei server sono due parametri che uniti generano un identificatore semi_unico che può essere utilizzato per monitorare i dispositivi.


Analizzando tutte le possibili combinazioni dello stato della batteria i ricercatori hanno elaborato un conteggio pari a 14 milioni di differenti combinazioni di durata della batteria tra percentuale ed il tempo rimanente.


The Guardian cita testualmente :  


“Suppose a user loaded their church website in their version of Firefox, and then opened up the website for a satanic cult using a Chrome browser in private browsing mode piped through a secure VPN. Ordinarily, the two connections should be very difficult to associate with one another, but an advert that was loaded on both pages at once would be able to tell that the two devices were almost certainly the same, with just a one in 14m chance of being mistaken.”

che tradotto alla meno peggio significa semplicemente che 


"Supponiamo che un utente carichi il sito per la chiesa  usando Firefox e che in seguito apra un sito per una setta satanica usando Chrome navigando in incognito ed attraverso una VPN ciò dovrebbe "solitamente" garantire un certolivello di sicurezza, ma grazie a questa ricerca si è rilevato che è possibile identificare che si tratta del medesimo dispositivo con una probabilità di errore di 1 su 14.000.000"

( ogni correzione alla traduzione è ben accetta XD ) 


Questo tipo di "attacco" è difficilmente aggirabile ( non impossibile - su Firefox lo si può fare con relativa semplicità ) dato che non è sufficiente cancellare i cookie del browser o utilizzare VPN ed adblockers di qualsivoglia natura


Pensate che a Maggio 2016 Uber ha dichiarato di aver monitorato la durata della batteria dei suoi utenti osservando che erano molto più disposti a pagare prezzi più alti nel momento in cui i loro telefoni erano prossimi allo spegnimento.


Come promessovi in precedenza eccovi il video per tranquillizzarvi almeno sulla questione dell'"oggetto estraneo" applicato a certe batterie.



Se siete curiosi di sapere se sul vostro dispositivo sono attive le API potete verificarlo cliccando qui 


Ed ora cosa farete? 


[fonte notizia]

[fonte immagine]

 03/08/2016 06:45:28 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
18 commenti

Veramente divertente! ^_^


Prima di tutto, la bufala dello spionaggio: come se servisse aggiungere qualcosa dentro ad un telefono per poter spiare il suo utente! Ma come, tutti gli smartphone del mondo hanno già GPS/GLONASS, Wi-Fi, ovviamente rete dati mobile e... pensa un po'! Anche un microfono!!!   


A cosa servirebbe aggiungere qualcosa?


Infine, anche il video esplicativo contiene un errore! Quel dispositivo che si vede nella batteria NON È un chip! È semplicemente un'antenna! Si, vero, serve per l'NFC (e non solo, anche per la radio, in accoppiamento all'auricolare...) ed in alcuni telefoni anche alla ricarica senza fili, ma non è un chip. È solo un solenoide che serve da antenna.


Tutta l'elettronica (il chip) di controllo è nel SoC dello smartphone.


 03/08/2016 08:11:21
birillone

birillone155786

Anticoguardiano, 


Prima di tutto, la bufala dello spionaggio: come se servisse aggiungere qualcosa dentro ad un telefono per poter spiare il suo utente! Ma come, tutti gli smartphone del mondo hanno già GPS/GLONASS, Wi-Fi, ovviamente rete dati mobile e... pensa un po'! Anche un microfono!!! 


già già ma l'ignoranza dell'utOnto a volte supera i limiti dell'immaginabile 


Infine, anche il video esplicativo contiene un errore! Quel dispositivo che si vede nella batteria NON È un chip! È semplicemente un'antenna! Si, vero, serve per l'NFC (e non solo, anche per la radio, in accoppiamento all'auricolare...) ed in alcuni telefoni anche alla ricarica senza fili, ma non è un chip. È solo un solenoide che serve da antenna.


osservazione giustissima ma il video voleva essere solo un supporto visivo per chiudere con leggerezza e spiegare la bufala senza troppi tecnicismi di cui è già intriso il post ma hai fatto benissimo a precisarlo


Cosa pensi di questo sistema di controlla tramite le API HTML5 ? 


Hai verificato il tuo dispositivo?   



 03/08/2016 08:16:29
in risposta a ↑

birillone, no, non ho controllato e non controllerò il mio dispositivo, ma presumo che sia abbastanza recente per potersi far spiare... ^_^


Quello che non capisco è dove sta il problema: identificano un dispositivo leggendo il rapporto tra carica e capacità... quindi? Possono giocare a fare le statistiche su quanto ricarico la batteria?   


Come tu stesso citi, solo quei criminali di Uber hanno trovato un modo per sfruttare la cosa per inc... aehm... incrementare i loro introiti... è evidente che sono conniventi con la malavita...   


Per me non è un problema: non userò mai Uber perché sono una persona onesta e se devo fare degli acquisti online, per non correre rischi, li faccio dal PC, rigorosamente Desktop, che di batteria ha solo quella tampone al litio per i dati del BIOS...   


Ripeto: un cellulare offre milioni di modi per farsi spiare, uno in più (tra l'altro meno preciso della lettura degli id o dell'imei...) od uno in meno non fa differenza...   

 03/08/2016 08:36:38
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


birillone, no, non ho controllato e non controllerò il mio dispositivo, ma presumo che sia abbastanza recente per potersi far spiare... ^_^


ah ah meravigliosa questa replica :) 


abbastanza recente per farsi spiare è da premio nobel XD  


Quello che non capisco è dove sta il problema: identificano un dispositivo leggendo il rapporto tra carica e capacità... quindi? Possono giocare a fare le statistiche su quanto ricarico la batteria?


si e no diciamo che oltre a ciò diventa anche possibile, come nell'esempio citato da TheGuardian, identificare colui che credeva di essere "al sicuro" ( per quanto si possa esserlo sul web )

 

Come tu stesso citi, solo quei criminali di Uber hanno trovato un modo per sfruttare la cosa per inc... aehm... incrementare i loro introiti... è evidente che sono conniventi con la malavita...


questa te l'ho proprio servita troppo facile 

 

Per me non è un problema: non userò mai Uber perché sono una persona onesta e se devo fare degli acquisti online, per non correre rischi, li faccio dal PC, rigorosamente Desktop, che di batteria ha solo quella tampone al litio per i dati del BIOS...


A me piacerebbe invece usare Uber e spesso uso il telefono per gli acquisti ma la cosa no mi preoccupa lo stesso 


Ripeto: un cellulare offre milioni di modi per farsi spiare, uno in più (tra l'altro meno preciso della lettura degli id o dell'imei...) od uno in meno non fa differenza...   


Concordo ma mi è sembrato interessante condividere ugualmente questa notizia  

 03/08/2016 08:46:03
in risposta a ↑

birillone, giusto per amor di discussione:


si e no diciamo che oltre a ciò diventa anche possibile, come nell'esempio citato da TheGuardian, identificare colui che credeva di essere "al sicuro" ( per quanto si possa esserlo sul web )


Anzitutto, chi si crede al sicuro è solo un'illuso, ma fingiamo pure che vada bene così e proseguiamo: chi ha da temere di essere riconosciuto? Chi usa il web per commettere illeciti? Beh, questi sono i primi a poter star tranquilli: un riconoscimento con un errore di 1 su 14.000.000, quando ci sono miliardi di dispositivi in circolazione, è un riconoscimento un po' troppo debole per reggere in tribunale...   


Concordo ma mi è sembrato interessante condividere ugualmente questa notizia


Ed hai fatto benissimo, offre interessanti punti di discussione. Pensa che attendevo HTML5 fin dagli albori del web, tutte le notizie che lo riguardano anche solo marginalmente m'interessano.


Così come trovo divertente la bufala d'apertura che mette in risalto l'ignoranza di chi usa i dispositivi senza aver la minima idea di come funzionino.


Riguardo ad Uber... beh, dai... è (stato?) come sparare sulla croce rossa!   

 03/08/2016 09:02:19
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


Anzitutto, chi si crede al sicuro è solo un'illuso, 


concordo di nuovo


chi ha da temere di essere riconosciuto? 


oltre ai criminali che mi auguro, se seri, dispongano di strumenti ben più professionali credo che possa essere uno dei pruriti di ognuno che vuole fare qualche marachella in rete ( vedi l'esempio del sito per la chiesa realizzato da chi pubblica un sito satanico XD ) 


Chi usa il web per commettere illeciti? Beh, questi sono i primi a poter star tranquilli: un riconoscimento con un errore di 1 su 14.000.000, quando ci sono miliardi di dispositivi in circolazione, è un riconoscimento un po' troppo debole per reggere in tribunale...   


concordo nuovamente


Ed hai fatto benissimo, offre interessanti punti di discussione. 


per fortuna XD ( già temevo una segnalazione per fuori tema o scadente o chissà che altro XD ) 


Pensa che attendevo HTML5 fin dagli albori del web, tutte le notizie che lo riguardano anche solo marginalmente m'interessano.


anche io ne sono estremamente incuriosito e credo che possa essere una vera svolta per il web.


A te cosa interessa di preciso? 


Così come trovo divertente la bufala d'apertura che mette in risalto l'ignoranza di chi usa i dispositivi senza aver la minima idea di come funzionino.


quello mi ha fatto sbellicare dalle risate all'epoca ma l'ho trovata troppo cretina da condividere ( eppure oltre 200.000 persone lo hanno visualizzato ), ma ora mi sembrava azzeccatissima


Riguardo ad Uber... beh, dai... è (stato?) come sparare sulla croce rossa!   


ho scoperto troppo facilmente il fianco ma cercherò di fare attenzione per le prossime battaglie a suon di commenti e repliche XD 



 03/08/2016 09:20:56 (modificato)
in risposta a ↑

birillone, devo essermi perso qualche notifica, perché noto solo ora di non aver risposto in piú di un mese... Domani sera rimedio!

 16/09/2016 00:00:07
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, a volte capita e per fortuna non è obbligatorio rispondere a tutto mentre lo è, almeno per, mantenere la promessa che si da per cui ti aspetto questa sera/notte per leggerti domani mattino e replicare Lunedì mattino ( sempre che non mi perda anche io la notifica XD ) 


Grazie alla tua replica ho potuto correggere una serie di refusi presenti nella mia precedente replica dei quali non mi ero accorto durante la rapida digitazione che spesso eseguo. 

 16/09/2016 06:35:32
in risposta a ↑

birillone, mi sa che riesco ad anticipare la risposta a questa mattina: avevo previsto di passare tutto il giorno in giro per uffici a litigare, ma me la sono sbrigata in meno di un'ora. Credo che l'apocalisse sia vicina...   


Allora, ripartiamo dal mese scorso:


oltre ai criminali che mi auguro, se seri, dispongano di strumenti ben più professionali credo che possa essere uno dei pruriti di ognuno che vuole fare qualche marachella in rete ( vedi l'esempio del sito per la chiesa realizzato da chi pubblica un sito satanico XD )

Appunto, chi ha la coscienza pulita non ha nulla da temere, anche alla luce del fatto che esistono strumenti ben più efficienti per il riconoscimento e/o per il tracciamento delle attività online (dall'IP al MAC) o nel mondo reale (GPS, GLONAS, riconoscimento cella...).


anche io ne sono estremamente incuriosito e credo che possa essere una vera svolta per il web.

A te cosa interessa di preciso?

A parte che, finalmente, qualsiasi pagina può avere una struttura logica più facilmente scalabile ed adattabile al media utilizzato per la visualizzazione, quello che m'interessa maggiormente sono le canvas, che permettono di eseguire script a velocità prima impensabili e che hanno aperto la strada a WebGL, rendendo di fatto superflui plugin come Flash per la gestione degli elementi grafici interattivi. In sostanza, con queste innovazioni, è possibile realizzare ogni genere d'applicazione lato client... ^_^


ho scoperto troppo facilmente il fianco ma cercherò di fare attenzione per le prossime battaglie a suon di commenti e repliche XD

Scoprire il fianco può risultar fatale...   


 16/09/2016 07:36:07
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


birillone, mi sa che riesco ad anticipare la risposta a questa mattina: avevo previsto di passare tutto il giorno in giro per uffici a litigare, ma me la sono sbrigata in meno di un'ora. Credo che l'apocalisse sia vicina... 


oppure potrebbe essere semplicemente che ti conoscono e che hanno preferito servirti diligentemente onde evitare litigi del venerdì mattino o potrebbe anche essere che, proprio perché è venerdì mattino, gli operatori sono contenti per il week end alle porte :) 


Appunto, chi ha la coscienza pulita non ha nulla da temere, anche alla luce del fatto che esistono strumenti ben più efficienti per il riconoscimento e/o per il tracciamento delle attività online (dall'IP al MAC) o nel mondo reale (GPS, GLONAS, riconoscimento cella...).


verissimo ma moltissimi utOnti sembrano dimenticarlo pur invocando la privacy mentre postano su facebook il loro ultimo flirt con una tazza del water XD 



A parte che, finalmente, qualsiasi pagina può avere una struttura logica più facilmente scalabile ed adattabile al media utilizzato per la visualizzazione, quello che m'interessa maggiormente sono le canvas, che permettono di eseguire script a velocità prima impensabili e che hanno aperto la strada a WebGL, r


anche Facebook si è subito gettato sui Canvas e Google ha avviato il servizo Google Amp ( lo raggiungi solo da mobile ) di cui parlo qui con @Irene-Irisdoc .


rendendo di fatto superflui plugin come Flash per la gestione degli elementi grafici interattivi. In sostanza, con queste innovazioni, è possibile realizzare ogni genere d'applicazione lato client... ^_^


ed era ora dato che Flash è deprecato da anni.


Scoprire il fianco può risultar fatale... 


cercherò di fare attenzione ma tu sei un avversario ostico XD 


  


 16/09/2016 07:57:48
in risposta a ↑

birillone,

verissimo ma moltissimi utOnti sembrano dimenticarlo pur invocando la privacy mentre postano su facebook il loro ultimo flirt con una tazza del water XD

Verissimo. Oltrettutto, questo mi fa venire in mente la vaccata del cookie disclaimer obbligatorio quando si usano cookie di terze parti: siccome praticamente tutti i siti del mondo hanno almeno un bottoncino sociale, ora tutti i siti del mondo devono avvisarti che potrebbero darti un biscottino... il che equivale a non dire nulla, perché per rifiutare il biscotto devresti abbandonare il sito (si, esistono altri modi, ma la teoria vorrebbe questo: niente biscotto, niente contenuto...)... insomma, tanto di avviso per una cosa alla quale non si può rinunciare...


ed era ora dato che Flash è deprecato da anni.

Non sono mai stato un sostenitore di Flash, ma bisogna dare a Cesare ciò che è di Cesare: non c'erano alternative efficienti proprio perché mancava una struttura a cui appoggiarle (come le canvas di HTML5), oppure le alternative presentavano problemi di natura diversa, come le applet Java: queste, di fatto, non hanno avuto successo perché fin troppo potenti e quindi potenzialmente pericolose per l'utente ed oggettivamente più laboriose da realizzare per i programmatori: il framework offerto da Flash è stato nel contesto web più o meno quello che rappresenta oggi il framework di Android per lo sviluppo di applicazioni mobile, che ha reso Java masticabile anche ai meno dotati, offrendo classi preconfezionate per quasi ogni cosa...


A me non sono mai piaciuti i siti pesantemente basati su Flash, ma senza di questo non sarebbero mai nati, tanto per fare un esempio, servizi come YouTube (ma anche YouPorn...   ), che solo oggi possono liberarsi del player grazie alla possibilità di eseguire direttamente video mp4.

 16/09/2016 08:47:42
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


Verissimo. Oltrettutto, questo mi fa venire in mente la vaccata del cookie disclaimer obbligatorio quando si usano cookie di terze parti: siccome praticamente tutti i siti del mondo hanno almeno un bottoncino sociale, ora tutti i siti del mondo devono avvisarti che potrebbero darti un biscottino... il che equivale a non dire nulla, perché per rifiutare il biscotto devresti abbandonare il sito (si, esistono altri modi, ma la teoria vorrebbe questo: niente biscotto, niente contenuto...)... insomma, tanto di avviso per una cosa alla quale non si può rinunciare...


hai colto un esempio perfetto al quale aggiungo che, ancor più, data la presenza totale di tale avviso oramai nessuno più lo legge o si interessa e non tarderemo a vedere messaggi nel footer di siti del tutto sikmili a questi discalimer che condurranno gli utOnti su advertising o di peggio XD 


( tanto loro - anche io - cliccano e basta XDD )  


Non sono mai stato un sostenitore di Flash, 


io invece si e mi sono messo anche a fare dei corsi per impararlo 


ma bisogna dare a Cesare ciò che è di Cesare: non c'erano alternative efficienti proprio perché mancava una struttura a cui appoggiarle (come le canvas di HTML5), oppure le alternative presentavano problemi di natura diversa, come le applet Java: queste, di fatto, non hanno avuto successo perché fin troppo potenti e quindi potenzialmente pericolose per l'utente ed oggettivamente più laboriose da realizzare per i programmatori: il framework offerto da Flash è stato nel contesto web più o meno quello che rappresenta oggi il framework di Android per lo sviluppo di applicazioni mobile, che ha reso Java masticabile anche ai meno dotati, offrendo classi preconfezionate per quasi ogni cosa...


infatti io l'ho apprezzato ma ne comprendo ed appoggio l'allontanamento


 

A me non sono mai piaciuti i siti pesantemente basati su Flash, 


erano il mio "pane quotidiano"



 16/09/2016 08:58:08
in risposta a ↑

birillone,

hai colto un esempio perfetto al quale aggiungo che, ancor più, data la presenza totale di tale avviso oramai nessuno più lo legge o si interessa e non tarderemo a vedere messaggi nel footer di siti del tutto sikmili a questi discalimer che condurranno gli utOnti su advertising o di peggio XD

( tanto loro - anche io - cliccano e basta XDD )

Esatto, una conseguenza quasi inevitabile. Altro scenario: dopo un discreto periodo (qualche anno?), la presenza di cookies sarà data così per scontato che gli avvisi spariranno: insomma, tanto lavoro per imporli, per poi concedere di farne a meno... umani...  


io invece si e mi sono messo anche a fare dei corsi per impararlo

Trovavo i siti full flash spesso inutilmente pesanti e poi, specie nelle prime versioni, il sito non era accessibile o funzionale fino al download di tutti gli elementi: un incubo sulle connessioni dell'epoca... Ciò nonostante, l'avevo studiato un pochino, da autodidatta. Ho poi lavorato per un breve periodo su Flex, il framework open-source di Adobe basato su Flash, nato probabilmente per scongiurare l'abbandono totale della sua creatura...


infatti io l'ho apprezzato ma ne comprendo ed appoggio l'allontanamento

Ha, semplicemente, fatto la sua era. Per certi versi gloriosa, migliorando l'interattività che ha poi aperto la strada verso la seconda generazione del web... insomma, non lo si può disprezzare solo perché è invecchiato...   


erano il mio "pane quotidiano"

Capisco, quindi, che tu possa averne una visione più nostalgica, anche se ne appoggi l'allontanamento...   

 16/09/2016 09:40:38
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


dopo un discreto periodo (qualche anno?), la presenza di cookies sarà data così per scontato che gli avvisi spariranno: insomma, tanto lavoro per imporli, per poi concedere di farne a meno... umani... 


mmmhh prima di far scomparire quel messaggio ne leggeremo delle belle.. 


Trovavo i siti full flash spesso inutilmente pesanti e poi, specie nelle prime versioni, il sito non era accessibile o funzionale fino al download di tutti gli elementi: un incubo sulle connessioni dell'epoca... 


verissimo ma lo ricordo con nostalgico piacere 


Ciò nonostante, l'avevo studiato un pochino, da autodidatta. Ho poi lavorato per un breve periodo su Flex, il framework open-source di Adobe basato su Flash, nato probabilmente per scongiurare l'abbandono totale della sua creatura...


mai usato purtroppo, ebbi la possibilità di fare un piccolo corso finanziato dal mio titolare dell'epoca che, per una volta, volle donarmi formazione invece di spremere sempre dalle mie competenze ed attitudini.


Forse anche per questo mi piacque dato che, per una volta, potevo studiare "a gratis" XD


non lo si può disprezzare solo perché è invecchiato... 


ottima riflessione ( diciamo però che si può disprezzare chi ancora oggi ne faccia uso XD )   



 16/09/2016 09:45:08
in risposta a ↑

birillone,

mai usato purtroppo, ebbi la possibilità di fare un piccolo corso finanziato dal mio titolare dell'epoca che, per una volta, volle donarmi formazione invece di spremere sempre dalle mie competenze ed attitudini.

Forse anche per questo mi piacque dato che, per una volta, potevo studiare "a gratis" XD

Beh, la formazione gratis aggiunge certo qualcosina, ma ripeto, per l'epoca non era poi così male, specie se veniva usato correttamente. Torno all'esempio di YT: il sito usa un player, ma non è mai stato tutto basato su Flash. Alla stessa maniera c'erano un sacco di siti che lo usavano solo per rendere fighi certi elementi (ad esempio, i menù...), ma prevedevano l'alternativa html in caso fallisse il caricamento del plugin od addirittura su scelta dell'utente.


Riguardo a Flex, la versione completamente free offriva un editor limitato, ma non era male e non era neppure troppo meno potente di Flash. Però hanno imbroccato la strada dell'open-source troppo tardi, quando ormai Flash stava sprofondando.


Poi sono uscite le alternative e la musica è finita.


Un sito in HTML5, grazie a quanto detto prima ed all'incredibile numero di librerie JS esistenti, può fare completamente a meno di qualsiasi plugin e risutla più agile nell'interfacciarsi col lato server... In sostanza, si può delegare più lavoro al client e lasciare che il server faccia quello che gli riesce meglio...


diciamo però che si può disprezzare chi ancora oggi ne faccia uso

Beh, si! Continuare a mandare in replica il canto del cigno alla lunga stanca...   

 16/09/2016 10:13:56
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


Beh, la formazione gratis aggiunge certo qualcosina, ma ripeto, per l'epoca non era poi così male, specie se veniva usato correttamente. 


ho ancor stampato in mente le procedure per realizzare la prima animazione che realizzai ( usavo ancora windows :((( ) 


Riguardo a Flex, la versione completamente free offriva un editor limitato, ma non era male e non era neppure troppo meno potente di Flash. Però hanno imbroccato la strada dell'open-source troppo tardi, quando ormai Flash stava sprofondando.


la scelta dei tempi è vitale sul web copiar e fare qualcosa che già esiste o viene fatto VERAMENTE IN GRANDE oppure si perisce con una percentuale di probabilità del 101%.. 


Un sito in HTML5, grazie a quanto detto prima ed all'incredibile numero di librerie JS esistenti, può fare completamente a meno di qualsiasi plugin e risutla più agile nell'interfacciarsi col lato server... In sostanza, si può delegare più lavoro al client e lasciare che il server faccia quello che gli riesce meglio...


infatti è stata ed è un evoluzione importantissima 


Beh, si! Continuare a mandare in replica il canto del cigno alla lunga stanca...   


vero


certo che come diavolo siamo arrivati a parlare di Flash discutendo delle batterie è "un mistero" XD 

 16/09/2016 10:24:13
in risposta a ↑

birillone, ora addotto la tecnica segreta della risposta a ritroso!  


certo che come diavolo siamo arrivati a parlare di Flash discutendo delle batterie è "un mistero" XD

Questa volta è abbastanza lineare:

  • la spia usa delle API per HTML5
  • HTML5 ha introdotto delle novità
  • le novità di HTML5 hanno reso superflui plugin come Flash


Oserei dire che siamo pericolosamente vicini dall'essere IN Topic...   


la scelta dei tempi è vitale sul web copiar e fare qualcosa che già esiste o viene fatto VERAMENTE IN GRANDE oppure si perisce con una percentuale di probabilità del 101%..

In un mondo che si muove alla velocità della luce, i tempi sono tutto: bisognerebbe sempre anticipare e mai seguire, ma Flash era già cresciuto troppo...


ho ancor stampato in mente le procedure per realizzare la prima animazione che realizzai ( usavo ancora windows :((( )

Però, ho come l'impressione che di Windows non hai poi così tanta nostalgia...   


 16/09/2016 10:53:00
birillone

birillone155786

in risposta a ↑

Anticoguardiano, 


Oserei dire che siamo pericolosamente vicini dall'essere IN Topic... 


più di quanto avrei mai creduto XD


  bisognerebbe sempre anticipare e mai seguire,


parole sante ma per farlo è necessario avere 


  • cervello
  • capacità
  • denaro


ed innovare invece di comprare o, appunto,  copiare :)  


Però, ho come l'impressione che di Windows non hai poi così tanta nostalgia... 


quella mi è passato SUBITO anzi è sorta un'allergia ad esso ( probabilmente a causa di una intossicazione forzata )


  

 16/09/2016 10:57:45

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader