Sareste disposti a spendere più di 300 euro (a testa) per mangiare in un ristorante premiato con tre stelle Michelin?

Sareste disposti a spendere più di 300 euro (a testa) per mangiare in un ristorante premiato con tre stelle Michelin?

Ciao Quaggers,

molti di voi sapranno che qualche giorno fa è stato nominato miglior ristorante al mondo l'Osteria Francescana di Massimo Bottura, chef modenese, che propone piatti che costano più di 80 euro l'uno.


Vorrei partire da questa notizia per chiedervi, come da titolo, se sareste disposti a spendere 300 euro per degustare un menù di uno chef stellato. Secondo voi vale la pena spendere dei soldi in questo modo? Uno sfizio che dura solo qualche ora può essere indimenticabile?

Avete mai cenato in un ristorante di un cuoco famoso? Com'è stata l'esperienza?


Vi prego di evitare i commenti sullo stile "mia mamma cucina delle lasagne che Cracco si sogna", perché non è questo che vi sto chiedendo.


Ditemi cosa ne pensate, grazie :) 


|Fonte|

|Fonte|

 19/06/2016 22:18:29
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
326 commenti

No direi decisamente di no

non sono interessata e mi sembra un insulto nei confronti di chi non ha da mangiare 

 19/06/2016 22:30:20

magnulli, quindi Bill Gates non può comprarsi una Ferrari perché io non posso permettermela?

Non prenderla assolutamente come un'accusa, anzi, sto cercando di capire. :)

 19/06/2016 22:42:34
in risposta a ↑

Achernar,  scusa, perchè la Ferrari è indispensabile ?

e poi, Bill Gate non è un cuoco, non c'entra nulla  con l'argomento del tuo post.



 19/06/2016 22:44:25
in risposta a ↑

magnulli, era un esempio. Potrei fartene un altro per chiarire quello che ho detto sopra.

Sono una studentessa e non sono certamente ricca, ma se io un giorno volessi comprare del vino bianco da dodici euro, dello zafferano e degli ossi buchi per fare il risotto alla milanese e togliermi uno sfizio allora sto insultando i bambini africani?

 19/06/2016 22:52:21
in risposta a ↑

Achernar, ahhhh che paragone !!!!!!

scusa ma non regge

 19/06/2016 22:54:23
in risposta a ↑

magnulli, adesso vado a dormire, ti rispondo domani. :)

 19/06/2016 22:57:10
in risposta a ↑

magnulli, perché non regge? 

Secondo te chi va a mangiare in un ristorante a tre stelle Michelin sta insultando chi non ha da mangiare?

 20/06/2016 06:22:59
NewPlayer

NewPlayer351

Questa la passo.

in risposta a ↑

magnulli, Secondo me se c'è qualcosa che non regge è la motivazione che hai dato in principio per la quale non sei d'accordo sullo spendere quella cifra in cibo marchiato 3 stelle michelin.

Tra l'altro è una delle motivazioni più diffuse e scontate che esistano. 

 20/06/2016 11:32:23
FedeTeschio

FedeTeschio2186

Curioso relativista :-)

magnulli, spendere 300 euro per un pasto è un insulto a chi non ha da mangiare?

Seguendo lo stesso ragionamento allora anche spendere 300 euro x dei vestiti diventa un'offesa a chi non ha vestiti, quindi vestiamoci tutti di stracci o con vestiti da pochi sold??   

Sprecare il cibo è un insulto, non buttare via i soldi!

 20/06/2016 15:24:43
in risposta a ↑

Fedeteschio , vestirsi di stracci? No.

Vivere consapevolmente si. 

Al mondo non c'è solo il bianco o il nero. Ci sono anche le sfumature

 20/06/2016 15:36:34
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

magnulli, 

Dal mio punto di vista si potrebbe parlare di mancanza di solidarietà sociale quando acquistiamo merci prodotte in paesi dove utilizzano manodopera a basso costo, disinteressandoci della politica sulle condizioni di lavoro applicata dall'impresa e facendo spallucce di fronte alle notizie che parlano di salari bassissimi per più di 10 ore di lavoro al giorno, o di capannoni che crollano o prendono fuoco perché non vengono rispettate le misure di sicurezza.

Sarebbe cinico qui rifiutare di farsi un esame di coscienza, anche se spesso risulta difficile poter avere un effetto concreto su questi squilibri, anche limitando la domanda e i consumi di noi occidentali. Quasi tutto ormai è prodotto in Cina, India, Vietnam, Sri Lanka, Bangladesh, Pakistan ecc

Però non vedo come possa essere un insulto, posto che si disponga di tanti soldi da spendere, impiegarne una parte per concedersi un lusso che in realtà alimenta tanti posti di lavoro, sia all'interno del ristorante, che nell'indotto, per così dire...

Chi è ricco deve spendere.   

 27/06/2016 08:02:03
in risposta a ↑

Ludina, chi è ricco può fare quasi tutto , anche invertire la tendenza e cambiare il concetto di lusso. 

Se si ragiona sempre e solo seguendo il dogma supremo del mercato non se ne uscirà mai. 

Quando parli  di - tanti posti di lavoro - intendi forse quelli sottopagati, pagati in nero senza diritti e tutele?i


Il lusso di pochi non puo e non deve significare povertà e sfruttamentodegli altri

 27/06/2016 10:00:47
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

magnulli, 

Sei a conoscenza del fatto che nei ristoranti di lusso si riscontra con una frequenza allarmante personale che non ha contratti di lavoro, non è rappresentato sindacalmente e percepisce stipendi vergognosi?

Perché se hai delle fonti, delle notizie, stai parlando di qualcosa di concreto, altrimenti cadiamo nella retorica improduttiva.

Inoltre anche comprando un articolo da Zara o da H&M, che non sono sicuramente marchi di lusso, si contribuisce, volenti o nolenti, a creare ricchezza per società che sono state spesso all'indice delle organizzazioni che si occupano di diritti umani.

E dobbiamo parlare del caso Mc Donald e di tutte le controversie che lo riguardano, in tema di trattamento dei dipendenti?

http://www.linkiesta.it/it/article/2014/05/02/mcdonalds-contro-sindacati-la-battaglia-sul-contratto/20975/

Quindi la decisione di scegliere cose che costano poco, al fine di sentirsi meno in colpa per chi ha meno da spendere, quanta solidarietà sociale vera contiene?


 27/06/2016 10:18:33
in risposta a ↑

Ludina, non la pensiamo alla stessa maniera? non siamo sulla stessa lunghezza d'onda? Non è l prima volta. Io me ne faccio una ragione, tu ?

 27/06/2016 14:09:05
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

magnulli, 

Quag nasce anche per comprendere il motivo di certe opinioni e modi di vedere il mondo; non mi sembra che generalmente ognuno si limiti a dire la sua senza preoccuparsi minimamente di cosa pensi l'altro. Altrimenti le discussioni, i dialoghi e i simposi vari non esisterebbero, o sbaglio?

Io ti ho dato una mia personale visione, simile tra l'altro a quella espressa da altri utenti, tu hai ribattuto provocatoriamente chiedendomi se per caso fra i posti di lavoro che può creare un ristorante stellato ho annoverato anche quelli sottopagati e in nero, insinuando quindi che io mi disinteressi della sicurezza e del benessere altrui e compia un atto di egoismo sociale entrando in un ristorante del genere. La mia risposta meravigliata è stata: "Perché, da quanto ne sai tu, nei ristoranti Michelin schiavizzano i dipendenti?"

La mia seconda domanda invece si può riassumere così: "Spendendo poco tuteliamo davvero il benessere dei lavoratori?"

A me non importa che tu la pensi diversamente, anche se faccio fatica a comprendere il tuo punto di vista. Poi se vuoi unirti al coro di chi mi rappresenta come una che vuole imporre la propria visione solo perché ti invito alla discussione, fai pure! È facile far vestire agli altri i panni del persecutore e dell'intollerante schivando l'argomento.

In ogni caso mi riservo di far notare che non hai risposto alla mia domanda e che hai anche accusato Achernar, che ha mantenuto un tono assolutamente gentile e conciliante, di fare esempi poco calzanti, senza chiarirne le motivazioni.

Ora vado a frustrare un po' di schiavi che mi preparino la merenda...

 27/06/2016 14:48:53
in risposta a ↑

Ludina, Don't worry, be happy   

 27/06/2016 21:06:13
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

magnulli, 

Don't worry be happy una mazza.

Se provochi chi ti scrive con delle accuse arbitrarie (Quando parli  di - tanti posti di lavoro - intendi forse quelli sottopagati, pagati in nero senza diritti e tutele?e Non è l prima volta. Io me ne faccio una ragione, tu ?) non devi meravigliarti che le persone si infastidiscano o ti invitano a spiegare meglio che intendi.

Ma evidentemente è più facile divertirsi a prendere in giro chi ti scrive che affrontarlo sullo stesso piano.

 28/06/2016 07:07:15
JazzMine095

JazzMine09536

Multi-tasking nella vita

magnulli, se mangi o no i bambini dell'Africa non mangiano uguale eh.. 



 12/11/2018 20:33:55
AlessioM

AlessioM36246

Ricercatore di senso

Credo che non valga la pena di spendere 300 euro per il piacere di 1-2 ore. Di qualsiasi cosa si tratti.

Non mi piace che si faccia speculazione sul prezzo degli alimenti, che una cipolla possa costare 10 volte il suo prezzo normale solo perché viene da una certa città. Lo so che quello che sto dicendo è contro la mentalità italiana attuale contro la logica che se un prodotto è tipico e raro allora deve costare di più... Ma a me certe volte lo slow food sembra snob food...

 19/06/2016 22:33:00

AlessioM, ti do per certi versi ragione, ma ipotizzo che il costo non sia dato solo dagli ingredienti di qualità, ma anche dalla ricerca sia in campo scientifico che culinario.


Detto questo io sono curiosissima di assaggiare uno dei suoi piatti, ma ovviamente non posso permettermelo. Tu non sei curioso?

 19/06/2016 22:45:28

AlessioM, ebbene sì, ci marciano alla grande

 19/06/2016 22:47:45
Contrabbandiere

Contrabbandiere39346

PLA-XIT

un piatto del genere, sembra il residuo della mia cena, dopo che ho rovesciato la tazzina del caffè   


 19/06/2016 22:39:50

Contrabbandiere, non hai risposto alla domanda e comunque il piatto secondo me è stupendo, è vibrante, è colorato.

 19/06/2016 22:53:29

Mi capita per lavoro o per essere stata invitata, ad entrare in ristoranti stellati.

Così come si può comprare una bottiglia di Amarone e pagarla svariate centinaia di euro, così esistono gli amanti di questo genere di cucina, che sanno apprezzare ogni leggera sfumatura di ogni singolo ingrediente. Su questo non posso mettere alcuna parola, nel senso stretto del tuo post.

Per quanto mi riguarda ti posso dare la mia esperienza: non devo avere un gusti talmente sopraffini, perché dopo avevo una fame mostruosa e mi sono sognata la frittatina calda di maccheroni mangiata in mano in mezzo alla strada   . Quindi, personalmente, non spenderei mai tutti questi soldi (e se me lo potessi permettere) per questo genere di cose.   

 19/06/2016 22:55:23

Scherzi a parte, la cucina è sempre un'arte ed è soggettiva. Il costo è irrilevante per chi realmente percepisce l'armonia, il dosaggio e la misura degli ingredienti.

Poi che la maggior parte delle persone non capisce niente e ci va solo per elevazione d'immagine è un altro paio di maniche.

 19/06/2016 23:05:21

Clarabella, grazie mille per aver raccontato la tua esperienza! *-*

Probabilmente è così, esci dal ristorante con ancora una fame da lupi, ma il piacere di provare sapori totalmente nuovi e creativi secondo me non ha prezzo! 

 20/06/2016 06:25:30
in risposta a ↑

Achernar, come ti ho risposto più seriamente in seconda battuta, nessuno mette il coltello alla gola per andare in questo genere di posti. Nè tantomeno ti mettono la mano in tasca. Sono abituata a non discriminare il lavoro altrui e così come ti ho fatto il paragone del vino, così ce ne potrebbero essere infiniti. Punto fermo: dove c'è gusto non c'è perdenza.

Però una cosa la devo dire, che non c'entra nulla con il post: sei troppo carina quando ringrazi.   

 20/06/2016 11:34:55
Contrabbandiere

Contrabbandiere39346

PLA-XIT

Per quel piatto no, troppo ingredienti, troppi colori, troppa preparazione scenica, per un altro piatto si, quello non mi ispira, per una cena costosa non seguirei la moda ma la storia, Don Alfonso a S. Agata magari.. Zi Teresa, un localino a Sanremo che non ricordo il nome, ormai ci vado ad occhi chiusi, in cui si mangia un pesto divino.

 19/06/2016 23:01:15

Contrabbandiere, purtroppo non conosco nessun ristorante che hai citato, ma mi piace la tua idea di "seguire la storia". :)

 20/06/2016 06:26:18
Contrabbandiere

Contrabbandiere39346

PLA-XIT

in risposta a ↑

Achernar, tutti ristoranti di altissimo rango, non televisivi, ho un amico che ha un ristorante di questo tipo, prepara dei piatti favolosi, ma 30 euro a cranio sono accettabili e ben spesi, 300 sono una rapina, se ti trovi all'ombra del vesuvio vai a Gragnano Cucina82.

 20/06/2016 06:51:21
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209211

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Contrabbandiere, guarda che anche da Don Alfonso le porzioni sono striminzite   

 22/06/2016 16:18:59

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader