ilmiozio

ilmiozio195416

Estremista di destra e di sinistra

Brexit o non Brexit?

Brexit o non Brexit?

Manca esattamente un mese al giorno che potrebbe cambiare le sorti dell’Europa. Il 23 giugno i cittadini del Regno Unito saranno chiamatti ad esprimersi sulla permanenza - o sull’uscita - del loro Paese dall’Unione Europea. Un appuntamento cruciale dunque non solo per Londra, ma per l'Europa intera.

Vogliamo provare a fare una previsione sull'esito del referendum, indicando anche la percentuale dei SI e dei NO?

Tra un mese -anche un po' per gioco- sarà divertente constatare chi si sarà avvicinato di più all'esito finale, e ne verrà dato, solennemente   atto alla chiusura di questo post.

Ovviamente saranno gradite anche eventuali motivazioni a sostegno della previsione.

Dunque: Brexit SI o Brexit NO?

 26/05/2016 18:27:38
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
365 commenti
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209456

Distributore di pillole rosse.

Per quanto speri che vinca il si al Brexit, credo che alla fine prevarrà la paura che i vari esponenti dell'establishment stanno cercando di suscitare nella popolazione. Credo quindi che prevarrà il no. Sulla percentuale non so, credo un 60%-40%.


Poi sai, quando rischiano di vincere gli euroscettici succede sempre qualcosa di strano  


 26/05/2016 18:45:46
TheTraveller

TheTraveller18116

Vagabondo ,chitarrista, cantastorie e sognatore.

Harry_Vandenpost, caro il mio Lord , cosa mi dici dell'uccisione dell'Europarlamentare Britannica? Era euroscettica ?   

 16/06/2016 18:41:36
ilmiozio

ilmiozio195416

Estremista di destra e di sinistra

Considero gli inglesi un popolo di simpaticoni senza palle. Da sempre servi del loro padrone americano, dubito molto in un loro rigurgito d'orgoglio. Personalmente dico 32% BREXIT SI e 68% BREXIT NO.

Se dovessi sbagliarmi sono pronto a fare ammenda e anche a vergognarmi (ma non credo ce ne sarà bisogno) ...purtroppo.   

 26/05/2016 18:56:01
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209456

Distributore di pillole rosse.

ilmiozio, in una serie tv che seguo, Sherlock, uno degli antagonisti pronunciò questa frase, a mio avviso molto veritiera: "La migliore qualità di voi inglesi è che siete così mansueti, sempre pronti a chiedere scusa, a tenere la testa bassa. Si può fare di tutto qui, nessuno si oppone, una nazione di erbivori. Io ho degli interessi in tutto il mondo ma...inizio sempre in Inghilterra. Se funziona qui poi lo attuo in un paese vero. Il Regno Unito è la cartina tornasole del mondo occidentale". E mentre diceva questo urinava nel salotto di Sherlock Holmes.

 26/05/2016 19:04:15
AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, ,mi sembra una visione esagerata, una nazione di erbivori non avrebbe dominato gli oceani per tre secoli, riempito il mondo di colonie, sterminato almeno una dozzina di popoli nativi... e se fossero stati carnivori, che avrebbero combinato?

 26/05/2016 19:38:36
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209456

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

AlessioM, io trovo che gli inglesi di oggi siano degli erbivori,  del resto anche gli italiani hanno poco in comune con gli antichi romani. Vedere un popolo che ha dominato il mondo come quello inglese,  umiliato e sottomesso in casa propria,  mi fa pensare che esista una qualche legge del contrappasso. 

 26/05/2016 19:54:58
AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, ma cosa intendi per "umiliato e sottomesso"? Il Regno Unito, oggi:

- è membro permanente del consiglio di sicurezza ONU, cosa che lo posiziona un gradino sopra (insieme alla Francia) agli altri paesi europei;

- dispone di armi nucleari (idem sopra);

- mantiene un rapporto privilegiato con le proprie ex colonie (Commonwealth) che assommano in pratica a metà delle nazioni del mondo;

- ospita, nella City di Londra, uno dei maggiori centri finanziari globali, l'unico in Europa che possa paragonarsi a NY, Dubai, Hong Kong;

- ha una predominanza culturale totale, i giovani d'Europa si mettono in fila per passare almeno qualche mese a Londra; 

- le tendenze della politica (il nuovo sindaco islamico di Londra) della società (es. i grandi magazines britannici come il Times e l'Economist stabiliscono cosa è "ok" e cosa non lo è, e tutti i giornali del continente scopiazzano), nonché di arte/musica/spettacolo vengono tutte dal Regno Unito; 

Poi certo, la sig.ra Albione (magari potremmo chiamarla "vecchia signora", come una certa squadra di calcio italiana) può stare simpatica o meno, ma che sia decaduta ed umiliata forse no. 

 26/05/2016 20:32:01
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209456

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

AlessioM, lasciamo stare che poi mi danno dello xenofobo.  Diciamo solo che pagano le conseguenze dell'aver avuto un impero coloniale. 

 26/05/2016 20:44:50
tuttaltradimensione

tuttaltradimensione11851

Risolutore

in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, scusa, sono un pò tonta...ma come pagano le conseguenze dell'aver avuto un impero coloniale, la Francia, l'Olanda ed il Belgio?

 26/05/2016 22:03:18
ilmiozio

ilmiozio195416

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

AlessioM, Questa supremazia culturale sociale ed economica che -mi pare- tu riconosca ai sudditi di Sua Maestà, pensi che si tradurrà in un exsitSI o in un exsitNO ?

 26/05/2016 22:34:57
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209456

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

tuttaltradimensione, esattamente.  In Francia ed in Belgio hanno già pagato col botto. Ed è solo l'inizio, vedrai quando inizierà la guerra civile nelle strade. 

Però i campioni di cuckolding non sono né gli inglesi ne' i francesi,  bensì gli svedesi: in pochi anni di immigrazione massiccia sono passati dall'essere un'oasi di civiltà all'essere il paese con il più alto numero di violenze sessuali in Europa. 

 27/05/2016 00:12:05
AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

ilmiozio, credo che finirà come il referendum scozzese, vittoria dei No sul filo di lana. 

Gli europeisti filo tedeschi sottolineano sempre, malignamente, che i britannici prendono ordini dagli USA. Ma in questo caso i consigli da oltreoceano sono espliciti: i democratici di Washington sono più europeisti dei lussemburghesi, la UE non può essere messa in discussione, perché se vacilla saltano accordi come il TTIP, ed anche la NATO magari è a rischio. Lo Zio Sam vuole una concubina perpetua, non un continente di piccoli stati litigiosi con cui perdere tempo a trattare separatamente. 

Il fatto stesso che si sia arrivati ad un referendum, rafforza la mia convinzione che i britannici siano tosti come popolo: in un paese veramente debole, come il nostro, un referendum del genere è inconcepibile (preciso: non sono sicuro di come voterei, ma trovo un esempio di autentica democrazia che di possa votare su questi temi fondamentali).

 27/05/2016 07:29:35
in risposta a ↑

AlessioM, Perchè in Italia prendiamo ordini da chi? Ma su scala mondiale penso siamo considerati delle moschine......Comunque il nuovo ordine mondiale è già in atto e ...non so proprio come venirne fuori...ma alla fine voglio essere ottimista. Ma proprio alla fine ah

 28/05/2016 22:06:28
AlessioM

AlessioM36241

Ricercatore di senso

in risposta a ↑

Laurelin, noi infatti aderiamo a qualsiasi cosa, senza riserve. Da noi sembra una cosa da pazzi che i britannici abbiano ancora in tasca le sterline e votino ad un referendum se vogliono stare o meno nella UE. Ciascuno ha la sua mentalità...

 29/05/2016 07:27:24
AlessandroL

AlessandroL4946

Appassionato della vita

ilmiozio, allora? Ammenda e ti vergogni? Scherzi a parte, mi sembra ingeneroso bollare i britannici come servi degli USA. Forse non ricordi che gli Inglesi hanno avuto un impero coloniale senza pari... che tutt'ora "staterelli" come l'Australia sono politicamente legati alla loro ingerenza, che moda, tecnica, letteratura e in generale la cosiddetta "cultura anglosassone" è la cultura dominante nel mondo occidentale. Che altri staterelli come il nord america sono diventati indipendenti dai britannici solo dopo guerre e non certo per "lassismo" dei brit. Per non parlare del fatto che i britannici furono gli unici a resistere ai tedeschi durante la seconda guerra mondiale ed avrebbero resistito fino alla morte senza battere ciglio. Gli USA hanno da sempre la forza delle risorse naturali, dello spazio, delle braccia disponibili a poco prezzo. I britannici considerando che ai empi dei romani erano poco più che tribù sparpagliate su prati sterminati a pascolare pecore direi che di strada ne hanno fatta ed usando come prima leva proprio il loro carattere e determinazione.

 24/06/2016 09:44:39
ilmiozio

ilmiozio195416

Estremista di destra e di sinistra

in risposta a ↑

AlessandroL, Non solo faccio ammenda, mi vergogno, abiuro e chiedo di essere virtualmente sputato in un occhio.   

Oggi sono talmente euforico che accetto tutto.

 24/06/2016 09:51:39
in risposta a ↑

ilmiozio, poi uno dice che st'europa è strana... ti credo, la lingua più parlata in Europa è l'inglese e l'unica nazione che non fa parte dell'Europa è l'Inghilterra.  
  

 24/06/2016 16:30:43
pastrank

pastrank40186

Den som är satt i skuld är icke fri

Io metterei il 65/35 a favore di chi vuol rimanere. Pur in un clima antieuropeo, e solo per fare un esempio, la city senza Europa sarebbe la stessa cosa? Gli conviene piu' rimanere e battere i piedi per terra.


 26/05/2016 22:41:08

secondo me non usciranno,prendono troppi soldi per dire usciamo...

 26/05/2016 23:13:52

Intanto loro fanno un referendum che noi ci sogniamo anche se ne abbiamo urgente esigenza.

-hanno ancora la sterlina (se non è un vantaggio perchè non hanno adottato l'euro?)

-non hanno oppressione fiscale

-non hanno nessun limite d'uso del contante

-non hanno nessun opprimente controllo fiscale

-non hanno fabbriche e attività che chiudono una dopo l'altra

-non hanno struttura abnorme statale parassita pro euro

-hanno il pieno controllo sull'immigrazione clandestina


in più forse proveranno solidarietà per noi sfigati della zona euro 

o forse sentiranno pietà e abbrevieranno le nostre sofferenze?


mah...  credo che sarà 50,5 brexitNO e 49,5 brexitSI


 27/05/2016 05:50:17
pastrank

pastrank40186

Den som är satt i skuld är icke fri

ioomm, perche' i vantaggi ce chi li ha e chi no (e c'e' anche chi e' obbligato). Non e' che noi siamo identici alla Gran Bretagna. Se no, facciamo come la Svizzera a questo punto, apriamo tante banche, prendiamoci 4 o 5000 euro di stipendio, e viviamo da ricchi in montagna.

 27/05/2016 17:42:46

ioomm, In realtà tutte le fabbriche inglesi hanno già chiuse da tempo.

In Inghilterra c'è solo finanza!!

Sul discorso tasse sono basse .....ma se non hai un assicurazione muori negli ospedali pubblici e se non hai soldi studi nelle scuole statali e non nelle università prestigiose.

Per abbassare le tasse anche da noi basta tagliare i servizi.



 28/05/2016 17:59:38

ioomm, e adesso non esagerare!!! Non è il paradiso! Conosco alcuni con cui parlo tramite skype e a quanto pare non è tutto rose e fiori....so che spesso se fai il paragone con l'Italia tutto appare migliore...ma se scavi a fondo vedrai che tante volte .....tutto il mondo è paese....non credere sai....

 28/05/2016 22:09:40
in risposta a ↑

pastrank, sono d'accordo! non siamo assolutamente identici!
Il tessuto produttivo , cultura e strutture sono totalmente diversi.

Mi sembra ovvio che le stesse regole economiche non valgono per noi.
....ma allore che ci facciamo nella UE?


 29/05/2016 03:55:18
in risposta a ↑

HateMyFollowing, ecco se da noi chiudono le fabbriche e le attività non ci rimane nulla non abbiamo ne finanza ne materie prime. Questo conferma che siamo gli sfigati a cui converrebbe uscire dalla UE non loro.


Probabilmente eccelliamo nell'estensione della copertura sanitaria e nella qualità ad alti livelli di medicina e chirurgia, ma di certo siamo primi al mondo negli sprechi e quindi disservizi che sono quelli da tagliare non i servizi.



 29/05/2016 03:58:07 (modificato)
in risposta a ↑

Laurelin, non è che la è il paradiso ..

ma è qua che è il purgatorio per un numero sempre maggiore di persone! Prova a chiederlo alle migliaia di giovani costretti ad andare là vista l'assenza di prospettive in italia. Prova a farti un giro a Londra e vedrai un esercizio commerciale su due con commessi italiani. Dove ho esagerato? se avessi voluto esagerare avrei scavato a fondo trovando però differenze ancora maggiori...



 29/05/2016 04:05:14
pastrank

pastrank40186

Den som är satt i skuld är icke fri

in risposta a ↑

ioomm, perche' ci conviene vendere il nostro manifatturiero all'interno della Ue. Per fare un esempio che ben conosco, tutti vedono le auto che escono dagli stabilimenti tedeschi con lo scudetto Vw o Audi o Bmw, ma meta' della roba con cui sono costruite e' prodotta in Italia...


Le 4 A italiane: abbigliamento, alimentari, arredamento, automotive...

 29/05/2016 08:12:30
in risposta a ↑

ioomm, ascolta io non sto dicendo che qui il lavoro sia fantastico, ti assicuro che io non sono in una posizione magnifica, lavorativamente parlando.....Ci sono stata a Londra. Il fatto che ci siano molti commessi italiani, non vuol dire che anche li non siano sfruttati. Anche noi da sempre migriamo all'estero in cerca di maggiori opportunità, voglio solo dire che non è tutt'oro quel che luccica....io ho parlato con alcuni che ci sono stati e sono tornati....sicuramente avranno una mentalità diversa dalla nostra....e qui nessuno credo negherebbe che su certi aspetti siano piu avanti di noi...solo che bisognerebbe fare un'analisi piu approfondita prima di diventare cosi cinici e negativi....

 29/05/2016 10:11:17

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader