Anna

Anna48695

Web Specialist

Salute, scienza e televisione. Le opinioni non autorevoli in tv influenzano le scelte che facciamo sulla nostra salute?

Nelle ultime settimane in tv è stato dato particolare risalto a persone che hanno espresso le proprie idee su temi delicati come i vaccini e le diete. 

L'ultimo episodio ripreso da tutte le testate giornalistiche ha come protagonista Red Ronnie che sostiene, su Rai 2, che obbligare a vaccinare i bambini è "demenziale" perché, a suo dire, il corpo ha altri modi per difendersi e spiega in dettaglio il suo punto di vista. Trovate il video nell'articolo allegato.

Lemme, farmacista che propone una "filosofia alimentare" a dir poco discutibile, ormai è ospite in diverse trasmissioni televisive come  Porta a porta, Matrix e le varie trasmissioni di Barbara D'Urso. 

Naturalmente non c'è nulla di male nel dare spazio alle opinioni di tutti, non discuto questo principio, ma credo sia applicato in modo discutibile. Mi chiedo quale sia il modo giusto di parlare di salute in tv, tema piuttosto delicato visto che la tv raggiunge davvero tutti e, rispetto a internet, non dà modo di fermarsi su una notizia verificandone le fonti.

 E' giusto che la tv pubblica dia spazio a opinioni non autorevoli senza alcun contraddittorio? L'opinione pubblica secondo voi si lascia influenzare da dibattiti di questo tipo?

 Io temo purtroppo di si.

 17/05/2016 14:50:41
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
45 commenti
FlavioBertamini

FlavioBertamini83969

Dead man walking

Red Ronnie? Il suo curriculum dice: diploma in ragioneria, vegetariano e poi vegano; Professione DJ.

Un virologo, docente e ricercatore presso l'Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano (Roberto Burioni) lo ha denunciato! Fonte: Huffington Post !! Avevo commentato altrove: 

Parafrasando una vecchia battuta (sulla ricchezza) si potrebbe dire: Una laurea non significa intelligenza ... figuriamoci un diploma!

In Tv non si fa scienza, ma spettacolo! Quindi anche gli uomini di scienza sbagliano ad andare troppo in Tv, (per cosa poi? un po' di soldini comodi e notorietà) ...

E poi vorrebbero il canone?   


 18/05/2016 15:28:21
Anna

Anna48695

Web Specialist

FlavioBertamini, la notizia della denuncia ieri era su diverse testate giornalistiche. Non so quanto senso abbia denunciare direttamente Red Ronnie, io me la prenderei più con la Rai che in questi casi dovrebbe prevedere un contraddittorio vero. Formalmente forse si dovrebbe fare una distinzione tra il servizio pubblico e la tv commerciale, la prima dovrebbe avere tra i suoi obiettivi la corretta informazione scientifica, la seconda non ha necessariamente questi obiettivi. Il tutto, formalmente. Dal punto di vista pratico io trovo vergognoso che anche la tv commerciale non preveda un contraddittorio in questi casi. 

 18/05/2016 15:39:21

Per me si è trattato di un'azione equiparabile ad un reato.

Dire queste IDIOZIE alla tv pubblica NON PUÒ essere tollerato in un paese civile.


Non è stata abbastanza amara la vicenda Vannoni, un altro incompetente che si mette a fare un lavoro che non gli compete non rendendosi conto che se è lì a dare aria alla bocca è anche grazie alle campagne vaccinali.


 18/05/2016 15:40:51
Anna

Anna48695

Web Specialist

Myrmex, io vado su tutte le furie quando sento queste notizie, quando si lascia passare volutamente un'informazione sbagliata. Mi arrabbio perché chi ha un problema di salute vero può essere così disperato da essere disposto a credere a qualsiasi sciocchezza. Non so se ti è capitato di vedere in tv il farmacista Lemme che parla della sua "filosofia alimentare", un vero scempio. L'obesità è un problema molto serio, è veramente inqualificabile dare spazio a chi gioca con la salute delle persone.

 18/05/2016 15:50:12
in risposta a ↑

Anna,


Approfittare della disperazioine dei malati è un comportamento talmente abietto che andrebbe punito col massimo della pena.

La salute e le tematiche scientifiche sono percepite come lontane dall'opinione pubblica - e non solo in Italia, perché anche gli USA hanno situazioni imbarazzanti - e purtroppo questo determina un terreno fertile in cui paura di complotti e credenze assurde e dannose crescono floride.

Molta gente ne approfitta, qualcuno - pochi sedondo me - magari pure in buona fede, ma purtroppo questo rischia di avere conseguenze devastanti su tutti noi.

 18/05/2016 16:19:11
FlavioBertamini

FlavioBertamini83969

Dead man walking

Myrmex, non so se esiste ancora l'abuso di credulità popolare come reato: ma sarebbe un vero schiaffo per la cosiddetta pubblica opinione... 

 18/05/2016 17:10:21
FlavioBertamini

FlavioBertamini83969

Dead man walking

Ci sono due cose da dire: 

1) la scienza non è democratica: e men che meno ha ragione a priori il più bravo a strillare!

2) nella scienza non vale il principio di autorità, l'"Ipse dixit" degli aristotelici medievali.

L'unico principio valido, resta l'esperimento o l'analisi delle pubblicazioni da parte di altri competenti.

Ma al di fuori di questo stretto ambito, lo scienziato rimane un uomo come gli altri, anche con pregiudizi e debolezze ...

Purtroppo oggi spesso si inseguono capitali e finanziamenti ... e questo fattore svilisce non poco la correttezza degli atteggiamenti di parte degli stessi professionisti ...

Senza pronunciare giudizi affrettati mi limito a dire che il recente "caso Antinori" è emblematico!

 18/05/2016 16:15:07 (modificato)
Anna

Anna48695

Web Specialist

FlavioBertamini, ribadisco una cosa prima di risponderti nel merito. Io non sostengo che si debba dare spazio solo a chi ha i titoli debba esprimere la propria opinione, per un principio democratico tutti devono poterlo fare. E poi come lo decidiamo qual è il professionista migliore in un determinato ambito? Anche su questo ci sarebbe da aprire un dibattito infinito, avrete sicuramente notato che in tv vediamo sempre gli stessi medici, dietologi, ecc.

Le uniche soluzioni, per me, sono:

1- evitare di dare spazio tout court a certi personaggi.

2- Se si vuole dare spazio ai non esperti, che almeno ci sia un minimo di contraddittorio.

 18/05/2016 16:23:09
FlavioBertamini

FlavioBertamini83969

Dead man walking

in risposta a ↑

Anna, concordo totalmente! Attuare una censura preventiva è altrettanto deleterio: sia per la democrazia che per la scienza stessa! La parola magica sarebbe "buon senso" ... ma in molti  ambiti sembra scomparsa ...   

 18/05/2016 17:02:04

Sai cosa mi vien da dire? Spesso si sentono accuse rivolte ai medici, di essere "pagati" coi soldi delle multinazionali per spingere la gente a vaccinarsi. Io mi sto convincendo del contrario: sono i cantanti, le presentatrici, gli showman ecc a essere pagati da associazioni animaliste/antiscientifiche per propugnare il rifiuto dei vaccini e le diete crudiste. Del resto, un medico deve obbedire a un preciso codice deontologico, se viene scoperto a mentire e perdipiù in cambio di denaro, ciao ciao lavoro, può andare a vivere sotto un ponte. Invece ronaldorosso non ha nessun codice di condotta a cui obbedire. Ha detto delle cazzate in tv ? e chi se ne frega? Non per questo nessuno lo chiamerà più a cantare.

 18/05/2016 17:05:39
Anna

Anna48695

Web Specialist

smanagramderossi, chi lo sa qual è la verità. Posso dirti una cosa: chiunque partecipi a queste trasmissioni ha un tornaconto economico, medici inclusi. Un dietologo che partecipa sistematicamente ai dibattiti televisivi non ha più bisogno di passaparola o pubblicità su internet perché diventa un brand, le persone lo cercano perché lo hanno visto in tv. E' tutto un sistema discutibile che fa presa, di base, sulle emozioni delle persone che danno per scontato che in tv vadano solo i migliori. 

Detto questo sono pure io un po' complottista: mi sembra molto, molto strano che un personaggio come Lemme che cerca di propinare le sue "diete" da anni, all'improvviso venga invitato in tutte le trasmissioni tv.

 18/05/2016 17:11:50
in risposta a ↑

Anna, certo, nessuno va in televisione gratis; se mi chiami a partecipare nel tuo programma, e vuoi proprio me, per un qualsiasi motivo (sono un esperto oncologo, o sono famoso (che ne so, corona), o sono bella (belen), ecc,) certamente vorrò essere pagato e tu sarai disponibile a pagarmi. Questo parlando in generale.
Ma se mi pagano per la "consulenza" in quanto "esperto" ciò non significa che mi paghino per dire ciò che vogliono sentirsi dire. Non so se mi sono spiegato.
Se chiamano a parlare (esempio a caso) il direttore del Centro Ricerche sulle Malattie Rare e Genetiche (istituto da me inventato sul momento, ma alquanto verosimile) sono certo che il suo stipendio sia generoso a sufficienza da non renderlo incline a "prostituirsi" per una comparsata in tv. 
imho, (in my humble opinion - secondo la mia modesta opinione)

 18/05/2016 17:18:52
quellaclaudia

quellaclaudia7626

Je suis sam25

Per fortuna guardo poco la tv, ma quando mi succede di passare per trasmissioni che trattano un argomento scientifico come fosse un argomento opinabile in base agli umori vari, mi chiedo sempre, ma cosa membro maschile umano ce ne può fregare delle opinioni di cantanti, attori, modelli, cuochi, imbianchini vari? Non conosco il motivo di questo bizzarro fenomeno, ma non vorrei si tratti della semplice questioni ascolti. Metto in tv un tizio caio più o meno conosciuto che spara qualche più o meno cavolata e tiro su un caso che farà parlare del programma e del tizio caio. In più faccio ascolti attratti sia dal nome dell'ospite sia dalle affermazioni "scabrose" che fa.  

È solo un ipotesi ovviamente.

 18/05/2016 21:48:58
Anna

Anna48695

Web Specialist

quellaclaudia, è un'ipotesi più che plausibile. Nel caso di alcuni ciarlatani secondo me è valida pure l'ipotesi opposta. E' possibile che siano proprio loro a pagare per avere maggiore visibilità in tv. 

 19/05/2016 11:55:31
quellaclaudia

quellaclaudia7626

Je suis sam25

in risposta a ↑

Anna, probabile, però è anche vero che a volte mandare in onda un ciarlatano mette in piedi un caso tale abbastanza da far parlare anche del programma x sul canale y in se, insomma è pubblicità per tutti

 19/05/2016 17:24:34
Anna

Anna48695

Web Specialist

in risposta a ↑

quellaclaudia, si crea un circolo che si auto-alimenta, purtroppo.

 20/05/2016 09:39:41

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader