La mia ragazza mi ha lasciato perchè sono troppo buono

Fino a qualche mese fa stavo con una ragazza che mi ha mollato, il motivo? Ha detto che le dava fastidio il fatto che non mi arrabbiassi mai con lei e dicessi si a tutto. Ora io vorrei capire.. cosa ho sbagliato?Mi sarei dovuto arrabbiare di piu? Non trovo il senso in questa cosa:| Io come persona non mi arrabbio mai,cerco sempre di accontentare tutti ormai sono arrivato a un punto in cui di me stesso non me ne frega niente, quindi per me non è un problema farlo e non ci vedo nulla di male... Secondo lei mi sarei dovuto arrabbiare tipo ad esempio quando ci dovevamo vedere per un appuntamento ma lei ha ritardato di 40 minuti e ho dovuto aspettare fuori al freddo,io mi son detto vabè mica l'ha fatto a posta e anche se prendo un po' di freddo vabè. Oppure anche in cose come decidere di andare in un certo posto, le ho sempre detto che per me l'uno o l'altro va bene comuqnue e pure questa cosa non le è piaciuta. Bhe oltre che per questo mi ha lasciato penso anche perchè non volevo farmi foto o selfie:| o andare in piscina.. comunque il motivo principale me l'ha detto lei stessa è quello di cui ho parlato prima. Io quando l'ho saputo ci son rimasto male.. non pensavo che cercare di essere gentile potesse portare alla rovina di un rapporto. Voi che ne pensate? Dove sbaglio? Avete consigli? Ditemi la vostra:)... (ho 17 anni)

 19/02/2016 22:03:40
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
266 commenti

Un conto é essere gentile...un conto é essere uno zerbino....mi ricordi Daniele de "I ragazzi della 3 C" (tu non lo conosci ma altri si magari)

 19/02/2016 22:18:24

albival71, condivido la tua impressione... ma i ragazzi della 3°C non me li ricordo neppure io che sono ultratrentenne... che ne può sapere povera creatura?   

 19/02/2016 22:38:32
in risposta a ↑

Tigerman_jr, lo so che non li conosce e neppure tu...sono del 1986

 19/02/2016 22:40:47
AntonelloIovane78

AntonelloIovane782241

giornalismo, politica, fumetti,insegnamento,eventi

Lei é più bambina tu più mayuro. Non si tratta di zerbino, 

 19/02/2016 22:23:02

AntonelloIovane78, scusa se una arriva in ritardo di 40 minuti un minimo uno si arrabbia...

 19/02/2016 22:25:42
AntonelloIovane78

AntonelloIovane782241

giornalismo, politica, fumetti,insegnamento,eventi

in risposta a ↑

albival71, perché tu dai per Scontato che esce con te, ma cazzo stai uscendo con quello che per il momento é il tuo sogno, la vedrai ci starai assieme in compagnia....io aspetterei e magari sul ritardo farei una battuta ma non mi incazzerei

 19/02/2016 22:34:06
in risposta a ↑

AntonelloIovane78, be mica ho detto che deve spaccargli la testa...un minimo...anche fare una battuta delineava un senso di vitalità...

 19/02/2016 22:38:36
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209231

Distributore di pillole rosse.

AntonelloIovane78, ma infatti anche secondo me lui si è comportato in maniera matura. Tanto anche se si fosse arrabbiato,  la tipa si sarebbe arrabbiata a sua volta con lui ed avrebbe dovuto chiedere scusa, apparendo di nuovo servile.  Almeno si è risparmiato dei litigi. 

 20/02/2016 08:29:50
Sam25

Sam25-625

Hai mai letto "No more Mr nice guy"? Secondo me ci sono un po' di fattori da soppesare.

Da un lato potresti essere poco assertivo (cerca su google). Dall'altro viviamo in una società problematica. In questa società tra una persona un po' passiva e una aggressiva e manipolatoria, a volte, fa più strada la seconda..
Inoltre una persona 'decisa' sembra 'assertiva'. (Infatti molti narcisisti/e hanno appaiono carismatici).
Chi ci giudica non ci conosce davvero e fa una stima ad occhio (leggevo che sta cosa si chiama euristica del giudizio, te lo dico solo per farti capire che ci sono un sacco di libri sull'argomento).. 

Inoltre tante persone un po' insicure vogliono il partner deciso perchè così possono sentirsi 'buone' e, al contempo, non devono temere di ferirlo. Il ragionamento è: "Se l'altro si comporta molto bene anche io devo essere impeccabile per non avere sensi di colpa".

Tutto quello che io ti sto dicendo alla meno peggio puoi trovarlo scritto su uno dei mille libri sull'argomento. Ce n'è, ad esempio, che è scritto per le DONNE, ma puoi leggerlo e trarne insegnamenti preziosi: "perchè gli uomini sposano le stronze e lasciano le brave ragazze".

 19/02/2016 22:41:14
AntonelloIovane78

AntonelloIovane782241

giornalismo, politica, fumetti,insegnamento,eventi

Sam25, perché farsi tutte ste pipoe mentali .. Le donne che fan così non le capisco

 19/02/2016 23:05:33
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

AntonelloIovane78, all'inizio non le capivo nemmeno io. In passato ho avuto delle amiche veramente belle, di quelle per cui tanti perdono la testa. Per dirti una evitava di stare sopra in un rapporto sessuale perchè temeva che si vedesse la pancia. (era magrissima). Un'altra mi diceva che mi stavo dimagrendo troppo perchè si sentiva in competizione con me sul dimagrimento... un'altra ancora diceva di essere "tutta un difetto".
Non so se sono io ad attirare ragazze sensibili.. però quelle che ho conosciuto io lo sono molto. Non so se siano tutte insicure sull'aspetto.. Alcune si preoccupano della cellulite che non hanno, di un seno asimmetrico o cose così e ti giuro che sono belle, davvero tanto. 
A mio avviso l'autostima delle donne viene annientata dagli stereotipi del ca..o televisivi.

 19/02/2016 23:24:06
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

AntonelloIovane78, 

Non era innamorata, non è questione di farsi contorsioni mentali.

Evidentemente cercava un ragazzo dal carattere più volitivo e pronto ad esprimere un parere su tutto, a rafforzare o a contrastare le ragioni di lei anche laddove non ce ne fosse la stretta necessità. 

 19/02/2016 23:41:12
AntonelloIovane78

AntonelloIovane782241

giornalismo, politica, fumetti,insegnamento,eventi

in risposta a ↑

Ludina, eh ma infatti, perché voi donne dovete rendere tutto più difficile?

 20/02/2016 07:50:33
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

AntonelloIovane78, 

Ma perché certi utenti Quag devono dire tante fesserie sulle donne?

 21/02/2016 22:11:13

Vedi, il fatto è che se il tuo atteggiamento verso una persona (ciò vale in generale, anche per le amicizie o nel lavoro) è sempre accomodante, ciò sembra "anomalo" e desta delle domande...


Ad esempio l'altra persona si chiede: non mi contraddice o non si mostra arrabbiato perché ha paura che io lo lasci? Ma allora è un pauroso!


Oppure: ma a questo ragazzo va bene tutto? Non ha dei gusti, delle preferenze? Ha bisogno di essere "diretto" da un'altra persona? Ma allora è un immaturo!


O anche: non è possibile che non si sia arrabbiato per il mio comportamento. Ma allora me lo sta nascondendo? E allora se ci fosse un problema tra noi me lo nasconderebbe? Ma allora non è sincero!


Insomma, la mente femminile è meno lineare della nostra, tende ad interpretare i comportamenti altrui, a farsi delle domande. Essere accomodante è come fidarsi: bello ma da fare con moderazione. Se una persona ti fa un torto, tu non devi aver paura di rimproverarla. Se hai modo di fare una scelta, falla. Se c'è qualcosa che non ti quadra, parla. Perché altrimenti la persona che hai di fronte potrebbe mettersi a "interpretare" il tuo comportamento, e finirebbe per farlo in modo sbagliato.

 19/02/2016 22:48:35
Ludina

Ludina12611

Tigerman_jr, 

Cough cough...

"la mente femminile è meno lineare della nostra, tende ad interpretare i comportamenti altrui, a farsi delle domande."


Cough cough. Interpretare i comportamenti altrui e farsi delle domande sono attività razionali, dunque non sono esempi di mente "non lineare". Se osservo un comportamento che trovo estraneo, tento di attribuirgli una ragione e per farlo esamino un elenco di possibili cause, escludendone via via diverse fino ad arrivare alla più probabile, sto applicando un sillogismo disgiuntivo.

Ciò dimostra che la mente femminile, ammesso che siamo le uniche a porci domande sugli altri, è molto razionale e attenta.

In ogni caso una relazione non finisce definitivamente perché si interpreta eccessivamente il comportamento dell'altro fino al punto di vedere cose inesistenti, ma perché manca un sentimento forte tale da riuscire a proiettarla nel futuro.

Bel modo di inimicare il ragazzo a vita verso le donne!

 19/02/2016 23:11:01
in risposta a ↑

Ludina, non ho mica detto che le donne siano cattive o pericolose. Ho semplicemente cercato di spiegare che una azione che per una mente lineare maschile ha una sola ragione, per quella femminile può' avere vari significati. Trattasi di equazioni di grado superiore al secondo   

Il problema e' che a queste equazioni le donne trovano radici che il pover'uomo neppure si può' immaginare, e da lì il guaio.

In ogni caso, che possa dipendere da una incompatibilità caratteriale lo ha detto la ragazza. Lei avrebbe potuto dire, come te, che c'era poco sentimento. Invece ha voluto colpevolizzare il ragazzo accusandolo in pratica di non avere carattere. Quindi che c'è di male a dire a un ragazzo "non te la prendere, a volte a forza di ragionare prendono fischi per fiaschi"?

 19/02/2016 23:55:11
in risposta a ↑

Tigerman_jr, bhe però ha ragione è vero che non ho carattere.. 

 20/02/2016 00:02:33
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

"Ho semplicemente cercato di spiegare che una azione che per una mente lineare maschile ha una sola ragione, per quella femminile può' avere vari significati. Trattasi di equazioni di grado superiore al secondo"


Verba volant, scripta manent. Hai scritto che "la mente femminile è meno lineare". Detta così... Hai ribadito ancora nella spiegazione "per una mente lineare maschile".

Ti ricordi che in un'altra discussione ti sei interrogato sulle ragioni recondite dietro al gesto di una scimmia? Questo mi sembra un bell'esempio di speculazione psicologica!

Le domande e la ricerca di spiegazioni su un gesto o su un'azione nascono dalla percezione della loro stranezza o eccezionalità.

Tu ti sei scervellato su una scimmia giovane che ha ucciso una più anziana, perché ti appariva strano e misterioso che avesse reagito con una veemenza immotivata verso una rivale che era già stata messa fuori gioco. Hai visto persino nella collaborazione dell'esemplare maschio un chiaro segno di gelosia, passione tipicamente umana. Io sono intervenuta dicendo che secondo me il maschio aveva aiutato l'assassina semplicemente per evitare che soccombesse nello scontro.

Tra i due ragionamenti qual è il più lineare e quale il più fantasioso?


<<In ogni caso, che possa dipendere da una incompatibilità caratteriale lo ha detto la ragazza. Lei avrebbe potuto dire, come te, che c'era poco sentimento. Invece ha voluto colpevolizzare il ragazzo accusandolo in pratica di non avere carattere."


Infatti io non ho difeso la ragazza, perché per tanto per dare una spiegazione sincera ha finito per creargli un bel bagaglio di dubbi.

Non mi pare giusto neanche dover colpevolizzare l'intero genere femminile.

Ci credo che poi crescono misogini!



Quindi che c'è di male a dire a un ragazzo "non te la prendere, a volte a forza di ragionare prendono fischi per fiaschi"?>>


Il problema sussiste nel fatto che parli delle donne al plurale come se fossero tutte tendenzialmente uguali e come se fossero tutte tendenzialmente incapaci di attribuire il giusto significato a un gesto, a un'azione o a una frase, stravolgendolo con forzature e interpretazioni che si allontanano dalla realtà.

Non hai scritto: "La tua ex ragazza ha ragionato eccessivamente fino a prendere fischi per fiaschi" ma hai usato il verbo al plurale sottintendendo il soggetto "le donne".

 20/02/2016 00:39:30 (modificato)
in risposta a ↑

Ludina, e' misoginia dire "le donne ragionano in maniera più' complicata degli uomini'? Ma andiamo! 

 20/02/2016 08:47:01
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

Ho parlato di misoginia riferendomi agli effetti che può avere su un ragazzo giovane una spiegazione di questo tipo. Se fai passare il messaggio che una relazione è terminata perché sono le donne ad essere in un certo modo misterioso e diverso, non perché le persone e i sentimenti col tempo possono cambiare, un ragazzo proverà paura o odio istintivo verso il genere femminile.

Sarebbe come se dovessi dire a una ragazza: "Gli uomini tendono a stancarsi più di noi delle relazioni serie", rendendola diffidente verso gli uomini in generale!

E non rimangiarti quello che hai detto per favore!

In ogni caso anche dire che le donne pensano in maniera più complicata è una frase priva di senso, specie se non argomentata.

 20/02/2016 09:26:27
in risposta a ↑

Ludina, no, ti prego di rileggere il mio primo intervento. Prima di tutto, io non ho colpevolizzato né la ragazza né il mondo femminile in generale. Anzi, prima di tutto ho messo sotto la lente il problema dell'essere "troppo accomodante"

se il tuo atteggiamento verso una persona (ciò vale in generale, anche per le amicizie o nel lavoro) è sempre accomodante, ciò sembra "anomalo"

Sono passato poi a mostrargli i "difetti" che potrebbe aver visto in lui la ragazza a causa dell'atteggiamento accomodante (pavidità, mancanza di gusti e di spirito di iniziativa, forse falsità) ed ho quindi concluso con queste semplici esortazioni di valenza generale: 

Essere accomodante è come fidarsi: bello ma da fare con moderazione. Se una persona ti fa un torto, tu non devi aver paura di rimproverarla. Se hai modo di fare una scelta, falla. Se c'è qualcosa che non ti quadra, parla.


A me non sembra di aver demonizzato l'universo femminile.

Si dalla tua prima risposta ti sei focalizzata su un aspetto secondario del discorso, tra l'altro fraintendendone parzialmente il senso, cosa che ha reso necessario un piccolo chiarimento da parte mia sulla sfumatura di significato del termine "lineare".

A leggere le risposte successive, sembra quasi che tu ti stia curando più di fare le pulci al mio ragionamento che non di dare un contributo per rispondere alla domanda che ci è stata posta. Fatico a comprendere i termini del problema. Cosa dovrei argomentare, esattamente?

 20/02/2016 10:14:23
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

Ho letto tutto l'intervento e ho espresso una critica verso una parte specifica, non sull'interezza dell'intervento.

Hai citato tutte le frasi tranne quella di cui ti ho parlato. Non era affatto un aspetto secondario, visto che hai fatto anche tre esempi di quelli che consideri un segno di "non linearità della mente femminile".

"dire che le donne pensano in maniera più complicata è una frase priva di senso, specie se non argomentata."

Il soggetto c'è nella mia frase, quindi è inutile chiedere cosa dovresti argomentare.

Vabbè pensala come vuoi, io mi preoccupo solo che il ragazzo attribuisca la fine della relazione a quella ragazza in particolare, non a tutte le donne, perché tutte avremmo una mente poco lineare e per questo porremmo fine alle relazioni per motivi stupidi.

È un preconcetto dannoso.

 20/02/2016 10:29:37
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, in effetti non è facile.. Probabilmente è vero che lui è poco assertivo, ma è verosimile anche che la ragazza abbia altrettante insicurezze e immaturità mentre si erge a giudice... 

Sì, hai ragione passare il messaggio così non è proprio corretto... Secondo me è importante ribadire almeno che anche lui non è molto assertivo e cosa può aver reso insicura quella ragazza (influenze sociali).. Secondo te così potrebbe andare? 

 20/02/2016 11:14:40
in risposta a ↑

Ludina, 

hai fatto anche tre esempi di quelli che consideri un segno di "non linearità della mente femminile".

Appunto, e ti sembrano esempi di pensiero non realistici... quante volte abbiamo sentito frasi del genere da qualche amica?

Certo, bisogna stare sempre attenti a non generalizzare, le persone non sono tutte uguali, ma per esempio tu, in questa discussione, cosa stai facendo? Hai letto una mia frase, l'hai considerata "implicitamente" misogina (da "le donne sono complicate", che è un diffuso luogo comune, hai desunto "le donne lasciano per ragioni assurde", "non ti innamorare", e vari altri sottintesi riassumibili facendo riferimento a questa famigerata canzone   )


Assolutamente nel mio intervento non c'erano alcuna accusa ed alcuna sfiducia nei confronti delle donne.

Chissà, forse anche tu @PersonaComune avresti potuto provare (non so se lo hai fatto) a perorare le tue ragioni. Perché se quando lei ti ha magari rinfacciato di "non avere carattere" tu le hai dato ragione, lei ha avuto conferma dell'opinione negativa che aveva maturato verso di te. Avresti invece potuto provare a spiegarle che lo facevi solo per senso di generosità e che lei non è molto intelligente, se non lo ha capito. Poi magari vi sareste lasciati ugualmente...  

 20/02/2016 11:21:03
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

"Appunto, e ti sembrano esempi di pensiero non realistici... quante volte abbiamo sentito frasi del genere da qualche amica?"


Mi sembrano esempi di tua libera interpretazione.

Ti devo fare l'elenco delle gelosie immotivate e dei pensieri assurdi e contorti che alcuni uomini manifestano?


"genere da qualche amica?

Certo, bisogna stare sempre attenti a non generalizzare, le persone non sono tutte uguali, ma per esempio tu, in questa discussione, cosa stai facendo? Hai letto una mia frase, l'hai considerata "implicitamente" misogina (da "le donne sono complicate", che è un diffuso luogo comune, hai desunto "le donne lasciano per ragioni assurde", "non ti innamorare", e vari altri sottintesi riassumibili facendo riferimento a questa famigerata canzone   )>>



No, non sto generalizzando. Generalizzare significa applicare una regola dimostratasi valida a un caso specifico in maniera universale, senza che vi sia connessione tra il caso e l'insieme a cui appartiene.

Io non ho generalizzato, semmai ho dedotto.

Quello che intendo è che bisognerebbe dare una spiegazione sulla persona in questione, senza fare riferimenti generici alla "mente femminile" o "alle donne sono fatte così".

Certo che si potrebbe desumere che le donne pongono fine alle relazioni per delle ragioni assurde e incomprensibili. Se la loro mente viene descritta come più complicata e tortuosa rispetto a quella maschile, sposti il problema delle relazioni finite male su una presunta psicologia di genere.


<<Assolutamente nel mio intervento non c'erano alcuna accusa ed alcuna sfiducia nei confronti delle donne.>>


Magari no, non era nelle tue intenzioni, ma meglio non dare spiegazioni equivoche a chi è già indebolito emotivamente.


 20/02/2016 12:04:38
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

"in effetti non è facile.. Probabilmente è vero che lui è poco assertivo, ma è verosimile anche che la ragazza abbia altrettante insicurezze e immaturità mentre si erge a giudice..."


Non puoi sapere se le ha fatto il giudice con lui. Da quello che il ragazzo ha scritto si capisce solamente che lei ha voluto dare delle motivazioni per spiegare la perdita di attrazione e queste spiegazioni si sono rivelate equivoche ma anche brutalmente sincere.


"Sì, hai ragione passare il messaggio così non è proprio corretto... Secondo me è importante ribadire almeno che anche lui non è molto assertivo e cosa può aver reso insicura quella ragazza (influenze sociali).. Secondo te così potrebbe andare?"


L'assertività è la capacità di far valere il proprio punto di vista e la propria volontà senza sotterrare quelle altrui.

Nel suo caso, stando a quanto racconta lui, non si è prodotta alcuna volontà od opinione avversa, quindi direi che non è tanto l'assertività il problema, quanto l'assenza di preferenze e gusti personali.

L'insicurezza può condurre a dubitarci dell'amore della persona con cui stiamo, ma in questo caso è stata lei la prima a non rivelarsi innamorata, quindi non c'entra molto.

Anche perché chi è innamorato e insicuro di essere amato si ostina a cercare delle spiegazioni e a vederci chiaro, non si allontana senza prima aver soppesato a lungo la decisione e senza essersi confrontato più e più volte con l'altro.

 20/02/2016 12:14:06
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, sai essere molto precisa nei passaggi logici. Secondo me un uomo non si metterà mai a discutere con te!   

Però attenta! Quando dici che non possiamo dedurre nulla ricordati che
a) tu stessa deduci di continuo (quindi il ribadire i passaggi logici perfetti è più un esercizio adatto ad un aula di filosofia)
b) Hume disse che non possiamo essere sicuri neppure che il sole sorgerà domani..   , l'unica cosa oggettiva è la matematica, tutto il resto è un'opinione. Leggi qui https://blog.stackoverflow.com/2010/09/good-subjective-bad-subjective/
c) a livello psicologico e sociologico credo si possano fare parecchie ipotesi 
d) traspare come il messaggio che vuoi portare condiziona i ragionamenti che porti
e) attenta a non far sentire umiliato o impotente il tuo interlocutore!!!! (lui viene prima, il tuo messaggio subito dopo)

ps: mi odi?

 20/02/2016 12:33:45
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

", sai essere molto precisa nei passaggi logici. Secondo me un uomo non si metterà mai a discutere con te!"


Di nuovo: perché solo gli uomini e non anche le donne?


"Però attenta! Quando dici che non possiamo dedurre nulla ricordati che

a) tu stessa deduci di continuo (quindi il ribadire i passaggi logici perfetti è più un esercizio adatto ad un aula di filosofia)
b) Hume disse che non possiamo essere sicuri neppure che il sole sorgerà domani..   , l'unica cosa oggettiva è la matematica, tutto il resto è un'opinione. Leggi qui https://blog.stackoverflow.com/2010/09/good-subjective-bad-subjective/
c) a livello psicologico e sociologico credo si possano fare parecchie ipotesi
d) traspare come il messaggio che vuoi portare condiziona i ragionamenti che porti"


Ho detto che non bisogna generalizzare, non che non bisogna dedurre nulla in assoluto. Qualunque persona mediante istruita in filosofia e matematica sa che la logica è composta di argomenti deduttivi e induttivi.

Intendevo che era necessario attenersi al racconto del ragazzo senza fare deduzioni azzardate sulla ragazza.


"e) attenta a non far sentire umiliato o impotente il tuo interlocutore!!!! (lui viene prima, il tuo messaggio subito dopo)"


Ma quando mai avrei umiliato qualcuno?

Perché contesto una frase dal significato palesemente equivoco? Ma per favore!


 20/02/2016 12:50:13
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, "contesto una frase dal significato palesemente equivoco".
Ti prego non adirarti.. non fraintendermi..
FORSE HO ESAGERATO e sbagliato IO a metterti in guardia sulla base di mie esperienze passate.. a cui tu non ti avvicini...
parto dall'esperienza di una mia amica.. Lei aveva sofferto molto da piccola, molto abile con le parole e con la logica, e aveva un messaggio che voleva ribadire. So che non è il tuo caso, non ti sto giudicando o accusando, però so che rifletterai su ciò che ti dico..

Non ti ho detto che hai umiliato qualcuno. Ti ho detto che qualcuno si potrebbe sentire umiliato o impotente perchè sei molto brava ad argomentare. Se succede vagli incontro. Se non lo fai, qualsiasi sia la ragione che ti spingeva, gli stai mancando di empatia.. (anche se il fine è nobile).
La mia amica ha ferito delle persone.. (ho detto che potresti ferire degli uomini perchè pensavo fossi eterosessuale, e un partner può essere molto preso emotivamente in una discussione, ma non c'è alcuna distinzione, può succedere anche con delle donne. )

Ogni affermazione è equivoca. Ci sono delle intere filosofie che lo dimostrano.. solo la matematica non lo è.
Del resto il pensiero di Cartesio o di Hume lo spiegano chiaramente.. 
Ricordi quando dicesti che un uomo sposato che flirta è un marpione? Anche lì avresti potuto dire: "che prove hai che stava flirtando?" o "che ne sai che era monogamo?" o un'infinità di ragionamenti analoghi.. o almeno io la vedo così, magari sbaglio io.

Quello che voglio dire è che nelle discussioni la gente può rimanerci male.. soprattutto quando i due stanno ribadendo cose a cui tengono. Tu magari sei più allenata a non confondere i tuoi pensieri con te stessa. Eppure già adesso mi sembra che tu ci sia rimasta un po'... e ti chiedo scusa se è successo.
Ma sii sempre empatica se vedi che l'altro la prende male. 

 20/02/2016 13:12:15
in risposta a ↑

Ludina, 

No, non sto generalizzando.

E' incredibile, oggi parliamo proprio due lingue diverse! Mi riferivo a me medesimo, volevo intendere che io non volevo generalizzare, anche se ho fatto un po' ricorso a dei luoghi comuni, a titolo di mero esempio     

In ogni caso, cerchiamo di uscirne, insomma io non vorrei che questo diventasse l'ennesimo post a tema "uomini e donne".

Mettiamola così: esistono in giro persone che sono molto attente ai dettagli e che presumono, da un dettaglio, di indovinare il carattere di una persona e le sue intenzioni. In questo caso è successo ad una ragazza adolescente che, siccome il fidanzatino 17enne non ha espresso una precisa preferenza sulla pizzeria dove andare o non l'ha rimproverata per un ritardo, ha tratto la conclusione "è senza carattere". Chissà, magari il modello di "ragazzo con carattere" che ha in mente lei è "il tronista" e allora tanto meglio averla persa...

Il ragazzo è ovviamente intristito ed un po' sfiduciato, forse perché credeva che slanci di bontà o di generosità non potessero che essere apprezzati. Invece non è detto che lo siano, quindi sia se stesso e faccia ciò che sente, tenendo conto però che un qualsiasi gesto o affermazione può essere recepito in modo molto diverso tra una persona e l'altra. Incontrerà persone che lo considereranno un vile ed altre che lo troveranno sbruffone, e deve essere consapevole di questa variabilità ambientale, altrimenti ogni volta che riceve una critica penserà di essere "sbagliato" e di dover cambiare.

Invece non deve cambiare, ma trovare la persona alla quale vai bene per come sei.

 20/02/2016 13:16:34
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

<<E' incredibile, oggi parliamo proprio due lingue diverse! Mi riferivo a me medesimo, volevo intendere che io non volevo generalizzare, anche se ho fatto un po' ricorso a dei luoghi comuni, a titolo di mero esempio>>    


<<Certo, bisogna stare sempre attenti a non generalizzare, le persone non sono tutteuguali, ma per esempio tu, in questa discussione, cosa stai facendo? Hai letto una mia frase, l'hai considerata "implicitamente" misogina (da "le donne sono complicate", che è un diffuso luogo comune, hai desunto "le donne lasciano per ragioni assurde", "non ti innamorare", e vari altri sottintesi riassumibili facendo riferimento a questa famigerata canzone   )>>


A chi si riferiva questo tu, scusa, se non a me?

(Così faccio anche un'altra citazione musicale).


<<In ogni caso, cerchiamo di uscirne, insomma io non vorrei che questo diventasse l'ennesimo post a tema "uomini e donne".>>


No, non lo deve diventare. Ma allora non tiriamo neanche fuori discorsi sulla mente femminile.



<<Mettiamola così: esistono in giro persone che sono molto attente ai dettagli e che presumono, da un dettaglio, di indovinare il carattere di una persona e le sue intenzioni.>>


Ok, condivisibile.



 <<In questo caso è successo ad una ragazza adolescente che, siccome il fidanzatino 17enne non ha espresso una precisa preferenza sulla pizzeria dove andare o non l'ha rimproverata per un ritardo, ha tratto la conclusione "è senza carattere".>>


Non sono d'accordissimo, nel senso che non esprimere mai un parere potrebbe essere segno di mancanza di carattere. Certo, la scelta della pizzeria è una sciocchezza, ma che ne sappiamo se si estendeva un po' a tutto?


<<Chissà, magari il modello di "ragazzo con carattere" che ha in mente lei è "il tronista" e allora tanto meglio averla persa...>>


Nulla ci indica che alla ragazza piacciano i tronisti. Dal racconto che ne ha dato il ragazzo sembrerebbe immatura, certo, ma chi non lo è stato da adolescente?


<<Il ragazzo è ovviamente intristito ed un po' sfiduciato, forse perché credeva che slanci di bontà o di generosità non potessero che essere apprezzati. Invece non è detto che lo siano, quindi sia se stesso e faccia ciò che sente, tenendo conto però che un qualsiasi gesto o affermazione può essere recepito in modo molto diverso tra una persona e l'altra. Incontrerà persone che lo considereranno un vile ed altre che lo troveranno sbruffone, e deve essere consapevole di questa variabilità ambientale, altrimenti ogni volta che riceve una critica penserà di essere "sbagliato" e di dover cambiare.

Invece non deve cambiare, ma trovare la persona alla quale vai bene per come sei.>>


In sostanza è quello che ho detto anch'io.


 20/02/2016 13:32:53
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

"Non ti ho detto che hai umiliato qualcuno. Ti ho detto che qualcuno si potrebbe sentire umiliato o impotente perchè sei molto brava ad argomentare."


Esistono gli psicologi in questi casi.



"Se succede vagli incontro. Se non lo fai, qualsiasi sia la ragione che ti spingeva, gli stai mancando di empatia.. (anche se il fine è nobile)."


Sto parlando con persone della mia età e anche più grandi, con capacità espressive simili alle mie, non con bambinetti impauriti che non sanno fronteggiarmi. Non sto offendendo nessuno.

Lasciamo stare l'empatia.



<<Ti prego non adirarti.. non fraintendermi..
FORSE HO ESAGERATO e sbagliato IO a metterti in guardia sulla base di mie esperienze passate.. a cui tu non ti avvicini...
parto dall'esperienza di una mia amica.. Lei aveva sofferto molto da piccola, molto abile con le parole e con la logica, e aveva un messaggio che voleva ribadire. So che non è il tuo caso, non ti sto giudicando o accusando, però so che rifletterai su ciò che ti dico..>>


Deciditi. Se ammetti di sbagliarti quando ti riferisci a delle esperienze passate per farti un giudizio su di me, non mi nomini la tua famigerata amica.

Non è il mio caso e allora perché la menzioni?

Sii sincero a questo punto.


<<La mia amica ha ferito delle persone.. (ho detto che potresti ferire degli uomini perchè pensavo fossi eterosessuale, e un partner può essere molto preso emotivamente in una discussione, ma non c'è alcuna distinzione, può succedere anche con delle donne.>>


Ancora il paragone con la tua amica.


<<Ogni affermazione è equivoca. Ci sono delle intere filosofie che lo dimostrano.. solo la matematica non lo è.
Del resto il pensiero di Cartesio o di Hume lo spiegano chiaramente..>>


Non è il caso di tirare fuori i massimi sistemi quando io e Tigerman ci stiamo confrontando su un consiglio da dare a un ragazzo.


"Ricordi quando dicesti che un uomo sposato che flirta è un marpione? Anche lì avresti potuto dire: "che prove hai che stava flirtando?" o "che ne sai che era monogamo?" o un'infinità di ragionamenti analoghi.. o almeno io la vedo così, magari sbaglio io."


Non ho mai detto che un uomo sposato che ci prova con una donna è un marpione. Ho detto che è un egoista.

Marpione è un termine per descrivere l'attitudine a provarci con leggerezza, senza riferimenti alla proibizione morale di poterlo fare a causa di un matrimonio o di un impegno preesistente.


"Anche lì avresti potuto dire: "che prove hai che stava flirtando?" o "che ne sai che era monogamo?" o un'infinità di ragionamenti analoghi.. o almeno io la vedo così, magari sbaglio io."


Le ragazze di quella discussione hanno raccontato di proposte esplicite. Non penso che fossero tutte visionarie.


"Quello che voglio dire è che nelle discussioni la gente può rimanerci male.. soprattutto quando i due stanno ribadendo cose a cui tengono."


Sto insistendo su una cosa a cui tengo molto, infatti.


"Eppure già adesso mi sembra che tu ci sia rimasta un po'... e ti chiedo scusa se è successo.
Ma sii sempre empatica se vedi che l'altro la prende male."


No, non me la sono presa, tranquillo.





 20/02/2016 13:37:53
in risposta a ↑

Ludina, riformulo la frase oggetto di perplessità

Appunto, e ti sembrano esempi di pensiero non realistici... quante volte abbiamo sentito frasi del genere da qualche amica? Certo, bisogna stare sempre attenti a non generalizzare (attribuendo all'intera categoria femminile la tendenza ad interpretare il pensiero alla ricerca di significati "impliciti") le persone non sono tutte uguali, ma per esempio tu, in questa discussione, cosa stai facendo?

Probabilmente ho sbagliato io, separando due frasi ed omettendo la precisazione che ora figura tra le parentesi.

Ti ringrazio perché la tua fiscalità sicuramente mi aiuta a migliorare la chiarezza in termini di espressione.

 20/02/2016 13:51:06
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, ma quindi se ti accorgessi che l'altro si sente umiliato o ferito dal pensiero che esprimi continueresti ad esprimerlo se ti senti nel giusto? Dai non credo.. ti vedo molto empatica, non sei il tipo. Però se mi rispondi di sì però ti faccio leggere qualcosa..
(ps: probabilmente non serviva ribadire queste cose con te, quindi scusami, sembra una mancanza di fiducia)

Poi volevo chiederti:
"Non sono d'accordissimo, nel senso che non esprimere mai un parere potrebbe essere segno di mancanza di carattere. Certo, la scelta della pizzeria è una sciocchezza, ma che ne sappiamo se si estendeva un po' a tutto?"

e


"Nel suo caso, stando a quanto racconta lui, non si è prodotta alcuna volontà od opinione avversa, quindi direi che non è tanto l'assertività il problema, quanto l'assenza di preferenze e gusti personali."


Mi sembra quasi una contraddizione. Secondo me l'assertività è proprio l'avere carattere. Esprimere i propri gusti personali. Il non avere preferenze lo vedo più come una forma di: "scegli tu, a me cambia poco", su una cosa può succedere, ma su tutto (come dici tu) sembra poco creidbile.. mi sembra un dar poco valore a se stesso. Lo faccio anche io a volte ed è proprio passività.

 20/02/2016 13:52:03
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

Non vedo la differenza.

Fiscalità? Mah, a me pare solo di saper leggere.

 20/02/2016 14:02:21
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

"ma quindi se ti accorgessi che l'altro si sente umiliato o ferito dal pensiero che esprimi continueresti ad esprimerlo se ti senti nel giusto? Dai non credo.. ti vedo molto empatica, non sei il tipo. Però se mi rispondi di sì però ti faccio leggere qualcosa..
(ps: probabilmente non serviva ribadire queste cose con te, quindi scusami, sembra una mancanza di fiducia)"


Io cerco di avere sempre molto tatto con gli altri. Avere tatto non significa dare ragione all'altro e assecondarlo in tutto, specie se sto parlando con un adulto.

Poi se noto che la persona non è in grado di capire quello che dico, lascio perdere in partenza.


"Mi sembra quasi una contraddizione. Secondo me l'assertività è proprio l'avere carattere. Esprimere i propri gusti personali. Il non avere preferenze lo vedo più come una forma di: "scegli tu, a me cambia poco", su una cosa può succedere, ma su tutto (come dici tu) sembra poco creidbile.. mi sembra un dar poco valore a se stesso. Lo faccio anche io a volte ed è proprio passività."


L'assertività è esprimere se stessi attraverso scelte ed opinioni. Ma se non si hanno scelte da fare o opinioni particolari, a che pro essere assertivi?

È strano sì, ma lo stesso ragazzo in un commento ha ammesso quasi con noncuranza di non avere carattere.

 20/02/2016 14:08:12
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, ok, quindi te lo posso dire. Se mi avessi detto che te ne fregavi di avere tatto ti avrei fatto leggere alcune cose sul narcisimo.
A differenza di quanto si pensa il narcisismo spesso si espleta con il mancare di empatia verso gli altri quando si è emotivamente coinvolti. Non sempre. Si può essere molto empatici e poi sbranare qualcuno sulle tesi che ci sono più care.
Indovina come mai conosco bene l'argomento?   Perchè io qualche tratto leggerissimo ce l'ho.


Il fatto che lo facciamo per una ragione giusta non prova nulla.. persino (alcuni) psicopatici si sentono nel giusto quando agiscono. Quella che tu chiami discussione sui massimi sistemi è la base della psicologia. Il punto è: "il fine giustifica i mezzi?" sono pronto a passare sopra le emozioni altrui per ciò a cui tengo io? Se mi avessi risposto di sì non voleva dire che eri narcisista.. ma che avresti potuto tendere fortemente a sviluppare quel tratto.

 20/02/2016 14:19:09
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

"Se mi avessi detto che te ne fregavi di avere tatto ti avrei fatto leggere alcune cose sul narcisimo."


Ho letto numerosi articoli sul narcisismo.

Pensavi che ti potessi rispondere una cosa del genere?


"Il fatto che lo facciamo per una ragione giusta non prova nulla.. persino (alcuni) psicopatici si sentono nel giusto quando agiscono. Quella che tu chiami discussione sui massimi sistemi è la base della psicologia. Il punto è: "il fine giustifica i mezzi?" sono pronto a passare sopra le emozioni altrui per ciò a cui tengo io? Se mi avessi risposto di sì non voleva dire che eri narcisista.. ma che avresti potuto tendere fortemente a sviluppare quel tratto."


Da quale parte ho parlato di ragione giusta e di volontà di prevaricare un altro in una discussione in nome di una giusta ragione?

Ma va? Infatti si chiamano psicopatici.

Stai facendo dei viaggi con la testa perché pensi di aver inquadrato un mio presunto tratto della personalità.


Ti chiedo di smetterla di psicoanalizzarmi perché non te l'ho mai chiesto e soprattutto perché hai un'idea assolutamente sbagliata di me e che non emerge da nulla di quello che scrivo.

Un conto è dire che sono insistente e testarda, che sono un mastino e tengo testa nelle discussioni, altro è alludere ai pericoli che io possa ferire o umiliare qualcuno parlandoci e ipotizzare un tratto narcisistico.

Se hai problemi con persone del tuo passato, non implica che devi proiettarli su di me anche laddove non è necessario.

 20/02/2016 14:34:38
in risposta a ↑

Ludina, leggere un testo senza coglierne il significato complessivo non è saper leggere. A meno che l'interesse, invece di essere la comprensione del testo, non sia quello di trovare frasi e pezzi di frasi che possano essere singolarmente estrapolati e contestati.

Ciò ci riporta alla mia domanda di qualche commento fa: con quale spirito hai risposto al mio primo commento? Con l'intenzione di confrontare i nostri rispettivi pensieri, oppure con l'intenzione di "confutare" concetti da me espressi?

Per carità, libera di avere idee diverse dalle mie: io non devo vendere nulla a nessuno, anzi, penso di essere stato più che disponibile a chiarire il mio pensiero, fornire precisazioni, addirittura correggere frasi per renderle più comprensibili. Se il mio interlocutore si preoccupa solo di fare processi alle intenzioni, contestare ciò che scrivo quasi "punto per punto", sancire, ergendosi su un piedistallo "la sua teoria non è fondata/convincente"... alla fine si finisce a disquisire sulla lana caprina. 

Certo, il giovane che ha proposto la discussione si sta facendo una bella idea su quante spine potrebbe avere una rosa   

 20/02/2016 14:35:36
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Tigerman_jr, 

", leggere un testo senza coglierne il significato complessivo non è saper leggere. A meno che l'interesse, invece di essere la comprensione del testo, non sia quello di trovare frasi e pezzi di frasi che possano essere singolarmente estrapolati e contestati."


Ti ho già detto che ho letto il tuo intervento interamente e che mi sono concentrata su una frase insidiosa perché era l'unica che trovavo sbagliata.

Leggere significa anche saper identificare una frase non condivisibile in un mosaico di buoni consigli.

Inoltre ho ribadito di saper leggere perché tu mi hai accusato di fiscalità solo perché ho ritenuto giustamente che in una frase ti rivolgessi a me. Cambiando la punteggiatura tra l'altro la frase è rimasta identica.

Non capisco perché ti impegni a dimostrare che non ti stessi rivolgendo a me, parlando di "generalizzazione".

Ti dispiace che ti abbia fatto notare che "generalizzare" è diverso da "desumere"?

Mah!


"Ciò ci riporta alla mia domanda di qualche commento fa: con quale spirito hai risposto al mio primo commento? Con l'intenzione di confrontare i nostri rispettivi pensieri, oppure con l'intenzione di "confutare" concetti da me espressi?"


L'ho già detto più volte ma lo ripeto.

L'intenzione è di non presentare le parole di una ragazza di 17 anni come l'esempio di una "mente femminile" profondamente diversa da quella maschile perché più propensa a elaborare spiegazioni intricate che finiscono per annebbiarla e portarla lontana dalla realtà.

Non sto dicendo che tu sia misogino o maschilista, ma che queste spiegazioni vengono recepite male.

Tutti interpretiamo il comportamento degli altri quando lo troviamo strano o diverso dalle aspettative.

Poi tu stesso hai corretto la frase, quindi chiudiamo la discussione.


"Per carità, libera di avere idee diverse dalle mie: io non devo vendere nulla a nessuno, anzi, penso di essere stato più che disponibile a chiarire il mio pensiero, fornire precisazioni, addirittura correggere frasi per renderle più comprensibili."


Sì infatti ti ho già detto che condividevo il risultato finale della discussione.


"Se il mio interlocutore si preoccupa solo di fare processi alle intenzioni, contestare ciò che scrivo quasi "punto per punto", sancire, ergendosi su un piedistallo "la sua teoria non è fondata/convincente"... alla fine si finisce a disquisire sulla lana caprina."


No, io ho contestato UNA FRASE del tuo post("la mente femminile è meno lineare della nostra"); inoltre mi sono difesa quando hai detto che io stessa generalizzavo, facendoti notare la differenza tra "generalizzazione" e "deduzione di un significato da una frase". Nessun processo alle intenzioni né volontà di stare su un piedistallo. In un commento ho dimostrato di essere d'accordo con quello che scrivevi.

 20/02/2016 14:45:29
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, "Pensavi che ti potessi rispondere una cosa del genere?"
No.. sai che ho stima di te.

Non odiarmi.. se ti sono venuto a fare un discorso simile è perchè ti reputo una persona matura.. capace di chiedersi di continuo se sta passando il segno.
E poi.. volevo anche romperti le scatole per farti provare cosa si prova quando becchi qualcuno molto fiscale che ti precisa sempre.. (forse ho passato io il segno, spero accetterai le mie scuse..).


 20/02/2016 14:58:26
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

No, non ti odio, però la devi smettere di paragonarmi a individui affetti da narcisismo o con tratti narcisistici.

Piuttosto che essere fiscale, tiri in ballo delle analogie con la matematica e la filosofia che allontanano dall'oggetto principale del discorso.

Io sarò fiscale, ma non vado fuori tema, insisto e ribatto su ciò che non convince.

 20/02/2016 15:08:02
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Tigerman_jr, dai boni!!! è una ragazza molto in gamba. Ci ho parlato altre volte e la giudico molto empatica e riflessiva. Ci teneva solo a precisare quel punto, poi come dice lei stessa, è un 'pochino' insistente e testarda. Ma ho stima di lei.
ps: complimenti anche a te per la retorica e l'abilità ad argomentare. 

 20/02/2016 15:08:12
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, ok, ok, anche se non l'avevo mai fatto prima..
E poi cerca di prendere qualcosa di positivo dalla discussione con me.. di imparare, di chiederti come puoi migliorare il modo di esprimere le tue tesi, quando lasciar perdere, ecc. Tanto la vita è questo, è un continuo migliorarsi.

Ti lascio con una frase del mio psicologo: "Quelli che tu credi essere i loro difetti, per loro sono i loro pregi".

Parafrasala... quelli che vediamo come i nostri pregi, portati ad un eccesso, possono diventare difetti. Non vuol dire che hanno ragione gli altri, vuol dire cercare sempre un equilibrio. O perlomeno io la penso così. Un abbraccio.

 20/02/2016 15:15:53
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

"E poi cerca di prendere qualcosa di positivo dalla discussione con me.. di imparare, di chiederti come puoi migliorare il modo di esprimere le tue tesi, quando lasciar perdere, ecc. Tanto la vita è questo, è un continuo migliorarsi"


Sì, ma la vita è anche allontanarsi da chi cerca di migliorarti anche quando non ne hai bisogno.

In questo caso  non devo migliorare il mio modo di pormi, visto che non ho insultato Tigerman né ho distrutto le sue idee, ma gli ho solo fatto notare una frase che a mio avviso era equivoca.


"Ti lascio con una frase del mio psicologo: "Quelli che tu credi essere i loro difetti, per loro sono i loro pregi".

Parafrasala... quelli che vediamo come i nostri pregi, portati ad un eccesso, possono diventare difetti. Non vuol dire che hanno ragione gli altri, vuol dire cercare sempre un equilibrio. O perlomeno io la penso così. Un abbraccio."


Ancora? Ho detto che non devi farmi da psicologo se non te lo chiedo.

Insinui che io mi ritenga ricca di grandi pregi che per altri possono essere difetti? Si vede che non mi conosci proprio.

 20/02/2016 15:24:11
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, no, mi hai frainteso.. vabbè, scusa e mi fermo qui.

 20/02/2016 15:28:33
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

E come dovrei intenderla quella frase, scusa?

Prima mi parli dell'amica che ha ferito gli uomini umiliandoli, poi mi fai un test per capire se nascondo un tratto narcisistico, infine mi suggerisci di meditare su questa frase.

Non ho mai offeso nessuno nelle discussioni, quindi non penso di dover ricevere queste allusioni mascherate da consigli.

 20/02/2016 15:38:32
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, ti ho chiesto scusa.. che altro devo fare?
Io sto già riflettendo sugli sbagli che ho fatto. E le frasi che possono essere ritenute offensive dalle persone.

Comunque tutti abbiamo svariati tratti di personalità. Non ci sono esseri umani che non ne hanno. Si parla addirittura di narcisismo primario come qualcosa che sarebbe comune a tutti, nessuno escluso.. te lo dico solo per farti capire perchè non mi sono reso conto di poter essere offensivo..

però hai ragione, ho sbagliato. L'ho fatto per qualcosa in cui credo, come quando tu ti preoccupi che un ragazzo possa diventare misogino leggendo Tiger. Così io mi preoccupo che nessuno possa mai essere tanto convinto delle proprie idee da arrivare a ferire per ribadirle.
Ero sicuro non fosse il tuo caso.. e qui hai ragione piena a dirmi che ho sbagliato a romperti i maroni, ma avevo pensato che altre persone leggendo potrebbero rifletterci sopra.

Se sei ancora offesa ti chiedo scusa.

 20/02/2016 16:06:12
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

Ho letto degli articoli sul narcisismo e so che una reazione narcisistica capita talvolta anche a persone che non lo sono.

Non c'è bisogno di chiedermi scusa, non mi sono offesa, basta solo che non insisti. Tutto qua.

 20/02/2016 16:48:25
Sam25

Sam25-625

in risposta a ↑

Ludina, ok..
Se vuoi che ti chiarisca anche l'altra frase che avevi frainteso, chiedi pure.

 20/02/2016 18:34:32
Ludina

Ludina12611

in risposta a ↑

Sam25, 

No, non ti preoccupare, grazie lo stesso!

 20/02/2016 20:02:17
Ludina

Ludina12611

Quando ci si disinnamora di qualcuno si tenta di dare una motivazione razionale per spiegare l'improvvisa o graduale fine dell'attrazione e del sentimento. La conseguenza è che possiamo vedere in questa spiegazione un giudizio su ciò che siamo e su come dovremmo essere per piacere alla persona che ci ha lasciato.

Ti consiglio di non rimuginare su quello che ti è accaduto e di non importi di sviluppare una personalità o un carattere diverso da quello che è il tuo vero io. Se non eri il ragazzo giusto per lei, allora anche lei non deve esserlo per te.

 19/02/2016 23:01:07

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader