Eutanasia agli animali domestici: pro o contro?

Eutanasia agli animali domestici: pro o contro?

Buonasera care signore e cari signori,

durante questa settimana sono accaduti due tristi avvenimenti: il gatto della mia migliore amica è stato investito da una macchina e, rimasto paralizzato dal torace in giù, i proprietari hanno deciso di portarlo dal veterinario che lo ha fatto sopprimere.

Lo stesso giorno anche il cane di mio zio, un meticcio vispo e simpatico, è stato investito; quando lo hanno portato dal veterinario sembrava che se la sarebbe potuta cavare e lo hanno lasciato tutta la notte dal veterinario, il quale la mattina seguente ha chiamato mio zio dicendogli che era morto. 


Io stessa ho un cane a cui sono affezionatissima, l'ho fatta crescere, l'ho educata ed è diventata una grandissima amica. Dopo questi due fatti sopracitati, però, ho dovuto prendere in considerazione che cosa il futuro avrebbe riservato alla mia cucciola, ma ancora non riuscirei a prendere una decisione; vorrei ascoltare dunque voi, cari Quaggers, relativamente all'eutanasia dei nostri amici animali.

Siete d'accordo?

Se il vostro animale domestico è davvero molto molto vecchio e malato lo lasciate morire naturalmente o lo portate dal veterinario e lo fate sopprimere?

Avete avuto -direttamente o indirettamente- esperienze al riguardo?

C'è magari qualche Quagger vegano che mi potrebbe dire la sua posizione in merito? L'etica di non uccidere animali vale anche in casi di estremo dolore per gli animali?


Vi ringrazio tutti :) 

 12/02/2016 16:45:27 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
211 commenti

Non parlo per esperienza in quanto non ho mai potuto avere un cane o gatto in quanto allergica alla loro saliva, mi viene l'asma mannaggia..... ma a sentir parlare di sopprimerli....non credo riuscirei...certo che se lo vedessi molto sofferente forse sì....credo sarebbe uno strazio in ambedue i casi   


 12/02/2016 16:53:57

Ele1Aquitania, esattamente, sarebbe uno strazio in ambedue i casi :( 

Grazie per il commento

 12/02/2016 16:59:30

Io sono vegetariana , non vegana, ma non capisco il nesso con la domanda. In merito al post comunque si, ho vissuto questa triste esperienza. Adottai un cane paralitico, abbandonato dopo l'incidente da proprietari senza cuore. Gli feci costruire un deambulatore che gli sorreggeva gli arti paralizzati e così, pur essendo a "trazione anteriore" viveva benissimo. Una notte però, non so perchè, sulle zampette ferite uscì del sangue e lui quasi le mangiò, quindi, non potendo più mettergli il deambulatore, non poteva più camminare ma solo trascinarsi, con le immaginabili conseguenze. Gli feci io una fiala di anestetico e lui si addormentò beatamente tra le mie braccia, il resto lo fece il veterinario. Piansi non so più quanto e per quanto tempo, ma un dolore così per un animale non l'ho mai più provato. In sintesi: se è necessario sono favorevole, perchè farli soffrire inutilmente?

 12/02/2016 16:57:15

Mondogatta,  poverino   

 12/02/2016 17:01:26

Mondogatta, 

Io sono vegetariana , non vegana, ma non capisco il nesso con la domanda.


hai ragione non mi sono spiegata: volevo dire che vegani e vegetariani secondo la loro etica dicono che non solo non è necessario, ma anche che non si debbano uccidere gli animali. Quindi la mia domanda è se la loro -e tua- etica permette di applicare l'eutanasia sugli animali domestici.


Gli feci costruire un deambulatore che gli sorreggeva gli arti paralizzati e così, pur essendo a "trazione anteriore" viveva benissimo. Una notte però, non so perchè, sulle zampette ferite uscì del sangue e lui quasi le mangiò, quindi, non potendo più mettergli il deambulatore, non poteva più camminare ma solo trascinarsi, con le immaginabili conseguenze. Gli feci io una fiala di anestetico e lui si addormentò beatamente tra le mie braccia, il resto lo fece il veterinario. Piansi non so più quanto e per quanto tempo, ma un dolore così per un animale non l'ho mai più provato.


Non così tante persone si prenderebbero cura di un cane già paralizzato, ti faccio i miei più sentiti complimenti per il buon cuore che hai.

Immagino quando debba essere stata dura, ci vuole un grande coraggio ed è davvero difficile pensare anche solo all'idea di separarsi dal proprio amico.


In sintesi: se è necessario sono favorevole, perchè farli soffrire inutilmente?


Vero, capisco le tue motivazioni; ma per quanto riguarda un cane già molto vecchio e malato la pensi allo stesso modo?

 12/02/2016 17:08:21
in risposta a ↑

Achernar, Quella con il mio cane paralizzato, Charly, (anche quello attuale si chiama così) è stata una vera e propria storia d'amore. Lui voleva essere trattato solo da me, capì che io lo avevo adottato nonostante il suo grave handicap e per quattro anni mi ripagò con incondizionato e geloso amore. La notte in cui,alla fine della gestazione, ruppi il sacco amniotico, scesi subito da lui a mettergli il pannolone per paura che nessuno avrebbe pensato a lui in quel freddo giorno di dicembre. Come potevo dopo la sua amputazione, vederlo morire di stenti e non con la fierezza che lo distingueva? Dopo l'anestesia, prima di addormentarsi, tentò persino di catturare una mosca...non vado oltre. No, per me gli animali non si uccidono, non si sfruttano e non si mangiano, come le persone, perchè esseri senzienti, ma la sofferenza appunto no. Se la morte è per vecchiaia ed è dolce allora si, si lascia fare la natura.

 12/02/2016 17:17:42
in risposta a ↑

Mondogatta, mi dispiace moltissimo per la tua esperienza; gli animali domestici riempiono proprio la nostra vita con la loro vivacità, con la loro ruffianeria quando hai in mano un biscotto e ti guardano con gli occhi dolci, con il loro amore incondizionato.

Forse persino il suo ultimo atto -quello di catturare una mosca- ti ha strappato un sorriso, sebbene triste. Perché possono essere combinaguai, rumorosi, possono combinarne di tutti i colori, ma un sorriso te lo strappano sempre e comunque.


Ti ringrazio per aver condiviso questo amore per Charly.

 12/02/2016 17:28:14
Dianissima

Dianissima70176

Artista e poetessa

Mondogatta, ho preso la tua stessa dolorosa decisione per il mio amatissimo Klaus dopo 16 anni di vita quasi in simbiosi, ma quando non riusciva più ad alzarsi e se ci provava urlava dal dolore, gli ho fatto anch'io forte anestesia per poi portarlo dal veterinario per eutanasia. Mi manca come un fratello ma non c'erano altre "giuste soluzioni" e personalmente, nella sua stessa condizione vorrei anche per me la stessa soluzione.

 15/02/2016 12:56:22
Prezzemolo2432

Prezzemolo2432326

Curiosity

Mondogatta, sono d'accordo, perché farli soffrire per poi morire nel peggior modo?

 19/02/2019 15:08:37
PierGiorgio53

PierGiorgio5358056

in attesa pensione

ho avuto diversi gatti nel corso degli ultimi 20 anni. oggi ne ho due. i precedenti sono morti in casa, tranne il mio caro Toby che ha avuto una occlusione alle vie urinarie. l'ho portatio dal veterinario che gli ha fatto una prima operazione chirurgica. l'ha tenuto di notte ma al mattino non stava ancora bene. ha chiesto l'aiuto di un collega perché doveva operare ancora. così mi ha detto perché io la seconda operazione non l'ho seguita avendo un appuntamento da uno specialista per una visita di controllo. al pomeriggio me lo sono ripreso e l'ho portato a casa.  il povero micio non solo non è riuscito a rimettersi in piedi ma dopo 2 ore di lenta agonia è volato in cielo. ho sinceramente stramaledetto quel veterinario che non mi vedra' mai piu'.

se è possibile lasciamoli morire tranquillamente !

 12/02/2016 17:02:05

PierGiorgio53, mi spiace moltissimo per la tua esperienza, gli animali domestici ci fanno tantissima compagnia. Non ho mai avuto gatti, ma so che qualunque sia l'animale ci vuole un grande coraggio nel decidere la sua fine.


Quindi sei pro eutanasia?

 12/02/2016 17:10:44
PierGiorgio53

PierGiorgio5358056

in attesa pensione

in risposta a ↑

Achernar, se deve soffrire sono a favore dell'eutanasia.

 12/02/2016 17:12:59
in risposta a ↑

PierGiorgio53, e se un cane fosse già molto vecchio e malato?

Sai il cane di mia nonna aveva ormai 22 anni quando è morto, sembra impossibile eppure è vero. Era vecchio, non riusciva più a muoversi, era diventato sordo e cieco. Eppure non l'abbiamo portato dal veterinario, è morto naturalmente.

 12/02/2016 17:16:11
Endeavour

Endeavour37341

Indefinibile

in risposta a ↑

Achernar, 

si "sente" quando un animale può morire serenamente a casa e quando invece c'è dolore e sofferenza.

Penso che la vostra scelta non sia stata sbagliata: probabilmente anche lui, come la mia gatta, si è "spento" in questi casi, secondo me, può essere "bello" morire nel proprio letto.


Ovviamente il mio discorso vale per animali e umani.

 12/02/2016 22:12:05
in risposta a ↑

Endeavour, hai espresso perfettamente ciò che penso io.

 12/02/2016 22:24:15
PierGiorgio53

PierGiorgio5358056

in attesa pensione

in risposta a ↑

Achernar, hai fatto la scelta giusta. Io ho fatto o stesso con la mia precedente gatta di 17 anni. è morta in casa.

 12/02/2016 23:06:48
nora15

nora154166

bibliotecaria

PierGiorgio53, si' Piergiorgio, a volte si ha il sospetto che alcuni di questi veterinari vogliano solo fare soldi!!

 13/02/2016 16:32:25
Anubi

Anubi54338

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

Non sono vegano, il mio cane è morto per un tumore alla pelle dopo che abbiamo provato di tutto (anche l' omeopatia alla fine) . Era terribile vederlo in quello stato... una mattina, con un  bel sole, è arrivato il veterinario e abbiamo posto fine alle sue sofferenze. Il suo ultimo sguardo nei miei confronti è stato di gratitudine. Sapeva perchè il veterinario era li e ne era felice. Il nostro egoismo non dovrebbe mai prevaricare le sofferenze altrui.


PS Sono favorevole anche alla eutanasia per gli umani, se decisa serenamente, senza condizionamenti e lucidamente.



 12/02/2016 17:04:54

Anubi, grazie mille per avermi parlato della tua esperienza

Io non so se riuscirei a vedere il mio cane che muore davanti ai miei occhi, non riuscirei a sopportarlo, mi farebbe troppo male. Secondo te si tratta di egoismo cercare di far vivere il più a lungo possibile il proprio animale anche se non c'è speranza? 

Come funziona l'omeopatia per quanto riguarda gli animali domestici?


Sono d'accordo anche sul tuo post scriptum.

 12/02/2016 17:14:11
Anubi

Anubi54338

義, Gi 勇, Yu 仁, Jin 礼, Rei 誠, Makoto

in risposta a ↑

Achernar, Non lo fai per te, ma per lui, anche se ti si spezza il cuore. Lui non ti ha mai mollato, non lo ha fatto quando eri triste, incazzato, quando stavi male, quando non avevi tempo per lui , quando tornavi dai viaggi, quando per qualche motivo futile ti dimenticavi di lui. Lui c'era sempre, invece. E tu lo molli in quel momento? No, almeno questo no, costi quel che costi.

Come funziona l' omeopatia? Boh! Dopo gli antitumorali totalmente inutili abbiamo voluto provare, anzi la veterinaria ha voluto provare. Costosissimi e purtroppo inutili come gli antitumorali.

Ciao!

 12/02/2016 17:20:28
in risposta a ↑

Anubi, quanto hai ragione! Lui c'è sempre, sempre troppo fedele, troppo fiero, troppo divertente, troppo combinaguai, eppure c'è sempre.

Grazie per avermi fatto comprendere questa importante lezione: se mai accadrà in futuro, io ci dovrò essere per lei, per la mia amica.


Ciao! :) 

 12/02/2016 17:31:49
Amelia

Amelia38663

Impastatrice di polpette :)

Mi sono trovata davanti a questa scelta due volte, entrambe le volte ho scelto di farli vivere, entrambe le volte me ne sono pentita. 

La prima volta mi è capitato con un cane che avevo da 14 anni, aveva un tumore alla mammella. Il veterinario sconsigliò l'operazione perché sosteneva che non sarebbe sopravvissuta e se anche ce l'avesse fatta, il tumore si sarebbe ripresentato. Avremmo prolungato la sua agonia. Consigliava l'eutanasia, e lo stesso consiglio ci fu dato da altri due veterinari. Non le abbiamo fatto affrontare l'operazione, ma non abbiamo accettato l'eutanasia. Ha vissuto ancora qualche settimana, tra atroci sofferenze, solo per il nostro egoismo. 

Mi è successo una seconda volta la scorsa estate con un San Bernardo che avevamo adottato da un paio d'anni. Aveva una malattia non curabile che lo ha ridotto in pochi giorni ad essere sdraiato, immobile a terra. Anche in questo caso non ce l'abbiamo fatta a lasciarlo andare, è morto dopo una settimana circa. Se dovesse ricapitarmi non avrei alcun dubbio su cosa fare.

 12/02/2016 17:30:51

Amelia, mi spiace moltissimo per i tuoi due cani, ma non puoi e non devi assolutamente biasimarti per le scelte che hai fatto: volevi loro troppo bene, il tuo non mi sembra egoismo. Come si chiamavano i tuoi amici?


Probabilmente se dovesse capitare, anche io alla fine come te farei l'eutanasia, sebbene sia veramente dura vederli scivolare via da noi.

 12/02/2016 17:38:40
Amelia

Amelia38663

Impastatrice di polpette :)

in risposta a ↑

Achernar, la prima si chiamava Betty, è stata la mia prima amica a quattro zampe. Il San Bernardo si chiamava Zeus. E' proprio dura decidere di vederli morire...

 12/02/2016 17:42:52
in risposta a ↑

Amelia, comunque sia andata sono certa che li ricorderai sempre con un sorriso :)

 12/02/2016 17:46:36
Amelia

Amelia38663

Impastatrice di polpette :)

in risposta a ↑

Achernar, sicuramente si   

 12/02/2016 17:48:21
Endeavour

Endeavour37341

Indefinibile

Amelia, 

per quante volte accada, avremo sempre dubbi su cosa fare, te lo garantisco io...

 12/02/2016 22:06:53
Amelia

Amelia38663

Impastatrice di polpette :)

in risposta a ↑

Endeavour, sono momenti in cui purtroppo non è facile essere razionali...

 15/02/2016 13:05:36

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader