Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

Violenza sugli uomini, tra scherno e disinformazione.

Qualche giorno fa ha fatto scalpore la notizia secondo la quale un uomo avrebbe denunciato la moglie in quanto questa non provvedeva alle faccende domestiche. L'uomo è stato ovviamente massacrato dalle femministe e dai loro lacchè maschili. Eppure andando ad informarsi si scoprono cose interessanti:


Ciò che aveva spinto il marito alla denuncia erano le continue vessazioni, i maltrattamenti, le offese verbali e fisiche che la moglie esercitava nei confronti suoi e dei figli:"Ci picchiava continuamente, mi rovesciava bacinelle d’acqua fredda in testa, chiudeva a chiave la porta della camera da letto e mi urlava handicappato."


Ed ancora: "Mi svegliavo alle 3 e mezzo per andare al lavoro e tornavo alle sette di sera, i miei figli mi dicevano che tornando da scuola non trovavano mai il pranzo pronto, dovevano arrangiarsi. Per cena passavo a prendere delle pizze oppure cucinavo, ma lei gettava il pasto nella pattumiera." A questo punto ci chiediamo: perché la violenza femminile fa così difficoltà ad essere accettata e raccontata? Perché i giornali di regime fanno di tutto per nasconderla?Nonostante non se parli, più del 40%delle violenze domestiche sono commesse da donne nei confronti dei loro compagni, mariti, conviventi. Per questi uomini denunciare diventa doppiamente difficile perché la maggior parte delle volte, oltre a non essere creduti sono derisi e scherniti. E quindi subiscono in silenzio, per il timore di essere considerati inetti e incapaci di farsi rispettare.


Cosa pensate di quest'opera di disinformazione portata avanti dalle femministe? Trovate normale che un uomo debba aver timore di denunciare la moglie per non essere dipinto come un mostro,  quando in realtà è una vittima?

 08/02/2016 11:40:03
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
158 commenti

non e' colpa delle femministe ma dei giornalisti come al solito.

raccontano quello che vogliono come vogliono.


se avessi letto solo il testo "un uomo ha denunciato la moglie in quanto questa non provvedeva alle faccende domestiche"

cosa ne avresti pensato?

 08/02/2016 11:48:20
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

Babayaga, i giornalisti raccontano quel che fa più notizia, ed in un clima di demonizzazione del maschio generato dalle femministe qualsiasi notizia metta in cattiva luce un uomo, anche se inventata, diventa subito uno scoop.

E del resto un giornalista che parlasse della violenza sugli uomini verrebbe immediatamente linciato dalle femministe. Ma non è colpa loro,  come no.

 08/02/2016 11:52:27
Tatyana

Tatyana113011

Artista inseguitrice di sogni

in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, che palle con sta favolette che le femministe sono il male del mondo... Non sai nemmeno cosa sia una femminista!

 08/02/2016 11:59:25
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Tatyana, la realtà conferma ogni giorno che il femminismo è un movimento che mira non alla parità ma alla criminalizzazione del genere maschile.  Un movimento misandrico e razzista che rappresenta un cancro dell'umanità. Questa vicenda ne è l'ennesima conferma. 

 08/02/2016 12:05:28
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, non hai risposto alla mia domanda...

se leggi un articolo dove si dice chiaramente che la donna e' "la vittima"... tu che ne pensi?


come detto prima qui condannerei il giornalista non le femministe (credo che anche tu un titolo come "uomo picchiato dalla moglie" lo sbatteresti in faccia dicendo: "vedi cosa fanno le donne??")



 08/02/2016 13:15:40
Tatyana

Tatyana113011

Artista inseguitrice di sogni

in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, allora confermi che non sai nulla sull'argomento.

 08/02/2016 13:18:51
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Babayaga, e tu non hai capito che i giornalisti agiscono in un clima culturale determinato dalle femministe. È la legge della domanda e dell'offerta. 

 08/02/2016 13:29:58
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, lo so benissimo che i giornalisti vanno dove c'e' soldo rendendo cio' che fa piu' comodo verita'. Magari fosse solo a favore delle femministe.


 08/02/2016 13:32:09
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Babayaga, in questo caso si, c'è la propaganda femminista. Io sto parlando di questo, non del giornalismo in generale.  C'è l'influenza del femminismo dietro questa distorsione. 

 08/02/2016 13:36:32
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, perche' attira come notizia.

 08/02/2016 13:40:27
Tatyana

Tatyana113011

Artista inseguitrice di sogni

in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, però tu non parli di questo caso. Fai un discorso generale.

 08/02/2016 13:49:05

Babayaga, purtroppo spesso è colpa anche delle nuove femministe che dimenticano lo scopo primario della loro lotta: parità dei sessi. Ci sono tanti casi purtroppo in cui le femministe lottano per giustificare comportamenti orribili delle donne. 

 14/02/2016 09:03:01

Penso che hai ragione e non solo per il caso di cui parli, piuttosto eclatante, ma per le tante forme di violenza più subdola che si consuma tra le pareti domestiche.L'immagine dell'uomo forte e prepotente non sempre è reale e comunque le vessazioni da qualunque parte provengano sono sempre da biasimare e condannare. I tanti omicidi che vedono soccombere donne e madri di famiglia fanno perdere di vista questa realtà. E',come sempre, la legge dei grandi numeri.

 08/02/2016 12:04:32
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

Mondogatta, la differenza sta nel fatto che una donna maltrattata è ricevuta in parlamento dalla Boldrini.  Un uomo maltrattato è deriso e schernito. 

 08/02/2016 12:07:59

Mondogatta, qualche volta potrebbe anche essere, sempre non giustificato, che qualche uomo abbia reagito a provocazioni verbali e fisiche che non si conosceranno mai. Rapporti malati che poi raggiungono l'apice della violenza e soccombe il più debole. 

 08/02/2016 12:16:08
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, Non credo che questo avvenga normalmente, è un'iperbole e ci sta, ma credo che il problema sia di tipo culturale, in entrambi i casi. La strumentalizzazione politica e ideologica lascia il tempo che trova. Piuttosto le trasmissioni che vanno a scavare nel torbido, quelle si che raggiungono le masse e sono quindi, a mio avviso, molto più pericolose.

 08/02/2016 13:16:51
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Mondogatta, iperbole,  come no.



 08/02/2016 17:13:46
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, mi riferivo a questa frase: "una donna maltrattata è ricevuta in parlamento dalla Boldrini" non credo che sia così per tutti i casi.

 08/02/2016 17:55:49
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Mondogatta, in molti casi si,  e comunque c'è sempre pronta una dichiarazione affettuosa di Madonna Laura. Gli uomini invece possono crepare nel silenzio. 

 08/02/2016 17:58:59
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, Ma, sai, seguo molto poco la Boldrini, non condivido troppo spesso il suo pensiero e il suo modo di fare: molta ideologia, poco pragmatismo.

 08/02/2016 18:07:53
in risposta a ↑

maurcascone, 

La legittima difesa è una causa di giustificazione. Se si è costretti a commettere un reato per la necessità di dover difendere un proprio diritto o un diritto di qualcun altro dal pericolo di un'offesa ingiusta, l'autore non viene punito. Il reato commesso viene, quindi, "giustificato", a condizione che la difesa sia stata proporzionata all'offesa e che si sia trattato dell'unica reazione possibile, in sostanza, non è vero che chi reagisce passi al torto, se non sfocia, in reazioni più gravi di quanto sia l'aggressione subìta e non può un uomo giacente, in tale situazione, essere posto alla stregua di un altro abusante della propria forza fisica, per agire da padre padrone, con, se potesse, una frusta, per usarla su una o su più donne, al primo "errore", fino a quando non sanguinino molto, lì sarebbe legittima difesa, qualora ella reagisca, sperando che le ne rimanga, ancora, la forza o su bambini o su altra tipologia di persone molto vulnerabili.


 20/08/2016 19:11:04

Succede molto spesso, e se succede l'uomo è impotente. Può solo andar via perché è l'unico a rischiare fisicamente e penalmente se solo reagisce con uno schiaffo.  Una mia ex una volta mi aggredi verbalmente per strada poi mi disse 'se reagisci e apri bocca do la testa nell'albero e dico che sei stato tu, chi crederà mai tra te e me che violenta sono io?'

 08/02/2016 12:13:22
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

maurcascone, purtroppo questa è la triste verità,  gli uomini non sono tutelati.

 08/02/2016 12:16:35
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, ma vedi è complicato. Come hai detto tu altrove un uomo malmenato ed offeso sta zitto per vergogna. Un uomo soggetto a Stalking non lo dice a nessuno perché lo prendono per smidollato. Per esperienza ti dico che ti salvi solo tenendo lontane queste donne ed evitando qualsiasi contatto. Altrimenti rischi, ed una sola tua reazione anche minima ti può rovinare la vita. 

 08/02/2016 12:21:06
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

maurcascone, condivido in toto.

 08/02/2016 12:22:59
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, la cosa più brutta è che dopo anni, con bandiera bianca, viene e ti mostra tutta l'ammirazione per non aver ceduto alle provocazioni, lamentando il fatto che ne ignoravi anche un solo messaggio di minacce. No, non ignorati, ancora lì, conservati, letti e riletti, unica tua ancora di salvezza, ma c.. le scuse non mi bastano per quello che ho dovuto vivere da uomo. Nel caso posso lamentare solo una donna incattivita dal mio distacco, non voglio immaginare uomini traditi che devono sopportare sfotto ed offese. Li può scapparci il morto. 

 08/02/2016 12:36:19

maurcascone, sarà perché ho due fratelli, sarà perché i miei genitori mi hanno insegnato il rispetto per chiunque, ma quello di quella ragazza è un comportamento orribile e mi dispiace per te; sono consapevole esistono donne psicopatiche e per dio... lotterò con donne e uomini contro questi atteggiamenti violenti e ingiusti.  

 14/02/2016 09:16:32
in risposta a ↑

Lia93, sai però che ho notato che succede sopratutto quando l'uomo è molto indipendente anche se non fa nulla di male. E non risparmia alcun genere di donna.  

 14/02/2016 11:46:05

maurcascone, Fermi tutti, in caso di qualunque aggressione, essendo sancito il diretto a difendersi, purché, la reazione sia proporzionata alla aggressione, sul piano tecnico, non si può essere puniti, per ciò, inoltre, questa tipologia di donne si fa beffe delle moltissime altre, al contrario, subenti violenza, da uomini, nella maggior parte dei casi e mettono, in cattiva luce, anche, la parte sana del lato virile del genere umano, per tanto chiedo alla parte sana di quello muliebre che ci aiuti a difendere casa nostra, in modo che noi possiamo difendere casa di loro, essendo i due lati del genere umano più forti insieme e ogni, singolo, individuo, come può, deve combattere, per il, sopra, citato e questo è individualismo, non mi stancherò di ripeterlo e reagire, sul piano verbale, a una vessazione verbale e su quello fisico, a una fisica, in maniera proporzionata è legittima difesa.

 19/08/2016 10:38:17 (modificato)

Non è una questione di sesso. Chi mette in pratica atteggiamenti violenti è una persona instabile e pericolosa e come tale merita di essere condannata da un punto di vista giuridico. Uomo o donna che sia.

 08/02/2016 13:15:22
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

Silvia23, questo è scontato.  Però è solo teoria,  la pratica è quella descritta dall'articolo. 

 08/02/2016 13:31:08

Silvia23, no no Silvia è una questione anche di sesso. Non per la legge, che tende anch'essa a commettere errori, ma per psicologia e società.  Io ho avuto rapporti con donne capo sul lavoro, scurrili e maleducatè,  e ti assicuro che se rispondi loro come risponderesti ad un uomo passi immediatamente dalla parte del torto. Hai un'unica soluzione,  mortificare alzandoti e andando via affermando che non puoi rispondere come ad un uomo quindi preferisci non scendere al suo livello. Altro problema,  le donne in auto, sono scurrili offensive come non mai, cosa che un uomo non farebbe per paura di reazioni. 

 08/02/2016 13:55:20
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

maurcascone, l'arroganza che deriva dalla consapevolezza della propria impunibilita'.

 08/02/2016 13:57:08
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, e vogliamo mettere qiando una donna aggredisce verbalmente un uomo poi ti guarda come a dirti 'non intervieni? Vigliacco'. Ora io e te da buoni rugbisti sappiamo che non è cosi .. ☺☺☺

 08/02/2016 14:01:38
in risposta a ↑

maurcascone, sì, ok, ma non facciamo di tutta l'erba un fascio (come per gli uomini). Le donne che fanno leva sul loro sesso per risultare inattaccabili mi fanno ribrezzo. E comunque non tutte le donne in auto sono scurrili e offensive dai

 08/02/2016 14:07:38
in risposta a ↑

Silvia23, certo, ma io in auto non vengo mai offeso da uomini, almeno una volta la settimana da donne. E non si tratta di fare di tutta l'erba un fascio ma anzi di parlare di un problema mai discusso. 

 08/02/2016 14:11:58

Diciamo che, leggendo la storia, il marito avrebbe titolo per chiedere la separazione con addebito (ossia per colpa) della moglie poiché questa avrebbe violato gli obblighi di assistenza morale e famigliare "rendendo problematica o impossibile la convivenza". Quindi sentenza di separazione, affidamento dei figli al padre, moglie che deve trasferirsi in altra abitazione.

Ecco, il problema pratico, al di là di quello che scrivono i giornali (buona parte di quello che scrivono è impreciso e/o scorretto, su qualsiasi argomento, ma questo passa il mercato) è se un giudice accoglierebbe queste richieste oppure se le considerebbe eccessive. Magari il giudice esorterebbe i coniugi ad una soluzione bonaria, partendo dal presupposto che comunque non vale la pena di separare una madre dai suoi figli solo perché ha un pessimo carattere.

Ecco, il punto secondo me non è tanto sul sesso (uomo o donna) quanto sul ruolo genitoriale: per la giustizia si considera tutto sommato accettabile separare un padre dai propri figli, il padre può essere part-time; non considera altrettanto facile allontanare madre e figli, anche quando risulta che sia lei la "mela marcia" della famiglia.

 08/02/2016 14:00:25

Tigerman_jr, io da padre separato avevo problemi ad andare a scuola dalle maestre che mi chiedevano dov'era la mamma. Un' insegnante di liceo mi voleva fare anche la paternale feci una discussione di un'ora per poi doverle dire di fare l'insegnante e non entrare nei meriti visto che lei riteneva che i miei figli dovessero stare di più con la madre ed usare il profitto scolastico per far Pendere la bilancia. Roba da denuncia.  

 08/02/2016 14:07:35
in risposta a ↑

maurcascone, devo ammettere che io stesso riconosco il valore della maternità, ed è per questo che sono contrario, ad esempio, all'idea che i genitori possano imporre a una minorenne di abortire, oppure che una donna possa condurre una gravidanza "per conto terzi". Tuttavia, se c'è una persona ingestibile, che turba l'equilibrio della famiglia e la serenità dei figli, non si può che allontanarla... chi non lo capisce, ha forse una concezione "proprietaria" del legame madre-figli...

 08/02/2016 14:20:50
in risposta a ↑

Tigerman_jr, io credo che nel mondo di oggi con donne che è vivono fuori casa anche più dei compagni bisogna riequilibrare i rapporti per il bene dei figli. Si in realtà c'è questo concetto un universale di incapacità dell' uomo nella  gestione dei figli e la famiglia che è anche un'arcaica forma di valore contrattuale un po' superato. Se si riesce a vincere questo preconcetto anche la donna in famiglia avrà un atteggiamento più consapevole. 

 08/02/2016 14:50:56
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Tigerman_jr, è interessante notare come il pensiero politicamente corretto,  in tema di divorzio, arrivi ad attribuire alla madre un ruolo insostituibile ed insondabile, per poi invece sputare sulla figura materna e definirla semplicemente un concetto antropologico quando si tratta di giustificare due omosessuali arricchiti che vanno in Ucraina a comprarsi un bambino.  I cortocircuiti del pensiero unico. 

 08/02/2016 15:55:12
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, non è un corto circuito. Io penso che tutti noi, salvo rari casi, abbiano vissuto l'infanzia all'insegna di una madre più vicina e più presente rispetto al padre. Quando il padre è un buon padre, attento, umano la differenza è lieve, ma oggettivamente c'è.

Nel caso dei bambini partoriti su prenotazione, la distorsione ce la mette il fattore economico: se un bambino sarà adottato da Elton John e suo marito, peserà poco il fatto che siano due uomini: al posto di una mamma avrà una tata amorevole e poliglotta, e crescerà tra agi, scuole prestigiose ed opportunità precluse ai "comuni mortali". Facile dire, alla luce del fattore economico, che sia meglio trovarsi a casa di Elton John che nella casa popolare di genitori eterosessuali che svolgono lavori umili, nella periferia di una grande città degradata. 

 08/02/2016 16:30:08
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Tigerman_jr, che schifo. Mi viene da vomitare. 

 08/02/2016 16:56:44
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, moralmente sono d'accordo con te, ma bisogna essere realisti: viviamo in un mondo dove il denaro compra tutto: non solo gli esseri umani, ma anche l'opinione dei giornalisti, dei politici e dei giudici.

 08/02/2016 17:08:44
Harry_Vandenpost

Harry_Vandenpost209141

Distributore di pillole rosse.

in risposta a ↑

Tigerman_jr, lo so,  ma non lo accettero' mai.

 08/02/2016 17:09:44
in risposta a ↑

Harry_Vandenpost, non ne dubitavo, è questo che ti rende una persona ammirevole, al netto di toni a volte un po' sopra le righe.

 08/02/2016 17:14:13

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader