Amore adulto. Ti voglio bene indipendentemente dal mio legame con te.

Ho sempre creduto di essere una persona molto matura, libertaria, con la volontà di lasciare spazio all'altro. Ho creduto di saper amare, ma sentendo questa definizione dell'amore maturo, noto di essere molto infantile: o soddisfi i miei bisogni o non ti voglio.

Amore adulto è quello che ti porta a voler bene incondizionatamente l'altro, augurargli il meglio indipendentemente dalla reciprocità di sentimento con te.

Voi avete esperienze di amore incondizionato per una persona che non ha ricambiato e/o con partner che vi ha lasciato?

 31/01/2016 01:11:13 (modificato)
utente anonimo
Aggiungi il tuo commento
94 commenti
Massimo71

Massimo7117601

Ex chitarrista rock di successo

Non credo si possa insegnare ad amare, ancor meno imparare. L'amore "maturo" non esiste, esiste lo stare bene con se stessi che produce l'amore di cui parli.

 31/01/2016 10:01:12

Massimo71, certo,  se non si sta bene con se stessi si diventa a, n ora più avvinghianti nei confronti di un partner

 31/01/2016 10:06:14
Sam25

Sam25-615

A me piace moltissimo il messaggio cattolico. Hai presente quando dice che è facile amare chi ci ama? Quando dice amate i vostri nemici non lascia dubbi. Secondo me abbiamo tanto da imparare, sempre! Per questo la vita è splendida. 

 

Poi secondo me oggi siamo tutti un po' bambinoni su una cosa o l'altra. Hai mai visto "l'ultima eclissi" . 

 31/01/2016 10:17:20

Sam25, per me non è facile nemmeno amare chi mi ama:) comunque sono molto infantile anche in questo : non posso voler bene ai miei nemici


 31/01/2016 10:21:31 (modificato)
Darcyna

Darcyna8366

Maga del Multitasking

Sarò forse infantile io ma non sono d'accordo se stiamo parlando di una relazione amorosa, a meno che siano entrambi i partner a vederla nello stesso modo o vi sia comunque una reciprocità. Scegliere una persona che non ci vuole e restarle accanto a prescindere da tutto mi sembra un inutile sacrificio (limitante soprattutto per il partner tra l'altro e quindi in contraddizione con lo stesso concetto di amore incondizionato). 


Diverso è il caso dell'amore in generale verso una persona che può essere un amico, qualcuno che ammiriamo profondamente etc. Ad esempio, ho dei sentimenti simili nei confronti di un mio ex: ci siamo lasciati di comune accordo (con una maggiore responsabilità mia devo ammettere) e so che non avrebbe potuto funzionare allora nè potrebbe adesso (a prescindere dai rispettivi partner), ma mi sta comunque a cuore e desidero il meglio per lui, e se posso fare qualcosa per essergli di aiuto o conforto lo faccio volentieri (a differenza di chiunque altro con cui ho chiuso ogni rapporto). Ed è un qualcosa che ho sempre provato, ma che ad un certo punto ha escluso l'amore di tipo "romantico" (in parte anche proprio per la consapevolezza di non potergli dare tutto l'amore che meritava, nonostante il gran bene che gli volevo), quindi non so se possa definirsi incondizionato. 

 31/01/2016 11:03:22

Darcyna, esatto, intendo ciò che descrivi riguardo il tuo ex.. Magari ho scritto con i piedi e non si capisce, però non so perchè si è interpretato come il dover voler bene a una persona che ci ha fatto soffrire o stare per forza con persone che non ci ricambiano. Mi riferisco a situazioni che hai citato, di un ex a cui si vuole bene e si augura il meglio, o a una persona che conosciamo, di cui ci innamoriamo e, anche se lui non ricambia il nostro amore, noi auguriamo il meglio comunque ( invece che incazzarci, reputarlo un poco di buono perchè non ricambia il nostro sentimento, come spesso accade).

 31/01/2016 13:18:37
Darcyna

Darcyna8366

Maga del Multitasking

in risposta a ↑

oliol18, ah ok. Sì, forse il post di partenza era un po' ambiguo, ma i commenti servono anche a chiarirsi   

 31/01/2016 13:30:32

Potrei dire di si. Ma alla fine sono riuscito a chiudere tutto e mutare quello che provavo per lei in... una semplice conoscenza (senza però dimenticare quello che c'è stato prima). Come dicevo a qualcuno qualche settimana fa, non è stato facile, ma sono riuscito a far si che il passato non mi gravasse più di tanto.


 31/01/2016 11:06:48

silent, lvuoi comunque la sua felicità?

 31/01/2016 13:19:53
in risposta a ↑

oliol18, onestamente parlando...
Ho l'impressione d'aver fatto un lavoro fin troppo buono... Ogni tanto penso a lei, ma non come un tempo. Credo di aver messo tra me e lei un po' di astio e che questo sia sbocciato con gli effetti che puoi immaginare. E ti posso dire che la cosa è reciproca. Ormai, le pochissime volte che ci scriviamo, è solo per farmi mandare le cose che ho lasciato da lei. E c'è freddo in quelle parole.
Da parte di entrambi. Voglio la sua felicità, tu mi domandi. Ti rispondo che io prima di tutto vorrei un grammo di felicità per me. Non so cosa lei stia facendo, né... mi interessa più di tanto. So solo che aveva intrapreso un certo percorso tempo fa (Che avrebbe dovuto inziare molto tempo prima), e non so come sia finita. Di certo non le auguro del male: ci mancherebbe.

 31/01/2016 13:26:46
in risposta a ↑

silent, ecco,  nell'amore maturo si vuole la felicità della persona che si ama. Capisco benissimo l'astio.

 31/01/2016 13:29:22
in risposta a ↑

oliol18, perdonami. Mi sembra una buffonata orba...

Ovviamente ho le mie ragioni per ritenerla tale: c'è qualcosa che non torna, una contraddizione in termini. Se tu (Generico) non provi più amore per una persona, non puoi parlare di "amore" maturo quando quell'amore è andato allegramente a marcire. Va bene il non desiderare che all'altro capitino le peggiori disgrazie... (saresti una persona orribile) ma da qui a definirlo amore maturo, mi pare incoerenza bella e buona! Significherebbe solo essere ancora schiavi di quella persona, significa non riuscire a separarsi da lei. E non puoi amare nessun altro se la testa è ancora inchiodata a quella persona: diviene un peso per te. Anche quando lei ti ha sbattuto la porta in faccia al grido di "Tu non sei nel mio futuro". Significa essere masochisti. E perdonami... io mi sono rotto alquanto. Io voglio un po' di felicità per me... Io non voglio che l'idea di quella persona sia un peso per il mio amore futuro, sempre ammesso di trovarlo...

Se vogliamo un termine...io (in questo caso, nel mio caso) la definirei indifferenza matura: puoi fare quel che vuoi, ma se ti capita qualcosa e lo vengo a sapere, ci rimango di merda.. (perdonami la parola.), perchè vuoi o non vuoi c'è sempre un passato alle spalle. Che di certo non è stato dimenticato... reso "inoffensivo" si... ma non dimenticato.

Il termine amore maturo, ribadisco, è un'incoerenza bella e buona.


 31/01/2016 13:45:29
in risposta a ↑

silent, allora, non stiamo parlando di legge, sto solo chiedendo se qualcuno lo ha provato. 

Tu hai espresso il tuo parere, ma non capisco perchè si debba considerare sempre la storia e la persona che ci ha fatto soffrire.

Guardiamo uno scenario dove conosci una ragazza, è amabile, ha tante buone qualità. la reputiamo una persona eccezionale. Ti innamori di lei, ma lei non ricambia. Diventa magicamente una stronza o continui a considerarla una persona eccezionale?

Un altro scenario è stare con una persona ammirevole, che ci ha amati e dato tanto, che stimiamo, ammiriamo, ecc. ecc. Succede che a gradi questa persona manifesta malcontento nella storia e arriva al punto di capire che non è più innamorata ( può accadere e senza la necessità che si sia innamorata di un altro o storie similari). Cosa fai ? le dici che è una stronza perchè ti sta lasciando? d'improvviso è diventata una persona pessima? Magari si iniziano i ricatti morali per costringere una persona che non ti ama a restare? Dopo il periodo necessario per riprenderti dal dolore, rivaluti la persona ( torna la tua ammirazione e il voler bene per lei) o rimane una fetente?

ecco la differenza tra amore egocentrico e amore maturo.

 31/01/2016 14:04:57
in risposta a ↑

oliol18,

Ok ho capito cosa vuoi dire.

Comunque permettimi una cosa...
Amare significa (per me) raggiungere e superare i vertici dell'affetto. Si va oltre il "ti voglio bene". Per me amare è "io darei l'anima per te", per me amare è non riuscire a fare a meno dell'altro.

Se un rapporto in cui provi tutto questo si deteriora, vuoi o non vuoi quella storia rimarrà impressa (come è nel mio caso), soprattutto se è stata la prima storia della tua vita. E' LA storia... non può essere dimenticata. Può essere resa incapace di far male, ma non dimenticata. E nessuno darà mai dello stronzo all'altro... fidati perchè io non mi sono mai permesso di definire l'altro tale. Parlare di amore maturo alla fine di una storia, è insensato e lo ribadisco.


L'amicizia è sorella minore dell'amore: derivano entrambe dal vero "amo". Ma è un amore più levigato, meno intenso del primo, ma la cui forza è indiscutibile. Amicizia è "io darei la vita per te" (ma scusami tanto... io alla mia anima ci tengo :P).



Detto questo, veniamo alla tua risposta. Io HO amato una persona circa due anni fa. Ma non ho mai avuto il coraggio di dichiararmi. Alla fine lei si è fidanzata con un mio amico ed io sono stato contento per lei. Per loro. Le ho parlato dicendole che ero contento di quel nuovo amore; qualche giorno dopo lei stessa poi mi ha chiesto se io fossi realmente d'accordo, confermandole ulteriormente quanto dettole precedentemente. E non mi sono mai permesso di chiamarla stronza: non mi sono mai permesso di definire stronza una donna che non ricambiasse il mio amore.


A tutt'oggi io sono amico di questa ragazza e del suo ragazzo. La stima è reciproca. Ma di certo non posso chiamarlo Amore perchè, come ho già detto... Amore è tutt'altro. Se nonostante tutto io fossi innamorato di questa ragazza, credimi... avrei qualche serio problema.

Ribadisco che amore maturo non s'applica a questi casi. Amore maturo può essere quello descritto adeguatamente da @Clarabella , in cui c'è una coppia che si ama. Ma amore maturo dove l'amore viene solo da un lato e che finisce nel nulla... no. Non c'è nulla di maturo in quello. Lì c'è solo una base per un possibile amore malato.

 31/01/2016 14:55:41
in risposta a ↑

silent, non mi trovo d'accordo sulla tua concezione d'amore ( ora mettendo da parte il quesito del post), dare l'anima e non poter fare a meno dell'altra persona, ci deve essere un rapporto di reciprocità in tutto non di sacrificio, non di presenza costante. Anche io sono d'accordo con la concezione di @Clarabella , ma probabilmente  vediamo la sua risposta da due punti di vista differenti. Ad ogni modo, ribadisco che la concezione di questo tipo di amore ( maturo) è difficile anche per me, ma in base alle risposte so che ci sono persone che lo provano.

 31/01/2016 15:02:05
Daydream

Daydream64996

By herself, she built the kingdom that she wanted

Me lo sono chiesta più volte e, visto il tipo di persona onesta che è il mio partner e  tutto l'amore che mi ha sempre dato, se un indomani non fosse più innamorato di me e la cosa non fosse risanabile, penso che lo lascerei andare senza provare odio, anzi, magari potrei continuare a volergli bene. Sicuramente gli augurerei di essere felice. 

Certamente molto dipende anche dal modo in cui ci si lascia. Se dovesse uscire di testa e comportarsi da stronzo.. non credo potrei provare affetto. 

 31/01/2016 11:10:58

Daydream, grazie. Questo si avvicina molto a quello che dovrebbe essere l'amore maturo. 

 31/01/2016 11:18:50
Daydream

Daydream64996

By herself, she built the kingdom that she wanted

in risposta a ↑

oliol18, ti ringrazio. Secondo me è comunque un ragionamento logico: che piacere dovrei trarre dallo stare con un uomo che non mi desidera? Io gliel'ho sempre detto apertamente: se un giorno ti accorgerai di non amarmi più, dimmelo! E non sentirti legato a me con il guinzaglio. Essere il mio uomo deve essere per te una scelta, in ogni giorno che passiamo assieme, non una costrizione.

 31/01/2016 11:24:18
in risposta a ↑

Daydream, certamente.  Mai costringere,  non lo sopporterei. 

 31/01/2016 11:25:53

QUAG SI IMPEGNA A PROTEGGERE LA TUA PRIVACY

Cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Accettando questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.
Vedi il documento in dettaglio »


La presente informativa descrive “che cosa sono i cookie” e quali sono i tipi di cookie utilizzati da Quag nel proprio sito Web.

Che cosa sono i cookie?

Un “cookie” è un file di testo che i siti Web inviano al computer o a un altro dispositivo connesso a Internet del visitatore, per identificare univocamente il browser del visitatore stesso o per salvare informazioni o impostazioni nel browser.

Quag utilizza i cookie nel proprio sito Web?

Quag utilizza i cookie per migliorare il proprio sito Web, per fornire servizi e funzionalità agli utenti, per proporre contenuti e pubblicità in linea con gli interessi del singolo utente. È possibile limitare o disattivare l’utilizzo dei cookie tramite il proprio browser Web, tuttavia, in questo caso, alcune funzionalità del nostro sito potrebbero diventare inaccessibili.

Quali sono tipi di cookie utilizzati da Quag?

Cookie essenziali
Questi cookie sono essenziali per consentire all’utente di navigare nel Sito e utilizzare tutte le sue funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul Sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookie funzionali
Questi cookie consentono al sito Web di ricordare le scelte effettuate dall’utente al fine di ottimizzare le funzionalità. Ad esempio, i cookie funzionali consentono al sito Web di ricordare le impostazioni specifiche di un utente.

Cookie analitici
Questi cookie consentono di raccogliere dati sull’utilizzo del sito Web da parte dell’utente, compresi gli elementi su cui si fa clic durante la navigazione, al fine di migliorare le prestazioni e il design del sito stesso, ci aiutano inoltre a comprendere ogni difficoltà che l’utente può incontrare nell’utilizzo del Sito. I cookie in questione sono utilizzati esclusivamente per le finalità correlate alla gestione del nostro sito Web.

Cookie di profilazione
I cookie di profilazione vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione, per proporre contenuti, anche pubblicitari, in linea con gli interessi dell’utente.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti possono essere sia tecnici che non tecnici, e vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di utilizzo del sito da parte dell’utente, per proporre contenuti in linea con gli interessi dell’utente, per pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti).
Quag utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, ad esempio secondo il browser utilizzato, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, proponendo pubblicità in linea con gli interessi per il singolo utente.
Se ti trovi sul sito Quag e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, accettandolo acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti nella presente informativa e implementati nelle pagine del sito Quag.

Come si disattivano o si rimuovono i cookie?

E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai produttori.
La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie e offre così agli utenti la possibilità di un controllo della privacy, negare la possibilità di ricezione dei cookie, modificare le scelte fatte. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser, facendo ctrl+click sul nome del browser si verrà mandati alla pagina con le relative istruzioni:

Cookie di terze parti utilizzati da Quag
Durante la navigazione su Quag possono essere rilasciati cookie tecnici e non gestiti da terze parti, per finalità tecniche, statistica, per l’erogazione di pubblicità. Questi cookie sono gestiti esclusivamente da terze parti. Si riportano qui di seguito le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità.

Google Analytics - Cookie statistici
Cookies policy di Google

Google AdSense e DoubleClick (Google Inc.) - Cookie di profilazione
Cookies Policy in Advertising - OptOut

Newrelic e nr-data.net – cookie tecnici
Privacy Policy Newrelic

Facebook - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Facebook

Twitter - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Twitter

Linkedin - Cookie di profilazione
Cookies Policy di Linkedin

embed.ly - Cookie tecnici
Privacy Policy di Embed

Per ulteriori informazioni sulla pubblicità comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.youronlinechoices.com/it/

Per sapere come attivare o disattivare la profilazione pubblicitaria sulle applicazioni mobile è possibile fare riferimento a questo indirizzo:
http://www.aboutads.info/appchoices

Ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti da parte di Quentral possono essere consultate nella Informativa Privacy.


Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.


Loader